Post contrassegnati da tag 'anticristo'

IL CONSOLATORE E MEDIATORE DI UN NUOVO PATTO

.

APOSTOLO DOTT. JOSÈ LUIS DE JESUS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

28 di Aprile del 2013

.

.

Dai la mano ad un benedetto, digli: Abba Padre! Tutto va bene!

Bene, oggi… vi dirò che non sono Gesucristo Uomo! Non sono nemmeno l’Anticristo, nè sono il 666.

Oggi cambio titolo. È come quando un padre di famiglia arriva con un regalo, vero? E quindi oggi, oggi è arrivato papà con un regalo…

Oggi arriva vestito di un… oggi mio Papà sta giocando un ruolo differente.

Oggi Io vengo come il Consolatore, io vengo a consolare!

Naturalmente, dopo averti consolato, se mi chiederai chi ti ha consolato io dirò:-”Ti ha consolato Gesucristo Uomo”-. Andiamo a cercare in Giovanni, Giovanni capitolo 14, versi dal 16 al 18.

Stava parlando Gesù di Nazaret, dice:

“… ed io pregherò il Padre…”

e osserva che aveva appena terminato di dire a Filippo: -“Filippo, tanto tempo che sto con te e non hai visto il Padre. Chi ha visto me ha visto il Padre”-  e quindi (Filippo) gli ha detto: -“Come rimaniamo? Tu sei il Figlio o sei il Padre?”- (Gesù) gli risponde: -“Tu non credi che il Padre stia in questo corpo e questo corpo stia nel Padre?”-.

Però adesso dice loro che pregherà il Padre, se stesso… dice:

“…ed io pregherò il Padre e vi darà un Altro Consolatore…

cosa dice? Un altro? Ossia che quello che viene a consolare non è lo stesso che sta qui per morire. È un Altro!

ALTRO:

“…perchè stia con voi…”

Perchè una volta consolato, sarebbe rimasto qui e sarebbe stato trasformato, e saremmo rimasti qui sulla terra per sempre. Non c’è già più il “me ne vado…”: questo è il finale della pellicola, già questo è: per sempre… così che ne abbiamo per un lungo tempo… non è che ci ameremo troppo? Perchè questo non va a…

Dice:

“…lo Spirito…”

non è già piú attitudine perchè è scritto con la maiuscola, lì:

“…lo Spirito di verità, che il mondo

non può ricevere perchè non lo vede e

non lo conosce”

Non possono vedere, loro non possono vedermi! Se tu gli dici che io sono Gesucristo Uomo ti dicono: -“Sei matto!!”-… non vedono.  Dice:

“… il mondo non lo vede e non lo conosce

ma voi lo conoscete perchè dimora con voi e sarà…”

osserva: “dimora e sarà”, futuro!

“…e sarà in voi”.

Dice il verso 18:

“Non vi lascerò orfani, verrò da voi…”

ma è un Altro quello che viene! Osserva che dice: “Io pregherò per un Altro” e poi dice: “Io non vi lascerò orfani, verrò da voi” questa è la promessa che sarebbe venuto come Consolatore.

“Consolatore” non significa farti le carezzine: significa parlare con te, spiegarti, guidarti, educarti… disciplinarti per poterti consolare, perchè se no non c’è consolazione!

Adesso andiamo ai versi 25 e 26:

“vi ho detto queste cose quando ero ancora tra voi.

Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre

manderà nel Mio nome, Lui…”

è una persona: LUI!

“…Lui vi insegnerà…” quante cose? “…ogni cosa e vi ricorderà

tutto ciò che io vi ho detto.”

Il tema di questa notte è “Il Consolatore ed il Mediatore di un nuovo Patto”. Prima lettera a Timoteo capitolo 2, verso 5:

“Perchè c’è un solo Dio ed

un solo Mediatore tra Dio e gli uomini

la vergine Maria! … il papa? … i pastori… cioè che per poter venire il Consolatore e poter mediare, che è quello che io sto facendo adesso: io sto mediando, io ho già cominciato a mediare, a spiegare e per poter fare questo doveva essere Gesucristo ma nel corpo di un uomo, per poter mediare.

Naturalmente l’altro verso dice… c’è gente che si confonde e mi dice: -“Sì, però guarda cosa dice l’altro, il verso 6”-:

“…il quale ha dato se stesso in riscatto per tutti

e di ciò è stata data testimonianza nel tempo stabilito”

chiaro, perchè lo Spirito che è stato dato là è lo stesso Spirito con un altro corpo, qui, ma è lo stesso Spirito perchè Dio è uno!

Adesso, come… come consolare? Io a volte ho letto versi nella Bibbia, e li ho studiati, e li ho spiegati ma passa un anno… sei mesi e torno… e li guardo… e dico: -“Che crimine è stato commesso verso l’umanità!”-.

Che cosa succede quando, nei nostri Paesi, muore un familiare? Cosa fanno i religiosi? Fanno la messa? Quante messe? Eh? È la messa mattutina o messa di cosa…? Novena? Ah! E il rosario… e se per caso questo spirito aveva qualche “macchia”, ebbene, va in purgatorio perchè lo purghino… dico: perchè gli puliscano le macchie che ha.

Tuttavia la lettera agli Ebrei 10:14 dice che Cristo, quando è morto, ci ha resi perfetti per sempre! Come può uno spirito andare di là macchiato?  E quindi c’è l’insegnamento del purgatorio e c’è anche l’insegnamento “dell’ aldilà”.

Quando muore un familiare, tu sai che dolore dà questo? Quando muore un papà amato, una madre… un figlio in un incidente? Voi avete vissuto questo e si soffre molto…quando non c’è la corretta informazione.

Adesso, osserva, quando io leggo la lettera agli Ebrei 12, verso 1, mi dà tanto sollievo e sono sicuro che se questo fosse stato fatto prima, duemila anni fa, il mondo sarebbe differente!

Osserva quello che dice la lettera agli Ebrei 12:1 perchè tu sappia come consola la conoscenza del vero Vangelo. Dice:

“Pertanto anche noi, circondati…”

…ben lontano da noi… sulle nubi, da qualche parte lassù

“…da una così grande Nube…” di cosa? “…Grande Nube di Testimoni…”

… e lui da dove tira fuori questo? Il capitolo 11… il capitolo 11, nell’ultimo verso del capitolo 11… dice:

“… e tutti questi…” ossia che sono già trapassati e sono morti “… anche se hanno ottenuto una buona testimonianza per mezzo della fede,

non hanno ricevuto quanto promesso,

avendo procurato Dio qualcosa di meglio per noi,

perchè non fossero perfezionati loro …” senza cosa?

“… senza di noi.”

e poi entra il verso:

“Pertanto…” questo “pertanto” prosegue il verso (precedente) “…pertanto anche noi,

avendo intorno a noi una così grande

NUBE DI TESTIMONI…”

Dì: NUBE DI TESTIMONI. È VICINO A NOI.

Vuole dire che questi… questi santi del passato, loro ci vedono, sono testimoni!

E quando muore un tuo familiare, guarda che l’inferno…, l’inferno si è svuotato tempo fa. Oltretutto l’inferno era la discarica municipale, dove gettavano la spazzatura, non è mai stato un luogo spirituale perchè c’erano… c’erano vermi e c’erano le fiamme.

Vuole dire che l’inferno di Dante, e tutta quella menzogna che ci hanno venduto per duemila anni, non è mai esistito. Quando Gesù parlava dell’inferno stava dicendo che ti buttavano fuori dalla città, a far marcire il tuo corpo dove il verme non muore mai.

Sicuro! Dove ci sono corpi abbandonati ci sono i vermi, ma la loro mentalità è che tu muori e il tuo spirito va a bruciare, là … immaginati! E che il tuo spirito va perdendo vermi in giro, lassù in cielo… per di lá… in un posto: c’è il cielo e nella parte a destra c’è l’inferno, dicono loro, con molte fiamme, con il forno ben acceso!

Tuttavia nemmeno il paradiso, e molto meno l’inferno…non stanno là: il paradiso sta intorno a noi. Vuole dire che quando un tuo familiare trapassa ed esce da questo corpo, va immediatamente lì.

Di più: ti sta osservando lì, ha la capacità… spiritualmente lui può vedere ed io credo che… che se lui ti vede piangere sconsolatamente, può dire: -“Che pena che stia così! Io sto meglio di lui! Sto nella mia vera identità, non nella mia seconda identità”-.

È per questo che ha detto che “per quanto i figli hanno partecipato di carne”, perché prima che tu partecipassi di carne, avevi già esistenza come figlio.

Quindi un tuo familiare che ti vede mentre stai pregando dice: -“Uff… che cos’è questo? …e quale purgatorio nè purgatorio … e che il bimbo che è morto sta nel limbo!”- Tu sai che abuso emozionale ha commesso la chiesa cattolica e tutta Roma al completo?

Quella città deve esplodere, deve scomparire!

È troppo il danno…e…e dicono che noi siamo i cattivi! Noi facciamo ricca la gente!

Guarda questa informazione che abbiamo appena letto: che sollievo (sapere) che se uno esce dal corpo va alla Nube di Testimoni, che sono Testimoni e che stanno vedendo quello che sta succedendo… e che il tuo familiare sta lì, che non è per niente orfano, lì sì che è ben accompagnatino con tutti i capi e gli eroi della fede.

Questa è una consolazione quando muore un familiare: -“Ahi, e cos’è successo?”- e le famiglie cominciano a piangere e vogliono buttarsi nella tomba: -“Io… io vado con lui!!”-

…a fare cosa?  Come fai ad andare vivo di là, ragazzo? Se lì non ti fanno entrare, tu stai… stai respirando, il suo spirito é ancora con te.

Quanta menzogna, per anni. Tu sai la consolazione che porti ad un anziano? Qui, una volta, è venuta una signora che… che il pastore, sembra che un giorno si sia bevuto un paio di birre di troppo…

…ebbene, sembra che questo pastore  si sia tirato un paio di birrette di troppo e stava guidando ed è andato contro un palo e si è ammazzato… ehiiiii! Tutta la denominazione dicendo: -“Sta all’inferno!!”- e quella signora che è venuta qui, che amava tanto quel… quel pastore perchè lui l’aveva aiutata moltissimo a riunirsi con la famiglia… pratiche con il governo, il lavoro… l’ha aiutata tanto che lei faceva pazzie per quell’ uomo, per quel pastore … e adesso stava all’inferno!

E lei soffriva sempre fino a che un giorno mi ha ascoltato, alla radio di qui, dire che non c’è nessun inferno, questa è una notizia molto antica, che lui sta nella Nube di Testimoni e che era stato disciplinato,  ossia, è uscito dal corpo prima del tempo ma non perde la salvezza se non che parte dal corpo per essere (stato) disobbediente, per trascuratezza.

Tu lo sai che vivi con una… questa macchinetta che abbiamo addosso, ascolta, tu la devi conoscere perchè questa è una bestia! Bene, nel vecchio testamento dice: “…l’uomo è come una bestia”… e Paolo! Perchè Paolo fa la parafrasi, dice: “…l’uomo bestia, l’uomo animale non percepisce le cose che sono dello spirito”.

Se questa bestia potesse ucciderci, ci ucciderebbe. Io ho dovuto fare molta attenzione a me stesso perchè io, come Gesucristo Uomo, vengo da un passato ben cattivo per… ebbene, ci sono cose che io ho appreso da piccolo che mi aiutano ad amare, mi aiutano a consolare, mi aiutano ad intendere il poveretto.

Io a volte non avevo niente, ma niente! Io ho sofferto… povero e poi ho sofferto anche la delinquenza, l’avere un padre alcolista e poi sono finito nella droga, sono finito in carcere…  tutto questo è un bagaglio che io ho, un’educazione… ascolta, che per ottenerla costa ben cara!

Ti può costare la vita, sai?

Questo è un diploma, una laurea che io ho… voglio dire: che sono uscito vivo da lì, questa è un’altra cosa, anche tu puoi farlo… se ne esci.  A volte non esci vivo da lì.

E quindi questo corpo che mi è stato dato… dice che ciò che c’è di più vile nel mondo Dio lo utilizza per svergognare i forti: ebbene, ha scelto il vile. Non i vili: il vile! Così dice: il vile.

Ha scelto un’argilla come la mia per portare… per portare se stesso al mondo. Ma io devo vegliare su questo corpo perchè questo corpicino è cattivo…e se si alza alla mattina girato, dimenticati che è Gesucristo Uomo… questo me lo dimentico anch’io! Mi sveglio girato e, improvvisamente mi sento sconsolato, o mi sento male, o questi giorni nei quali viene… la nube, e non quella dei testimoni, quelle nubi… quelle nubi grigie che ti vogliono…

Ascolta, sono giorni ben tristi, no? Però lì tu devi saper trattare con loro perchè se no ti uccidono, ti viene un dolore alla testa, ti viene un’attacco di cuore, ti viene un attacco di nervi, ti può venire qualunque cosa perchè questo… bene, Gesù di Nazaret lo ha detto: “Nel mondo avrete afflizioni ma confidate: io ho vinto, anche voi potete vincere!” perchè lui sì che ha avuto afflizioni!!

La gente crede che noi stiamo facendo la mostra dei buoni: ma se Lui non ha chiamato i buoni! Ha chiamato gli infermi. Chi ha chiamato Lui? I più cattivi!

Osserva che dice che nella debolezza si perfeziona il potere, quindi ha chiamato gente debole, se tu sei debole congratulazioni! Benvenuto al club!! Sei arrivato nel posto giusto!

Osserva quanto il mondo è mal focalizzato che a volte dicono: -“Come può essere Lui Gesucristo Uomo se dicono di Lui che è stato perfino in carcere??”- perchè il mondo religioso dice che in questo reparto devono essere tutti buoni.

Ma se qui non ce n’è neanche uno buono, la Bibbia dice che non ce n’è neanche uno buono. L’uomo non è buono! “La carne non giova a nulla”! Quello che succede è che alcuni di noi si comportano un pò meglio di altri… e che abbiamo carnine più tranquille di altre ma continuano ad essere carne e quindi quelli un pò migliori cosa fanno? Sopportano i più cattivelli!

Cosa devi fare? Rifiutarli? Non puoi perchè allora significa che non hai saputo utilizzare la bontà che ti è stata data. Se tu credi di essere buono, guarda: mettilo in pratica con il cattivo, che non è così buono come te!

E quindi, abbiamo grande consolazione con la verità biblica ed intendiamo che c’è gente che ci sta ascoltando, nel mondo spirito. Abbiamo intorno a noi una così grande Nube di Testimoni.

Chissà se è per questo che, a volte, io ho avuto rivelazioni che, a volte io… perchè le posso vedere da questa area della terra dove stiamo, in questo primo cielo, a volte io posso vedere delle carrozze che passano così… ma sono enormi e come… come un’esercito che io vedo così… nel cielo, così!

E quindi ho sognato tante volte questo che ho detto: -“Io ricevo che domani mi ricordo di questo sogno”- e mi alzo e: -“Ascolta, e che cos’era quello che stavo sognando?”-.

Quindi,  quando mi è successo la seconda volta: -“Io ricevo che mi ricordo. Questa volta mi ricordo!”- e mi alzavo il giorno dopo…come al terzo anno è successo che un giorno ho detto: -“Ascolta, io sto sognando la Nube di Testimoni che sta intorno a noi”- che è la coperta di angeli che tu hai.

Tu non sei sola, chiesa! Noi abbiamo una protezione tremenda!

Prima carta ai Corinzi capitolo 1, verso 17:

“Poichè Cristo non mi ha inviato a battezzare…”

Ascolta, tu sai cosa significa questo? Che gli hanno detto: -“Paolo tu sei il prescelto per il popolo Gentile. Il primo sei tu, tu sei l’unico che porterà questo vangelo ai Gentili. Ah: non puoi battezzare!”-

-“Ma se io ho battezzato Gallo e Stefania la settimana scorsa, con gli apostoli”-

-“Bene, perchè non ti era arrivata questa…”- perchè lui andava di rivelazione in rivelazione

-“…ossia che non bisogna battezzare i Gentili?”-

e quindi il Signore gli ha detto: -“Ma come fai a battezzarli? Non essere tonto, Paolo! Cosa ti prende, brother?”-.

In Porto Rico gli avrebbero detto: -“Ascolta fratello, come fai a battezzare questa gente, questa gente è morta al peccato!”-  …e l’acqua è simbolo di perdono e qui il simbolo è scomparso perchè quando Cristo è morto anche tu sei morto insieme a lui.

Ufff… che sollievo!! Questa non è consolazione per te? Tu sai cosa significa che ti stiano dando una lezioncina: -“Guardi: il martedì c’è una classe qui per il battesimo”- e cos’è che fanno? La prima cosa è assicurarsi che tu stia dando la decima… guardate che tirare fuori alla gente la decima così… e qui la gente diventa matta per darla!

Qui la gente…di più, c’è gente che ha detto.: -“Se l’Apostolo avesse milioni e milioni, questo non mi priverebbe di continuare a seminare e seminare e seminare”- non è così?

Perchè la semina ti colloca nella posizione di “Beato”“C’è maggior beatitudine nel dare che nel ricevere”. Tu sai quanto è male che ti stiano dando? Tu devi dire:-“Ascolta, grazie ragazzo, io ricevo che un giorno va bene”-

-“No, ma prendilo, tranquillo!”-

-“Io ho provvigione, ragazzo, grazie!”-

Adesso, tu sai che bello che sarebbe: -“Ascolta: prendi!!”- è meglio dare, che ti stiano dando, e dando, e dando… È sempre “San Prendere” e mai “San Dare”!

E quindi Paolo, Paolo il primo leader… ascolta, che consolazione che: -“Tuo figlio non è stato battezzato? Non ha fatto la prima comunione?”- …maledetta prima comunione con tanta porcheria che insegnano a uno. È per questo che io sono venuto fuori così male, che io non riuscivo a fare la prima comunione perchè bisognava imparare un mucchio di cose e quindi io ho detto: -“Io sono la pecora nera: già non sono battezzato, non ho fatto la prima comunione, mi hanno dato…” non so quante altre cose che davano lì “…è meglio se me ne vado e divento un banditello”- senza averne la necessità.

Tu sai che ci sono giovani in carcere, così, che i genitori dicono: -“Guarda, figlio mio, che tu non sei stato battezzato, che tu non hai fatto la prima comunione…”- e questo ti cade addosso come una colpa: -“Ahi Padre, sono cattivo!”- quando questo non è necessario, benedetto, (stanno) facendo un danno a questi bambini.

-“No, che se non ti battezzi, il peccato originale ti rimane addosso!”-

Ah, quindi il battesimo toglie il peccato originale? Non ci sarebbero carceri! No, adesso non ci sarebbero carceri, perchè gli avrebbero tolto il peccato e la gente sarebbe stata buona.

Ascolta, con un pochino di mente, lì…

Non bisogna battezzare, non bisogna perdere tempo. Tu sai che ci sono chiese, qui negli Stati Uniti, che hanno una fonte battesimale qui, viene il diacono e toglie il coperchio così, c’è una piscina lì sotto, o lo muovono con un bottone e poi viene il pastore con una veste di cotone ed entra nell’acqua battesimale e quindi entri tu e lì: -“Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito…”- e splashhh! E ti bagnano e tu:-“Brrrrrrrrrrr”- perchè tu possa camminare in una vita nuova…

ACQUA!! Quello che ti hanno fatto è stato BAGNARTI!!

Il nostro Apostolo, il nostro Apostolo, il Grande Apostolo Paolo, l’Apostolo ai Gentili dice: -“Cristo non mi ha inviato a battezzare!! Il battesimo non funziona nel Nuovo Patto!!”-.

Lettera agli Ebrei capitolo 6, versi 1 e 2. Stiamo parlando con proprietà: è per questo che noi facciamo tremare molta gente: -“È che questo è differente: questo usa i versi biblici…”-.

“Pertanto…”

“…dato che Cristo mi ha detto che non bisogna battezzare…” …ebbene, arriva alle conclusioni:

“Pertanto, lasciando già i rudimenti della dottrina di Cristo…” uno di questi era il battesimo “… andiamo avanti verso la perfezione, non gettando un’altra volta il fondamento del pentimento delle opere morte…”

perchè tu sei già stato reso perfetto con una sola offerta, cosa ottieni pentendoti?

“della fede in Dio, della dottrina…”

di cosa? Che cosa bisogna fare? Lasciarlo?

“…dell’imposizione delle mani…”

bisogna continuare ad imporre le mani alla gente? -“Vieni qui, guarda io oggi ho addosso un’unzione molto forte. Qualcuno che si azzardi a venire qui che gli impongo le mani” …ma se tu hai lo stesso che ho io!

Gesù di Nazaret ha detto: -“Se la semente cade in terra e muore…”-. Cosa succede a un seme quando cade in terra e muore, se la terra è fertile? Produce, dà frutto e vero che assomiglia al…? Dall’avocado vengono fuori piccoli avocado… e poi tu non sai qual’era l’originale e così tu ed io, e tu, e tu, e tu siamo completi!

Io non devo importi le mani, nessuno deve pregare per te: tu non sei nessun orfano perchè stiano dicendo: -“Aiutate il poverino, aiutalo, aiutalo…”- perchè tu dovresti volere queste scemenze? Che ti stiano arruffando i capelli? Dopo tutto il lavoro che hai fatto per pettinarti, vedi?

Ti rendi conto del perchè questi pastori sono arrabbiati con me? Ma io sono nel mio ovile, io posso parlare come mi… loro non mi pagano questo qui! Questo lo paghiamo noi e parliamo come vogliamo!

E tutte queste telecamere: queste ci costano migliaia di dollari, e ogni mese lì ci sono migliaia di dollari… così che, chi li obbliga a guardare? Pettegoli!

Devono sopportare quello che noi diciamo qui… e considerarlo! E se sei saggio riceverlo, perchè ti salvi!

Ascolta, io stavo sentendo che, in questa settimana santa, in Guate prendono un idolo di quelli, cattolico, e gli uomini lo portano così per tutta la città, eh? Quanti uomini sono? Come venti? … centocinquanta?

No, però prima ne mettono circa trenta e gli assegnano circa 60 metri, ciascuno paga circa 100 dollari per turno e quindi, percorsi i 60 metri dicono: -“L’altro turno”- e quindi, quest’altro turno, deve pagare circa… io non so quanti “quetzales” sono, però… circa 100 dollari… ho sentito… 200 quetzales? 800 quetzales?

PER TRASPORTARE UN PUPAZZO!!

E poi tocca all’altro gruppo… e l’altro gruppo… quando hanno percorso 3 miglia, tu sai quanto denaro hanno raccolto lì? E questo non è nè decima nè offerta, questo denaro il prete fa così… messa libera! (se li mette in tasca -ndt)

Quello che ci domandiamo è che stregoneria gli hanno fatto per 2.000 anni alle naz… ascolta, bisogna essere ben bruti, uno deve stare in una condizione di…

Bene, Paolo ha detto: -“Chi vi ha stregati?”- perchè questa è come una stregoneria, vedi? Una stregoneria religiosa che ti porta a sommetterti lì per 20, 30 anni… -“E cosa ho appreso io qui? Niente! Cosa sto facendo qui? Niente! Chi sto pregando? La stessa vergine!”-  la stessa che ha occhi e non vede, ha naso e non ha olfatto, gambe e non cammina, zampe o io non … e tu in queste scemenze!! Addormentato!!

FINO A CHE ARRIVA GESUCRISTO UOMO E TI ILLUMINA LÌ!!

E quindi la Parola consola. Oggi io ti stavo consolando con alcune informazioni per farti rilassare e farti sapere che i tuoi bambini sono benedetti, che la tua famiglia è benedetta senza battesimo e senza niente di questo, che la chiesa è perfetta con una sola offerta, che tutto va bene, che tu hai una coperta di angeli, che tu hai diritto, diritto di reclamare salute e che questi angeli che ti stanno vegliando si manifestano a tuo favore.

Non lo fare tu: lascia che gli angeli lavorino. Non te ne occupare tu! Guardate, questa è la ricetta che io uso per potermi mantenere lì, sai?

Perchè se no invecchio. Con un Ministero così, tanto grande?  È per…

Tu hai visto un presidente quando accetta l’incarico…? E in un anno è bagnato di sudore! La differenza è che Josè Luis qui non sta facendo niente! La grazia è uno stile di vita: sai cosa significa alzarti differente, pensando differente, le tensioni che tu togli alla mente?

Che quello di fianco, tu sai che quello di fianco si sta lamentando giorno e notte:-“No, questo, ragazzi… le cose vanno male, hai saputo quello che dice il giornale, guarda questo, guarda… che la luce, che l’acqua, che quello… che adesso è aumentato questo, che il caffè è velenoso, che quello…”- e tu, tutta questa serie di cose stanno entrando lì, e stanno entrando lì: -“Guarda! E adesso non sappiamo che cosa succederà con i francobolli, che aumenteranno… e questo natale arrivano due uragani…” anche se non ne arriva neanche uno “…ne arrivano due, lo hanno detto gli scienziati…” e quindi la gente si agita, e mette protezioni alle case, e assicurano il gatto, il cane, le piante… se ti conformi a questa società, guarda, non importa quanto denaro guadagni: se ne va in un sacco rotto.

Se ne va il denaro, perchè ti lasci condurre dagli altri. Cammina ed usa quello che Dio ti dice che devi fare e la vita diventerà più facile… e starai più tranquillo… e le malattie ti odieranno.

Con questa attitudine, le malattie non si avvicinano!  Tu non vedi che quello che attrae le malattie è la negatività della carne indiavolata che hai? Questo le attrae.

Così che, Chiesa, continuiamo a regnare, continuiamo a regnare.

Alzati in piedi e dì: IO STO REGNANDO!

Dì a quello che hai di fianco: STO REGNANDO!! REGNANDO IN VITA!!

Regnando qui, non nell’aldilà…

LA LEGGE DELLA FEDE Seminario McAllen

.

.

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS

GESUCRISTO UOMO

27 di marzo del 2013

.

Bene, oggi abbiamo un tema interesantissimo, molto bello. Mi stavo edificando io da solo, nella stanza qui, mentre prendevo appunti. Si chiama: “La Legge della Fede”.

Per questo, cominciamo in Romani capitolo 3, verso 21. Dice:

“Peró adesso…”

 

Stiamo parlando di duemila anni fa, quando Paolo espone:

“Peró adesso, indipendentemente dalla legge…”

 

Dí: INDIPENDENTEMENTE DALLA LEGGE.

Non puó essere con la legge di Mosé. Se metti la legge di Mosé, se metti il vecchio patto, quindi l’altra legge della quale andiamo a parlare non ti funzionerá. Non puoi mischiarla con niente.

Dice:

 

“Peró adesso, indipendentemente dalla legge, si é manifestata la giustizia di Dio,

che é stata testimoniata dalla legge stessa e dai profeti.”

 

É una legge che si chiama “Legge della Fede”, non é la legge di Mosé.

Dí: NON É LA LEGGE DI MOSÉ: É LA LEGGE DELLA FEDE.

Peró, la stessa legge di Mosé dá testimonianza che questa era una legge migliore, quella che veniva, quella della fede.

Andiamo a vedere adesso di quale legge sta parlando, andiamo a vedere i versi dal  27 al 31. Con attenzione, leggilo con calma, studialo, prendi i tuoi appunti, scrivi… dice il verso 27:

“Dove, dunque, sta il vanto? Rimane…” come? “…escluso.

Per quale legge? Per quella delle opere?”

Dando ad intendere quella di Mosé, per il comportamento, buon comportamento, duro trattamento del corpo.

“Per quale legge? Per quella delle opere?

No, ma per la legge della fede.”

 

Dí: LA LEGGE DELLA FEDE. Questa é una legge poderosa.

Guarda, c’é una legge… se io lascio andare il mio fazzoletto, dove va? Verso il basso o verso l’alto? Verso il basso, per la legge di gravitá. Questo funziona!

Ebbene, tu devi rispettare tutte le leggi: fino alla croce é stato rispettato Mosé e questa legge ha funzionato e l’uomo viveva per quello che faceva. Peró, un giorno Dio si é manifestato in un corpo chiamato Gesú di Nazaret ed ha detto: -“Giá basta con questa legge, nessuno la puó compiere! Io stesso daró la Mia vita per cambiare questa legge e portarvene un’altra: la legge della fede”-.

Ascolta, e questa é una legge che quando tu la intendi e ti sottometti ad essa, e le sei fedele, fa per te quello che sia: dal risanarti un cancro, all’impossibile… muovere una montagna da un luogo all’altro.

Questa é una legge molto poderosa. E questa legge lavora con te. Non lavora conforme a quello che ha detto quello, dipende da come tu la servi quindi essa serve te, perché é una legge: la legge della fede.

Continuiamo a leggere, il prossimo verso dice:

CONCLUDIAMO, quindi, che l’uomo é giustificato per fede

senza le opere…”  di cosa? “…senza le opere della legge.”

 

Sí, perché le opere della legge sono giá passate: Dio ha messo fine alla legge! Romani  10:4 dice che la fine della legge é, chi? Cristo.

Quindi é una conclusione:

“…che l’uomo é giustificato per fede senza le opere della legge.”

 

Tu sai che questo ha molestato molto Giacomo. Quando Giacomo ha udito questo, lui ha detto: -“No, “la fede deve andare accompagnata dalle opere”-.

Mischia. Quando tu mischi queste due leggi esci dalla legge della fede. E questo é ció che é successo agli apostoli perché Giacomo ha detto: -“Come puó essere che questo sia solo per la fede? No, no, anche le opere contano!”-.

No, questa é una conclusione e devi esserle fedele. Per far sí che ti funzioni devi esserle fedele.

Dice: CONCLUSIONE.

CONCLUDIAMO, dunque, che l’uomo é giustificato per la fede

senza le opere della legge.”

E poi, guarda quello che dice: che non é solo per i gentili!

“É Dio solamente Dio dei giudei? Non é anche Dio dei gentili? Certamente, anche dei gentili.

 

Perché Dio…”

 

Sono tre? Questa é un’altra cosa che ha molestato Giovanni. Giovanni credeva nella trinitá e Paolo diceva: “Dio é uno”.

Dí: DIO É UNO.

 

“…Dio é uno,

e Lui giustificherá per la fede quelli della circoncisione,

e per mezzo della fede …” chi? “…quelli della incirconcisione.

 

Vuole dire che il giudeo, per partecipare nel regno, deve venire per fede, deve abbandonare la legge. Dio non giustificherá nessuno che venga per i suoi meriti, che dica: -“Io me lo merito”-.

No, non te lo meriti: il vanto resta escluso. Per questo tu ed io possiamo amare tutti con amore vero, sai perché? Perché qui nessuno qualifica. Per le nostre opere? Qui nessuno é buono. Ci sará qualcuno buono qui? Chi si azzarderá ad alzare la mano qui e dire: -“Io sono migliore di te?”-.

Perché? Perché la legge della fede ha escluso il vanto, per far sí che nessuno si vanti: -“Io sí vado in cielo, tu no!!”-.

No, qui se il dono della fede sta in te sei giustificato. Tu sai cosa significa giustificato? Giustificato é come una vergine. Una vergine é una giovanetta che non é  stata toccata da un uomo, vuole dire che lei é “vergine”. Ebbene, in quanto al tuo spirito, quando Dio ti giustifica é come se tu non avessi mai fatto niente di male nella tua vita: ti ripuliscono il conto, il conto rimane totalmente saldato. (Applausi)

Tu sai quanto io mi sono comportato male, in un certo tempo e sapere che… “chi accuserá i figli di Dio?” Nessuno. Dio é quello che… quello che giustifica. Dio ti ha giustificato!

Benedetto, benedetta: tu sei pulito davanti a Lui, peró devi vivere per mezzo della fede. Se tu onori questa legge… questa legge non si puó violare: se tu la onori, lei ti onorerá e rimani giustificato. Ed entri in un nuovo stile di vita, Paolo dice che sei una nuova creazione.

Tu sai che cos’é una nuova creazione? Tu sei una creazione umana. Ebbene, tu esci dall’umanitá ed entri nella legge della fede, in una nuova creazione, dove Dio tratta con  te se tu onori la Sua parola di grazia.

Questa é la fede che mi mantiene tranquillo, riposato… con tutte le nazioni che abbiamo, che ci sono tanti viaggi, tante situazioni. In quanto arriva questo “load”, in quanto arriva questo carico:  -“Guarda, bisogna fare questo, quello, quello, quello…”-.

-“Un momentino, di questo si incarica la legge della fede”- e, immediatamente, tranquillo. E posso riposare e posso dormire.

Quando a te arrivano le preoccupazioni, che se i tuoi figli, che se la situazione tale, che se la mia famiglia, che se la mia mamma ha problemi… questo sei tu con quattro problemini e mi affoghi in un bicchiere d’acqua.

No, mentre tu apprendi a vincere questi ostacoli, la legge della fede continua a crescere in te. Paolo dice che secondo quanto la tua fede si va ingrandendo, ti veste, ti uccide, fa scomparire la tua umanitá e rimane la nuova creazione ben chiara, lí, in piedi. ABBA PADRE! (Applausi)

Quindi questa é una scienza, non una religione. Quando a te dicono: -“Di che religione sei tu?”-

-“Io non appartengo a nessuna religione, io appartengo alla legge della fede. Io quello che conosco é la vera scienza, non la falsa scienza della legge”-.

Questa é una scienza che entra nella tua mente e quando entra, tu lasci che ti governi. Tu cominci a sperimentare cambi, tu cominci a sentirti differente, e tu cominci a dire: -“Io non so cosa mi succede, sará che le emozioni mi sono morte? Peró, mi sento come differente!”-.

A quanti é successo questo? Vero?

É come me: io ho una cugina che é rimasta illuminata, e lei mi diceva, l’altro giorno: -“Ascolta, cugino, io non so che cosa mi hai fatto, peró guarda: io credo che Tu viva qui con me, perché io ascolto la Tua parola e vedo cambi, e cambi, e cambi, e cambi. Tu non smetti di lavorare con me”-.

E quindi io le ho detto: -“Questa é la scienza della parola che attua nelle nostre vite”-.

Questa non é una religione nella quale tu ascolti comandamenti e ti dá sonno, come una messa di quelle: -“Ta, ta, ta…”- la stessa cantilena. No, questa é una scienza che ti mantiene attivo, ti mantiene pensando. Qui non ci sono idoli, né preghierine. Questa  é una legge.

Dí: UNA LEGGE.

É una scienza che viene a cambiare la tua vita.

Adesso osserva: questo Paolo lo ha predicato in quei tempi, perché questa scienza é stata interrotta 2000 anni fa, l’hanno danneggiata. E tu sai chi l’ha danneggiata? Undici persone che hanno camminato con Gesú. É incredibile, vero? Assurdo, quasi.

Tu dici: -“Peró, com’é possibile che gli 11 apostoli siano quelli che hanno danneggiato questo?”-.

Loro sono i colpevoli di avere danneggiato il mondo per aver disturbato questa legge. Perché succede che quando Cristo é morto, é terminata la legge di Mosé ed é entrata la legge della fede.

Quindi, cos’é successo? Che le persono sono rimaste con lo sguardo su Gesú prima della croce e al guardare Gesú prima della croce, ebbene, pensavano nelle opere, perché lui é venuto a compiere la legge. Lui era giudeo, lui viveva per le opere. É per questo che non é stato trovato peccato in lui. In te sí che si puó trovare peccato, quello che succede é che al fabbricare la legge della fede, l’ha creata perché non si possa trovare peccato in te. Peró, quindi, siccome Lui l’ha creata, al tu mettere gli occhi in lui, immediatamente violi la legge della fede. Ed é stato quello che é successo.

Quindi, a Paolo, che é l’ ultimo arrivato, Dio dá la rivelazione e Dio comincia a spiegare a Paolo. Lo stesso Risuscitato comincia ad insegnare a Paolo questa scienza, e per questo Paolo scrive in Romani 7:4, che cosa bisogna fare per non violare questa legge. Tu non vai a voler violare la legge della fede, perché ti vai a pregiudicare.

Sai perché? Se tu violi la legge della fede, gli angeli non ti aiuteranno. Sei solo in questo mondo, hai trascurato tutta la tua salvezza, sei uno zero a sinistra, sei come stanno gli altri: senza speranza, senza Dio in questo mondo. Perché giá la legge di Mosé é stata tolta, se ti metti a vivere per la legge perdi tempo. L’unica cosa che ti rimane é vivere per la fede, ma questo puó creare un gran disturbo.

Romani 7:4, guarda quello che dice, che é la missione di Gesucristo Uomo. Questa é la mia missione mondiale. Tutto quello che io cerco é ottenere Romani 7:4. Questo é il ponte per attraversare dalla legge di Mosé per far sí che arrivi alla legge della fede.

Guarda quello che dice:

“Cosí anche voi, fratelli miei, siete morti a …” cosa? “…alla legge…”

 

A quale legge? A quella di Mosé.

Peró, cosa ha usato Dio per collocarti morto alla legge di Mosé e collocarti vivo alla legge della fede? Cosa ha usato?

 “… mediante il corpo di Cristo…”

 

Ha usato il corpo di Cristo.

Perché? Perché lui ha vissuto per la legge. Lui é stato un velo che ha vissuto nella legge. Lui ha dovuto soffrire il disprezzo. Lui ha dovuto vivere senza peccato. Tu sai cosa significa vivere senza peccato, stando la legge in piedi, lí? Questo é come se ti dicessero: -“Guarda, la legge é vigente”- …ahi Padre! Mi tiro un colpo, perché non resto giustificato, non c’é salvezza.

Quindi Dio ha usato questo corpo, Dio si é vestito di questo corpo per togliere questa legge e se tu lo continui a guardare, torni alla legge.

Quindi, lui dice:

“Cosí anche voi, fratelli miei, siete morti alla legge di Mosé

mediante il corpo di Cristo, per far sí che siate de…” cosa?

“…dell’ altro…” quale altro? “…di colui che é risuscitato dai morti …”

 

Con quale proposito?

“…al fine di far sí che portiamo frutto per Dio.”

 

Che tu possa portare frutto per Dio.

Quindi la mia domanda, che io faccio sempre… sull’aereo, dovunque io stia, dovunque io abbia l’opportunitá …perché io vivo affamato di questo, questa é la mia benzina. Quando io posso togliere a qualcuno gli occhi da Gesú di Nazaret e collocarlo nel Risuscitato, io dico: -“Giá l’ho passato, l’ho passato di lá, qui ho giá fatto il mio lavoro!!”-. (Applausi)

Ascolta, peró si fa un poco difficile, perché la gente é giá ipnotizzata. Per questo Paolo diceva: -“Chi vi ha stregato?”-. Chi vi ha stregato? Perché la gente, se tu gli tocchi il bambinello… come lá in Colombia, menzionagli qualcosa contro al bambinello: -“Attenzione, non mi toccare questo!”-.

Tu gli tocchi la Settimana Santa, tu gli tocchi la croce, tu gli tocchi la messa, tu gli tocchi qualunque cosa che abbia a che vedere con Gesú di Nazaret e in quello stesso momento si tirano indietro perché questo rappresenta la Vergine di questo, la Vergine del Rame, la Vergine di Guadalupe, la patrona di quello… quindi quando tu gli tocchi questo, loro non vogliono: loro vogliono continuare a rimanere ingannati, perché sono stregati.

Questa é una stregoneria che ha infastidito il mondo intero. Il lavoro di Gesucristo Uomo é togliere questo di mezzo! (Applausi)

E questo lavoro tocca a te e a me, con pazienza, con pazienza: “…per far sí che siate dell’altro”.

Perché di quello che é risuscitato? E non é lo stesso?

No. Quello che é morto é vissuto come giudeo, quello che é risuscitato era in un corpo glorificato che ha smesso di essere giudeo: non era né gentile, né giudeo.

Che classe di missione!

E tu dirai: -“Ma se questo é semplice!”-.

Semplice per te che lo intendi. Per te é semplice, ma vai a dirlo a un religioso. Ah, e che tu stai cercando il bene, fargli del bene.

Di fatto, questo era un problema tanto grande per Paolo, che gli é toccato il giochetto degli apostoli. Ascolta, perché tu sai cosa significa vivere con un uomo che faceva i miracoli che faceva Gesú? Che, al momento, veniva un infermo e sputava e faceva un pochino di fango, saliva con terra, faceva un pochino di fango cosí e gli diceva: -“Prendi, spalmatelo lí”- e l’infermo diceva: -“Vedo!”-.

Chi non si innamora di un uomo cosí?

O, che ci siano lí cinque o diecimila persone senza cibo e dica: -“Datemi un seme”-.

-“Ebbene, guarda, lí c’é un bambino che ha…”- “un pacchetto”… un’ hamburger, un pacchetto con patatine, hahahaha.

E, al momento, lui prende questo pacchetto e fa cosí: -“Portate dei cesti…”- e improvvisamente mangiano tutti e avanzano ceste lí…

Chi non vuole un “attrezzo” cosí a suo lato? Uno si innamora di una persona cosí!! …di una persona che dice a Pietro: -“Cammina sull’acqua!”- e la cosa normale é che affondi. Una persona che risanava il lebbroso, che gli diceva: -“Sii ripulito!!”- e al momento la pelle cominciava a ricostruirsi…

Quindi, la gente… immaginati quegli undici apostoli, guardavano e dicevano: -“Questo é il nostro tesoro!!”-.

E, al momento, viene Paolo e dice: -“No, questo adesso non va!”-.

Ahi! Ahi! Ahi!

Quindi lí Giovanni dice: -“Questo é l’anticristo!!”-. É stato lí che é cominciato il titolo di  anticristo. Quindi, chiamavano Paolo anticristo, perché tu non vedi che Paolo gli diceva le cose?

Di piú, osserva l’azzardato che é Paolo. Guarda l’azzardato che é Paolo, cercati la  Prima carta ai Corinzi capitolo 11, verso 1, per far sí che tu veda l’azzardato che era  Paolo.

Prendendo nota, per vedere se queste cose sono cosí. Osserva quello che ha detto Paolo:

“Siate imitatori…”

 

di Cristo? Di chi? Siate imitatori di chi?

 

 “Siate miei imitatori …”

 

Peró, tu non credi che é piú facile dire: -“Imitate Cristo, perché a me… se io sono un essere umano con debolezze!!”- ma lui ha detto: -“No, no! Non imitate Cristo”-.

Sapete perché, vero? Perché se lo avessero imitato, avrebbero imitato quello prima della croce e sarebbero caduti in maledizione, e sarebbero usciti dalla legge della fede.

Quindi, Paolo amava tanto la chiesa che diceva: -“No, no. Non imitate Cristo, imitate me!”- perché quando Cristo, il Risuscitato, gli é apparso, gli ha dato le istruzioni. Ha detto:

 

“Siate miei imitatori,  cosí come io di Cristo”.

 

Peró, di che Cristo stava parlando? Di quello che é risuscitato. Perché questo é quello che lui rappresentava.

Che scienza! Tu sai che questo é l’anello mancante!!

Il giorno che il mondo… e succederá! … il giorno che questo avrá luogo, tutte le nazioni entreranno in una gloria tanto grande e tutti i milioni di angeli si manifesteranno su questa terra. Guarda: toglieranno l’iniquitá, l’ ignoranza. La malattia scomparirá, scomparirá la povertá. (Applausi)

Perché quello che succede é che Dio ha pagato un prezzo molto grande. Dio si é umanizzato per questo proposito. E quindi, al violare questa legge, Lui ti ha esposto ad una legge che é una scienza che funziona, che ti fa felice, che ti sana, che fa qualunque cosa per te. Ma quindi, al tenere lo sguardo su colui che l’ha fabbricata con il suo corpo, ebbene, invalidi tutto ció che é successo.

C’é gente che mi ha detto: -“Lei odia Gesú di Nazaret?”-

-“No, io non odio nessuno. Neanche il diavolo odio io, immaginati! Se fosse vivo, io parlerei con lui per apprendere da lui”-. Hahahaha

Ascolta, un appuntamento con Satana sarebbe meraviglioso! Tu non credi che questo sarebbe interessante? Io gli farei un’intervista. Gli direi: -“Ascolta, Satana, vieni qua, cos’é quello che ti é successo? Perché tu sei cosí e cosí…?”-

Perché lui é stato una creatura di Dio e chiunque creda che Dio era buono… ossia, che lui é stato un buon diavolo, un buon Satana: ha fatto il suo lavoro, un uomo degno di ammirazione nell’aspetto dell’obbedienza.

Peró, questo é un tremendo lavoro. Io ho duemila anni contro di me, duemila anni nei quali é giá stato stabilito.

Di fatto, io ho detto alle persone che mi intervistano in tutte le parti del mondo, quando mi domandano: -“E gli altri cristiani, cosa dicono di lei?”-

Ed io gli dico: -“É che loro non sono cristiani!”-.

Cristiano é uno che sta dopo la croce e tutte le religioni, ma tutte: non una, tuuuuuutte stanno con Gesú di Nazaret. Battezzano nel nome di Gesú di Nazaret, pregano nel nome di Gesú di Nazaret. É un lavoro forte!!

Io non so come tu hai inteso questo, la veritá é che tu devi essere ben speciale per intendere questo. Dai un applauso a te stesso!

(Applausi)

Io l’ho inteso perché la mente di Cristo in me me lo ha spiegato, ma anch’io ero chiuso. Guarda, io con Gesú di Nazaret, immaginati, io  avrei voluto avere dei sandali e una tunica bianca… e barba e tutto per assomigliare a lui, hahahaha. Immaginati!! Quante volte io mi inginocchiavo: -“Gesú, passa di qui”-. Chi non vorrebbe vedere Gesú, immaginati…

Ah, e tu sai che tutti gli evangelici, cattolici di tutte le religioni stanno aspettando che lui ritorni. Loro stanno aspettando. Ah, e lui ha detto: -“Me ne vado al Padre e non mi vedrete piú”- ma loro dicono: -“No, no, lo vedremo!!”-

-“No, no, no, peró é che io ho detto che non mi vedrete piú!”-.

Perché questo corpo voi non lo vedrete mai piú ma questo é il pasticcio che c’é nelle nazioni.

Andiamo a vedere oggi la Prima carta ai Corinzi capitolo 15, verso 19, stiamo giá concludendo. Questi temini sono cortini perché é troppa informazione e se te ne dó di piú cominciano a fumarti i capelli e ti si possono rovinare. Le donne che se li rovinano con le tinte, poi gli mettiamo questa scienza, possono perdere i capelli, hahahahaha ahi Padre!

“Se in questa vita solamente speriamo in Gesú di Nazaret,

Siamo i piú degni di…” cosa? “…di commiserazione… tra tutti gli uomini.”

 

Tu sai come dice in inglese? Miserabili. “Siamo i piú miserabili…” quindi non l’ho detto io, lo ha detto Paolo: -“Loro sono dei miserabili”-.

Cosa mi deve dare la religione? Miseria! Tu non vedi che lí gli angeli non lavorano? Lí chi lavora sei tu e la buona sorte. Per questo loro dicono: “Che ti vada bene!”, “Buona sorte, che ti vada bene!”.

Tu non lavori con buona sorte né con che ti vada bene. A te deve andare bene!! Se stai nella legge della fede, se tu onori la legge della fede, Dio ti deve onorare.

Guarda, non c’é malattia che mi sia arrivata che io, con tutto il rispetto possibile, le dico: -“Io non ho violato un punto di questo, io sono debole, peró in quanto alla dottrina della legge io non l’ho violata, cosí che, per favore, vieni e portati via questa menzogna passeggera”-. E fino al giorno d’oggi le ha portate via tutte. (Applausi)

Filippesi capitolo 4, verso 9, guarda come parla l’apostolo Paolo:

“Quello che hai appreso…”

 

Osserva che questo comincia apprendendo: questo non comincia pregando per te, che hai tremato, che hai sentito un tremore, che ti si sono drizzati i capelli. No, no, questo non comincia cosí. Questo comincia, guarda, tranquillo… per questo le nostre riunioni devono essere cosí, non ci puó essere né fanatismo, né rumore, né grida, perché se no non impari. L’idea é apprendere, per primo.

Osserva come dice Paolo, nell’ ordine che lo porta:

“Quello che hai appreso, e ricevuto, e udito, e visto …”  in Cristo? “…in me…”

 

Lui non poteva utilizzare l’esempio “Gesú di Nazaret”, perché se ne sarebbero andati dietro a lui. Tutto era lui, Paolo. É per questo che gli apostoli dicevano: -“Questo, questo é un anticristo, questo é cattivo!”-. loro non andavano d’accordo con Paolo per niente. Tu non vedi che sembrava un egocentrico? -“Quello che hai appreso da me, quello che hai visto in me”- peró Paolo non lo faceva per una questione personale. Paolo (lo faceva) per evitare che mettessero gli occhi prima della croce.

Mi state seguendo? Mi spiego?

Adesso, guarda quello che dice:

“…questo fate, e il Dio di pace stará con voi”.

 

E la pace di Dio stará con voi?

Non la pace: il Dio che produce la pace, stará con te. ABBA PADRE! (Applausi)

Ascolta, mi spiace tanto per Paolo: lui non aveva microfono, non aveva internet. Per un viaggetto cosí tardava tre mesi ed io l’ho fatto in un giorno, in aereo. Ah, tardava tre mesi e quando se ne andava, arrivavano gli apostoli e dicevano: -“Fai attenzione a Paolo che é matto!”- e li trascinava. Cosí ha fatto ai galati, per questo Paolo ha dovuto riprenderli e dire loro: “Chi vi ha stregati per disobbedire alla veritá?”

Andiamo a vedere adesso la Prima carta ai Corinzi capitolo 2, versi 1 e 2:

“Cosí che, fratelli, quando sono venuto da voi per annunciarvi la testimonianza di Dio,

non sono venuto con eccellenza di parole o di sapienza.

 

Poiche mi sono proposto di non sapere tra di voi altra cosa se non Gesucristo,

e questo, crocifisso.”

 

Cosa ti sta dando ad intendere lí? Dopo la croce. “Mi sono proposto di presentarti la testimonianza di Dio, di Gesucristo, peró dopo della croce, non prima della croce.”

Qual’é il problema che io ho nel mondo con tutti i leaders? Che loro stanno prima della croce e tu ed io abbiamo fatto un saltino e stiamo dopo la croce. Giá tu appartieni all’ “Altro”.

Tu devi essere ben matto per stare in una riunione e dire: -“No, io continuo con Gesú di Nazaret”-. Tu devi stare ben malino nella testa. Tu devi essere ben danneggiato. Tu devi essere ben contaminato, se dopo una spiegazione cosí mi dici: -“Tu ti sbagli, io continuo con il Cristo di Galilea”-. Tu devi stare malino o ben male, cioé: tu sei grave. A te bisogna dare una seduta, una consulenza… hehehehe.

Ebbene, questo é quello che noi facciamo nel mondo.

-“Apostolo, quindi, se tu riesci a fare questo, cambi il mondo?”-

Dimmi una cosa: tu sei cambiato? Quindi, cosa ti fa pensare che gli altri non possano cambiare?

Cos’é successo a te? Cos’hai sperimentato tu? Tu hai sperimentato pace? Se n’é andata la paura? Se n’é andato il timore? Dormi tranquillo? Hai la coscienza pulita con Dio?

Ebbene, fare questo ad un individuo significa salvarlo dalla morte. Significa salvarlo dalla morte! Perché una persona puó avere tutto il denaro che vuole, tutte le comoditá che vuole e, al momento, ha paura dell’inferno e fa un sogno con un serpente di quelli… e lí se n’é andato il suo denaro. O l’ha buttato in droga, o lo ha buttato… in qualcosa lo butta!

Cosí che non é il denaro il fattore: é la conoscenza, la mente rinnovata, quello che sta qui (indicando la mente). Se questo é danneggiato, tu sei danneggiato. Anche se tu sei brava gente, di buon cognome, anche se hai l’educazione che hai. Se a te non viene sistemata questa (la testa), tu non funzioni.

Per questo, quando viene una catastrofe mondiale, quando viene un terremoto o succedono quelle cose e ne muoiono quindici, ventimila, trentamila persone, la gente dice: -“Dove sta Papá Dio??”-

E Papá Dio sta dicendo: -“Dove stanno queste menti putrefatte, che non vedo l’opportunitá di salvare? É meglio se me li porto via e lavoro con loro qui, in spirito. Me li porto alla nube e José Luis gli predica da lá sotto e, comunque sia, qui li obbligo ad ascoltare!!”-. (Applausi)

Bene, per questo lavoro, Paolo é stato chiamato “l’ anticristo”, per questo lavoro. La chiesa pensa che l’anticristo é qualcosa nel futuro. Giovanni ha detto, duemila anni fa: -“Giá sta tra voi l’anticristo”- e stava parlando di Paolo, perché Paolo gli divideva Gesú di  Nazaret dal Risuscitato.

E quindi, siccome io sto seguendo il modello del vangelo di Paolo, questo titolo l’hanno messo addosso anche a me e quindi, mi chiamano “l’ anticristo”. E con molto orgoglio lo porto: -“No, io sono Gesucristo Uomo, anticristo fino…”-

-“Fino a cosa?”-

-“Fino al collo!”-.

Fino all’ultimo!

E tu? Ti azzardi a dire: -“Io sono orgoglioso di essere anticristo?”-

Sicuro. Sai perché? Perché questo é quello che ti colloca nella legge della fede e niente toccherá la legge della fede nella tua vita. E con la legge della fede, benedetto, che cosa c’é in questa terra che tu non possa ottenere, se la legge della fede sta essendo onorata dal tuo spirito?

Tu sei completo, benedetto! Tu non sei degno di compassione per questo io non prego per te. Io pregare per te? Prega tu!! Per cosa pregare per te? Se tu sei completo e benedetto!! Tu hai angeli che ti servono!!

Giá tu non necessiti stare pregando: -“Papá, aiutami!”- perché Papá ti dirá: -“Aiutatevi voi, che io giá vi ho dato la legge della fede, vi ho dato la conoscenza. Andate a pescare voi”-. Giá non bisogna pescare per te: giá tu prendi i tuoi propri pesci!!

Benedetto, alzati in piedi con me e dí a quello che sta a tuo lato: ONORO LA LEGGE DELLA FEDE. MI DICHIARO SANO. MI DICHIARO PROSPERO. MI DICHIARO BENEDETTO CON TUTTE LE BENEDIZIONI. (Applausi)

IL CAMMINO A DIO

.

 .

DOTTOR JOSÈ LUIS DE JESÙS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

 .

15 di agosto del 2012

 .

Il tema è:  “IL CAMMINO A DIO”.

Andiamo a cercare Giovanni 14: 5 e 6.

“Nel nome del Padre…”

Questo rimane prima della croce? Lasciami aggiungere questo al ricalco: la Trinità. Mi è venuto bene questo scherzo, di fatto era l’unico che mi mancava.

Dice:

“Tommaso gli disse:  Signore, non sappiamo dove vai,

come possiamo, dunque, conoscere il cammino?

Gesù gli disse: Io sono il cammino, la verità e la vita. Nessuno…”

va?

 

“…viene…

sì, perchè siccome il Padre era in lui, se lui avesse detto: -“…nessuno va al Padre…”- avrebbe significato che lui era il Figlio e il Padre stava da un’altra parte però se dice: -“…nessuno viene…” …hello!

La stai afferrando? Questi sono dettaglini che, se tu li perdi di vista, ti scappa il treno. Il treno scappa a chiunque in un secondo!!

“…nessuno viene al Padre…”

Quindi, Filippo non ha capito, ma è che chi ha il velo non intende. Filippo ha continuato ancora:

-“Mostraci il Padre…”-

-“ …azz… ma se ti sto dicendo: “…nessuno viene al Padre”!! Te lo sto dicendo!!”-

Ma lui ha continuato con lo stesso, metti l’altro verso perchè tu lo possa vedere. Verso 6:

“Gesù gli disse: Io sono il cammino, la verità e la vita,

nessuno viene al Padre se non attraverso di me.

Se mi conosceste, conoscereste anche mio Padre; e da adesso…”

 

guarda come gli dice:

“…e da adesso lo conoscete e lo avete visto.”

Adesso, guarda che cosa significa avere un velo, guarda quello che dice Filippo, verso 8:

“Filippo gli disse: Signore, mostraci il Padre e ci basta.”

 

L’uomo era…  guarda, quando qualcuno è tappato, è tremendo. E tu ti lamenti della tua famiglia? Quando qualcuno è tappato, guarda, tu puoi dargli un fendente e non capisce.

Gli dicono:

-“Guarda: chi ha visto me, ha visto il Padre.”-

-“Bene, quindi, mostrami il Padre”-.

-“Cazzo, ma se te l’ho appena detto!!”-

… e questi erano i suoi discepoli… figurati quelli di fuori!!

Adesso, guarda il primo verso, Giovanni 14: 1.

Stiamo parlando qui del conflitto nel quale Dio si pone per mettersi  (incarnarsi) in un uomo e poi cercare di convincere la sua stessa gente che sta a suo lato.

Questo è il mio conflitto con la mia famiglia, con voi già no. Ascolta, che gran numero di persone ho che hanno creduto! Voi non siete Filippo! Io ho moltitudini che già hanno creduto in me, ma quando Dio si mette in un velo si cerca mille problemi.

Guarda quello che gli deve dire nel verso 1:

“Non si turbi il vostro…”

 

la mente

 

“…il vostro cuore:

credete in Dio, credete anche in me!”

e cosa faceva qui Gesù? Lottava con i discepoli perchè sapessero chi era lui, vero che era questo quello che faceva? E con Filippo:

-“Guarda Filippo, smettila con i conflitti, ragazzo!! Tu non sai chi sono io, come faccio a spiegarti chi sono io??!-

-“No, no, no. Wow, ma mostraci il cammino che ci mettiamo per di lì! Vogliamo arrivare a Dio!!”-

-“È che, guarda, è che il cammino sono io: “…nessuno viene…”.  Chi stai cercando tu? Dio??”-

-“Ebbene, è che il giudaismo…che quello…che i mormoni…che quell’altro…”-

Quante manifestazioni c’erano in quei tempi…

-“È che tu non potrai arrivare a Dio se non attraverso di me”-

-“Però…e i maomettani… e il buddista?”-

-“Guarda Filippo: IO SONO LA PORTA. IO, questo che sta qui davanti: tu non puoi arrivare a Dio se non attraverso di me!!”-

-“Ebbene, mostraci il Padre…”-

-“Ti ho detto che chi ha visto me, ha visto il Padre!!!”-

(Applausi)

Qui io vedo il velo di Gesù in conflitto, cercando…:

-“Per favore, credete chi sono io. Io so che sono un uomo comune. Io sono nato da Maria e da Giuseppe, ma Dio è entrato in questo velo. Credete che sono io. E se non credete per quello che vedete, credete per le cose che state vedendo compiersi…perchè vi si faccia più facile la cosa…”-

Guarda, una volta ha dovuto dire loro:

-“Chi non mangia la mia carne, non ha vita eterna permanente in Lui. Chi non mangia la mia carne e beve il mio sangue”-.

E quindi, al momento, hanno detto:

-“Dura cosa è questa parola, chi la può ricevere?”-

Quello che lui sta cercando di dire è:

-“Colui che non mi accetta si cerca guai”-.

-“No, no, a noi piace quello che fai tu, le meraviglie… ma tu non ci sei simpatico”-

-“Ebbene, se non mangi la mia carne, papà… questo è il velo che è arrivato”-.

(Applausi)

Guarda, in Porto Rico, un uomo disse (di me):

-“Mi piace quello che dice, ma è troppo grassottello per essere Gesucristo”-

E se Cristo è arrivato“grassottello”?

C’è stato un uomo, una volta, un dottore in lettere, mi ha detto:

-“Guarda, quello che lui dice va bene, ma non mi piace il suo frasario, è tanto povero che non lo posso più ascoltare!”-

e una settimana dopo è morto, una settimana dopo gli ha dato un attacco. Questo è successo in Porto Rico. Gli ero antipatico perchè io non so parlare buon spagnolo.

Ma che colpa ne ho io di essere nato così, in Ponce, e che le mie maestre non mi hanno insegnato buona grammatica? Qualcuno ha avuto la colpa. E che io non dico: “arrrroz” (riso). E io non dico: -“Guarda, io sono “molto”-. No, io dico“morto”. Io pronuncio la “erre” e, nonostante questo, gli ero antipatico…

Questo è il problema: che Dio si cerca veli che te la rendano difficile, per vedere come ti confondi.

C’è gente che mi ha ripreso:

-“Ascolta, parla con maggior delicatezza!”-.

A Gesù hanno detto lo stesso, una volta ha chiamato Erode: “volpe”.

-“Ascolta, non ti conviene dire questo…”-.

-“Quello che ho detto, ho detto. Lui è una volpe!”-.

Io (tempo fa) stavo ascoltando il sistema, era una chiesa di “gringos” (americani) tutti belli bianchi, ben belli, ben educatini…ben belli: le donne erano belle, gli uomini erano belli, gli anziani erano belli, i bambini erano belli, il coro era bello, tutto era bellissimo, persino il predicatore: un uomo giovane che sembrava uno sportivo, non usava vestito nè giacca, era vestito sportivo. Sembra che fosse un uomo famoso e aveva la chiesa piena. E quindi stava parlando con una bellissima autorità.

Io lo sto ascoltando e lui dice:

-“Guardi, lei deve sottomettersi a quello che c’è scritto… e ci sono leggi spirituali…”-

e fino lì andava bene. Lui ha detto:

-“Guardate, la legge di gravità dice…”  lui spiegava  “…se io lascio cadere questa matita, la legge di gravità dice che va verso il basso, perchè è una legge. Adesso: se tu pensi di poterti arrampicare su questo edificio e credi di poterti buttare di sotto e che non ti succeda niente, quando cadrai ti renderai conto di esserti rotto le ossa per la legge di gravità!”-.

Questo ha fatto Satana a Gesù di Nazaret, gli ha detto:

-“Sali sul pinnacolo del tempio e, se tu sei Dio, gli angeli ti vengono a prendere e ti afferrano”-.

-“No, io sono Dio in un velo: se mi butto,  mi sfracello!!”-.

Quindi, lui stava parlando bene, questo predicatore di cui vi sto parlando. Io ero ancora seduto e stavo guardando e stavo cercando di vedere… perchè sono persone che io amo, e loro amano il Signore. Quindi, lui dice:

-“Quello che io voglio provarvi è che per poter voi andare a Dio, dovete passare attraverso Gesù di Nazaret”-.

Ascolta questo: stava dicendo una grande verità, solo che con duemila anni di ritardo!

Ti sto parlando di un uomo ben educato, nel “Bible Bell” (un’area di rappresentanza religiosa) qui negli Stati Uniti. Lui stava dicendo che: “…nessuno viene al Padre, se non è attraverso Gesù di Nazaret…” ed aveva tutta la ragione. Non aveva rivelazione ma aveva ragione duemila anni fa, cioè: aveva ragione prima che morisse Cristo.

Adesso, tu puoi intendere dove sta inceppato il sistema protestante oggigiorno? Lasciamo Roma adesso, andiamo a prendere le “figliolette”, i protestanti. Tu puoi intendere dove stanno loro? Loro stanno ancora con Gesù di Nazaret.

E cosa succede quando Gesù di Nazaret ha detto lì: “Nessuno viene al Padre, se non attraverso di me”? È la verità: quando è morto, tutto il mondo è arrivato al Padre, si è compiuto! Anche quel predicatore che stava lì, già in lui si era compiuto, e coloro che lui stava invitando a passare davanti, già loro erano arrivati al Padre. Lui non lo sa, perchè non ha rivelazione, lui sta dietro alla croce, sta a prima della croce, con duemila anni di ritardo nella mente.

E tu ti puoi immaginare che gente intelligente… tutti questi dottori in teologia che abbiamo qui in Miami, includendo quello dell’ Università di Miami che parla di me, un cavaliere, un uomo ben educato, che ama il Signore… e neanche mi conosce…

(Applausi)

L’uomo ha duemila anni di ritardo, duemila anni di ritardo. E quindi, io, nella mia mente… perchè ho un fratello che è “pastore”, familiari che sono leaders nella chiesa, e quindi loro prendono questo verso e lo applicano a chiunque:

-“Guarda, nessuno viene al Padre, se non è per mezzo di Gesù”-.

Quello che succede è questo, osserva quello che gli dice lo stesso Gesù in Giovanni 14: 15-18:

Dice:

“Se mi amate, osservate i miei comandamenti.

Ed io pregherò il Padre, e vi darà un altro Consolatore…”

Guarda, guarda: non è arrivato questo ALTRO perchè lui è vivo. Lui è vivo, quindi, siccome lui è vivo, lui dice:

“…io pregherò perchè vi dia un altro consolatore,

perchè stia con voi per sempre: lo Spirito di verità

che il mondo non può ricevere perchè non lo vede e neanche lo conosce;

ma voi lo conoscete perchè dimora con voi, starà…”

Come?  “Starà”: futuro. Perchè è lo stesso spirito in un velo differente.

Adesso, lui doveva dire loro:

-“Guardate, viene un altro Consolatore, viene ancora un’altra manifestazione di questo velo che vi sta parlando”-.

Osserva, Gesù sta parlando con loro e gli dice:

-“Guarda, io sono venuto qui con un proposito. Colui che mangia la mia carne e beve il mio sangue… il mio sangue è per il perdono dei peccati, perchè io sono venuto solo per questo: per spargere sangue per togliere la maledizione di mezzo, per compiere la legge di Mosè. Ma qui l’importante non è solo quello che io sto facendo, io lo pregherò…” se stesso, dato che abbiamo concluso che lui è il Padre “perchè vi invii un altro CONSOLATORE…”-

E quando succederà questo? Nel momento in cui lui muore e risuscita, già appare il Consolatore, ma non parla. Appare e si nasconde in luce inaccessibile per duemila anni, perchè non può parlare immediatamente.

Guarda come parla lui nei versi 25 e 26. Dice:

 

“Vi ho detto queste cose stando con voi.

ma il CONSOLATORE, lo Spirito Santo, che il Padre…”

 

cosa farà?

 

“…invierà nel mio nome, Lui vi insegnerà…”

cosa?

 

“…tutte le cose.”

 

Dimmi una cosa: e tu sapevi tutte le cose prima di arrivare qui?

Adesso, osserva quello che sta dicendo… la gente pensa che lo Spirito Santo sia una colomba. Benny Hinn ha scritto un libro che si chiama: “Buongiorno Spirito Santo”, come se lo Spirito Santo fosse differente dal Signore.

Qui, quando parla del Consolatore, dello Spirito Santo che insegna, non è una colomba: una colomba non insegna.

E non è che viene a consolarti nel senso di passarti la mano (accarezzandoti): – ♫Doooormiiiii bimbooooo, dormi prestoooo…no, non è questo tipo di consolazione. È una consolazione che veniva (nel modo) come quello che io sto facendo qui.

Io ti sto consolando con l’insegnamento? “Lo Spirito Santo, il Consolatore… quando Lui verrà, Lui vi insegnerà tutte le cose”.

Tu non sapevi tutte le cose. E tu, per il fatto che dicevi: -“Rabatija, capacaka”- (parlando in lingue) credevi di avere lo Spirito Santo?

Quindi, vuole dire che il sistema… questo è il motto di oggi: “il pasticcio del sistema religioso”. È un pasticcio che quando Paolo ha compreso un pochino, lo ha manifestato nella lettera ai Romani 7: 4 e lo ha comparato ad una moglie alla quale muore il marito.

Andiamo a cercare la lettera ai Romani 7: 4, per praticare. Questo lo abbiamo letto millecinquecento milioni di volte ma una volta di più non fa male.

Dopo la morte Cristo… (lo spiego per l’eventualità che…) se qualcuno mi sta ascoltando dal sistema, possa svegliarsi oggi, io lo ricevo!  Guarda, c’è gente onesta lì che ci vede e dice:

-“No, loro amano il Signore…wow… 666…ma se non credono nel diavolo, come può essere il 666? E perchè è Anticristo se ama Cristo?”-

E stanno in un pasticcio. Io ti dico che quello dove sono è un pasticcio. Loro dicono:

-“Ma questa gente ama il Signore ed io li conosco. E questo Apostolo, io non lo so… Lui ama il Signore perchè Lui dice di amarlo…ma come può essere il  666, come può essere la bestia?”-

Perchè loro sono confusi, loro non intendono. Loro non intendono per niente questa cosa della bestia e del 666… bene: hanno un velo.

Bene, guarda Felipe, Gesù gli dice:

-“Io sono il Padre”-.

-“Ebbene, mostramelo…”-

Quando qualcuno è inceppato, per quanto tu gli dica:

-“Guarda, vieni qua, lascia che ti spieghi… te lo dico…”-.

Questa è una situazione tremenda.

Guarda, lettera ai Romani 7: 4, dice:

 

“Così anche voi, fratelli miei,

siete morti alla legge mediante…”

 

mediante: il mezzo

 

“…il corpo di Cristo…”

Gesù di Nazaret

“…perchè siate dell’altro…”

del Consolatore, dello Spirito Santo, lo Spirito di verità, quello che si sarebbe manifestato, quello che è risuscitato. Quello che poi avrebbe preso corpo in Gesucristo Uomo!

 

“…perchè siate di un Altro…”

 

“E un Altro edifica sopra”, questo stesso “Altro” è lo stesso, eh? Vero che dice:

-“Io metto il fondamento e l’ALTRO (costruisce) sopra…”-

quel “Altro” era lo stesso di questo “Altro”:

“…perchè siate di un ALTRO, di colui che è risuscitato dai morti,

affinchè portiamo frutto per Dio”

-“E quando porto frutto?”-

-“Quando Lui apparirà. Perchè quando Lui apparirà, Lui ti insegnerà tutto e per insegnare serve una bocca. E per avere una bocca bisogna che si manifesti l’apostasia, perchè Lui non verrà fino a dopo l’apostasia”-.

Andiamo a vedere adesso la Seconda carta ai Corinzi capitolo 3, versi 14 e 15.

Sto cercando qui di fingere che posso leggere senza le lenti, ragazzo… oggi ho scritto piccolino e, alla fine, mi devo arrendere… (si mette le Sue lenti per leggere) …che sollievo…

Cosa dice?

“Ma il loro intendimento…”

 

Dì:  L’INTENDIMENTO

 

“Ma il loro intendimento…”

cosa?

“…si è inceppato…”

Cosa capisci per “inceppare”? Non taglia (non funziona).

Tu hai visto un coltello di quelli che tu tagli la carne così e straccia la carne? O, tu cerchi di tagliare un pomodoro e lo maciulli, perchè non taglia?

Tu sai di quei coltelli ben bellini di color argento, quelli non tagliano, quelli che tagliano sono quelli che hanno i dentini così, in rilievo. Tu hai visto uno “steak” (una bistecca alta, una fiorentina -ndt) ben fatto: quando tu le avvicini il coltello e tu gli fai così e taglia con una sola passata.

…ascolta, le signore… guarda come ridono le signore. Alle signore piace un sacco passare il coltello e tagliare….

Ebbene, tu hai visto un uomo ben stupido, che tu glielo spieghi ventimila volte e non intende? Ebbene, quello è uguale al coltello senza filo. Lui ha il suo intendimento che, per quanto tu glielo spieghi, è senza filo:

-“Filippo, io sono il cammino”-

-“Mostramelo…”-

-“IO SONO IL CAMMINO!!”-

-“Ebbene, mostrami il Padre”-

-“IO SONO IL PADRE!!”

-“E dove sta?”-

Così stanno i nostri benedetti amici protestanti e i nostri amati fratelli cattolici.  Con l’intendimento, come? Inceppato.

Perchè? Perchè dice qui il verso 13:

 

“…e non come Mosè, che metteva un velo sul suo volto,

perchè i figli di Israele…”

 

cosa?

 

“…non ponessero la vista nella fine di ciò che doveva essere…”

 

cosa?

 

“…abolito.”

In cosa avevano lo sguardo posto loro? In qualcosa che avrebbe dovuto essere, cosa? Abolita.

Tu hai notato che i cattolici hanno lo sguardo fisso nel Papa e non vedono che il vaticano brucerà?

(Applausi)

Guarda, quando qualcuno ha lo sguardo fisso in qualcosa, non vede: ha lo sguardo in un altro posto.

La vista non è solo questa vista (gli occhi), è l’intendimento (mente) insieme alla vista (occhi). Questa è una miscela tanto diabolica… bene, tu stai parlando con uno zuccone, con un testardo, con un bruto. La persona è ingarbugliata e per quanto tu le spieghi, non intende. È gente che… guarda: io ti dico una cosa, io non so…ma tu: tu sei un miracolo di questo secolo… io non so da dove sei uscito…

(Applausi)

Che tu stia qui applaudendo e dicendo “Amen”… ascoltaaaa…!

Io non so cosa hanno fatto a te perchè se tu stai qui gridando di gioia, guarda: o ti hanno ingannato…o ti hanno lavato il cervello o ti hanno illuminato, ben illuminato, e conosci la verità!!

(Applausi)

Perchè tu sai quello che dicono coloro che hanno l’intendimento inceppato? Che io ti tengo ammaliato con demoni, che qui c’è uno spirito. Bene, quando entrano per di lì, per la prima volta… così, si fanno il segno della croce, per terminare di ingarbugliarsi di più, immaginati…

Continuiamo a leggere il verso 14 e 15. Guarda com’è saporito questo:

 

“Ma il loro intendimento si è inceppato, perchè fino al giorno d’oggi…”

questo è per il tempo di Paolo, e continua ancora fino al giorno d’oggi

“…quando leggono l’ antico patto…”

che è la legge di Mosè

 

“…gli resta lo stesso velo…”

ascolta!!

 “… non rimosso…”

 

-“Mostrami il Padre…”-

-“Sta qui davanti a te”-

-“Però mostramelo…”-

-“Chi ha visto me, ha visto il Padre. Filippo, sto trattando con la tua mente, ragazzo!”-

-“È che non ti capisco…”-

-“Bene, se tu vedi me, questo è tutto quello che esiste del Padre. Il Padre sta in spirito, dentro a questo corpo, Filippo!”-.

“…lo stesso velo non rimosso,

il quale viene tolto da Cristo”

 

Cristo è l’unico che lo toglie.  Io sono l’unico che ti può togliere il velo!

(Applausi)

Ah, e io tolgo il velo ad altri attraverso te, però ascolta questo: devi mangiare la mia carne. Devi mangiartela e masticarla e inghiottirla!!

(Applausi)

Una volta Gesù di Nazaret disse: “Beato colui che non inciampi in me”. Con lui sì che era facile inciampare perchè lui non spiegava niente, immaginati… a me almeno danno rivelazione per spiegarla, questo è facile. Però lui stava lì parlando in parabole, immaginati… lui sì che se la vedeva ben brutta!

E Paolo? Poverino… bene: in lui non ha creduto nessuno. Immaginati, gli hanno dato il patto per plasmarlo e poi dire:

-“Tutti ti hanno abbandonato!”-.

-“Ascolta, ma neanche uno?”-

-“Neanche uno”-

-“Però, se muori rimane Timoteo”-

-“Se n’è andato anche lui confuso”-

-“Ossia, che se tu muori…”-

-“Lascia che io me ne vada perchè tu veda… dopo la mia partenza, entreranno lupi rapaci”-

-“E… come lupi rapaci?”-

-“Ebbene, perchè c’è Pietro, c’è Giacomo, c’è Giovanni: solo con questi tre lupi e nient’altro, abbiamo lì la storiella del lupo!”-.

Con Pietro, l’Apostolo Pietro, l’uomo più cattivo, con lui è sufficiente! Bene, una manifestazione diabolica in lui.

Che poi di questo dobbiamo parlare un pochino: diavolo, satana, serpente, distruttore… perchè questa è una scienza che c’è lì aggrovigliata, il mistero dell’iniquità che sta dentro Roma. Che è delicato… è delicato l’argomento, perchè nonostante sia stato distrutto, a causa del figlio della perdizione, c’è certa…bene, chi è più diavolo di te?  Immaginati: il “genere diavolo” è presente. Quindi, nel “genere diavolo”, che è dove sta aggrovigliato il velo, dove sta messo  è nel “diabolos”… nella legge che si oppone… è lì dove sta! Il papa è satana nell’aspetto “diavolo”, che quello che lui usa è la mente satanica perchè sta senza rivelazione.

Quindi, guarda: questo è il problema del sistema protestante, in tutto il mondo.

Ricorda che l’unica chiesa cristiana è Crescendo in Grazia. L’ unica chiesa esistente, nel mondo, che si possa chiamare cristiana è questa. Tu non puoi chiamare i battisti: “cristiani”, i pentecostali meno, i cattolici: impossibile!! Quello non è cristianesimo, quella è una farsa!!

Se questo è cristianesimo, che cosa faccio io qui? Se il cristianesimo esistesse a parte di quello che io insegno, quindi io non sarei Gesucristo Uomo… mi siedo.

Dico:

-“No, no, no, c’è un gruppetto di cristiani lì, nel Paese tale…sul  Monte Tale, ci sono lì delle persone, ragazzo, che camminano con le ginocchia! Camminano con le ginocchia, baciano la croce tutti i giorni, si battezzano, lavano i piedi, prendono l’ostia quotidianamente…”-

Questo è cristianesimo?

  • Il pasticcio di duemila anni: lo sguardo fisso in qualcosa che sarebbe stato abolito. Però siccome avevano la vista (posta) lì, dicevano:

-“Questa è la nostra meta”-

-“È stata abolita”-.

-“Dimenticatelo, è la nostra meta!!”-.

  • Intendimento inceppato, Mosè sta nella loro mente: “Il dio di questo secolo” mantiene il loro intendimento nelle tenebre perchè non gli risplenda la luce del vangelo.”

Dice: “quando si convertano al Signore, il velo viene tolto”.

-“A quale Signore?”-

-“Al Signore Gesucristo”-.

-“Però, a quale?”-

Bene, quello che stava in Gesù di Nazaret, che poi è stato nel Risuscitato. E anche senza velo è il Signore ma siccome stavano in apostasia, nessuno si convertiva al Signore.

Quindi, questo stesso Spirito, con velo, si chiama JOSÈ LUIS DE JESÙS MIRANDA. Senza velo si chiama “luce inaccessibile, il Risuscitato, l’altro”. Quindi, quando si convertiranno a me… guarda che problema si sono cercati, perchè loro non possono passare me e se tu non ti mangi la mia carne e il mio patto, tu non intenderai.

(Applausi)

Vero che è forte questa parola? Adesso sì che sta stringendo…

-“Ah, che non è a Gesucristo…?”-

-“No, è a Josè Luis De Jesùs, che ti devi sottomettere!”-.

(Applausi)

-“Però… come che a Josè Luis?”-

-“Bene, a quello che c’è dentro a Josè Luis, che è lo stesso che è stato in Gesù di Nazaret: è lo stesso. Se te lo dice parlando!”-.

Guarda, lo stesso conflitto:

-“Filippo, chi ha visto me, ha visto il Padre”-.

-“Ebbene, mostramelo…”-

-“Ebbene, guarda benedetto: chi ha visto me, ha visto Gesucristo!!”-

-“Mostramelo…”-

 

È la stessa cosa! Che cosa vuoi che ti dica?

(Ovazione)

Così, in piedi, andiamo a terminare.

(continuano gli applausi)

-“Ci hai stretto un giro!!!”-  (grida un benedetto).

Ascolta: lì si è stretto!! Oggi gli ho dato un giro!

Guarda, ascolta questo. Per questo, quando tu vedi qualcuno che dice:

-“Padre nostro che sei nel cielo, sia santificato…”- ha duemila anni di ritardo…

-“…liberaci dal male…”- ti ha liberato dal diavolo, non solo dal male.

Quindi, quando tu vedi qualcuno:

-“Bisogna lavare i piedi in simbolo di umiltà”-, duemila anni di ritardo.

Quando tu vedi qualcuno:

-“Pentiti perchè il Signore ti salvi”- è in ritardo, perchè Lui ti ha già salvato.

Quello che Lui necessita adesso è salvare la tua mente, illuminarla. Il Consolatore viene ad insegnarti tutte le cose, perchè lui ti ha già portato al Padre. Gesù di Nazaret ti ha portato al Padre, ti ha messo in attesa intanto che si manifestava adesso come Consolatore, per insegnarti.

Mi spiego? Come dicono in Colombia:

-“Mi spiego, Federico?”-

-“Say it in english”-  (Dillo in inglese – gli dice una benedetta)

In english? (in inglese?)

-“In English. I want to do it for the youth”-. (In inglese. Voglio farlo per i giovani)

Do you want to do it? (vuoi farlo?)

-“They want to preach this in English”-. (Vogliono predicare questo in inglese)

We need to reach those Englis speaking people… (dobbiamo raggiungere quelli che parlano inglese…).

(Applausi)

Ascolta, una congregazione di “gringos” andrebbe bene!!

Guarda, battesimo in acqua: ritardo di duemila anni. Se la tua chiesa sta battezzando con acqua, ha duemila anni di ritardo.

La santa cena o la santa ostia: duemila anni di ritardo, mangiano pane a quest’ora.

Presentazione dei bambini perchè il Signore li benedica: il bambino è benedetto, tu non lo devi nè battezzare nè presentare, una fotografia del bambino con il pastore così, abbracciandolo e dicendo:

-“Signore, benedici questo bimbo, liberalo…”-

il bambino è benedetto! Guarda il ritardo che hanno gli evangelici.

Ascolta, io non so come io sono durato tanto lì, anche se sono durato dubitando, tu lo sai, stavo sempre:

-“Ascolta, questo non è…”-

perchè lo Spirito che stava in me me lo diceva. Ma io dovevo apprenderlo per sapere come amarli adesso: attaccandoli!

(Applausi)

Osservare il sabato? Cosa stai facendo tu il sabato? Non ti metti a lavare la macchina mica che ti si converta l’acqua in sangue? Bene, un musicista non può prestare un microfono di sabato… ossia, se tuo figlio sta affogando:

-“Oggi è sabato, lascia che affoghi…”-

Dottrine diaboliche, imposizione delle mani, la trinità.

Andiamo a leggere, così, in piedi, la lettera agli Ebrei 6: 1, per vedere se ci facciamo capire dal nostro pubblico e dal sistema che ci sta ascoltando. Ebrei 6: 1, per vedere se lo intendono meglio:

“Pertanto, lasciando già…”

tutto quello che io ho menzionato qui … uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove, dieci, includendo la trinità

 

“…pertanto, lasciando già i rudimenti della dottrina di Cristo,

andiamo avanti alla…” 

 

dove?

“…alla perfezione…”

tu sai cosa mi ha detto un mio famigliare? Mi ha detto:

-“È che io sto nella perfezione…”-

-“Però, e i rudimenti?”-

-“No, me li sono portati…”-

-“Però, se è che in questo volo permettono solo una valigia. Tu hai dieci valige”-

-“Bene no… però io pago per le dieci valige: cento dollari ciascuna!”-

-“No, ma è che ti si permette solo una certa quantità di valige”-.

Se tu vuoi andare alla verità, alla perfezione, non puoi stare ingarbugliato con idoli, nè cose, nè niente di queste cose. Non puoi fare un battesimo in acqua, tu non puoi stare con questo (farsi il segno della croce), tu no puoi stare in una messa bestemmiando il nome di Gesucristo, calpestando il sangue del patto. Tu non puoi stare con un rosario, benedetto che mi stai ascoltando!

Come ti azzardi a tenere una madonna, un rosario? Stare in una messa cattolica, baciando la mano al pedofilo che hai lì? Sembra menzogna!! Stai ardendo in fuoco, stai nel medesimo inferno e non lo sai, chiamando “Padre” chi non è il Padre.

Poi non dire che non te l’ho detto!! Poi non dire che non lo avevi sentito.

(Applausi)

LA MISSIONE DELLA CHIESA

.

 .

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

 

8 di luglio del 2012

 .

 .

Bene, quindi, andiamo al tema di questa notte.

Prima carta ai Corinzi, capitolo 2, versi dal 6 in avanti.  Dice:

“Tuttavia,

parliamo di sapienza tra coloro

che hanno raggiunto la maturità…”

 

Dì:  TRA COLORO CHE HANNO RAGGIUNTO LA MATURITÀ

E chi aveva raggiunto la maturità in quel tempo? Nessuno. Quindi di che tempo sta parlando lui? Di adesso!

Perchè tu lo sai? Ma cosa ti fa pensare che stava parlando di noi? Perchè Paolo è stato abbandonato da tutti.

Ascolta, ti sto passando un buon esamino dato che Paolo era stato abbandonato da tutti perchè, per quel tempo, la legge permeava tutto l’ambiente. Ancora oggi è così ma in quel tempo era peggio, perchè il Dio di quel secolo, Mosè, aveva accecato il loro intendimento.

E quindi, il pensiero di Mosè e della legge, bene… come impressionano ancora la gente, quelle pellicole: …“I 10 Comandamenti”. E ci sono chiese che si mettono quelle tavole davanti, osserva che stanno ben inchiodati a quelle tavole, e si comportano secondo la legge.

Quindi, vuole dire che Paolo non ha potuto incontrare nessuno che abbia raggiunto la maturità, lì ha detto: “Tuttavia, parliamo di sapienza tra coloro che hanno raggiunto la maturità.” … tra coloro che hanno raggiunto la maturità si parla in sapienza ma vai a parlare di sapienza con la stampa! Non puoi. Vai a parlare di sapienza con i pastori di Miami, con quelli che si fanno chiamare cristiani, vai a parlare di sapienza…

E perchè non ci capiscono? Perchè non sono maturi. Cosa sono? Bambini. Bambini in cosa? Bambini in Cristo. All’essere bambini, non si può parlare di sapienza tra loro:

“…e sapienza”  cosa dice?  “non di questo secolo,

nè dei principi di questo secolo…”

sapienza, non di cosa? E di quale sapienza stava parlando lì? Di quella di Platone?  No.  Se tu vedi il capitolo 1, verso 21, vedrai di quale sapienza parlava.

Guarda il capitolo 1 e il verso 21, perchè tu veda di quale sapienza stava parlando:

“Poichè infatti nella sapienza di Dio,

il mondo non ha conosciuto Dio mediante la sapienza,

è piaciuto a Dio salvare i credenti

con la pazzia della predicazione”.

 

Ma qual’è questa pazzia? La pazzia della sapienza predestinata: non è una qualsiasi pazzia. La gente crede che noi parliamo qui di pazzia. Sì, è pazzia, ma è pazzia per loro, per Dio è la sapienza occulta predestinata.

Adesso: il mondo non ha conosciuto Dio con la sapienza di Mosè, non hanno potuto conoscerlo. Di fatto nessuno ha conosciuto Dio, l’unico che lo ha conosciuto è stato Paolo e poi Paolo ha cercato di farlo conoscere:

-“Qualcuno, per favore… chi vuole conoscere Dio?”- ed è andato da Pietro: -“Pietro, che tremendo, vero?”- e Pietro gli ha detto: -“Di che cosa stai parlando?”-

E Pietro, immediatamente: -“Attenzione Giovanni, che quest’uomo è contro Gesù di Nazaret”-. Parlandogli di sapienza ha visto l’Anticristo.

È per questo che Giovanni dice: -“In questo numero c’è sapienza”- ma è questa, la sapienza predestinata. È per questo che dice “È il numero di un uomo e in questo numero c’è sapienza”. Quale sapienza? Quella di Mosè? No. L’unica che può convertire questi tre numeri (666) in prosperità. La sapienza di Dio.

(Applausi).

Questo non si impara nell’Istituto Biblico o nella teologia dei principi di questo mondo che periscono, periscono nelle loro menti, li tengono dicendo ancora:

-Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia, alleeeeeluiaaaaaaaa…

No, adesso è: -Abba Padre, Abba Padre, Abba Padre, Abba Padre, Abbaaa Paadreee…”-

(Applausi)

Dipende da che sapienza tu hai qui, guarda, nella mente. Tutto sta, dì:

NELLA MATURITÀ. IO SONO MATURO, PER QUESTO NON DICO “DIO TI BENEDICA”. PER QUESTO NON DICO “ALLELUIA”, PERCHÈ SONO MATURO.

Adesso, se sei immaturo (dici): -“Alleluuuuiaaaaaa”- perchè sei immaturo. Quando tu vedi qualcuno che dice così, sappi che il poverino è bambino.

-“Sì, ma lui è il pastore della chiesa”-.

Lì ci sono bambini adulti. In quel sistema, gli adulti sono bambini.

Guarda quello che dice l’ Apostolo nella lettera agli Ebrei 5, versi dall’ 11 al 14:

 

“Su questo abbiamo molte cose da dire, e difficili” cosa? “da spiegare…”

 

Che difficile è spiegare questo. Diventa difficile, vero? Perchè?

Guarda che noi, quante volte tu dici loro: -“No, guarda …che questo, che quello, che prima della croce, che Gesù di Nazaret non era cristiano, quindi, se guardi a lui e gli obbedisci termini in giudaismo…”-.

-“Come? No, no, no, Gesù di Nazaret è il Salvatore”-.

-“Sì, però, mi presti attenzione, signore…” difficile da spiegare “quello che sto cercando di dire è che io non sto contro Gesù di Nazaret. Quello che sto dicendo è di non guardare a Gesù di Nazaret perchè se lei lo imita, innanzi tutto lui non è stato cristiano: lui ha vissuto secondo la sapienza che perisce, la legge, lui non ha potuto parlare sapienza predestinata, lui parlava solo in parabole, la predestinata era occulta”-.

Io ti dico per chi. Te lo leggo presto. È per questo che lui ha detto agli apostoli: -“Per cammino di gentili non portate questa cosa. Per cammino di gentili non parlate di questo, perchè io ho qualcosa di meglio per loro!”-.

Guarda, continua dicendo:

“…difficili da spiegare, perchè vi siete fatti tardi per…”

cosa?

“per udire.”               

                                            

Tu sai come si chiama questo? Intendimento bloccato, dice che “fino al giorno d’oggi, quando leggono, gli rimane lo stesso velo”, perchè hanno il loro intendimento come? Bloccato. Ebbene, un intendimento bloccato sono questi “reverendi”, tutti questi banditi che stanno parlando male di noi.

Guarda quello che dice:

“…tardi per udire.”

 

È lì dove sta il problema. Tu sei rapido ad udire, perchè ti hanno tolto il velo.

Poi dice, verso 12:

 

“Perchè, dovendo essere già maestri, dopo tanto tempo,

avete necessità che vi si torni ad insegnare

quali sono i primi rudimenti delle parole di Dio…”

 

Vero? La legge. Hanno la necessità che gli si dica: -“Non uccidere, non rubare…”-

Ascolta, è già sufficiente. Se si sa, ascolta, che uccidere è male, rubare è male…

Dice:

“…e siete arrivati ad essere tali che avete necessità di latte”

vecchio patto, legge

“e non di alimento solido”

grazia, questa è la Grazia.

 

“E chiunque si nutre del latte…”

la legge del vecchio patto, della dottrina di Gesù di Nazaret,

“è”

come?

“inesperto nella parola della giustizia, perchè è”  

cosa?

“è bambino.”

-“Io sto nel vangelo da 30 anni, pastore”-.

Trenta anni in cosa? Così mi hanno detto alcuni di voi:

-“Ragazzi, sto nel vangelo da 30 anni e ho capito questo solo adesso!”-.

 

No. Tu non stavi nel vangelo, tu stavi nella legge, non nel vangelo. Nessuno di voi stava nel vangelo, voi stavate nelle chiese protestanti che non predicano il vangelo. Voi eravate dei religiosi ma non eravate cristiani, voi eravate “cristini” ma non cristiani! Sei diventato cristiano quando sei arrivato qui. Adesso tu sei un vero cristiano!

(Applausi)

Cristiano è uno che crede di essere morto al peccato (Romani 6: 11),

che è libero dalla legge (Romani 7: 2 e 3),

che è libero dal diavolo (Ebrei 2: 14),

che non si può perdere (Ebrei 10: 14),

che è completo (Colossesi 2: 10), che non gli manca niente,

che è uno spirito perfetto in Cristo Gesù (Ebrei 12: 32),

che è benedetto (Efesini 1: 3).

Questo è un cristiano!

(Applausi)

Ma se tu non credi questo, non bestemmiare il nome di Gesucristo. Questi bugiardi che si definiscono cristiani: -“Siamo cristiani dell’ultima chiesa!!”-.

In Porto Rico, gli unici cristiani che io conosco sono nel Ministero Crescendo in Grazia. Lì non c’è altro cristianesimo e loro si credono di essere cristiani …che dolore! Wow!

 

Dice Ebrei 5: 14

“…ma l’alimento solido…

guardalo … hello!

“ma l’ alimento solido è per…”

solamente

“…per coloro che hanno raggiunto maturità,

per coloro che,  per l’ uso,  hanno i sensi esercitati…”

guarda: vanno ad una palestra, vanno ad una palestra che si chiama Crescendo in Grazia.

Cosa succede ad una persona che fa esercizi, in quanto al fisico? Comincia a mettersi in  forma. Ebbene, quindi, questa palestra è per coloro che …

“…hanno i sensi esercitati nella conoscenza del bene e del male.”

Qual’è il bene?  La Grazia. Qual’è il male? La legge. Tu hai discernimento tra questi due, tu vedi qualcuno predicare e dici: -“Questo non funziona!”-

e ce n’è un altro là che dice: -“Ah, che tremendo!”-

e tu qui: -“È fuori, non sta in linea. Non è in linea con il patto!”-

-“Ascolta, però come predica bene!”-

-“No, come grida bene. Lui non predica bene!”-.

“I sensi esercitati.”

Tu sai quanto tempo serve per esercitare i sensi?

A volte sono 8 mesi che tu sei lì e sei ancora… uuuhh,  perchè non sei esercitato. Ci sono alcuni che naufragano, salgono su questa barca e, al momento, la marea sale e stringe e dicono: -“Non vengo più”-.

Ma ce ne sono altri, ragazzi! …che la barca può voltarsi e dicono: -“Tranquillo, io so dove sono ancorato!”-. Questo è maturo. Abba Padre!

Ascolta, che bella che è questa parola, vero? Come identifica e come uno può discernire.

Colossesi capitolo 1, versi dal 9 al 13:

“Perciò anche noi, dal giorno che lo abbiamo udito,

non cessiamo di pregare per voi e di chiedere che siate pieni”

dello Spirito Santo

“pieni della conoscenza.”

Ebbene, la conoscenza è lo Spirito Santo. Che cos’è lo Spirito Santo? Il vangelo.

-“Signore riempimi! Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia …”-

 

C’è gente in giro che prega per essere pieno. No, significa: pieno della conoscenza, tu devi essere pieno della conoscenza.

Guarda quello che dice:

“…perchè siate pieni della conoscenza della Sua volontà”

guarda

“in ogni sapienza…”

 

Cos’ha detto Paolo lì? La sapienza cosa? Predestinata ed occulta!

“…in ogni sapienza e intelligenza spirituale…”

 

Ascolta: tu puoi essere intelligente spiritualmente?  Chiaro, se raggiungi la maturità, tu sei intelligente nello spirito, nonostante tu sia una persona chiusa nella carne.

A me hanno domandato: -“Dimmi una cosa, e questi Vescovi che hai tu,  che tu nomini personalmente? Voi avete un’educazione formale per questo?”-.  È per questo che esistiamo, perchè non abbiamo questa informazione sbagliata.

Loro pensano che bisogna andare ad un collegio, ad un seminario per prepararsi ad essere Vescovo o Pastore di questo ministero.

Tu non vedi che quella è l’infanzia, lì è dove si preparano i bambini. Questi sono gli asili infantili del sistema evangelico. È da lì dove ti rendono più bruto di quando sei entrato, immaginati…

…bene, continuiamo perchè se no…

A cosa serve questa sapienza spirituale?

 

…per far sì che viviate come è degno del Signore,

essendogli gradito in tutto, portando frutto in ogni buona opera,

e crescendo nella conoscenza di Dio;

 

rinforzati con ogni potere, secondo la potenza”

dei miei digiuni, delle mie opere

“della Sua gloria, per ogni”

cosa?

“pazienza…”

 

per ogni cosa? Pazienza!

Guarda, tu puoi essere, …due ore fa, essere passato per una prova ben grande, ma una prova ben grande e, al momento, dici:

-“Aspetta, oggi c’è il ricalco”-

-“Ma tu non sei tribolato e arrabbiato?”-

-“Bene no: è una lieve, perchè io ho potere”-.

-“Che tu hai potere???”-

-“Io ho intelligenza spirituale. Io ho sapienza predestinata messa qui”-.

-“Ma se ti è appena morta tua mamma… e tu non stai diventando matto?”-

-“No, no, perchè questa è un altra sezione: lei è andata nella nube di testimoni. Lei continuerà a udire la parola da là”-.

-“Ma non senti dolore?”-

-“Bene, io ho già pianto quello che dovevo piangere, ma è un bene che se ne sia andata perchè stava soffrendo”-.

-“Ma tu non la amavi?”-

-“Che se io la amavo?…”-

-“Però, se tu hai appena perso la macchina in un incidente e vieni oggi al lavoro?”-

-“Bene, poichè non mi è successo niente, sono venuto”-.

-“Ma non ti disturba?”-

-“È che io ho…”-

Guarda il verso 11, quello che dice lì. A cosa serve questo potere? Per cosa?

“…per ogni pazienza…”

 

Quanta pazienza?

Tu sai che cos’è questa pazienza?  Che ti possono chiamare: “cane morto”

-“Guarda, tu sei un ipocrita …”-

-“Tranquillo Bobby. Io posso essere più che ipocrita!”-.

-“Che tu puoi dire questo???”-

-“Sono in carne…”-

Tu puoi essere tutto quello che vogliono ma, per la grazia di Dio, non lo sei. Per la Sua grazia!

“…per ogni pazienza e longanimità…”

 

Tu sai cosa significa longanimità? “Longsuffering”. Io non lo sapevo cos’era questo, l’ho letto in inglese e diceva “longsuffering” ossia: sofferenza lunga, prolungata.

Come dire che dove gli altri dicono: -“Non ne posso più”-,  tu dici: -“No, no, questo è passeggero e momentaneo.  Abbaaaa!”-

(Applausi)

Guarda, ascolta questo:

“…con gioia…”

Dico, questa non è allegria. L’ allegria se ne va, questa rimane:

“…con gioia dando grazie al Padre che ci ha fatti…”

come?

“idonei…”

 

Tu sai di essere idoneo?

-“Ahi, Apostolo, io non me lo merito…”-.

-“Che tu non cosa?”-

-“No, è che io sono stato molto cattivo”-

-“Ma non dipende dal fatto che tu sia stato buono o cattivo. Lui ti ha fatto idoneo”-.

-“Che Lui mi ha fatto idoneo? Ma se io ero un ladro, io ero un bugiardo, io sono stato questo… io sono stato quello…”-

-“Io ho avuto 6 mariti e quello che ho adesso non è mio marito”-.

-“Sì, ma ti hanno fatto idonea!”-.

-“Come che mi hanno fatto idonea?”-

 -“Idonea significa che qualifichi!”-.

Per cosa? Per cosa qualifichi?

“…per partecipare all’eredità dei santi nella luce.”

Abba Padreeeeeeeeee!

(Ovazione)

E guarda, guarda quello che dice il verso 13. Che gran verso!!

“…il quale…”

ci libererà…

“il quale ci ha liberato dalla potestà delle…”

cosa?

“delle tenebre…”

 

E c’è stato un trasferimento, ossia, non solo ti hanno detto: -“Guarda, tu sei libero dal diavolo”-, ti hanno detto anche: -“No, no, però dimenticati del diavolo, che adesso ti hanno anche trasferito!”-.

Dove?

“…al regno del Suo amato Figlio.”

 

E questo è successo in quel tempo? In quel tempo nessuno era maturo: là non si è potuto, Paolo è stato abbandonato da tutti, per colpa degli 11 apostoli, lo hanno abbandonato.

Quindi,  lui ha detto:  -“Guardate, io ho cercato con questa gente… ma è che sono tanto testardi. Non posso. Così che, guardate, dopo la mia partenza termina la grazia, vi ridurranno in schiavitù”-.

Ti sto parlando di Atti degli apostoli 20:28.

Questa è una profezia, Paolo disse:

-“Se mi uccidono a Roma, se riescono ad uccidermi, a meno…” ha detto Paolo “che mio  Papà mi liberi. Ma io sono già “ready” (pronto): se me ne devo andare, me ne vado! Lui mi ha liberato prima dalla bocca del leone, mi avrebbero ucciso là, mi hanno tirato i sassi e mi hanno lasciato mezzo morto, mi hanno portato al terzo cielo in un viaggetto spaziale, poichè mi hanno lasciato quasi morto a sassate nella città. Ma io non so se a Roma…”

 perchè siccome Roma è una città “tanto tremenda” e “tanto buona”…là io non so se un individuo di questo calibro possa sopravviverePietro no, Pietro sopravvive e anche gli apostoli e tutta quella gente!

 

“…ma io, con quello che io predico,  lì mi possono ammazzare!!”-.

E, chiaramente, sono arrivati gli apostoli, hanno congiurato la sua partenza, un gruppo si è messo in digiuno e orazioni fino a dare morte a Paolo (Atti 23: 12- 16).

Lì non hanno potuto ma a Roma lo hanno liquidato, lo hanno ucciso, e quindi lui ha detto:

-“Dopo la mia partenza verranno lupi rapaci che non vi perdoneranno, porteranno di nuovo il peccato, porteranno indulgenza, porteranno questo, quello, simboli, cerimonie, porteranno la legge, il diavolo torna come leone ruggente. Così che, dopo la mia partenza, questo termina”-.

Quindi, quando lui parla così, di che cosa sta parlando? Non vedi che per Papà, mille anni sono come un giorno? Sono passati due giorni e questo è il terzo giorno, ebbene, il terzo millennio: già ne sono passati due, due giorni e questo è il terzo giorno.

Lo ha detto il profeta:  “Nel terzo giorno ci ha risuscitati insieme a lui e ci ha seduti nei luoghi celestiali con Cristooooooo”.

Abba Padre!

(Ovazione)

Ha ha ha ha…  Ahi Padre, che gloria! E stiamo nel regno del suo amato Figlio. Questo è il regno.

(Continuanogli applausi)

Io non so in quale altro regno ci sia tanta gioia come qui!  Abba Padre!

Ascolta, e voi tutti lì, con tutte le ginocchia piegate… come sono le tue ginocchia in questo stesso momento? “Piegate” non significa che devi stare in terra. Questo sarebbe inginocchiarsi come i nostri genitori, che ti mettevano un drappo per farti inginocchiare. Ogni ginocchio si piegherà:  ci sarebbero state sedie per piegarle.

Quanti hanno le ginocchia piegate? Vedi? Stai pregando! Questa è la vera orazione, non quello che fa la religione!! Questo è pregare, pregare nello Spirito. Pregare non significa trovare un tempo per Dio:

-“Lunedì pregherò 15 minuti: alleluia, alleluia, alleluia, alleluia.  Signore, aiutami!”-

-“Aiutami? Tu sei stato aiutato!”-

-“Puliscimi, puliscimi, puliscimi…”-

-“Sei perfetto con una sola offerta (Ebrei 10: 14)”-.

-“Liberami dal diavolo, Signore, che non mi faccia danno”-.

-“Ti ha liberato dalla potestà del diavolo”-.

A chi che non piace questo significa che è difettoso dalla fabbrica.

Ma ho trovato questa droga, la sapienza occulta predestinata, che questa sì che ti conquista e ti riempie!!  Ti riempie. Abba Padreeeeee! Questo riempie!! Questo sì che ti soddisfa.

(Ovazione)

Dobbiamo promuovere questa droga fino a che tutto il mondo diventerà dipendente dalla grazia, con la pazzia della predicazione del vangelo, consumerò me stesso, mi consumerò!!

(Applausi)

Tu sai cosa significa vedere qualcuno gioioso?

Vedere qualcuno al quale dicano:

-“Fratello, come sta?”-

-“Ahi, qui, succhiando un cavo” (modo di dire: va tutto male -ndt). “Tu lo sai che è che la mia mamma… il mio papà… io non ho potuto studiare ed è difficile la vita adesso.… la benzina è aumentata, lo sai? Ed ho un dolore qui, ragazzo! E mi fa male la schiena. Oltretutto tu sai che i miei genitori… e questo…mia sorella… mio fratello mi ha fatto questo ed io non lo so, a me a volte mi viene voglia di…”-.

Ma, al momento, tu gli inietti la droga della grazia, gli metti questo e poi gli chiedi:

-“Come stai, fratello?”-

-“Regnando!”-

-“Ascolta, ma tu non eri quello che si lamentava la settimana passata?”-

-“Quello è un giornale vecchio, io sto regnando”-

-“Ma, e come va con il denaro?”-

-“Chiamando le cose che non sono come se fossero”-

-“Come?”-

-“Sì, dimenticalo, io sto bene. Sono benedetto con tutte le benedizioni”-.

Questo è credere al vangelo!

Che cos’è un credente? E che cos’è la fede?

La fede è la convinzione delle cose che si aspettano.

Convinzione di quello che si aspetta, perchè? Perchè arriverà! E la convinzione di quello che non si vede: “Chiamando le cose che non sono come se fossero . Questa è la fede, questo è quello che mi mantiene in piedi. Se no, ahi Padre! Io non sarei sopravvissuto. È per questo che questi pastori stanno che non ne possono più:

-“Bisogna celebrarlo…” quando compiono 62 anni “…bisogna ritirare il vecchio perchè non ne può più. Non può più predicare”-.

Ok. Per chi era questa sapienza? Per i giudei?

Andiamo a vederlo biblicamente a chi era destinata questa sapienza predestinata. Colossesi capitolo 1, versi dal 26 al 28.

Osserva: perchè quando Paolo… quando parlava così, non parlava di quei tempi? Perchè in quei tempi i gentili non erano arrivati, di fatto non li lasciavano entrare. Tu lo sai cosa facevano? Cercavano di giudaizzarli! Pietro era un giudaizzante, per questo Paolo lo ha ripreso e gli ha detto: -“Perchè tu che sei giudeo obblighi i gentili…”- a fare cosa? A giudaizzare. Questa era la sentenza che Paolo gli ha dato nella lettera ai Galati capitolo 2, versi dall’ 11 al 14, quindi vuole dire che là nè i giudei nè i gentili potevano.

Ma, guarda quello che dice Paolo, per quale ragione era:

“Il mistero che era stato occulto da secoli e da età,

ma che adesso…”

nonostante duemila anni fa abbia detto“adesso”, questo“adesso” è ora.

Dì: ADESSO!

Questi sono eterni “adesso”:

“…ma che adesso è stato manifestato ai suoi santi,

 

ai quali Dio ha voluto dare a conoscere le ricchezze

della gloria di questo mistero”  

tra?

“tra i gentili...”

-“E non è per i giudei, Apostolo?”-

A chiunque di voi che sia mezzo giudeo o giudeo: se hai potuto intendere questo, tu sei il meglio che c’è tra i giudei perchè questa ricchezza era per i gentili. Tu non vedi che i giudei trattavano i gentili come cani? Sì, il giudeo si sentiva superiore.

È per questo che Papà ha detto: -“Il popolo che non era Amata, io lo chiamerò mia Amata”-, IoIO! Ossia: -“Io non lascerò scritto che vi chiamino. No! Io stesso vi chiamerò “l’ Amata””-.

Tu intendi questo?

(Applausi)

Che tu capisci questo che io ho detto lì?  Questo era codificato ma se tu sei maturo, dici: -“L’ho presa, Apostolo! L’ho presa!!”-.

“…che è Cristo in voi, la speranza della”

cosa?

“della gloria,

che annunciamo ammonendo”

alcuni uomini?

“ogni uomo,

ed istruendo ogni uomo in ogni sapienza, al fine di presentare perfetto…”

qua’è il proposito di una chiesa? Qual’è la missione?

No, ma per chiamarlo perfetto loro prima gli dicono:  -“Guarda,  tu sei un peccatore, il diavolo ti tiene afferrato. Tu stai in peccato!”-.

Tutte le chiese lo fanno, tutte! È per questo che sono false.

-“No, tu stai in peccato!!”

No, lui non sta in peccato, lui sta in tenebre, in ignoranza.

Quindi,  qual’è la nostra missione?  Prendere chiunque, non importa come sia, nè come sta e dirgli:

-“Benedetto, tu sei perfetto in Cristo Gesù!”-

-“Chi?”-

-“No, no, tu!”-

-“Io? Lei non mi conosce, lei non sa…”-

-“Che io non ti conosco?”-

Il tuo spirito è stato perfezionato, tu sei uno spirito giusto reso perfetto. Quello che succede è che tu ti vedi in  carne e ti vedi imperfetto, ma questa sapienza fa sì che tu non guardi quello che si vede ma quello che non si vede.

E quando ti guardi, tu ti fai così: dai baci a te stesso e dici: -“I love you Josè Luis (ti amo Josè Luis), che bello sei…”-. Sei perfetto, e quindi tu ti chiami… come ti chiami tu? Dì il nome e dì a te stesso: -“Dico “Ti amo” a me stesso, “ti amo” a me stesso, perchè sono perfetto. Cristo mi ha fatto perfetto!! Cristo in me è la speranza della gloria, sono un Cristo. Sono uguale a Cristo!!”-.

(Applausi)

Dico… se credi alla Parola.

Qui io non invento perchè tutto quello che si insegna qui deve stare appoggiato dal patto della incirconcisione. Qui nessuno può dire una cosa che non stia scritta: questa è la tua sicurezza.

Se questo è falso (il messaggio di JH) anche questo è falso (mostra la Bibbia). Se questo per te è la verità (mostra la Bibbia), quindi tu sei un benedetto e tu stai nella verità. Questo è ciò che ti interessa: sapere che stai nella verità. Per questo tutta questa persecuzione che viviamo non ci preoccupa, perchè sappiamo in chi abbiamo creduto.

Tu non stai qui così come uno chiunque: -“No, quello che succede è che questo mi piace e mi fa bene e io vado per questo e per quello. E dopo tutto, resta vicino a casa mia!”-.

No, qui tu vieni da Broward (un paesino a un’ora da Miami).

Quanti sono arrivati da Broward?

Guarda, da Broward!

Ma ci sono chiese lì, in Pembroke Pines. Perchè non siete rimasti lì e risparmiavate benzina che è tanto cara?

No. Per questo (messaggio) tu viaggi quanto sia necessario!! Guardaaaaaaa, ragazziiiiiiiiiii!

(Applausi)

Per questo tu viaggi lontano. Io lo farei per questa parola. Io lo farei… io lo farei… Abba Padre!

(Ovazione)

Ascolta, non trovo come terminare, che pena…

Un altro versetto. Efesini 6: 19. Guarda quello che dice:

“….e per me, al fine che all’aprire la mia bocca mi sia data parola

da dare a conoscere con vigore…”

 

guarda, con animo! Non noiosi, aaaah, come quelle litanie… NO!

“…con vigore il…”

cosa?

“il mistero del vangelo.”

 

Quindi il vangelo che cos’è? Cos’è il vangelo? È un mistero!!

Che cos’è un mistero? Qualcosa che la gente vede e non capisce.

Adesso, per te è un mistero? È già una rivelazione perchè tu già lo intendi. È per questo che la gente non ci capisce: non vedi che stiamo parlando in mistero?

-“Ah, Lei non sta parlando del vangelo?”-

-“Bene, io sto parlando del vangelo che è un mistero”-.

-“Ah, ma io intendo ben chiaramente i pastori in giro!”-

-“Ebbene: non stanno parlando in mistero!!”-.

Tu hai visto che addirittura gente che non va in chiesa, ascolta un pastore e dice:

-“Ascolta, come ha parlato bene! E guarda, ha ragione, ha ragione, le cose vanno male!! Bisogno comportarsi bene perchè se no viene il “cuco” (il diavolo) e ci picchia!!”- e lo intendono così.

-“No, e te ne vai all’inferno?”-

-“Sì, chiaro, se ti comporti male, vai all’inferno!!”-

-“E, se Cristo viene e ti trova in peccato ti perdi?”-

-“Eh! Questo è chiaro!”- 

Questo non è mistero. Il mistero è che Cristo viene e ti trova perfetto, e ti trova sano, prospero.

(Applausi)

Dì: VIGORE!!

Ah, quando io sento quei benedetti parlare della parola in giro… io conosco benedette e benedetti di questo ministero che si mettono in un ufficio e quando cominciano… che bellezza!!

-“Di che cosa sta parlando lei?”-

-“No, che già Cristo è arrivato sulla terra”-

-“Che Cristo è arrivato?”-

-“Sì, sta nella mia chiesa”-

-“Che Cristo sta nella tua chiesa????”-

-“Sì, il Signore è già arrivato!”-

-“No, ma è che viene scortato da angeli e scende così…”-

-“No, ma prima deve venire come ladro nella notte, perchè se viene come la gente dice in giro così, poi non può venire come ladro…”-

C’è un ordine. Quello che succede è che la Bibbia non è scritta cronologicamente e, per poter codificare, Paolo diceva: -“Con questo li confonderò: -“Viene e ci rapisce nelle nuvole”- quindi poi viene e dice: -“Però viene come ladro nella notte…”- non ti avvisa.

Ma se viene in questo ordine prima non può venire in questo secondo ordine. Ma colui che ha sapienza e maturità dice: -“Aspettate, questo non può succedere così”- e lo inverte e dice: -“Prima viene come ladro senza avvisare!!”-.

Questo è ciò che io faccio adesso, “come ladro”: Il ladro non avvisa quando viene. Il ladro cerca il momento nel quale tu non ci sei e quindi, per tutti questi pastori in giro, io sono come ladro. E loro stanno dicendo: -“Cristo viene!!”-.

Viene?  Lui è venuto come ladro. Tu sai per cosa? Per rubarsi l’ignoranza. Noi, coloro che speravamo in Cristo, che ci hanno ingannati chiamandoci peccatori, sono venuto come ladro e ti ho rubato, ti ho rapito. Questo è il vero rapimento: Tac! -“Vieni qua!!”-  e ti illumina!!

E tu dici: -“Guarda, mi ha rapito in una nuvola! Come mi ha rapito il Signore, in un battito, guarda, è venuto in un battito… ehi, sono benedetto!”-

A te è successo così? Ebbene, questa grazia è così. Quando tu ti innamori di questa parola, guarda, a te non importa che ti chiamino, che perdi, che ti sbattano fuori dal lavoro, che ti tolgano denaro, ti tolgano il cognome, ti buttino fuori dalla casa, ti buttino fuori i vestiti…

Tu dici: -“Ragazzo, questo è il pizzicotto di un monco, tranquillo che vado, questo è quello che io voglio!”-.

(Applausi)

Tu sai quello che ha detto Gesù di Nazaret? Che il vangelo, che stava profetizzando per adesso, dice che è come un uomo che colleziona, era un “collector”, “collezionista di perle” e lui aveva molte perle e ogni momento andava a vederle e gli dava la sua lucidatina.

-“Ascolta, questa è così, questa è così… un poco rosata… più bianca”- e le stava ammirando sempre …e con il suo straccetto.

E improvvisamente un giorno è passato per il mercato ed ha visto una pietra tremenda ed è diventato matto ed ha detto: -“Io voglio quella perla”- e se n’è andato ed ha venduto tutte le perle ed è entrato in quel posto ed ha detto:

-“Quanto vale questa perla?”-

-“Tanto…”-

-“Questa è quella che io voglio!!”-.

O, come un uomo che è passato in un terreno e, improvvisamente, ha pestato qualcosa e c’era come una latta, come un lattone e quindi ha preso un bastone, così, e ha tolto la terra e quando ha aperto era un cofano…ah! Era pieno di gioielli! Ma quel terreno non era suo, quindi lo ha coperto di nuovo.

Poi è andato ad un’asta del Real State e gli ha detto:

-“Ascolta, in quanto vendi questo (terreno)?”-

-“No, questo terreno misura tanto…”-

-“Però, quanto costa?”-

-“Ebbene, questo terreno vale 100 mila dollari”-.

-“Te ne dò 110”-.

-“No, no! 100 mila vanno bene”-.

-“Io lo voglio!”-.

E va e lo scrittura ma a lui non interessa il terreno: la sua attenzione sta in quello che c’è là (il tesoro).

Ebbene, la parola che io insegno è così, quando tu la impari e la prendi così, ragazzo!  Guarda: se io me ne vado sotto un ponte, tu vai fino lì a sentire la parola. Se non c’è l’aria condizionata, tu vai lì ad udire la parola. Se non mi puoi vedere in persona mi vedi in televisione, o per video, o lo ascolti in un CD ma tu non ti vuoi perdere questa parola.

Alziamoci in piedi. Gloriaaaaaaaaaa! Andiamo a cantare! Hello! L’ orchestra CEG!

(Applausi)

LA FALSA SCIENZA contro LA VERA

.

 .

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

6 di giugno del 2012

Il tema di oggi è: FALSA SCIENZA contro LA VERA SCIENZA.

Prima della croce c’è stata una scienza che Paolo ha chiamato falsa perchè non aiutava l’essere umano e poi, dopo la croce, c’è una vera scienza della quale Paolo ha detto: -“Questa è la vera scienza, la scienza della fede”-. Ma andiamo a vederlo biblicamente.

Prima carta a Timoteo, capitolo 6, versi 20 e 21.

“Oh Timoteo, custodisci quello che ti è stato affidato, evitando le chiacchiere profane su cose vane…”

Quante cose vane ascolta uno oggi in televisione e nei programmi.

“…e gli argomenti della falsamente chiamata scienza, professando la quale alcuni hanno deviato” da cosa? “dalla fede. La grazia sia con te”.

 

“La grazia sia con te”, lì non dice “lo Spirito Santo”, non dice “la trinità”, non dice un’altra cosa: “la grazia”.

E che cos’è la grazia? La vera scienza.

Osserva quello che dice la lettera ai Romani 8: 3. Ricorda che c’è una vera scienza e una falsa scienza e la falsa sciencia è ciò che il mondo conosce.

Il Ministero Crescendo in Grazia è l’ unico ministero nel mondo che ha udito la vera scienza. Ossia che tu sei uno scienziato. Tu hai la vera scienza e se permetti che questa scienza lavori, nessuna scienza sbaglia, ti funziona.

Guarda quello che dice di questa scienza, lettera ai Romani 8:3.

 

“Perchè quello che era impossibile” per quella scienza “per la legge…”

 

Questa è la falsa scienza, la legge di Mosè, quello che vivono tutte le chiese oggi.

“…quello che era impossibile…”

 

Difficile? Impossibile. Non si può. Non cercare di vivere in un’altra maniera perchè è impossibile.

“…quello che era impossibile per la legge, in quanto era debole per la carne, Dio, inviando suo figlio in somiglianza” vaccino, come un vaccino “in somiglianza a carne del peccato e a causa del peccato, ha condannato il peccato nella carne, perchè la giustizia della legge si compisse in noi che non viviamo conforme alla carne, ma conforme” alla vera scienza  “allo Spirito.”

Quindi, il mondo è stato ingannato da Pietro: il Vaticano, il primo Papa, tutto il papato romano ha ingannato il mondo perchè ti ha occultato la vera scienza. Tremendo crimine!

 

È come se qualcuno desse la sua vita per scoprire un antidoto, una medicina per salvare un essere amato e non gli arrivi mai. Dopo che lui ha dato la sua vita non gli arriva  ma gli arrivano altre cose generiche che non funzionano. Per duemila anni hanno ingannato il mondo con una falsa scienza ed i colpevoli sono i religiosi. E poi dicono:

-“Non parli male di loro Apostolo, che Lei fa una brutta figura parlando male di loro”-

Fai una brutta figura a parlare male di colui che ti ha ucciso un figlio? Sono degli assassini!

Io, onestamente, quando io avrò il potere nelle mie mani, quando tutti i miei nemici saranno posti ai miei piedi, io mi comporterò male. Di più,  Hitler mi resterà così, piccolino! Dico, nell’aspetto spirituale.

Ascolta, il danno… tu lo sai quello che soffrono in questo momento? Tu vedi tutti questi terremoti, maremoti, tu vedi gli uragani. Tutto questo è colpa di questo (inganno). Non stiamo parlando con leggerezza.

Una falsa scienza ha ingannato il mondo. Tu non vedi che era un pugno di gente, ma si è moltiplicata in falsità. Si è moltiplicata con falsità. E quindi, immaginati: quello che era impossibile per la legge poichè era debole, perchè la tua carne è debole…se tu sei debole, tu non hai rimedio.

È per questo che Paolo, nella lettera ai Romani, lasciami leggere gli altri versi qui. Lettera ai Romani 10: 2.

 

“Perchè io vi dò testimonianza del fatto che hanno zelo di Dio,

ma non secondo la scienza”.

 

Tu hai zelo di Dio? Questa gente che lotta con me: -“Noooo, io sono cattolico, apostolico, romano. Io amo Dio”-. E tu li vedi che lottano contro di noi ed hanno zelo. Questa gente che si oppone a noi, hanno uno zelo tremendo: -“No, Lui si sbaglia, Lui dice che ha l’unica verità”-.

Hanno uno zelo tremendo, ma non secondo la scienza. E se non è secondo la scienza? A cosa ti serve dire che tu hai ragione? Tu dici che io non ho ragione, Telegracia, guarda, tu che mi stai vedendo:

Io non ho ragione e tu hai zelo, ma non è secondo la scienza, non funziona nell’essere umano.

A me domandano: -“Perchè lo segue tanta gente?”-

 

Ebbene, domandatelo a voi stessi! La gente non è stupida e in questo ministero di più, perchè qui non ci sono fanatismi del fatto che non ti metta questo, che non usi quello, che non vada là. Qui non c’è fanatismo. Se non c’è fanatismo, perchè la gente continua a crescere e continua ad aggiungersi? Loro sperimentano qualcosa.

Cosa sperimentano? La scienza che lavora nelle loro vite. Qualcosa deve stare funzionando.

(Applausi).

 

Io dico loro: -“Bene, cercate voi, indagate”-. Che cos’è quello che sta succedendo che alla gente piace questo? Perchè questo funziona. Domanda alla gente che sta intorno a te: perchè la gente ha questa gioia?

“Hanno zelo di Dio…”

Ascolta, questi pentecostali che si buttano in terra e io dico loro: -“Guardate, io vi dò testimonianza che loro hanno zelo di Dio, ma non è secondo la scienza”-.

Di fatto, loro non sanno neanche di che cosa sto parlando. Guarda, loro ascoltano la “scienza”: sono capaci di dire adesso che io sono dentro alla  NASA… -“Deve stare facendo un corso lì, in Cape Canaveral”- perchè sono tanto bruti, hanno la mente tanto chiusa che uno parla loro di circoncisione e dicono: -“Lui sta parlando di quello che gli fanno nel “pisellino” ai bambini”-.

Ossia, che quelli credono che io sto parlando del corpo e non sanno che questo è dottrina.

Questo è successo ai giudei, che i giudei pensano che la circoncisione è il segnale che si faceva fisicamente ai bambini e non sanno che è un vangelo. Un vangelo non ha niente a che vedere con fisico. Un vangelo è una dottrina, la dottrina della circoncisione, ma è che ogni volta si instupidiscono di più. E tu ti arricchisci di più. Tu sei più saggio e loro meno.

(Applausi).

Di più, tu non avevi mai sentito questo. Questo che io ti sto dicendo, c’è gente che dice: -“Ascolta, aspetta, ascolta l’Apostolo ha ancora cose nascoste lì”-, perchè io non avevo mai parlato di questo: la falsa scienza contro la vera scienza. Ed è una scienza! Ed ogni scienza che è comprovata deve essere rispettata.

Prima carta ai Corinzi 13: 8.

 

“L’amore non avrà mai fine ma le profezie” cosa succederà? “finiranno e cesseranno” cosa? “le lingue e la scienza cosa? “termineranno.”

La falsa scienza. Lì sta parlando delle lingue, le lingue, cosa? Cosa dice lì? Cesserà cosa?

Tu hai notato questo in questo ministero? Guarda, io ho questo dono, parlare in lingue. L’ho avuto per anni ma, cos’è successo? Che quando è arrivata la vera scienza ho smesso, già io non parlo lingue.

Quando in un ministero tu senti che tutti  stanno parlando lingue, è che sta nella falsa scienza. Per questo in questo ministero già non si parlano lingue. Tu non vedi che la vera scienza è più profonda delle lingue?

 

Tu non devi parlare una lingua sconosciuta per edificarti. Perchè prima tu parlavi in lingue e tu dicevi: -“Wow! Mi sto edificando. Colui che parla lingue edifica sè stesso”-. Edifica sè stesso?! Come? Tu ti edifichi quando ascolti la grazia, la vera scienza.

 Per questo, quando arrivano alla grazia si domandano: -“Ascolta, in questo ministero non pregano, in questo ministero non pregano per gli altri, non inpongono le mani, non parlano in lingue. Perchè?”-  è che è arrivata la vera scienza e la scienza ti illumina: perchè devo pregare per te? Prega tu… che cos’è questa cosa di: “Prega per me…”? Non pregare per niente, ragazzo! E se tu non sai neanche pregare, per cosa ti metti a pregare per me?

Come fai tu a pregare per me, dimmi? Cosa dirai?

-“Benedici l’Apostolo?”-

Io sono benedetto, ragazzo…

-“Aiuta l’Apostolo”-.

Io sono aiutato.

-“Proteggi l’Apostolo”-.

Io ho angeli.

Come fai a pregare, dimmi? Andiamo! Prega per me!!

(Applausi).

Perchè pregare per te, se tu non hai bisogno di niente? Tu sei completo! Qui già siamo pregati e benedetti, completi, la vera scienza fa questo!

(Applausi).

Queste chiese che ci sono in giro che usano un’urna:

-“Ricordi di mettere la sua richiesta di orazione nell’ urna perchè tutti i diaconi, la domenica, quando ungono l’ urna…”- e quindi tutte le vecchiette: -“Per mio nipote”-e cominciano lì (i commenti): -“No, io ho chiesto nella urna di orazione…”-.

Questo è infantile, qui non si può. Quando tu arrivi alla vera scienza ti si esige che ordini i tuoi pensieri, quando arrivano, prima di parlare. Ti si esige che tutto quello che tu fai, prima pensi: -“Aspetta, questo è quello che va bene”-.

 

Tu sei una persona pensante, perchè la vera scienza fa di te un pensatore. Se ne vanno i pettegolezzi,  le oziosità, tutto!

Prima carta ai Corinzi capitolo 2, verso 6.

 

“Tuttavia, parliamo sapienza tra coloro che hanno raggiunto la maturità,

e sapienza non” di questa terra “di questo secolo, nè dei principi”

degli apostoli, dei governi “di questo secolo, che periscono”.

 

“Ma parliamo sapienza di Dio in mistero, la sapienza occulta,

che Dio ha predestinato prima dei secoli per la nostra gloria,

quella che nessuno dei principi di questo secolo ha conosciuto, perchè se l’avessero conosciuta non avrebbero mai crocifisso il Signore della gloria.”

Vuole dire che questa sapienza Paolo l’ha stampata qui, ma non è stato possibile spiegarla, nessuno la conosceva fino al 1973, quando si è svegliato in me Gesucristo Uomo. Nemmeno io la sapevo! Questo velo, non sapeva niente. Anch’io ero un religioso.

Questo era sotto velo per questa epoca, per questi tempi. Ed ha cominciato a correre la vera scienza. Ed è per questo che sta succedendo quello che sta succedendo nel mondo e questo non lo ferma nessuno. Questa è l’ultima giocata di Dio, ha tirato fuori l’Asso così…

Lettera ai Colossesi 1: 26 al 29.

 

“…il mistero che era stato occulto dai secoli e dalle ere, ma che  

adesso…”

 

Questo “adesso” è adesso, non era allora, questo è un eterno presente. Quando dice “adesso” questo è menzogna che adesso (questo “adesso” non era per il tempo di Paolo, era per il tempo di JH -ndt), perchè allora nessuno aveva capito questo. Di fatto Paolo è stato ucciso e nessuno… non si è saputo più niente! Per duemila anni questo è rimasto occulto.

 

Questo “adesso” Io dico che è adesso, è in questi tempi.

Dice:

“…il mistero che era rimasto occulto dai secoli e dalle ere, ma che,

adesso è stato manifestato” a voi “ai suoi santi,

a coloro ai quali Dio ha voluto dare a conoscere

le ricchezze della gloria” di questa scienza “di questo mistero tra i gentili…”

 

Non è tra i giudei, i giudei hanno fallito lì:

-“No, che questo è il popolo di Dio, che andiamo verso Israele a farci il segno della croce lì, per camminare lì…”-.

Guarda, lì non c’è niente, quello che c’è lì è sabbia sporca, piena di polvere e di sangue. Cosa vai a fare a Israele? Qual’è l’idea? Ah? È meglio che tu vada in una spiaggia del Porto Rico!

Questa gloria è tra i gentili. Dimenticati dei giudei, i giudei hanno fallito, li amiamo e riceviamo che un giorno si convertano a Gesucristo Uomo e che entrino per fede per salvarli, non spiritualmente, spiritualmente sono salvi. Il vangelo è per salvarli con la vera scienza dal dire scemenze e dal vivere una vita fallimentare.

“…che è Cristo in voi…”

 

Questo è come se tu dicessi, è José Luis in voi, ossia, l’ insegnamento, non José Luis, perchè se io mi metto dentro di te tu prendi l’epatite A, B e C.

“…è Cristo in voi la dottrina  “la speranza della gloria, quella che annunciamo, ammonendo ogni uomo e istruendo ogni uomo in ogni sapienza, al fine di presentare perfetto in Cristo Gesù ogni uomo…”

 

Questo è difficile, vero? Presentare perfetto?  Tu sei perfetto.

 

Lettera ai Romani capitolo 2, versi dal 17 al 24. Questo, succede a coloro che stanno con la falsa scienza.

“Ecco, tu hai il nome di giudeo e ti appoggi nella legge…”

 

Hum! Questi del “settimo giorno”“avventisti”.

“…e ti vanti in Dio e conosci la Sua volontà e, istruito mediante la legge,  

approvi il meglio…”

 

-“Questo deve essere così: non si fuma, non si beve, non si balla, non si va al cinema, la donna si deve vestire così”-  “Approvi il meglio”, pensando che è il meglio.

“…e confidi nel fatto che sei guida dei ciechi,

luce di coloro che stanno nelle tenebre…”

 

Già! Questi legalisti, tu li hai visti? Così eri tu!

“…istruttore degli …”  ignoranti “degli incolti, maestro di bambini”

Attento!  Quanti maestri di bambini ci sono!

“Che c’è nella legge la forma della scienza e della verità. Tu, quindi, che insegni agli altri, non insegni a te stesso?”

 

Tu che predichi che non si deve rubare, rubi? Tu che dici che non bisogna commettere adulterio, lo commetti? Tu che aborrisci gli idoli, commetti sacrilegio? Tu che ti vanti della legge, con infrazioni alla legge disonori Dio?

 

Perchè come sta scritto: il nome di Dio viene bestemmiato tra i gentili a causa vostra”.

Ti ricordi che abbiamo cominciato leggendo che quello che era impossibile per la legge, poichè era debole per la carne? Questo è successo a tutti i legalisti giudei. Tutti questi farisei stavano sempre: -“No,  che io, che tu, no…”- e poi loro dicono: -“Questo non si fa”-  e lo fanno.

Perchè se tu sei legalista e critichi e proibisci, termini facendo la stessa cosa. Fai attenzione a come tu giudichi perchè ti può succedere, a causa della coperta angelicale che ti sta osservando e quando tu disprezzi un altro, l’angelo improvvisamente dice:  -“Ascolta, facciamogli provare un pochino”-  e pac!

Ecclesiaste 3: 18 e 19. Guarda quello che ha detto, parlando delle bestie, io non so se ho letto questo prima… qui:

“Ho detto nel mio cuore: È così, a causa dei figli degli uomini,

perchè Dio li provi, e perchè vedano che loro stessi

son somiglianti alle bestie”.

 

Questo è quello che ha visto Giovanni, una bestia. Perchè un uomo e una bestia sono lo stesso. Quando Giovanni ha visto quella bestia, l’ Anticristo, il 666, ha visto un uomo perchè è simile alle bestie.

Guarda il verso 19.

“Perchè quello che succede ai figli degli uomini,

e quello che succede alle bestie è uno stesso fatto:

come muoiono gli uni, così muoiono gli altri e una stessa respirazione hanno tutti, non ha di più l’uomo della bestia, perchè tutto è vanità”.

Parlando di quello che Giovanni ha visto là in Patmos, era un uomo, era Gesucristo Uomo, di fatto.

Ma quindi, il messaggio di questa notte è che all’uomo, la legge, il primo patto non lo può aiutare perchè aveva una scienza che non aiutava la carne, perchè dice che quello che era impossibile per la legge… in altre parole, la legge ha cercato di aiutare l’uomo dicendo: -“Non fare, non commettere”- ma non ha potuto aiutarlo.

Perchè? Perchè era debole per la carne!

Quindi l’uomo era abbandonato, orfano. Per questo Gesù ha detto: “Io vi invierò un Consolatore perchè stia sempre con voi.” però cosa succede? Che non c’era maniera, quindi, la religione ci ha ingannati per duemila anni predicando una falsa scienza. Questo è quello che si predica in tutte quelle chiese che ci sono in giro.

Tutti quei pastori che mi stanno ascoltando, che sono dei “copioni”, che passano il tempo ascoltandomi per avere qualcosa da predicare, perchè già non confidano nei sermoni in lattina che si comprano nella libreria, ebbene, loro non sanno che loro stanno in una falsa scienza.

Quindi, prendono il mio messaggio e lo torcono e al torcerlo gli tolgono la scienza e poi la scienza già non gli funziona. Ma si compongono uno sproloquio con il quale loro si divertono e si fanno chiamare apostoli ma che non sta funzionando alla congregazione. Loro non si spiegano perchè voi siete tanto saldi e gioiosi.

Mi domandava una giornalista:

-“E che spirito ha la gente che crede in Lei?”-

-“Uno spirito di:  “Tutto mi è possibile” e sono sempre gioiosi”-.

-“Ma, e perchè?”-

                                          

Perchè questa è una scienza. È la pazzia della predicazione, che tu impazzisci chiamando le cose che non sono come se fossero!

 

Questo è quello che faccio io: quando io vedo le cose cattive, vanno bene.

-“Questo è matto”-.

Cosa devo farci?

Di più, che a volte io passo anni dicendo: -“Io sto dicendo che tutto va bene da tanto tempo, ahi Padre! Ci sarà qualcosa che va male? Guarda che io sono anni che sto dicendo: tutto va bene! E la cosa è che tutto va bene!”-

Guarda, questa pazzia funziona!

(Applausi).

Adesso guarda quello che dice, per terminare, lettera ai Romani 7: 21 al 25.

“Così che…”

Ascolta il dilemma dell’essere umano, se non raggiunge la vera scienza, se non arriva la vera scienza, resta lì come dice Paolo lì. È liquidato. Guarda come dice:

 

“Così che, volendo io fare il bene…”

 

Guarda là fuori! Che religione ti può aiutare? Chi mi potrà aiutare? Lì non c’è il  Chapulín (Chapulín Colorado – supereroe comico -ndt) che ti aiuti.

Guarda quello che dice:

 

“Così che, volendo io fare il bene, trovo questa legge: che il male sta in me.”

 

Immaginati! Questo è, guarda: liquidato! Tu sai che non è che “non trovo questo sentire”: è una legge, che già sono due cose differenti. Ossia, tu vuoi fare il bene? Good news (buone notizie): NON PUOI!

È come dire ad uno zoppo: -“Tu vuoi camminare?”-

Non puoi!

O a un cieco: -“Tu vuoi vedere?”-

Non può vedere, è cieco!

Tu vuoi fare il bene? Ebbene, ti sei messo nei guai. Non ce n’è. Non puoi!

Guarda quello che dice il verso 22:

“Perchè secondo l’ uomo interiore…”

 

Questo è quello che tu vuoi, fare il bene, ossia il tuo spirito. Questo “essere brava gente” che tu pensi di essere.

“Perchè secondo l’uomo interiore, mi diletto nella legge di Dio…”

Ossia, accetti che tu vuoi quello che Papà Dio ti chiede ma c’è un altro problema:

“…ma vedo un’altra legge nelle mie membra, che si ribella contro la legge della mia mente” lì sì che le cose stanno male, ah? E che ci riesce:

“mi rende sottomesso alla legge del peccato che sta nelle mie membra”.

Quindi il grido è qui:

“Misero me! Chi mi libererà di questo corpo di morte?”

 

Ossia, io non so come un religioso possa pretendere di comportarsi bene. Guarda, andare in chiesa significa perdere il tempo. Tutti devono smettere di andare in chiesa. Perchè, a fare che vai in chiesa? Perchè un uomo ti dica: -“Comportati bene!”-? E poi tu gli dici: -“Ebbene, non posso!”-.

 

-“Che devi comportarti bene!”-

-“Le ho detto che non posso”-.

-“Promettilo al Signore”-

-“Come faccio a prometterglielo? Con cosa? Se non ce n’è, da dove prendo? Non posso prometterle niente, non posso!! Sarei uno stupido a dirle: -“Sì pastore, mi comporterò bene”-.

Questa è un’ipocrisia, perchè ha appena finito di dirti lì che il male è dentro di te, quindi vuole dire che nessuno può servire Dio.

Ma poi viene la chiave, verso 25:

 

“Dò grazie a Dio, per Gesucristo Signore nostro.

Così che, io stesso con la mente” è lì che entra la scienza “con la mente servo la legge di Dio ma con la carne la legge del peccato.”

Vuole dire che il tuo corpo peccaminoso carnale è uguale, perchè il mio è uguale, ma c’è una scienza che si chiama “togliere il velo” per la quale, in qualche modo tu scappi. È una scienza, io cercherò, io non ho parole per spiegare questo ma coloro che sono stati illuminati mi capiscono: è una scienza che ti stacca dal corpo carnale, anche se continui con esso.

-“Ah, com’è?”-

-“Così!”-

-“Ma come che è così?”-

-“Spiegalo tu!”-.    

Tu sai cosa succede? Che nessuno ha trovato il tempio di Dio. Il tempio di Dio: la gente ha fabbricato templi bellini, con croci, con oro, con questo… e il tempio era ben vicino a loro, è la loro mente. Quindi, questo era riservato per la seconda venuta del Signore.

Quindi, è stato rivelato che è pensando. Quando tu pensi, osserva che quando tu pensi, come dicono i 14 libri che sono il manuale della scienza, quando tu pensi secondo il consiglio che noi diamo in qualche modo scappi dal corpo fisico. È come molto fine per spiegarlo, vero che sì?

Paolo dice che questa è la vera scienza, che se tu ti separi dal corpo e cominci a pensare in fede, per esempio, la mente ti dice: -“Le cose vanno male e ti metterai presto nei guai”- tu arrivi e gli dici: -“Io non ricevo questo”-.

 

-“Tu sai che morirai presto, perchè già…”-

-“Non lo ricevo!”-.

-“Ascolta, il quotidiano dice che la benzina sta aumentando e presto tu dovrai andare in bicicletta”-.

-“Non lo ricevo!”-.

-“Ah, tu sei in peccato. Dio è arrabbiato con te. Ti stai perdendo. Il diavolo ti sta vegliando. L’ inferno ti aspetta. I tuoi figli sono un fallimento”-.

Quindi è: CHIAMANDO LE COSE CHE NON SONO COME SE FOSSERO. QUESTA È LA VERA SCIENZA.

(Applausi).

Ascolta questo, e nessuno si azzarda a parlare nè a comportarsi così, a meno che appartenga a questo ministero.

QUESTO È IL SIGILLO DELLA PROMESSA DELLO SPIRITO, SIGILLATI PER IL GIORNO DELLA REDENZIONE.

(Applausi).

Un altro verso: lettera agli Efesini 5: 14 e ci alziamo in piedi per leggerlo, che tu non vada a rimanere con le ginocchia piegate. Lettera agli Efesini 5: 14.

 

Questo messaggio è per i nostri amici di Telegracia che non sono stati illuminati, qualunque visita che ci sia qui che non sia stata illuminata, ricorda che tu hai un corpo di morte. Paolo ha detto: chi mi libererà da questo corpo di morte? Noi ti liberiamo da questo corpo di morte, perchè tu viva differente.

Dice:

“Per il quale dice: Svegliati, tu che dormi,…”

 

La chiesa sta così: addormentata! I santi stanno dormendo e non c’è chi li svegli.

“…e alzati” dal corpo di morte “dai morti…”

Come fai ad alzarti dai morti se sei morto? Sta parlando con vivi, perchè se gli dice: -“Guarda, alzati dai morti!”-

-“Come? Sono morto come faccio ad alzarmi? Un morto non si muove!”-

 

Sì, ma tu sei un morto differente. Tu devi alzarti da questo corpo di morte nel quale cammini e tu lo lasci lì, che ti molesti e tu ricevendo questa cattiva informazione e te la passi lamentandoti:  -“No, che questo, che quello, che le cose…”- ed è una lamentela e una lamentela… perchè la morte ti amministra e tu ricevi dalla morte!

Il mondo che mi ascolta in Telegracia: svegliati “uomo”, svegliati pastore e alzati dal corpo di morte che stai accarezzando con la legge lì, che è impossibile per la legge governare questo morto,  e ti illuminerà José Luis, perchè questo è colui che illumina. Cristo non ha illuminato nessuno!

 

(Applausi).

Ascolta, la chiesa da duemila anni tiene la gente dicendo: -“Chi mi libererà?”-

Stanno nei templi, la gente:

-“Pastore, mi aiuti…”-

-“Guardi pastore, è che io sono debole…”-

-“Pastore, preghi per me, ho un problema in casa mia, io ho questo…”-

E il pastore prega e prega e prega…

Quindi, dopo 2 o 3 anni in chiesa terminano dicendo: -“Chi mi aiuterà? Chi mi libererà? Guarda, io vado in chiesa… io ho cercato: io prego, io digiuno”- e continua dicendo: -“Chi mi libererà da questo corpo di morte? Satana ha vinto la battaglia!!”-.

Stanno così.

Ma, quando tu ti alzi dai morti e ascolti la vera scienza che solo Crescendo in Grazia… è qui dove c’è la fonte: “Venite e comprate senza denaro, bevete dalle acque…” e comincia a vivere!

(Applausi).

IL CONSOLATORE E MEDIATORE DI UN NUOVO PATTO

 

vedi il video del ricalco

“IL CONSOLATORE E MEDIATORE DI UN NUOVO PATTO”

sottotitolato in italiano!

.

ascolta la voce di Gesucristo Uomo:

“Le mie pecore udiranno la mia voce”

.

.

APOSTOLO DOTT. JOSÈ LUIS DE JESUS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

04 di Aprile del 2012

.

Dai la mano ad un benedetto, digli: Abba Padre! Tutto va bene!

Bene, oggi… vi dirò che non sono Gesucristo Uomo! Non sono nemmeno l’Anticristo, nè sono il 666.

Oggi cambio titolo. È come quando un padre di famiglia arriva con un regalo, vero? E quindi oggi, oggi è arrivato papà con un regalo…

Oggi arriva vestito di un……, oggi mio Papà sta giocando un ruolo differente.

Oggi Io vengo come il Consolatore, Io vengo a consolare!

Naturalmente, dopo averti consolato, se mi chiederai chi ti ha consolato Io dirò: -”Ti ha consolato Gesucristo Uomo”-.

Andiamo a cercare in Giovanni, Giovanni capitolo 14, versi dal 16 al 18.

Stava parlando Gesù di Nazaret, dice:

“ed io pregherò il Padre…”

e osserva che aveva appena terminato di dire a Filippo: -“Filippo, tanto tempo che sto con te e non hai visto il Padre. Chi ha visto me ha visto il Padre”-.e quindi (Filippo) gli ha detto: -“Come rimaniamo? Tu sei il Figlio o sei il Padre?”- (Gesù) gli risponde: -“Tu non credi che il Padre stia in questo corpo e questo corpo stia nel Padre?”-.

Però adesso dice loro che pregherà il Padre, se stesso… dice:

“ed io pregherò il Padre e vi darà un Altro Consolatore 

cosa dice? Un Altro? Ossia che quello che viene a consolare non è lo stesso che sta qui per morire. È un Altro!

ALTRO!

“…perchè stia con voi…”

Perchè una volta consolato, sarebbe rimasto qui e sarebbe stato trasformato e saremmo rimasti qui sulla terra per sempre.

Non c’è già più il “me ne vado…”: questa è la consumazione della pellicola, già questo è per sempre!

Così che, ne abbiamo per un lungo tempo, non è che ci ameremo troppo? Perchè questo non va a…

Dice:

“…lo Spirito…”

già non è attitudine perchè è scritto con la maiuscola, lì:

“…lo Spirito di verità, che il mondo

non può ricevere perchè non lo vede e

non lo conosce”

Non possono vedere, loro non possono vedermi! Se tu gli dici che io sono Gesucristo Uomo ti dicono: -“Sei matto!!”-, non vedono.

Dice:

“… il mondo non lo vede e non lo conosce

ma voi lo conoscete perchè dimora con voi e sarà…”

 osserva: “dimora e sarà”, futuro!

“…e sarà in voi”.

Dice il verso 18:

“Non vi lascerò orfani, verrò da voi”

ma è un Altro quello che viene! Osserva che dice: “Io pregherò per un Altro” e poi dice: “Io non vi lascerò orfani, verrò da voi” questa è la promessa che sarebbe venuto come Consolatore.

“Consolatore” non significa farti le carezzine: significa parlare con te, spiegarti, guidarti, educarti…disciplinarti per poterti consolare, perchè se no non c’è consolazione!

Adesso andiamo ai versi 25 e 26:

“vi ho detto queste cose quando ero ancora tra voi.

Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre

manderà nel Mio nome, Lui…”

è una persona: LUI!

“…Lui vi insegnerà…” quante cose? “…ogni cosa e vi ricorderà

tutto ciò che io vi ho detto.”

Il tema di questa notte è “Il Consolatore ed il Mediatore di un nuovo Patto”.

Prima lettera a Timoteo capitolo 2, verso 5:

“Perchè c’è un solo Dio ed

un solo Mediatore tra Dio e gli uomini

la vergine Maria…

…il papa…

…i pastori…

cioè che per poter venire il Consolatore e poter mediare, che è quello che Io sto facendo adesso: Io sto mediando, Io ho già cominciato a mediare, a spiegare, per poter ottenere questo doveva essere Gesucristo però nel corpo di un uomo, per poter mediare.

Naturalmente l’altro verso dice… c’è gente che si confonde e mi dice: -“Sì, però guarda cosa dice l’altro, il verso 6”-:

“…il quale ha dato se stesso in riscatto per tutti

e di ciò è stata data testimonianza nel tempo stabilito”

chiaro, perchè lo Spirito che è stato dato là è lo stesso Spirito con un altro corpo, qui, ma è lo stesso Spirito perchè Dio è uno.

Adesso, come… come consolare? Io a volte ho letto versi sulla Bibbia e li ho studiati e li ho spiegati ma passa un anno… sei mesi e torno e li guardo e dico: -“Che crimine è stato commesso verso l’umanità!”-.

Che cosa succede quando, nei nostri Paesi, muore un familiare? Cosa fanno i religiosi? Fanno la messa? Quante messe?

Eh? È la messa mattutina o messa di cosa? Novena?

Ah! E il rosario… e se per caso questo spirito aveva qualche “macchia”, ebbene, va in purgatorio perchè lo purghino… dico: perchè gli puliscano le macchie che ha.

Tuttavia la lettera agli Ebrei 10:14 dice che Cristo, quando è morto, ci ha resi perfetti per sempre! Come può uno spirito andare di là macchiato?

E quindi c’è l’insegnamento del purgatorio e c’è anche l’insegnamento “dell’ aldilà”.

Quando muore un familiare, tu sai che dolore dà questo? Quando muore un papà amato, una madre… un figlio in un incidente?

Voi avete vissuto questo e si soffre molto…quando non c’è la corretta informazione. Adesso, osserva, quando Io leggo la lettera agli Ebrei 12, verso 1, mi dà tanto sollievo ed Io sono sicuro che se questo fosse stato fatto prima, duemila anni fa, il mondo sarebbe differente!

Osserva quello che dice la lettera agli Ebrei 12:1 perchè tu sappia come consola la conoscenza del vero Vangelo. Dice:

“Pertanto, anche noi circondati” ben lontano da noi… sulle nubi, da qualche parte lassù “da una così grande Nube…” di cosa? “Grande Nube di Testimoni…”

e lui da dove tira fuori questo? Il capitolo 11… il capitolo 11, nell’ultimo verso del capitolo 11… dice:

“e tutti questi” ossia che sono già trapassati e sono morti “anche se hanno ottenuto una buona testimonianza per mezzo della fede,

non hanno ricevuto quanto promesso, avendo procurato Dio qualcosa di meglio per noi, perchè non fossero perfezionati loro” senza cosa?

senza di noi.”

e poi entra il verso:

“Pertanto” questo “pertanto” prosegue il verso “…pertanto anche noi,

avendo intorno a noi una così grande

NUBE DI TESTIMONI…”

Dì: NUBE DI TESTIMONI. È VICINO A NOI.

Vuole dire che questi… questi santi del passato, loro ci vedono, sono testimoni!

E quando muore un tuo familiare, guarda che l’inferno…, l’inferno si è svuotato tempo fa. Oltretutto l’inferno era la discarica municipale, dove gettavano la spazzatura, non è mai stato un luogo spirituale perchè c’erano… c’erano vermi e c’erano le fiamme.

Vuole dire che l’inferno di Dante, e tutta questa menzogna che ci hanno venduto per duemila anni, non è mai esistito. Quando Gesù parlava dell’inferno stava dicendo che ti buttavano fuori dalla città, a far marcire il tuo corpo dove il verme non muore mai.

Sicuro! Dove ci sono corpi abbandonati ci sono i vermi, ma la loro mentalità è che tu muori e il tuo spirito va a bruciare, là…immaginati! E che il tuo spirito va perdendo vermi in giro, lassù in cielo… in giro…in un posto: c’è il cielo e nella parte a destra c’è l’inferno, dicono loro, con molte fiamme, con il forno ben acceso!

Tuttavia, nemmeno il paradiso e molto meno l’inferno…non stanno là: il paradiso sta intorno a noi. Vuole dire che quando un tuo familiare passa ed esce da questo corpo, va immediatamente lì.

Di più: ti sta osservando lì, ha la capacità… spiritualmente lui può vedere ed io credo che…che se lui ti vede piangere sconsolatamente, può dire: -“Che pena che stia così! Io sto meglio di lui! Sto nella mia vera identità, non nella mia seconda identità”-.

È per questo che ha detto che “per quanto i figli hanno partecipato di carne”, che prima che tu partecipassi di carne tu avevi già esistenza come figlio.

Quindi un tuo familiare che ti vede mentre stai pregando dice: -“Uff…che cos’è questo?”- …e quale purgatorio nè purgatorio e che il bimbo che è morto sta nel limbo! Tu sai che abuso emozionale ha commesso la chiesa cattolica e tutta Roma al completo?

Questa città deve esplodere, deve scomparire!

È troppo il danno…e…e dicono che noi siamo i cattivi! Noi facciamo ricca la gente!

Guarda questa informazione che abbiamo appena letto: che sollievo che, se uno esce dal corpo va alla Nube di Testimoni, che sono Testimoni e che stanno vedendo quello che sta succedendo… e che il tuo familiare sta lì, che non è per niente orfano, lì sì che è ben accompagnatino con tutti i capi e gli eroi della fede.

Questa è una consolazione quando muore un familiare: -“Ahi, e cos’è successo?”- e le famiglie cominciano a piangere e vogliono buttarsi nella tomba: -“Io…io vado con lui!!”-…

…a fare cosa?  Come fai ad andare vivo per di là, ragazzo? Se lì non ti fanno entrare, tu stai…stai respirando, il suo spirito sta ancora con te.

Quanta menzogna, per anni. Tu sai la consolazione che porti ad un anziano? Qui una volta è venuta una signora che…che il pastore, sembra che un giorno si sia bevuto un paio di birre di troppo…

…ebbene, questo pastore sembra che si sia tirato un paio di birrette di troppo e stava guidando ed è andato contro un palo e si è ammazzato…ehiiiii! Tutta la denominazione dicendo: -“Sta all’inferno!!”- e questa signora che è venuta qui, che amava tanto questo…questo pastore perchè lui l’ha aiutata moltissimo a riunirsi con la famiglia, pratiche con il governo, il lavoro, l’ha aiutata tanto che lei faceva pazzie per quest’ uomo, per questo pastore e adesso stava all’inferno!

E lei soffriva sempre fino a che un giorno mi ha ascoltato, alla radio di qui, dire che non c’è nessun inferno, questa è una notizia molto antica, che lui sta nella Nube di Testimoni e che era stato disciplinato,  ossia, è uscito dal corpo prima del tempo ma non perde la salvezza se non che parte dal corpo per essere disobbediente, per trascuratezza.

Tu lo sai che vivi con una…questa macchinetta che abbiamo addosso, ascolta, tu la devi conoscere perchè questa è una bestia.

Bene, nel vecchio testamento dice: “l’uomo è come una bestia”… e Paolo! Perchè Paolo fa la parafrasi, dice: “l’uomo bestia, l’uomo animale non percepisce le cose che sono dello spirito”.

Se questa bestia potesse ucciderci, ci ucciderebbe. Io ho dovuto fare molta attenzione a me stesso perchè Io, come Gesucristo Uomo, vengo da un passato ben cattivo per… ebbene, ci sono cose che Io ho appreso da piccolo che mi aiutano ad amare, mi aiutano a consolare, mi aiutano ad intendere il poveretto.

Io a volte non avevo niente, ma niente! Io ho sofferto, povero e quindi ho sofferto anche la delinquenza, l’avere un padre alcolista e quindi terminare nella droga, terminare in carcere, tutto questo è un bagaglio che Io ho, un’educazione…ascolta, che per conseguirla costa ben cara!

Ti può costare la vita, sai?

Questo è un diploma, una laurea che io ho…dico, che sono uscito vivo da lì, questa è un’altra cosa, anche tu puoi farlo… se ne esci… a volte non esci vivo da lì.

E quindi questo corpo che mi è stato dato… dice che ciò che c’è di più vile nel mondo Dio lo utilizza per svergognare i forti: ebbene, ha scelto il vile, non i vili: il vile!

Così dice: il vile. Ha scelto un’argilla come la mia per portare…per portare se stesso al mondo. Ma io devo vegliare su questo corpo perchè questo corpicino è cattivo…e se si alza alla mattina girato, dimenticati che è Gesucristo Uomo…questo me lo dimentico anch’io! Mi sveglio girato e, improvvisamente mi sento sconsolato, o mi sento male, o questi giorni nei quali viene…la nube e non quella dei testimoni…queste nubi…queste nubi grigie che ti vogliono…

Ascolta, sono giorni ben tristi, no? Però lì tu devi saper trattare con loro perchè se no ti uccidono, ti viene un dolore alla testa, ti viene un’attacco di cuore, ti viene un attacco di nervi, ti può venire qualunque cosa perchè questo… bene, Gesù di Nazaret lo ha detto: “Nel mondo avrete afflizioni ma confidate: io ho vinto, anche voi potete vincere!” perchè lui sì che ha avuto afflizioni!!

La gente crede che noi stiamo facendo la mostra dei buoni: ma se Lui non ha chiamato i buoni! Ha chiamato gli infermi. Chi ha chiamato Lui? I più cattivi!

Osserva che dice che nella debolezza si perfeziona il potere, quindi ha chiamato gente debole, se tu sei debole congratulazioni! Benvenuto al club!! Sei arrivato nel posto giusto!

Osserva quanto il mondo è mal focalizzato che a volte dicono: -“Come può essere Lui Gesucristo Uomo se dicono di Lui che è stato perfino in carcere??”- perchè il mondo religioso dice che, in questo dipartimento, devono essere tutti buoni.

Ma se qui non ce n’è neanche uno buono, la Bibbia dice che non ce n’è neanche uno buono. L’uomo non è buono! “La carne non giova a nulla”! Quello che succede è che alcuni di noi si comportano un pò meglio di altri… e che abbiamo carnine più tranquille di altre ma continuano ad essere carne e quindi quelli un pò migliori cosa fanno? Sopportano i più cattivelli!

Cosa devi fare? Rifiutarli? Non puoi perchè quindi non hai saputo utilizzare la bontà che ti è stata data. Se tu credi di essere buono, guarda: mettilo in pratica con il cattivo, che non è così buono come te!

E quindi, abbiamo grande consolazione con la verità biblica ed intendiamo che c’è gente che ci sta ascoltando, nel mondo spirito. Abbiamo intorno a noi una così grande Nube di Testimoni.

Chissà se è per questo che, a volte, Io ho avuto rivelazioni che, a volte Io… perchè la posso vedere da questa area della terra dove stiamo, in questo primo cielo, a volte Io posso vedere delle carrozze che passano così…ma sono enormi e come… come un’esercito che Io lo vedo così, nel cielo, così.

E quindi ho sognato tante volte questo che ho detto: -“Io ricevo che domani mi ricordo di questo sogno”- e mi alzo e: -“Ascolta, e che cos’era quello che stavo sognando?”-.

Quindi,  quando mi è successo la seconda volta: -“Io ricevo che mi ricordo. Questa volta mi ricordo!”- e mi alzavo il giorno dopo…come al terzo anno è successo che un giorno ho detto: -“Ascolta, Io sto sognando la Nube di Testimoni che sta intorno a noi”- che è la coperta di angeli che tu hai.

Tu non sei sola, chiesa!

Noi abbiamo una protezione tremenda!

Prima carta ai Corinzi capitolo 1, verso 17:

“Poichè Cristo non mi ha inviato a battezzare…”

Ascolta, tu sai cosa significa questo? Che gli hanno detto: -“Paolo tu sei il prescelto per il popolo Gentile. Il primo sei tu, tu sei l’unico che porterà questo vangelo ai Gentili. Ah! Non puoi battezzare!”-

-“Ma se io ho battezzato Gallo e Stefania la settimana scorsa, con gli apostoli”-

-“Bene, perchè non ti era arrivata questa…”- perchè lui andava di rivelazione in rivelazione

-“…ossia che i Gentili non bisogna battezzarli?”-

e quindi il Signore gli ha detto: -“Ma come fai a battezzarli? Non essere tonto, Paolo! Cosa ti prende, brother?”-.

In Porto Rico gli avrebbero detto: -“Ascolta fratello, come fai a battezzare questa gente, questa gente è morta al peccato!”- e l’acqua è simbolo di perdono e qui il simbolo è scomparso perchè quando Cristo è morto anche tu sei morto insieme a lui.

Ufff… che sollievo!! Questa non è consolazione per te? Tu sai cosa significa che ti stiano dando una lezioncina: -“Guardi: il martedì c’è una classe qui per il battesimo”- e cos’è che fanno? La prima cosa è assicurarsi che tu stia decimando, guardate che tirare fuori alla gente la decima così… e qui la gente diventa matta per darla!

Qui la gente…di più, c’è gente che ha detto.: -“Se l’Apostolo avesse milioni e milioni, questo non mi priverebbe di continuare a seminare e seminare e seminare”- non è così?

Perchè la semina ti colloca nella posizione di “Beato”. “C’è maggior beatitudine nel dare che nel ricevere”. Tu sai quanto è male che ti stiano dando? Tu devi dire: -“Ascolta, grazie ragazzo, io ricevo che un giorno va bene”-

-“No, ma prendilo, tranquillo!”-

-“Io ho provvigione, ragazzo, grazie!”-

Adesso, tu sai che bello che sarebbe: -“Ascolta: prendi!!”- è meglio dare che ti stiano dando e dando e dando…

È sempre “San Prendere” e mai “San Dare”. E quindi Paolo, Paolo il primo leader… ascolta, che consolazione che: -“Tuo figlio non è stato battezzato? Non ha fatto la prima comunione?”- …maledetta prima comunione con tanta porcheria che insegnano a uno. È per questo che Io sono venuto fuori così male, perchè Io non riuscivo a fare la prima comunione perchè bisognava imparare un mucchio di cose e quindi Io ho detto: -“Io sono la pecora nera: già non sono battezzato, non ho fatto la prima comunione, mi hanno dato…” non so quante altre cose che davano lì “…è meglio se me ne vado e divento un banditello”- senza averne la necessità.

Tu sai che ci sono giovani in carcere, così, che i genitori dicono: -“Guarda, figlio mio, che tu non sei stato battezzato, che tu non hai fatto la prima comunione…”- e questo ti cade addosso come una colpa: -“Ahi Padre, sono cattivo!”- quando questo non è necessario, benedetto, facendo un danno a questi bambini.

-“No, che se non ti battezzi, il peccato originale ti rimane addosso!”-

Ah, quindi il battesimo toglie il peccato originale? Non ci sarebbero carceri! No, adesso non ci sarebbero carceri, perchè gli avrebbero tolto il peccato e la gente sarebbe stata buona.

Ascolta, con un pochino di mente, lì…

Non bisogna battezzare, non bisogna perdere tempo. Tu sai che ci sono chiese, qui negli Stati Uniti, che hanno una fonte battesimale qui, viene il diacono e gli toglie il coperchio così, c’è una piscina lì sotto, o lo muovono con un bottone e quindi viene il pastore con una veste di cotone ed entra nell’acqua battesimale e quindi entri tu e lì: -“Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito…”- e psh! E ti bagnano e tu: -“Brrrrrrrrrrr”- perchè tu possa camminare in una vita nuova…

ACQUA!! Quello che ti hanno fatto è stato BAGNARTI!!

Il nostro Apostolo, il nostro Apostolo, il Grande Apostolo Paolo, l’Apostolo ai Gentili dice: -“Cristo non mi ha inviato a battezzare!! Il battesimo non funziona nel Nuovo Patto!!”-.

Lettera agli Ebrei capitolo 6, versi 1 e 2. Stiamo parlando con proprietà: è per questo che noi facciamo tremare molta gente: -“È che questo è differente: questo usa i versi biblici…”-.

“Pertanto”

“…dato che Cristo mi ha detto che non bisogna battezzare…” ebbene, arriva alle conclusioni:

“pertanto, lasciando già i rudimenti della dottrina di Cristo” uno di questi era il battesimo “andiamo avanti verso la perfezione, non gettando un’altra volta il fondamento del pentimento delle opere morte”

perchè tu sei già stato reso perfetto con una sola offerta, cosa ottieni pentendoti?

“della fede in Dio, della dottrina…”

di cosa? Che cosa bisogna fare? Lasciarlo?

“…dell’imposizione delle mani…”

bisogna continuare ad imporre le mani alla gente? -“Vieni qui, guarda io oggi ho addosso un’unzione molto forte. Qualcuno che si azzardi a venire qui che gli impongo le mani” …ma se tu hai lo stesso che ho io!

Gesù di Nazaret ha detto: -“Se la semente cade in terra e muore…”- cosa succede a un seme quando cade in terra e muore, se la terra è fertile? Produce, dà frutto e vero che assomiglia al…? Dall’avocado vengono fuori piccoli avocado e poi tu non sai qual’era l’originale e così tu ed io, e tu e tu e tu siamo completi!

Io non devo importi le mani, nessuno deve pregare per te: tu non sei nessun orfano perchè stiano dicendo: -“Aiutate il poverino, aiutalo, aiutalo…”- perchè tu puoi volere queste scemenze? Che ti stiano aggrovigliando i capelli? Dopo tutto il lavoro che hai fatto per pettinarti, vedi?

Ti rendi conto del perchè questi pastori sono arrabbiati con me? Ma Io sono nel mio ovile, Io posso parlare come mi…loro non mi pagano questo qui! Questo lo paghiamo noi e parliamo come vogliamo!

E tutte queste telecamere, queste ci costano migliaia di dollari, e questo ogni mese lì ci sono migliaia di dollari… così che, chi li obbliga a guardare? Pettegoli!

Devono sopportare quello che noi diciamo qui… e considerarlo! E se sei saggio riceverlo, perchè ti salvi!

Ascolta, Io stavo sentendo che in questa settimana santa in Guate prendono un idolo di questi, cattolico, e gli uomini lo portano così per tutta la città, eh? Quanti uomini sono? Come venti? Centocinquanta?

No, però prima ne mettono circa trenta e gli assegnano circa 60 metri, ciascuno paga circa 100 dollari per turno e quindi, percorsi i 60 metri dicono: -“L’altro turno”- e quindi quest’altro turno deve pagare circa…Io non so quanti “quetzales” sono, però…circa 100 dollari…ho sentito… 200 quetzales? 800 quetzales?

PER TRASPORTARE UN PUPAZZO!!

E poi tocca all’altro gruppo… e l’altro gruppo… quando hanno percorso 3 miglia, tu sai quanto denaro hanno raccolto lì? E questo non è nè decima nè offerta, questo denaro il prete fa così… messa libera! (se li mette in tasca -ndt)

Quello che ci domandiamo è che stregoneria gli hanno fatto per 2.000 anni alle naz… ascolta, bisogna essere ben bruti, uno deve stare in una condizione di… bene, Paolo ha detto: -“Chi vi ha stregati?”- perchè questa è come una stregoneria, vedi? Una stregoneria religiosa che ti porta a sommetterti lì per 20, 30 anni… -“E cosa ho appreso io qui? Niente! Cosa sto facendo qui? Niente! Chi sto pregando? Alla stessa vergine!”- alla stessa che ha occhi e non vede, ha naso e non ha olfatto, gambe e non cammina, zampe o Io non … e tu in queste scemenze!! Addormentato!!

FINO A CHE ARRIVA GESUCRISTO UOMO E TI ILLUMINA LÌ!!

E quindi la Parola consola. Oggi Io ti stavo consolando con alcune informazioni per farti rilassare e tu sappia che i tuoi bambini sono benedetti, che la tua famiglia è benedetta senza battesimo e senza niente di questo, che la chiesa è perfetta con una sola offerta, che tutto va bene, che tu hai una coperta di angeli, che tu hai diritto, diritto di reclamare salute e che questi angeli che ti stanno vegliando si manifestano a tuo favore.

Non lo fare tu. Lascia che gli angeli lavorino. Non te ne occupare tu! Guardate, questa è la ricetta che Io uso per potermi mantenere lì…tu sai?

Perchè se no invecchio. Con un Ministero così, tanto grande? È per…

Tu hai visto un presidente quando accetta l’incarico…? E in un anno è bagnato di sudore! La differenza è che Josè Luis qui non sta facendo niente! La grazia è uno stile di vita: sai cosa significa alzarti differente, pensando differente, le tensioni che tu togli alla mente?

Che quello di fianco, tu sai che quello di fianco si sta lamentando giorno e notte: -“No, questo, ragazzi… le cose vanno male, hai saputo quello che dice il giornale, guarda questo, guarda… che la luce, che l’acqua, che quello… che adesso è aumentato questo, che il caffè è velenoso, che quello…”- e tu, tutta questa serie di cose stanno entrando lì, e stanno entrando lì: -“Guarda! E adesso non sappiamo che cosa succederà con i timbri, che vanno ad aumentare… e questo natale arrivano due uragani…” anche se non ne arriva neanche uno “…ne arrivano due, lo hanno detto gli scienziati…” e quindi la gente si agita e mette protezioni alle case e assicurano il gatto, il cane, le piante… se ti conformi a questa società, guarda, non importa quanto denaro guadagni: se ne va in un sacco rotto.

Se ne va il denaro, perchè ti lasci condurre dagli altri. Cammina ed usa quello che Dio ti dice che devi fare e la vita diventerà più facile… e starai più tranquillo… e le malattie ti odieranno.

Con questa attitudine, le malattie non si avvicinano!  Tu non vedi che quello che attrae le malattie è la negatività della carne indiavolata che hai? Questo le attrae.

Così che, Chiesa, continuiamo a regnare, continuiamo a regnare.

Alzati in piedi e dì: IO STO REGNANDO!

Dì a quello che hai di fianco: STO REGNANDO!! REGNANDO IN VITA!!

Regnando qui, non là…

“LA DEBOLEZZA DELLA DEBOLEZZA”

.

.

APOSTOLO JOSÈ LUIS DE JESÙS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

14 di marzo del 2012

 

 

Il tema di oggi si chiama: “LA DEBOLEZZA DELLA DEBOLEZZA”. Ossia la debolezza è debole. Ascolta, che bene sapere questo. Tu sei debole? Ebbene, questo ha una debolezza.

 

E tu sai che il vecchio testamento non ha potuto con le debolezze:  Dio ha dato loro dieci comandamenti per tutti, seicentotredici comandamenti e quindi nessuno ha potuto compierli.

Quindi Dio ha detto: -“Questo è un lavoro da Superman”- (per un superuomo). È nato da una vergine, si è chiamato Gesù di Nazaret ma come uomo, perchè non è venuto come Dio ma come uomo, e ha compiuto totalmente la legge.

E dopo averla compiuta, le ha detto:

-“Che cosa vuoi?”-

-“Necessito una morte, perchè colui che vive sotto la legge, merita morire”-.

-“Ebbene, io li sostituisco”.

 

Ed è morto per noi ed ha lasciato un antidoto per la debolezza, dopo la sua morte ha lasciato una medicina, perchè il debole fosse forte. Adesso, presta bene attenzione a quello che sto per dire: per duemila anni le religioni hanno nascosto questa medicina della quale vado a parlare questa notte.

Gli apostoli hanno influenzato, per aver conosciuto Gesù di Nazaret, siccome lui era giudeo loro hanno detto: -“Bene, questo è l’esempio”-.

Lui non era l’esempio, lui è stato sostituito. Lui non è venuto come esempio, perchè lui stava compiendo la legge e se tu imiti Gesù di Nazaret e metti gli occhi su di lui, ti converti in un giudeo e termini in una croce, perchè lui ha potuto ma tu non potrai.

È per questo che Paolo lo hanno chiamato “anticristo”, perchè Paolo ha detto: -“No, no, non guardate Gesù Nazaret, non lo usate come esempio”- e quindi gli apostoli dicevano: -“Ascolta, questo è anticristo, sta contro Gesù”- ma non sapevano che la scienza era che Paolo lo faceva perchè non cadessero in giudaismo, perchè Gesù di Nazaret non  era cristiano.

Tutte le religioni negli Stati Uniti, le loro basi cristiane sono basate in Gesù di Nazaret e lui non era cristiano. Che cos’era lui? Nato giudeo,  mangiava giudeo, ha compiuto la legge, lo hanno circonciso all’ottavo giorno come un buon giudeo.

Guardate, quando quella donna con il flusso di sangue si è avvicinata al bordo del suo vestito, non ha toccato il vestito. Ha toccato… come si chiamano quegli accessori giudei che indossano? Il “zigzig”, quei nodini che portano alla cintura, perchè questi nodini che il giudeo porta qui appesi simboleggiano i 613 comandamenti della legge di Mosè e quindi, quello che lei ha detto è stato: -“Questo sì che compie la legge”-. Si è attaccata a questo, riconoscendo che Lui compiva la legge e per questo è stata risanata dal flusso di sangue.

(Applausi)

Ma poi sarebbe venuta la scienza della grazia spiegata dall’Apostolo Paolo e gli apostoli non la capivano. Quando Paolo arriva con questa scienza ebbene loro, al non intendere, hanno visto Paolo come un Anticristo (e hanno detto): -“Questo va contro il nostro Signore”-.

Non lo intendevano per il linguaggio di Paolo. Paolo è stato bigotto al sommo grado: lui era fariseo di farisei, sorpassava tutti questi apostoli nel compiere la legge ma adesso, quando gli appare il Risuscitato e gli parla, gli dice: -“Paolo, questo è totalmente differente. Adesso l’uomo sarà forte mediante un potere che si chiama “il vangelo””-.

La lettera ai Romani 1:16, dice: “Perchè non mi vergogno del vangelo, perchè è…” cosa? Per cosa? Potere di Dio per cosa? “Potere di Dio per la salvezza.”

Lettera ai Romani 1:17.

 

“Perchè nel vangelo” quello che è giusto per Dio “la giustizia di Dio si rivela mediante la fede e per la fede…”

 

In altre parole mediante la fede si rivela ma tu continui nella medesima attitudine, e per la fede.

“…come sta scritto: Ma il giusto vivrà per la fede”.

Lettera ai Romani 1:16.

 

“Io infatti non mi vergogno del vangelo, perchè è potere di Dio…”

 

Perchè?

“…per la salvezza.”

 

Un momentino: per la salvezza del tuo spirito ha versato sangue. Non è per la salvezza della tua anima, del tuo spirito, non è per andare in  cielo; è per la salvezza nell’aspetto secondario, per vivere in questa salvezza.

Ma, come fai tu a vivere in questa salvezza, se tu sei debole? Tu non funzioni!

Guarda quello che dice la lettera ai Romani 7 versetto 21, perchè tu possa vedere. Qui siamo a Roma, per questo lo hanno ucciso lì, perchè questa scienza lui la diceva ed i romani hanno detto: -“Ci toglie il chiosco (il lavoro)”-.

“Così che, volendo io fare il bene, trovo questa legge:

che il male sta in me.”

 

“…che”  che?? “Trovo questa legge: che il male sta in me”.

Ma, cos’è questo? Un sentimento o una legge? Una legge.

Guarda: questa è una legge! (solleva la penna per lasciarla cadere e dimostrare la legge di gravità)

Se la lascio dove va? Tu non la puoi violare.

Quello che ti dice: -“Comportati bene!”-. Non dargli uno sberlone, semplicemente digli: -“Come? Dimmi come…”-.

Tu non devi vivere vergognandoti. Tu credi di sorprendere Dio con le tue debolezze? Dio sta piangendo! Papà Dio sta piangendo!

Tutti questi prigionieri lì che stanno in colpa ed i pastori:  -“Guarda, il diavolo, il diavolo…”-

Ed i genitori: -“Tuuuu, tuuuuu…”-

E alla madre, alla donna che ha fallito nel matrimonio: -“È perchè tu…”-

…e lì tu sentivi vergogna, e tutti sentono timore e vedono Papà Dio con una frusta.

No, Papà Dio sta piangendo!

Sai perchè? Perchè Lui ha fatto un piano perchè tu viva in potere. Si chiama “Vangelo della Incirconcisione”. È per questo che dice: “…non mi vergogno del vangelo, perchè è potere di Dio…” questo da potere ad uno per poter vivere in salvezza, per salvarsi da sè stesso, per salvarsi dal vivere in fallimento.

Non mi posso vergognare di questo!

Per questo, il crimine più grande lo ha commesso Roma, gli  apostoli, tutte le religioni. Non servono a un caz…, come dicono in Porto Rico! Questo è un veleno.

(Applausi)

Ti sto dicendo: QUALUNQUE RELIGIONE CHE NON SEGUA IL CONSIGLIO CHE GESUCRISTO UOMO STA DANDO CON LE SUE LABBRA, È A RISCHIO DI SCOMPARIRE.

(Applausi).

Perchè la gente è cattiva per natura.

Guarda quello che dice la lettera ai Romani 3:12. Dico, io non sto usando un verso nè togliendolo dal contesto, io ho vari versi qui.

“Tutti si sono deviati e si sono resi inutili…”

 

Dì a quello che sta a tuo lato: -“Buona notte inutile”-.

Dico, questo verso non termina lì, ma per ora:

“Tutti si sono deviati e si sono resi” come? “inutili, non c’è chi faccia il bene…”

 

Però può essercene uno… neanche uno?

-“No!”-

Questo non va bene… dovremo chiamare il “Chapulìn”: -“Chi potrà aiutarmi?”-, immaginati! (Allude al “Chapulin Colorado” di Roberto Gomez Bolaño -ndt)

Guarda:  “Il male sta in me, il bene che voglio fare non lo faccio”.

Lettera ai Romani 7: 22. Guarda quello che dice.

“Perchè, secondo l’uomo interiore…”,

 

Questo è lo spirito, questo è il tesoro nel vaso d’argilla.

“Perchè, secondo l’uomo interiore, mi diletto nella legge di Dio, però vedo…”

 

Il problema è che c’è gente che non lo vede:

“…vedo un’altra legge nelle mie membra, che si ribella contro la legge della mia mente e che mi rende prigioniero della legge del peccato che sta nelle mie membra.”

Io l’ho vista tempo fa ed ho detto: -“Ragazzi! Impossibile!”-. Io stavo in una chiesa dove bisognava comportarsi bene, per obbligo. E bisognava digiunare “per uccidere la carne”, immaginati: questo non muore!

Io sono stato quattordici giorni senza mangiare, quattordici giorni in un digiuno di quelli…. guarda: che la mia mamma mi ha visto ed ha cominciato a piangere perchè mi si sono formati dei portasapone qui, dei buchi qui, nella parte superiore del torace, che se mettevi un sapone non cadeva.

E quando sono tornato dal digiuno, mia mamma mi ha detto: -“Cosa ti hanno fatto, figlio mio?”-

-“No, no, questo è il potere di Dio, questo è il potere di Dio”-.

Questo è ciò che usano questi evangelici, pentecostali che stanno sempre in ginocchio. In ginocchio? Tu non trovi niente lì!

Ah: -“Però Papà mi rende forte!”-.

No, Papà ha lasciato un antidoto. Lui dice: -“Guarda, ecco qui! Te lo lascio qui, si chiama “il vangelo che ho dato a Paolo””-. A Papà non chiedere aiuto perchè non ti aiuterà. Questo è l’errore della gente, che crede che Papà Dio si occupi di questo:

-“Guarda, aiuta il mio bimbo”-,

-“Aiutalo tu!”-

-“Vigilami la macchina…”-

-“Vigilatela tu!”-

-“Proteggi mio marito…”-

-“Proteggilo tu! Digli di leggere il vangelo!!”-.

Guarda: Papà ha chiuso gli uffici della “richiesta perpetua”. Non andare lì, che lì non c’è servizio.

Hanno tolto i telefoni.

Dio non sta aiutando nessuno. Dio ha smesso l’aiuto. Dio l’ha lasciato nel vangelo.

 

(Applausi).

E ne parleremo presto. E parleremo di come fare questo, perchè io so che tu lo sai già ma ci sono, guarda, 400 milioni di persone che vedono il nostro gran canale, la televisione via cavo più grande del mondo: Telegracia Internacional.

(Ovazione).

Guarda, dimenticati di ABC, di NBC, di CBS, questo è, guarda… piccolo! Il canale Telegracia ha il pubblico più grande di tutto il mondo.

(Applausi).

E questo ce lo ha dato Papà “and He is not an indian giver” (e Lui non è un donatore indiano). Tu sai che quello che ti da, non te lo toglie e se ti toglie qualcosa è perchè te ne dà uno migliore.

Quindi: “Non ce n’è uno buono”, “Vedo una legge che sta dentro qui (nella mia carne)”. Tu sai quante volte questa legge ti ha svergognato? -“Cattivo! Che cattivo sei.  Non servi”- ed è per questo che ci sono gli psichiatri, he he he.

Ragazzo, a me danno tante testimonianze, ne stavo leggendo alcune oggi. Oggi sono stato circa tre o quattro ore a leggerle, da Cuba, quelle dell’ultimo viaggio e queste sono delle testimonianze tremende, e mi diceva una delle testimonianze: -“Guarda, io sono passato per diversi psichiatri, per diversi psicologi, tante cose e niente poteva aiutarmi”-.

Immaginati, lo psicologo sta cercando di tirare fuori il bene da dove non c’è. Uno psichiatra, uno psicologo… sono un fallimento! Questo non funziona con l’essere umano: quello che fanno è metterti un cerottino e tu sai che cosa fa un cerottino? Che il giorno dopo si è infettato. Peggio! Questo non funziona.

Ma se Papà Dio ti parla chiaro e ti dice, guarda, se Papà Dio ti dice, Paolo parlando ti dice: “Non mi vergogno del vangelo”.

-“Perchè non ti vergogni?”-

-“Perchè è potere”-.

-“Ma tu non hai appena detto che non ce n’è neanche uno buono e che il male dimora in te e che tu vedi questa legge?”- 

Bene, questo è quello che io ti dico, ma ti sto anche dicendo che c’è un potere, che è… tu ti ricordi i fumetti di “Superman”? Che Superman è poderoso… ed io li leggevo quando ero piccolo. Ah, come quando stava per cadere il ponte… zzzzzuuuuu e sosteneva il ponte e passavano le macchine, ed io dicevo: -“Wow!!!”-.

E tutti i miracoli che faceva e risolveva parecchi problemi ma lui aveva una pietrina verde che si chiamava “kriptonite”…ragazzi! E veniva quella macchina e gli diceva: -“Superman, come stai?”-

-“Regnando”- e gli mostravano la pietruzza ed il poderoso sveniva.

Ebbene guarda, la grazia che IO, che IO insegno, è la kriptonite della tua debolezza.

(Ovazione).

Questo è ciò che tu mi hai detto. Questo è quello che dicono le tue lettere. Io sto dicendo qui quello che tu mi dici: -“Grazie Apostolo, mi hai cambiato la vita. Io ero una persona così: io ero noioso, io questo, io quello, io gridavo. Per niente stavo facendo un romanzo e guarda, da quando è arrivata questa parola è tutto differente”-. Bene, e queste sono le testimonianze. Tutto questo io lo ascolto, guarda, quotidianamente.

Che belle sono queste testimonianze! Che belle sono! E chi se ne va da qui? Perchè dargli una tessera?

-“Guardi, firmi questo così Lei sarà membro di Crescendo in Grazia!!”-.

-“Ioooo? Anche se non firmo, lo sono. Da qui mi dovete buttare fuori e se mi buttate fuori, mi arrampico sul tetto”-.

Per questo noi non perdiamo neanche un membro. Ascolta, questo è un affarone. Sai cos’ha detto Isaia? “Dica il debole, sono forte!” e sai che cosa significa?

-“Ma se tu sei un debole come fai a dire che sei forte? Questa è un’ipocrisia!”-

No, non è ipocrisia:! Io sono debole ma quando si mette la grazia di mezzo, dico: -“Bene, io sono debole ma con la grazia sono forte”-.

(Applausi).

Tu sai la disobbedienza di questo apostolo Pietro e di questo Giacomo e di Giovanni e di tutta questa gente che, nella prima, era ha cancellato Paolo, lo hanno liquidato, lo hanno mandato ad uccidere. Tu sai cos’ha detto Pietro? -“Non conviene che quest’uomo viva: risolve i problemi alla gente così e poi finisce che non usano le immaginette, ci va a monte il rosario, non si vende più l’acqua benedetta perchè lui con la parola sistema tutto e non può essere con la parola”-.

Guarda che una volta io ho avuto una rivelazione nella quale mi è apparso il Papa, e quindi il Papa mi ha salutato e mi ha detto: -“Benvenuto”- ed io mi sono seduto e poi mi ha detto: -“Che cos’è quello che sta succedendo, che cosa stanno dicendo di te?”-

E io gli ho detto: -“Bene, a me non piace parlare, io vorrei mostrarle biblicamente”- e sai cosa mi ha detto?

 

-“Oh, no questo no, (buttando la Bibbia in terra), parliamo tu ed io”- e lì è terminata la rivelazione.

Quella gente non sta in questa logica. Loro non conoscono, loro non conoscono questo. Non lo sanno! Non intendono. Se intendessero sarebbero venuti da me e mi avrebbero detto: -“Benedetto, parla ancora!”- .

 Ah, e non possono dire “benedetto”, dicono “Dio ti benedica”.

“May the Lord bless you!”

“May the Lord continue to bless you!” che Dio continui a benedirti.… ma perchè deve continuare a farlo? Se mi ha già benedetto con tutte le benedizioni, è già qui, quello che devo fare è leggerlo e verificarlo.

(Applausi).

È che loro pensano che Dio sta con “l’acqua benedetta” (fa il  gesto di buttare acqua, come fanno i preti e si fa il segno della croce). Guarda, per questo i pastori comandano: -“Passa davanti. Padre, aiutalo!!”-.

Io credo che Dio dica: -“Aiuta chi, bambino? Lo fai tu e non lo stai aiutando, mettiti nel potere di Dio, mettiti nel vangelo!!”.

(Applausi).

C’è gente che mi dice: -“Pastore, preghi per me”-.

-“Prega tu, perchè devo stare a pregare per te?”-.

-“No, è che la sua orazione è poderosa”-.

 

Qui non c’è orazione poderosa. Nessuno prega. Dio non sta in questa logica!! Se tu ti metti a pregare, Dio dice: -“Cosa gli prende a questo? Attento che ti entrano in bocca le mosche!”-

(Applausi).

Mettiti al vangelo. Leggilo, credilo, confessalo. È lì dove sta il POTERE di Dio. (Ovazione).

La gente crede che io ho potere ma io sono un’altro inutile in più. Dico: se questo è carne (il suo corpo) anch’io vedo la stessa legge. La gente crede che voi mi idolatriate, guarda che tonti!

Bene, è che stanno sotto… sono indietro e non avanzano. È il potere di questo vangelo, quando lo usi. Quello che succede è che tu, per gratitudine… tu sai che questo è venuto attraverso me e mi sei grato. Ma è tutta la scienza di questo.

(Applausi)

Seconda carta ai Corinzi capitolo 12, verso 7. Com’è che dice qualcuno in Porto Rico? “Questo va bene! Non fermarti adesso”.

Cosa dice lì?

Dì: LA PAROLA.

Dì: Qui viviamo per quello che c’è scritto. Qui non trattiamo con emozioni, nè ci lasciamo confondere da sentimenti, nè da “alleluia”, nè da cose mistiche. Qui il mistico non lavora. Qui è la mente e quello che sta scritto: “Ho creduto pertanto ho parlato”. Questo è il POTERE di Dio, e rendiamo forte qualunque debole, senza pregare per lui.

 

-“Ah, voi non pregate?”- 

-“Perchè? Per cosa?”-

-“Ma voi non andate in un angolino a pregare?”- 

-“Ma per cosa? Qui si confessa quello che c’è scritto!”-.

Andiamo a leggere la Seconda ai Corinzi 12:7.

“E per far sì che la grandezza delle rivelazioni…”

 

Perchè Paolo aveva molta rivelazione. L’unico era che gli apostoli non  sapevano niente. Paolo sì, bene, lo dice lì.

“…la grandezza” di cosa? “delle rivelazioni non mi esaltasse oltre misura, mi fu data una spina nella mia carne, un messaggero di Satana incaricato di schiaffeggiarmi, perchè non mi insuperbissi oltremisura…”

                                                    

Tu sai chi era questa spina? Pietro. Uno di loro.

“…rispetto al quale tre volte ho pregato il Signore che lo allontanasse da me. E mi ha detto…”

Ti bastino i miei digiuni? Ti basti la tua grazia?

“Ti basti la mia grazia…”

Ascolta, questa non è quella che predicano in giro: questa è quella di Papà Dio, quella pura. Quella che è senza censura, lì, pulitina, lì. Una per uno. Dice:

“…mi ha detto: Ti basti la mia grazia, perchè il mio potere

si perfeziona” dove? “nella debolezza.

Pertanto, ben volentieri”

che è quello che stiamo facendo qui questa notte

“mi vanterò delle mie debolezze, per”  cosa?

“perchè riposi sopra di me il potere di Cristo.”

Guarda, io ti faccio una domanda perchè dice lì che se tu ti vanti ed accetti di essere debole, Dio dice: -“Lo rendo forte”- ma se tu dici: -“No, io non sono debole per niente, debole sarà lui”- ti metti nei guai.

Quanti sono deboli qui?

Tu stai invocando che il potere di Dio lavori. Tu stai dicendo: -“La mia posizione in carne è debolezza ma ho il vangelo”-.

Dì: HO IL VANGELO, CONOSCO IL VANGELO. POSSO CONFESSARE IL VANGELO, SONO CHIAMATO A CONFESSARLO PERCHÈ IL POTERE DI DIO SI PERFEZIONI NELLA MIA DEBOLEZZA.

Io mi ricordo di me, perchè sono il più debole di tutti. Perchè Paolo ha detto che ciò che è debole nel mondo Dio lo usa per svergognare i saggi. Ebbene se io sto svergognando tanta gente, significa che io sono un debolino.

Ma io ho notato che, in questi 33 anni che sto nella conoscenza di questa parola, è un potere meraviglioso, perchè sono sempre di buon animo, ho sempre calma per le cose. Può venire una cosa mascherata: -“Tranquillo, che questo si risolve, qualcosa di buono è coinvolto lì, nonostante io ancora non la vedo”-. Perchè siccome uno ha questa confessione, questa conoscenza, anche ciò che è cattivo lo vedi buono.

È per questo che Paolo dice che “A coloro che amano Dio, tutte le cose lo aiutano per il bene”. E quindi, ebbene, non ci sono cattive notizie.

Quindi, una persona che apprende bene questa parola ed è obbediente ed umile, ah… perchè Dio con gli orgogliosi non lavora. E questa non è una debolezza: l’orgoglio è una condizione lupina, lupo! Colui che è orgoglioso e non ha umiltà e non riconosce, con questa gente non si può lavorare, perchè questa è una condizione dello spirituale, questo è degli empi. L’orgoglioso è empio.

Io sono orgoglioso di te. Io sono orgoglioso del vangelo ma è un orgoglio di ammirazione. Ma quello che si crede -“Primo Io, secondo Io, terzo Io e se avanza è per me!  No, è che io le so tutte!!-.

Questa gente bisogna prendere ed allontanarsi da loro. Questa gente non serve.

E che l’ultima opinione è la loro. -“Ma guarda benedetto…”-

-“No, no, no, no, no”-.   

-“Ascoltami, però lasciami intervenire, bambino! Che può essere che io sia un ditino qui che sto collaborando per aiutarti …”- 

-“No, no, no, no… Questo lo liquido io”-.

-“Ascolta, ma i membri del corpo che si aiutano mutuamente, uniti dalle giunture che ci appoggiamo…”-  

-“No, no, no, no, qui io non voglio giunture nè niente. Qui io sono il braccio e cammino con un braccio!”-.

Ma, se tu sei umile, arrivi ben lontano e ti si vuole tanto bene.

Domandati, perchè tu hai difficoltà, che la gente non ti cerca e perdi facilmente le amicizie. Qualcosa deve esserci, se tu sei una persona che perde le amicizie così rapidamente.

-“Ascolta, e perchè il tizio non mi parla?”-

E quindi, ti si mette uno spirito di: -“Non mi capisce nessuno, io non so perchè soffro tanto”-.

Chi ti va a capire, ragazzo, con questa faccia di cemento che hai lì, chi ti va a capire? Ragazzo!

“Dica il debole, sono forte.”

 

Lettera agli Efesini 4: 22.

“In quanto alla passata maniera di vivere” che tu la conosci “spogliatevi del vecchio uomo che sta viziato…”

Ascolta, che rivelazione! Con ragione Paolo ha detto “vedo una legge nelle mie membra”, nessuna carne è buona.

Questo vecchio uomo, o vecchia donna, o vecchio chiunque sia, vecchia o vecchio, o vecchia vecchia, chiunque sia, è viziata. Ma osserva, ti sta dando un’orecchietta (spunto), ti sta dando un dettaglio lì, che se tu lo verifichi, dice:

 

“…secondo i desideri ingannatori”.

Non sono veri. Ossia, tu puoi stare soffrendo per qualcosa che è una menzogna ma tu l’hai creduta come se fosse verità.

-“No, no, no, ragazzo, io ho una memoria cattivissima”-. 

-“E come lo sai?”-

-“No, perchè la mia mamma me lo ha sempre detto, che io mi dimentico tutto”-.

Ah! E quindi, questa “menzogna” va accomodandosi alla tua personalità, e tu dici: -“No, io non ho memoria, cercate un registratore che a io mi dimentico tutto”-.

-“Ma se ti dò quattro numeri…”-.

-“Me li dimentico…”-

Ti succede come a quello che stava facendo la pubblicità in televisione di una pastiglia che ti restituiva la memoria da quando eri piccolo fino alla tua età. E quindi lo hanno chiamato e gli hanno domandato: -“Come si chiama la pastiglia?”-

-“Ascolta, com’è che si chiama? Mi sono dimenticato…”-   

Non funzionava la pastiglia, vedi?

Sono desideri ingannatori, amore mio. Tu non puoi vivere così:

-“No, che io ho la tendenza…”-.  Ma quale tendenza!

-“No, che io ho questo, che io ho quello, che io morirò di questo, che alla mia mamma è successo questo e a me succederà lo stesso, che tutti quelli del mio popolo sono così,  Cariduros (popolazione del Porto Rico, noti per la loro testardaggine), e quelli dell’altro popolo sono così…”-

E poi c’è gente:

-“Siccome mio papà era così, io sono così”-.

-“Ascolta, e perchè tu sei così?”- 

-“Perchè la mia mamma era così!”-

-“Ah. E perchè tu pensi così?”-

-“Bene, perchè quelli del mio popolo pensano così”-.

-“E di dove sei tu?”-

-“Ebbene, sono del tal luogo…”-

-“Ah, è per questo?”-

-“Sì, è per questo!”-.

 

QUESTI SONO DESIDERI INGANNATORI.

-“No, se io non studio, non sarò nessuno!”-.

 

Ebbene, cerca di studiare ma c’è gente che studia e non è niente. Perchè si sono bevuti la menzogna che: -“Se non studio, non sono nessuno”- ebbene sono rimasti con “il signor nessuno” e si sono laureati e continuano ad essere “il signor nessuno”.

Paolo dice che “tu sei più che vincitore”. Di più, Paolo dice: “Dò grazie al mio Dio che sempre mi porta in trionfo”. E come fai tu a dire che tu sempre sei in fallimento? “Questa lieve tribolazione, passeggera e momentanea…”

 

Come fai tu a dire che tu conduci tutta la tua vita e che il diavolo ti possiede?

Loro dicono così: “il diavolo mi possiede”, ragazzo! Come quei predicatori, Jimmy Swaggart e un mucchio di altri, che commettono “desideri ingannatori” e poi dicono: -“No, è stato il diavolo!!”- …ebbene, cercate il diavolo e mettetelo in prigione!

Non mettete lui in prigione perchè non è stato lui, lui dice che è stato il diavolo: -“The devil made me do it”-. (Il diavolo me lo ha fatto fare). Ebbene, cercalo e metti in carcere il diavolo ma non te, perchè tu non sei stato.

Sono le debolezze. È per questo che Paolo dice: -“Guardate, non c’è nessuna tentazione che non sia umana.”- questo non è diavolo, questo è  “umano”.

 

-“No, questo è un demonio che io ho. A me, mia mamma ha detto che mi hanno fatto una fattura perchè c’era una mia zia che era gelosa e mi ha fatto il malocchio e io da lì sto così”-.

 

Non essere id…. come dicono nel tuo paese? Ebbene, non essere…quello!!!

Come fai a bere questa menzogna che ti hanno fatto un lavoretto, che questo non esiste? Il diavolo è stato distrutto duemila anni fa, i suoi demoni sono stati distrutti!

CHI DETERMINA LA VITTORIA NELLA TUA VITA? LA DETERMINI OGGI, TU, QUESTA NOTTE. Tu sei chi determina questo. Papà Dio non ti aiuterà. Sei tu. Tu  decidi: SONO PIÙ CHE VINCITORE! Questo lo decidi tu.

 

(Ovazione).

Per questo ci sono persone, che vanno come alla deriva:

-“E cosa ti succede?”-

-“Io ho bisogno consigli”-.

-“Consigli?”-

-“Sì, io ho bisogno qualcuno che mi ascolti”-.

 

Ma ti va ad ascoltare un debole che ha, chissà, cose peggiori di te. Vede le cose in maniera differente, quindi fai un trasferimento di quello che tu stai vivendo alla debolezza di quest’uomo, di questo consigliere o della consigliera.

Ascolta, io ho sentito di casi che in questa attività di consiglio, lì sorgono dei pasticci, perchè è che sono desideri ingannatori con desideri ingannatori. Uomo viziato con donna viziata. Uomo viziato secondo desideri, e questo è tutto un inganno.

Papà Dio non vuole attività di consigli. Guarda, qui non ci sono saloni per i consigli matrimoniali. Questo è un errore teologico. Questo è un danno. Questo è un danno. Questo di: -“Vado a visitare il padre della parrocchia”- per cosa? Attento! È per questo che il mondo sta come sta.

Adesso: il crimine più grande che si possa commettere è impedire che questa conoscenza arrivi alla mente di un essere umano. Tu vedi tutta questa opposizione che c’è in giro? È perchè non siate felici, perchè non arriviate alla fonte dove vi si dà acqua gratis: “Venite, comprate senza denaro” così ha detto Isaia di questa parola, quando parlava della vera grazia. Questo ti risolve qualunque situazione. Servirà il suo tempo, qui non offriamo formule magiche.

No, benedetto, devi ascoltare, vieni, congregati, non rimanere in casa.

Vieni, ascolta la cassetta, i CD, impregnati di questa parola. Nei mezzi di comunicazione,  quello che tu puoi vedere sono cinque minutini, lì non si può spiegare niente, è udendo, perchè non senta più pena per te stesso.

-“No, no, io non voglio compassione. Io sto bene”-.

-“No, che tuo papà ha fatto questo”-.

-“A me non importa, questo è un suo problema”-.

-“No, che mia mamma ti ha maltrattato. Io l’ho saputo. Guarda, io ho visto tua zia quando ti ha dato fastidio”-.

-“Lascia quieta mia zia che questa è un’altra pazza, che lei cerchi aiuto, io ho già trovato il mio aiuto”-.

-“No, che è stato quello…”-

Così è successo a Eva: -“Guarda, e cos’è successo?”-

-“No, no, è stato quello, il serpente”-.           

-“Adamo, cos’è successo?”-

-“È stata Eva”-.

 

E tutti quanti dando la colpa all’altro. No, benedetto, questo sta, guarda, nelle tue mani.

 

Hanno domandato ad un vecchietto, che alcuni ragazzini volevano far passare per tonto: -“Andiamo a far passare per scemo il vecchietto, andiamo a burlarci di lui”- perchè il vecchio aveva conoscenza.

-“Andiamo a mettere una farfalla viva nel palmo della mano e poi gli diciamo: -“Papà, quello che io ho nella mano è vivo o morto?”- se dice:  -“È vivo”- serro la mano così” tu sai che le farfalline muoiono facilmente, con un colpetto “e se dice: -“È morto”- la lascio volare”-.

E sono andati da lui: -“Papà, mi dica una cosa, quello che io ho in questa mano, ha vita o è morto?”-

E il vecchietto gli disse: -“Amore mio, la decisione sta nelle tue mani”-.

(Applausi).

Andiamo a vedere l’ultimo verso. Isaia  35: 8.

“E ci sarà lì una strada…”

“Ci sarà”, futuro. Questo non è successo nel calvario. Sta dicendo: “ci sarà lì” … in Miami. Questo non ha avuto luogo, là. Mai. Paolo lo hanno ucciso e non gli hanno lasciato spiegare questo. Ma ha detto: -“Guarda, ci sarà un momento che…”-

“…ci sarà lì una strada maestra, una via  che sarà chiamata Cammino di Santità…”

 

Non di debolezza. Tu dici: -“Io sono debole”- ma Lui ti rende forte. E quando tu sbagli, Lui nell’archivio mette: -“È stato promosso con cento!”-. E ci sono in giro gli evangelici che ti dicono: -“Il libro della vita, lì ti svergogneranno!!”-.

E ti succede ancora un’altra cosa (e scrive): -“È stato promosso con 100”-.

E la tua pagella dice, guarda: “OK, OK, OK, OK, OK, OK, OK”.

(Applausi)

“…nessun impuro vi passerà…”

 

Sicuro, tutti siamo impuri ma siccome tu ti chiami: -“Sono forte”- e usi il vangelo, ti da salvezza.

“…nessun impuro vi passerà, se non che Lui stesso…”

Guarda perchè non sei impuro, hahahaha, ascoltalo:

“…ma Lui stesso starà con loro;

colui che cammina in questo cammino…”

 

Tu sai come dice la versione originale? “Per debole che sia”. In inglese  dice: “devil”.

Mmmhhh…. è che si scrive “diavolo”, uguale, ha ha ha ha … Dice:

“…per quanto goffo sia, non si perderà.”

 

Guarda come dice lì. Cosa dice? “Lui stesso starà con…”, chi? Con loro? Questo mi suona come la lettera agli Ebrei 13: 20, vero?

“E il Dio della pace che ha risuscitato dai morti il nostro Signore Gesucristo, il grande pastore delle pecore, per il sangue del patto eterno, vi renda atti in ogni opera buona perchè facciate la Sua volontà, facendo…”

tu, con molta forza e molta decisione…

“…facendo Lui in voi quello che è gradevole

davanti a se stesso…”

“Colui che si unisce al Signore” è cosa? “è uno Spirito con Lui”. Quindi, siccome tu sei uno spirito con Lui, ebbene, Lui in te, se tu lo lasci … ti ricordi della farfallina? Non la schiacciare, perchè esca viva da te.

ABBA PADRE!

CHI PUÒ VINCERE I SANTI?

.

 .

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

4 di marzo del 2012

 

Quindi, il tema di oggi è: “Chi può vincere i santi?”.

Così dice in Apocalisse capitolo 13, verso 7. Dice:

“E le fu permesso fare guerra ai santi” e cosa? “e di vincerli. Le fu data anche autorità su ogni tribù, popolo, lingua e nazione.”

 

Ci sono molte nazioni? Ebbene, a questa Bestia è stato permesso di fare la guerra contro i santi.

Contro i santi?

Ah, e di vincerli: questo è strano, vincere un santo? Va bene vincere un empio, un peccatore, ma vincere un santo?

Bestia, significa uomo. Dice, la parola  Bestia nel linguaggio giudeo, dice: “…loro moriranno come bestie”. Loro: sta parlando degli uomini, perchè l’uomo, in carne, è come una Bestia.

Per questo Paolo, a volte dice: “Ma l’uomo animale non intende le cose dello spirito”. La versione Valera l`ha modernizzata un pochino per non ferire tanto l’essere umano e gli ha messo: “l’uomo naturale” (1ª ai Corinzi 2: 14) ma, in sè, la versione originale dice: “l’uomo animale non intende le cose che sono dello spirito”. E quindi… ebbene, gli animali, quando non intendono le cose… ebbene immaginati: un animale non capisce.

 

Adesso: questo animale parlava, è differente ad un animale perchè dice che la Bestia parlava, la sua immagine parlava. Vuole dire che era un uomo. Un buon intenditore, con poche parole si rende conto che sta parlando di un uomo, perchè gli è stata data autorità su tutte le nazioni. Ti immagini una Bestia che vince tutte le nazioni e le tribù? He he he.

Un animale? Chi presterebbe attenzione ad un animale? Sta parlando di un uomo al quale è stato dato un potere.

Naturalmente, Giovanni viene da una simbologia giudea tremenda e quindi, Giovanni, non poteva intendere come qualcuno potesse vincere un santo.

È come Daniele, Daniele ripete questo. Daniele diceva che  era una Bestia perchè andava contro, voleva cambiare il patto e cambiare la legge. Sicuro! Il patto doveva cambiare: veniva un nuovo patto ma Daniele non lo capiva, diceva: -“Ascolta, ma questa è una Bestia perchè sta cercando di toglierci il nostro patto di Mosè?”-.

Ebbene, sicuro! Bisognava toglierglielo, bisognava cambiarlo e mi riferisco a Daniele 7:21.

Guarda, lui stesso lo dice lì, lo stesso che dice qui lo dice Daniele, perchè Daniele ha detto: “Ho visto e non ho capito”. Guarda, tu vedi come mi giudicano le nazioni?  Loro pensano che io sono cattivo, vero? Perchè? Perchè loro sono abituati ad una cosa, ebbene, Daniele e Giovanni, siccome erano abituati alla legge di Mosè, quando gli si è presentato Gesucristo, hanno detto: -“Questo è una Bestia, questo non può essere Gesucristo”-.

Guarda quello che ha detto Daniele:

“Ed io vedevo questo corno” adesso lo ha chiamato corno, immaginati “che faceva la guerra contro i santi” e cosa faceva? “e li vinceva.”

Ragazzi! Giovanni dice: -“No, no, questo è tremendo!”-

Adesso, perchè bisogna vincere i santi?

Guarda, andiamo a vedere la lettera ai Romani 8: 29 al 31. Guarda chi è un credente per Paolo. Naturalmente, un credente per Paolo…, di questi credenti non ce ne sono mai stati per duemila anni perchè, quando è arrivata l’apostasia, ebbene, li hanno tolti di mezzo. Non c’era questo tipo di credente. Adesso sì, ci sono: quando tu apprendi le epistole di Paolo, tu ti converti in questo.

Guarda quello che dice:

“Perchè coloro che ha conosciuto prima…”

 

Prima di prendere corpo, ossia: questi sono gli spiriti che Dio ha creato nel cielo e li ha fatti partecipare di carne.

È per questo che nella lettera agli Ebrei 2: 14 dice: “Per quanto i figli…” già erano figli ma non avevano carne. Dice: “Per quanto i figli hanno partecipato di  carne e sangue, anche Dio ha partecipato dello stesso, per distruggere il diavolo”, lettera agli Ebrei 2: 14.

Quindi:

“….coloro che ha conosciuto prima, li ha anche” cosa? predestinati…”

 

Questa gente arriva calibrata dalla fabbrica. Questo non è per le opere, questo non è perchè tu sei intelligente e dici: -“Io sì che ho preso una buona decisione, per il mio libero arbitrio”-. Qui, il libero arbitrio… anche questa è una menzogna tremenda. Tu vieni preparato da prima, dal ventre, dalla matrice, tu sei portato,  come dice Isaia 46: 4. (Applausi).

Dice:

“….coloro che ha conosciuto prima…”

Hello! Sta parlando di Gesucristo Uomo. Nessun essere umano ti puó dire questo perchè le teste umane non hanno questo materiale. Questo chip gli è stato cancellato, solo Dio stesso lo ha portato ed è per questo che tu gli hai prestato attenzione, è per questo che tu vivi tanto felice: perchè è Gesucristo stesso che ti spiega i misteri che erano nascosti.

Dice:

“Perchè coloro che prima ha conosciuto” non li ha abbandonati “li ha anche predestinati ad essere conformi all’immagine di Suo Figlio…”

Quasi niente!  Qual’è la tua immagine nello spirito? Uguale a quella di Gesucristo!

È per questo che tu sei un tesoro in un vaso d’argilla. È che tu sei un tremendo angelo! Se ti guardi nella carne, continui a soffrire, se ti guardi nello spirito, ragazzo: -“Aspetta!! Cosa ci faccio messo in questo corpo? Cambiami questo, che uguagli il mio spirito!”-… immaginati!

La religione non sa questo ed è per questo che loro dicono: -“Passate davanti e pentitevi! Battezzatevi!”- e bagnano la carne.

-“Passa davanti…”- la carne -“…e pentiti”-  la carne  e quello di dentro, che è l’immagine, è lì che piange: -“Dammi vita!!!”-  lo spirito. Nessuna chiesa ha dato vita allo spirito dei credenti per duemila anni. Questo si chiama apostasia.

Continuiamo. Se continuo a spiegare questo non termino nei trenta minuti. È che questo è tanto pieno di sapienza, vero?     

 

“…perchè lui sia” il primo di loro, se il primo è così, anche gli altri “il  primogenito tra molti fratelli. E coloro che ha predestinati…”

Non sono tutti. Dice: “coloro che”, non tutto il mondo è predestinato.

Per questo Gesucristo non ha versato sangue per tutta l’umanità. Dice che “lui ha versato il suo sangue per molti”, sicuro! Non é matto: come versa sangue per i figli della perdizione?

LUI HA VERSATO SANGUE PER I FIGLI CHE SONO GIÀ STATI PREDESTINATI ED ELETTI, PRESCELTI DA LUI.

E coloro che ha predestinato, li ha anche” cosa? “chiamati…”

 

Chi chiama? Dio. Non sei tu.

 

“…e coloro che ha chiamati, questi stessi ha” cosa? “giustificati…”

 

Gli ha detto: -“Voi non siete peccatori. Io ho cancellato i vostri peccati, li ho tirati alle mie spalle per non ricordarmi di essi. Io, come agnello, tolgo il peccato dal mondo”-. Da quale mondo? Delle montagne? No, dal mondo dei prescelti.

 

“…ha anche giustificato, e coloro che ha giustificato, questi ha anche” cosa? “glorificati”

 

“Cosa diremo dunque a” cosa? “a questo?”

 

E che cos’è “questo”? Quello che abbiamo appena terminato di leggere:

“Se Dio è per noi, chi sará contro di noi?”

Ascolta, ma… aspetta: Daniele e Giovanni dicono che la Bestia lottava contro i santi e li vinceva e poi dice che un vero credente dice: “Se Dio è per noi, chi è contro di noi?”

Così che, mantieni questo in mente lì perchè qui sta la CHIAVE della Bestia che vince i santi.

Guarda quello che dice lì nel medesimo… lettera ai Romani nel capitolo 8, versi dal 34 al 39.

“…persecuzione, fame, nudità, o pericolo o spada? Chi ci separerà dall’amore di Cristo?”

La Bestia!  La BESTIA?

 

No, come fa a separarti? Se Lui viene a vincerti, come santo addormentato in apostasia, perchè ti risvegli a chi sei tu dentro.

Questa è la guerra, la guerra non è una guerra d’armi. È UNA GUERRA CONTRO LA TUA MENTE PER PORTARTI AL PATTO. (Applausi).

Adesso lo vedrai più chiaramente. Verso 35, dice:

“Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Tribolazioni”  Bestia “o angoscia, o persecuzione, o fame, o nudità, o pericolo, o spada?

Come sta scritto: a causa tua siamo morti tutto il tempo; siamo considerati come pecore da macello.

 

Ma in tutte in quante? “in tutte siamo più che…” cosa? “più che vincitori.”

 

Ah, però dice che la Bestia vinceva i santi. Non quel tipo di santo: erano dei santi addormentati, quelli che Lui stava vincendo.    

 

…siamo più che vincitori per virtú di colui che ci ha amati.

Per il quale sono persuaso che nè bestie “che né morte, né vita,

angeli, né principati, né podestà, né presente,

né futuro, né altezze, né profonditá,

 

né nessun’altra cosa creata ci potrà

mai separare dall’amore di Dio,

che è in Cristo Gesù Signore nostro.”

 

(Applausi).

Ascolta e quegli evangelici che ci sono in giro che una birra li separa dall’amore di Cristo, una sigarettina li separa dall’amore di Cristo, un adulterio e: -“Già sei perduto!”-.

Se si è separato dalla moglie: -“Non ti puoi sposare mai più perchè commetti adulterio e ti perdi”- ossia che loro sono “perdizione”, “perdizione”, “perdizione”.

No, no, no. È per questo che sono dei noiosi, io li chiamo: “i santi stanchi e noiosi” che bisogna fare la guerra con loro per vincerli e portarli qua.

Questo è ciò che io faccio: vincerli.

Io sono la Bestia che vince i santi noiosi che non conoscono il Vangelo della Incirconcisione.

Perchè quelle chiese puzzano. Guarda, io ti dico: tu sai cosa significa andare ad una messa in questi tempi? (Mima il gesto del segno della croce) Ascolta: bisogna essere ben malato in testa per fare questo.

O, in un’altra chiesa che è piú “ravvivata” dove ti dicono: -“Figlio del diavolo, resterai qui, l’inferno sta ardendo! Tu presto ci rimani! Passa, pentiti!!”- e la gente corre.

 

Questo è un abuso contro l’essere umano! Questo significa non rispettare quello che Dio ha amato di più. Questo significa non rispettare “coloro che prima ha conosciuto e predestinato ed ha chiamato ed ha giustificato”.

Maltrattarli con questo tipo di messaggio! Roma deve sprofondare insieme a tutti questi evangelici. E li abbatteremo! (Applausi).

Bisogna farla finita con tutto questo, questo non funziona! Guarda come stanno gli abusi: oggi stavo vedendo in televisone gli abusi in Messico, 25 milioni per un abuso sessuale lì, in Pine Crest. E continuerà perchè lì non c’è potere, fratello.

Qui non c’è comandamento, qui non c’è peccato, qui non c’è diavolo. Però c’è spirito di potere, di amore e di dominio. Cosa vuoi tu, comandamenti e proibizioni o SPIRITO DI POTERE E DI DOMINIO PROPRIO? (Applausi).

Abba Padre!

Guarda quello che dice Luca, capitolo 18, verso 8, perchè comprendiate come sarebbero stati questi santi, quando Gesucristo Uomo sarebbe apparso per la seconda volta. Guarda come sarebbero stati:

“Vi dico che presto farà loro giustizia. Ma quando il Figlio dell’Uomo non Gesù di Nazaret, non il risuscitato, ma il terzo velo il Figlio dell’Uomo…”

 

Ossia, un uomo che sarebbe stato figlio di madre e padre. Gesù di Nazaret non poteva essere figlio di Giuseppe, perchè quindi non avrebbe potuto morire per i peccati del mondo. Lui era Figlio di Dio, LUI non era Figlio dell’Uomo, LUI era Figlio dello Spirito di Dio. Ma il Figlio dell’Uomo poteva essere di madre e padre, quando Lui fosse arrivato in quella manifestazione.

Gli evangelisti hanno un ritardo perché loro aspettano che Gesù di Nazaret –quello stesso della Galilea- ritorni, quindi gli evangelici stanno aspettando che sia biondo e della Galilea, che non era nemmeno biondo. Ma loro stanno aspettando che quel velo ritorni oggi.

No, colui che oggi sarebbe tornato è lo stesso Gesù, inviato, Dio con noi, che si sarebbe manifestato in un’altro velo come Figlio dell’Uomo. Adesso, quando verrà il Figlio dell’Uomo, torniamo al verso, guarda quello che dice, Luca 18: 8.

“Ma quando verrà il Figlio dell’Uomo, troverà fede sulla terra?”  

 

Se non ha trovato la fede, cos’ha trovato? Che cos’è il contrario della fede? L’APOSTASIA.

Quindi io sono arrivato ed ho guardato, ed ho ascoltato tutte le scuole d’ interpretazione che tu ti puoi immaginare e non c’era fede, quello che c’era erano le opere: c’erano messe, opere, sacrifici, cerimonie.

Non è per fede perchè “la fede è la certezza di quello che si aspetta, la convinzione di quello che non si vede”.  E loro vivono per quello che si vede. Questo non è fede.

Quindi, “Quando verrà il Figlio dell’Uomo, troverà fede sulla terra?”.

Ma, troverà gente prescelta? Sì, però senza fede. Quindi, il Figlio dell’Uomo (José Luis De Jesús) sarebbe venuto a lottare contro questi santi per salvarli.

Salvarli da cosa? Spiritualmente no, perchè il sangue di Gesù li ha salvati spiritualmente. Il Figlio dell’Uomo viene a salvarti con il vangelo, a salvarti da te stesso perchè tu viva regnando in vita qui sulla terra: salvarti dalla tua vana forma di pensare e cambiarti alla mente di Cristo. (Applausi).

Paolo lo ha profetizzato: Atti degli Apostoli 20:29. Guarda quello che ha detto Paolo, nella scomparsa di questo apostolo. Quando lui ha saputo che lo avrebbero ucciso a Roma, Paolo disse: -“Guarda quello che vi succederà”-:

“Perchè io so…”

 

L’Apostolo lo sapeva, prendi nota per quando ti domandino.

“Perchè io so che dopo la mia partenza…”

 

-“Non la partenza di tutti, è la mia, personale! Dopo che io sia scomparso, termina tutto, perchè Pietro non conosce la grazia, Giovanni non la conosce, gli apostoli non conoscono la grazia. Quello che loro conoscono è il vangelo della circoncisione e questo non è fede, queste sono opere”-.

Questi undici apostoli… quando Cristo è morto è scaduto, terminato, decaduto il loro lavoro, è terminato il loro lavoro apostolico, perchè loro avevano un altro vangelo. Veniva un nuovo vangelo, quello della incirconcisione e lo possedeva solo Paolo, e loro rifiutavano Paolo. I peggiori nemici di Paolo erano gli undici apostoli, impedivano il suo lavoro, è per questo che lui ha detto:

 

“…dopo la mia partenza entreranno in mezzo a voi lupi rapaci” per non dire gli apostoli “che non perdoneranno il gregge.”

 

Perchè “…non perdoneranno il gregge?”. Cosa? Che non lo perdonano? Ma loro dicono: -“No, i tuoi peccati sono perdonati”- ma non gli presentano la vera funzione di Cristo sulla croce, non lo perdonano quando gli dicono: -“Hai peccato”-.

Che cosa diceva Giovanni? -“Figlioletti miei, se qualcuno ha peccato, avvocato abbiamo con il Padre”- .

Se ci fosse stato un discepolo di Paolo lì, gli avrebbe detto: -“Come si chiama uno che ha peccato, se il peccato è già scomparso?”- ma questi lui li chiamava “Anticristo”, perchè erano discepoli di Paolo, quindi, questa era la condizione.

Adesso, guarda la Seconda carta ai Tessalonicesi capitolo 2, versi 1 e 3.

Fratelli, dobbiamo salvare il mondo. Il mondo è confuso, pieno di religioni e ci vedono come gente cattiva quando siamo gli amici più grandi della chiesa. Io sono l’amico di tutti questi pastori e preti, io sono amico di tutti coloro che amano Dio.

Perchè io li porto ad un’altra gloria, li sveglio, lotto, li vinco e li marco sulla fronte con il vangelo e se no li marco sul braccio!

(Applausi).

Poverini! Guarda tutta quella gente, sono avvocati, gente che ha studiato, tutti questi giornalisti di ABC, CNN, è gente intelligente. Intelligenti per le cose della carne ma qui non passano la classe. Qui hanno un ritardo di duemila anni.

Guarda come dice l’ Apostolo Paolo nella Seconda carta ai Tessalonicesi capitolo 2, versi 1 e 3.

“Ma rispetto alla venuta del nostro Signore Gesucristo e alla nostra riunione con lui…” 

Per riunirti necessiti un corpo, hello! …nella venuta, quando lo vedi e ti riunisci con lui, come stiamo qui. Sì, perchè se c’è una riunione, ah, e se c’è una riunione è perchè tu Lo conosci già, sei stato con Lui prima e ti “ri-unisci”.  

 

“…vi preghiamo, fratelli, di non lasciarvi muovere facilmente nel vostro modo di pensare la mente “nè vi confondiate, nè per spirito” se ti fanno segni e ti risanano gli infermi e ti parlano in lingue e altre cosine, non ti turbare per questo!

“nè da parole” fai attenzione a come ti parlano “nè da qualche lettera fatta passare come nostra…”

Sta dicendo: -“Scriveranno carte. Guarda, arriverà la Prima di Pietro, la Seconda di Pietro, la Prima di Giovanni, la Seconda di Giovanni, la Terza di Giovanni, Giuda, Apocalisse, Giacomo. Scriveranno carte che non sono mie, sono della circoncisione, le mie vanno dalla lettera ai Romani alla lettera agli Ebrei”-.

 

Se tu non sai questo, non sai NIENTE!!

“…nè per lettera fatta passare come nostra…”

Non sono nostre, solo loro, che scriveranno e con soavi parole e con elogi  ingannano i cuori degli ingenui.

“…nel senso che il giorno del Signore è vicino. Nessuno vi inganni” in quante maniere? “in nessuna maniera, perchè non verrà” Lui non arriva in nessuna maniera “non verrà se prima non si manifesta cosa? “l’apostasia e si sia manifestato l’uomo del peccato…”

 

L’uomo che predica che c’è il peccato. Tutti questi pastori dicono che c’è il peccato, che l’uomo è del peccato. L’“Uomo del peccato” non è solo un uomo, “uomo del peccato” è un genere di persone che ti presenta ancora come se tu fossi un peccatore, che c’è peccato nella chiesa.

“…il figlio della perdizione…”

Quindi dice: “se prima non viene l’apostasia”. Cosa significa apostasia? “Appartarsi da”. In sè il termine in greco è “appartarsi”: dal fuoco, appartarsi da un pericolo ma, in questo caso, significa APPARTARSI DALLA FEDE.

 

E cosa dice Luca? “Quando verrà il Figlio dell’Uomo, troverà fede?”.

 

No! Ha trovato una chiesa apostata. La dottrina cattolica-romana è totalmente, al cento per cento, apostata. Gli evangelici sono in apostasia, perchè mescolano i due vangeli. Tutti stanno in apostasia. Enumerali tutti! È per questo che tutti credono in maniera differente, perchè nella fede tutti crediamo uguale. Noi quanti siamo? Più di trenta paesi e diciamo tutti la stessa cosa. Perchè? Perchè la fede è uno spirito, è la mente di Cristo e la mente di Cristo non può parlare di là azzurro e di qua giallo. Non può sgorgare acqua dolce e acqua amara. Dice la stessa cosa!

È per questo che noi cantiamo uguale in qualunque idioma, dovunque stiamo, è tutto lo stesso. Non necessitano manuali, perchè c’è un solo manuale e c’è un solo PASTORE che è il gran Pastore delle pecore, GESUCRISTO UOMO.

UNO STESSO INSEGNAMENTO.

(Applausi).

Quindi, contro questa apostasia bisogna lottare. Osserva che coloro che chiama santi non li chiama increduli, sono santi ma non sono credenti, perchè stanno in apostasia. Un santo che sta nella fede, è un santo ed è credente, crede correttamente.

Adesso, questo è un santo perchè è un predestinato, è un prescelto, in questo stesso momento si sta facendo il segno della croce in un’angolo là o si sta ungendo con acqua benedetta, ma è un santo e bisogna lottare contro questa ignoranza.

Io devo lottare con il mondo intero per poterli vincere e dire loro: -“Guardate, la fede sta nel Vangelo della Incirconcisione”-.

 

Io devo vincerli, dire loro: -“Il diavolo è stato distrutto, benedetto!”-.

-“No, no, il diavolo va in giro sciolto”- perchè vede cose, perchè vede i crimini e dice: -“Questo è peccato, questo è peccato, il diavolo va in giro sciolto”-.

E se la passano con stregonerie e con cose così, quindi io devo lottare con loro per dirgli: -“L’agnello di Dio ha tolto il peccato dal mondo. Nella stessa maniera come è entrato il peccato per mezzo di Adamo, in un giorno, nella stessa maniera il giorno dopo, con la croce, è uscito”-.

È giusto che se è entrato in un giorno -senza chiedere permesso all’umanità: Adamo ha peccato e tutti sono stati costituiti peccatori- non è forse giusto che se l’ultimo Adamo, Cristo, muore venga tolto?  Sicuro che è giusto!

(Applausi).

E convincerli del fatto che Cristo, con una sola offerta, li ha resi perfetti per sempre.

Dì a quello che sta a tuo lato: Tu sei perfetto.

Digli: Io onoro il sangue di Cristo.

Guarda quello che dice la Prima carta ai Corinzi capitolo 1, verso 21.

“Poichè, dato che nella sapienza di Dio” la legge di Mosè in quei tempi, duemila anni fa, la sapienza di Dio era la scienza di Mosè “dato che nella sapienza di Dio, il mondo non ha conosciuto Dio mediante la sapienza, è stato gradito a Dio salvare” gli increduli? “i credenti…”

Per mezzo di cosa?

“…della pazzia della predicazione.”

                                                                                              

Quale predicazione? Quella della grazia.

È una pazzia dirti che non c’è peccato, con tutte queste debolezze che tu hai addosso. Tu dici: -“Ragazzo! Che non c’è cosa? Tanto birichino che sono, con quello che penso!”-. Ma è una pazzia: Cristo ha tolto il peccato. Tu non sei nessun peccatore.

È una pazzia dirti che non c’è il diavolo, quando tu di notte vedi un pantalone che hai lasciato lì appeso e ti copri dalla testa ai piedi. O cade un tegame di notte, perchè era un poco bagnato ed è andato scivolando e alle due della mattina cade il tegame: -“È di là!!”-.

È una pazzia dirti: -“Dimenticalo che questo è stato solo un rumore”-.

-“Sì, però io ho sognato che volevo correre e non potevo… e veniva questo… e sono rimasto paralizzato!!”-.

Questa è la carne, questo è l’incantesimo della tua carne danneggiata. Non c’è niente di malvagio lì fuori.

 

Guarda, io stesso a volte passo per luoghi oscuri, perchè devo camminare per posti così e sento un freddo alle spalle e dico: -“Fa caldo, così che questo freddo fa bene, perchè alle mie spalle non c’è niente!”-.

(Applausi).

Passa un evangelico di questi e ti dice: -“Ragazzo, questo è un demonio che ti sta tendendo un’imboscata”-

Ah, e se commetti un peccato -siccome loro li chiamano peccati-, un crimine: -“Guardi, Signor Giudice, è che era una cosa che io sentivo e il demonio mi ha fatto fare questo!”.

 

Cosa deve fare il giudice? Mandare a cercare il demonio e metterlo in carcere al suo posto perchè “… non sono stato io, è stato il demonio”?.

Che buona scusa per scappare dalle situazioni! -“No, se non sono stato io…”-.

 

Così è successo a Jimmy Swaggart e a Jim Baker. Jimmy Swaggart, bene, un evangelista rinomato e quindi, è andato a letto con una prostituta e quando lo hanno beccato ha detto: -“Guarda, era una podestà (secondo gli evangelici: una autorità diabolica -ndt), non era un demonio!”- e quindi gli altri evangelici hanno detto: -“Ascolta, bisogna avere misericordia di lui, era una podestà, l’uomo non ha potuto difendersi”-, e sono venuti da tutti i posti, dal “Bible Belt” ed hanno pregato, Oral Roberts ed i grandi di qui: -“Fuori! Già! È libero!”-.

Tre mesi dopo è tornato a farlo, perchè questo sta attaccato, questo è dentro alla tua carne, bambino! Ha ha ha. (Applausi).

Bene, andiamo adesso a cercare la marca, il sigillo della Bestia, e se c’è qualcuno qui che non sta marcato io spero che mi dica: -“Apostolo, io voglio questa marca”- e questo non è della carne.

Guarda che bello è: lettera agli Efesini 1: 13. Questo è il sigillo che mettiamo, nella mente naturalmente.

“In Lui anche voi, avendo udito la parola di” della legge? “la parola della verità…”

 

Questa non è una qualunque parola, è quella della grazia, quella del Nuovo Patto, il Vangelo della Incirconcisione.

“…avendo udito la parola della verità, il Vangelo della vostra salvezza, ed avendo creduto in esso, siete stati sigillati” lì sta il sigillo della Bestia, “sigillati con lo Spirito Santo della promessa…” 

Questo è il sigillo che Papà Dio ti ha posto. (Applausi).

Dì a quello che sta a tuo lato: CHE BENE FA QUESTO SIGILLO. MI FA REGNARE IN VITA. SE HO UNA MENZOGNA NEL MIO CORPO, IN QUESTO STESSO MOMENTO MI RISANA. ABBA PADRE!

Abba Padre! CHE BENE È STARE MARCATO CON QUESTO SPIRITO!

Immaginati: ti porta sempre in trionfo, tu sai che nel nostro linguaggio è: Tutte le promesse sono nel sì, sì e nell’amen.

Tu sai perchè le famiglie sono distrutte? Perchè dicono: -“A penso che tutto mi viene male. E tutto va male… io vedo male mio figlio. E penso che il matrimonio di mia figlia va male anche quello. E io penso che il governo va male e le cose vanno male…”-.

 

Quindi, immaginati che tutte le Sue promesse sono: Sì, sì e nell’amen.

TUTTO LO POSSO IN CRISTO CHE MI DÀ FORZA. QUINDI SONO PIÙ CHE VINCITORE! REGNO IN VITA SU QUESTA CIRCOSTANZA. NON RICEVO QUESTO, IO DICO CHE MIO FIGLIO STA BENE, IO DICO CHE LA MIA FAMIGLIA…

Ma da loro sgorga acqua amara e quindi andare in queste case ad ascoltare questa gente parlare così… per questo tu già non puoi stare con i tuoi familiari. Tu ci stai un pochino e poi dici: -“Uufffff… wow, questa gente non sa parlare!!”-.

Queste riunioni tu non le sopporti perchè sono fatte di lamenti e lamenti e lamenti e lamenti e a te hanno cambiato questo stile di vita. (Applausi).

Immaginati, Paolo dice: “In tutte queste cose siamo più che vincitori” stava parlando di fame, tribolazione, angoscia, di tutto… nudità!

SIAMO PIÙ CHE VINCITORI.

Per questo i cubani già non vogliono venire negli Stati Uniti, i nostri, gli altri vogliono venire ma i nostri dicono: -“Stiamo regnando in vita”-. Ascolta! Mi hanno inviato 1.800 dollari di decima e offerte da Cuba! (Applausi).

Perchè? Perchè il Vescovo di là (Tomás Flores) sta regnando e insegna  loro: -“Non vi lasciate distrarre da queste cose qui: chiamate le cose che non sono come se fossero”-.

 

Com’ era Abramo? Quello che chiamava le cose che non sono come se fossero.

Quindi, quando tu entri in questo stile di vita TUTTO VA BENE:

 

-“Come che tutto va bene? Sei giallo… bianco”-

-“Dimenticatelo, questo è passeggero”-

-“No, ma stai palpitando, hai una tachicardia”-.

-“Bene, questo è per un momentino, adesso se ne va. A tutto il mondo vengono le tachicardie e crampi e salti…”-.

 

Se vai dal medico ti confondi, immaginati! È uno STILE DI VITA.

Questa non è una religione. QUESTO È UNO STILE DI VITA. QUESTO È REGNARE IN VITA, non regnare lassù e con le strade d’oro. L’oro ci serve qui, non là.

(Applausi).

Guarda ma quale mare di cristallo e strade d’oro, è qui che serve questo!

Abba Padre! …bene, già andatevene a casa vostra ha ha ha ha…

Ah, dobbiamo pregare… dobbiamo pregare? NO. Se siamo già “pregati”. Che altro che la parola di Dio che c’è qui, che stiamo pregando da mezz’ora.

BENEDETTI! I musicisti! Hello!

TRE MANIERE PER NON RAGGIUNGERE LA GRAZIA

.

 .

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

29 di febbraio del 2012

.

Bene, tu sai che noi siamo “salvi sempre salvi” e che i nostri nomi sono stati scritti nel libro della vita prima della fondazione del mondo e Papà Dio non ha la gomma per cancellare, quello che c’è scritto lì, rimane scritto. Inoltre, tu sai che nessuno ti può separare dall’amore del Signore e anche che prima di nascere, non avevi fatto nè bene nè male e Papà aveva già detto: -“Questo è mio”. Così che tu sei sicuro.

Adesso, la Bibbia dice che ci sono tre maniere di non raggiungere la grazia, non la salvezza: la grazia, nel nostro vivere quotidiano, naturalmente. Quindi andiamo a parlare delle tre maniere per le quali tu non raggiungi la grazia.

Cominciamo con la lettera ai Galati capitolo 5, verso 4. Questa è la prima. Dice:

“Da Cristo siete separati, voi che vi giustificate con la legge:” cosa dice? dalla grazia siete decaduti.”

Immaginati: tutte le chiese del mondo… a volte a me dicono: -“Ma perchè tu dici che la tua è l’unica (chiesa) che sta nella verità?”- ebbene, perchè non siamo decaduti dalla grazia, perchè noi non ci giustifichiamo per mezzo della nostra condotta.

E tutte le chiese, per il fatto di stare mischiando i due vangeli… la circoncisione ti esige le opere: se tu compi opere che cosa stai facendo? Perchè tu stai attuando? -“Perchè io voglio compiacere Papà”-, ebbene sei “decaduto dalla grazia” perchè non ti puoi giustificare per le opere nè per la legge.

Quindi questa è la prima.

E non possiamo rallentare nella nostra dottrina perchè tu sai che c’è molta pressione da fuori verso di noi. Noi, in questo momento, stiamo affrontando il mondo intero.

E quindi, loro ci accusano e dicono: -“Guarda, loro dicono che non bisogna fare niente, perchè Cristo ha fatto tutto”-.

Ha fatto tutto sì o no?

Bene, guarda come dice la lettera ai Romani 3: 24. Andiamo a vederlo.

Dico: o abbiamo ragione o qui noi stiamo inventando!

“…essendo giustificati gratis…”

Suona meglio  “gratis” che “gratuitamente”, vero? Ti è piaciuto di più “gratis”?  Ha ha ha ha…. È che tutto quello che è gratis va bene.

“….essendo giustificati gratuitamente per la sua grazia, in virtù della redenzione realizzata da Cristo Gesù…”

Cosa significa gratis?

Se a te regalano una cosa e quindi già ce l’hai… o meglio, l’unica cosa che hai fatto è stato prenderla, ha ha ha ha … questa è l’unica azione che tu hai fatto: -“Dammela!”- (fa il gesto di afferrare qualcosa).

Continuiamo a leggere lì, che questo è bello!  Verso 25.

“…il quale Dio ha prestabilito a servire come strumento di espiazione per mezzo della fede, nel suo sangue, per manifestare la sua giustizia, dopo la tolleranza, nella sua pazienza, dei peccati passati…”

 

Dopo cosa? La tolleranza, non ne ha tenuto conto.

“…con la mira di manifestare, in questo tempo, la sua giustizia per essere Lui il giusto e colui che giustifica chi ha fede in Gesù. Dove sta dunque il vanto?…”

Questi evangelici che dicono sempre: -“Fratello, guarda, bisogna digiunare, bisogna pagare il prezzo. Io sono una persona di preghiera. Io sì!”-.

È stata come?

“…è stata esclusa. Da quale legge? Da quella delle opere? No, ma” da quale? “dalla legge della fede.”

Quindi la fede che cos’è? Una legge.

Come se io lasciassi cadere i miei occhiali e loro restassero sospesi, significherebbe che la legge di gravità è in pericolo, ma se cadono significa è applicata: ebbene la fede è una legge.

La fede… non è che tu dici: -“Per fede faccio questo…”-, no, la fede è una legge in sè ed ha differenti manifestazioni, ti può risanare e fare innumerevoli cose ma, soprattutto, la fede è una scienza che Dio utilizza per tollerare, per non vederti peccatore, per giustificarti completamente e dire: -“Questo è mio FIGLIO e io mi compiaccio in lui, e sono contento di lei, di lui, non importa!”-

-“Sì, però una volta ha ucciso!!”-.

Ha già pagato il prezzo, lo paga in carcere o lo paga personalmente con sensi di colpa ma, per ciò a cui Dio si riferisce, Dio ti vede pulito, Dio non ti vede in peccato che è quello che non capisce questo sistema, che domandano sempre: -“Bene, quindi uno può rubare?”-

La prima domanda che questi ignoranti fanno ogni volta che diciamo loro che non c’è il peccato è: -“Quindi uno può rubare?”-

-“Se vuoi…”- e sa Dio se lui stesso (che domanda questo) sta già rubando!

No, perchè c’è la legge della semina e della raccolta: se tu semini male, raccogli male. Gesù una volta ha detto: “Con la misura con la quale misuri ti misureranno”, già!

Ma Dio non ti può vedere in peccato.

Poi c’è una seconda maniera di decadere dalla grazia che sta nella lettera agli Ebrei 4: 16 in avanti.

Avviciniamoci dunque fiduciosamente al trono della grazia, per raggiungere la misericordia e trovare l’opportuno soccorso.

 

Perchè ogni sommo sacerdote preso tra gli uomini viene costituito a favore degli uomini nelle cose che riguardano Dio, perchè presenti offerte e sacrifici per i peccati, perchè si mostri paziente con gli ignoranti e i perduti, posto che anche lui è rivestito di debolezza.

 

 E a causa di essa deve offrire per i peccati, tanto per sè stesso come anche per il popolo. E nessuno può attribuire a se stesso questo onore, se non colui che è chiamato da Dio, come è stato Aronne. Così nemmeno Cristo ha glorificato sè stesso facendosi sommo sacerdote, ma gliela conferì colui che gli ha detto: Tu sei mio Figlio, io ti ho concepito oggi. Come anche dice in un altro punto: Tu sei sacerdote per sempre, secondo l’ordine di Melchisedek.”

 

Stava parlando dei sacerdoti di quel patto, ebbene, essi offrivano per i peccati ma, in questo patto,  Cristo si è offerto una sola volta ed ha tolto tutti i peccati.

Adesso, c’è una maniera per non raggiungere la grazia: se tu non ti avvicini fiduciosamente. Ci sono necessità nella tua vita per le quali a volte tu ti senti oppresso, ti senti malato, ti senti debole, ti senti depresso, ma dice lì che tocca a te avvicinarti. Come ti avvicini? Non è camminando: è cercando con la mente, alzando la voce e confessando.

Io l’ho fatto in questa settimana: mi è venuta una di quelle menzogne per le cose (che succedono), gli avvocati, le questioni, tutte queste cose. A volte mi arrivano alle cinque della mattina, non mi arriva solo la rivelazione: a me a volte arrivano anche altre cosine… ed ho dovuto dire immediatamente: -“Ricevo che la vita di Gesù si manifesta nella mia mente e vado a scrivere tutte queste porcherie, le metto su un foglio e me ne vado a dormire”-. Ho preso e le ho scritte tutte: una, due, tre.

-“Rimanete lì!”- e tac! Me ne sono andato a dormire e ho dormito. (Applausi).

Ma io, il velo José Luis, ha dovuto raggiungere la grazia.

Ma se tu resti zitto lì…

-“Cosa ti succede?”

-“Mi duole…”-

-“Ah, ti duole? E che altro?”-

-“Ebbene, mi duole… come duole”- e quindi resti così, ebbene, ti sei arreso!

No! Tu devi prendere l’iniziativa: -“Confesso la parola. Dico che tutto va bene. Dico che questo è il miglior giorno della mia vita”-  questo tocca a te!

Ah, perchè gli angeli stanno lì, osservando, e dicono: -“Non si vuole avvicinare, non si vuole avvicinare. Non vuole confessare. Guarda che ozioso: gli ho dato la salvezza gratuita e l’unica cosa che gli esigo è che confessi e nemmeno vuole confessare. Non gli esigo opere, non gli chiedo di buttarsi in ginocchio, tutto quello che gli chiedo è che venga al Trono della Grazia!”-.

E il Trono della Grazia è qui!

C’è  una terza forma per non raggiungere la Grazia. Andiamo a vederla nella lettera agli Ebrei capitolo 12, verso 15.

“Vigilate bene, non sia che qualcuno smetta di” cosa? “smetta di raggiungere la grazia di Dio…”

 

Eccolo lì! Adesso sì che questo stringe:

“…che spuntando qualche radice” ahiiiii… “spuntando qualche radice velenosa, vi disturbi e, per essa, molti siano contaminati.”  

E tu sai qual’è il problema di essere amareggiati, quando tu stai così? Che smetti di raggiungere la Grazia… quasi niente!

E tu sai perchè smetti di raggiungere la Grazia? Perchè alla copertura non piace questo e non ti serve. Gli angeli dicono: -“ Questo non mi piace!”-.

Come dice la lettera ai Romani 12, versi dal 14 al 21. Questo è Paolo, adesso non è Matteo, il libro storico.

Benedite coloro che vi perseguitano…”

 

Ascolta, noi abbiamo persecuzione? E li stiamo benedicendo? Davvero?

Guarda io dichiaro benedetta la ABC News, la Fox News, -dimmeli Alvaro-, Univisión, Telemundo, Telefutura, Caracol, CNN. Bisogna benedire tutti coloro che ci perseguitano, questo è l’invito.

“Abba” adesso!

Metti di nuovo la ricetta. Ascolta, siccome a voi piace tutto quello che dice Paolo, deve piacervi anche questo!

“…benedite e non maledite”.

 

Saprà Dio quanti di voi hanno detto: -“Quello stupido giudice, che muoia nella notte!”- o -“…quell’avvocato…”-.

Verso 15:

“Gioite con coloro che gioiscono…”

Ahhhhh, questo sì che è buono! Il problema è che a volte coloro che gioiscono sono gioiosi perchè hanno ricevuto una benedizione e tu no, quindi, ti può dare gelosia. Se non gioisci, ti dà gelosia: -“Ascolta, e perchè questo? Questo è arrivato l’altro giorno e già…”-,

-“Questo è arrivato l’altro giorno e l’Apostolo, credo che sia persino andato a prendere un caffè con lui e tutto, ed io che sono qui da tanto tempo”- he he… questo ti fa tribolare, vero?

Dice:

“…piangete con coloro che piangono.”

Dicono: -“Che cosa ottiene questo tizio piangendo?”- che non sia stupido, che confessi la parola.

Ragazzo, sta piangendo, piangi con lui un momentino… sì perchè tu sei molto bravo: -“No, questo così, così, così, qui non ci sono sentimenti. Dimenticatene, la parola dice questo: confessa…”-

Sì, però a volte… non tutte le volte è così.  Vero Willy?

Dice verso 16:

“Unanimi tra voi…”

Che bello, ah? Unanimi!

“…non superbi…”

Ahi, ahi, ahiiii… questa gente in giro che vanno così, guarda, con la superbia. Attenzione!!

“…anzi associandovi con gli umili”.

 

Tu non hai riunione con la gente orgogliosa, nè con gente criticona, perchè ti contaminano parlando:  -“Guarda, fai attenzione, che questo…”-, stanno sempre con la lingua sciolta.

“…anzi associandovi con gli umili.

Siate saggi nella vostra propria opinione”.

-“Ascolta, no, io penso che questo sia così…”-

-“Ma… e l’Apostolo che cos’ha detto?”-

-“No, a me non importa quello che dice l’Apostolo, è la mia opinione…”-

 

“Non pagate a nessuno il male per il male: procurate il bene davanti a tutti gli uomini. Se è possibile” dico, se è possibile “per quanto dipenda da voi, state in pace con tutti gli uomini”.

A volte non è possibile. A volte tu dici: -“No, digli che non ci sono” ha ha “non voglio parlare con lui, o con lei. No, non voglio e basta!”, perchè questo non è possibile.

Non vi vendicate da voi stessi,  amati miei, ma lasciate spazio all’ira di Dio; perchè sta scritto: la vendetta è mia, io pagherò,  dice il Signore”.

(Applausi).

Ascolta, e la ricetta continua a stare lì.

“Così che, se il tuo nemico” non il tuo amico “avesse fame” e puoi dargli da mangiare, daglielo se avesse sete, dagli da bere; ebbene, facendo questo”

con questo lo stai molestando di più, guarda:

“facendo questo, ammucchierai braci di fuoco sulla sua testa.

Non essere vinto dal MALE, anzi vinci con il bene il male”.

Wow…! (Applausi).

Ascolta, ci stiamo depurando, ripulendo, ah? Siamo leggerini, lì! Di più, io credo di avere perso un paio di libbre. Questo va bene anche per dimagrire.

Ascolta, c’è un pensiero in Proverbi 20: 18. Guarda quello che dice:

“I pensieri con il consiglio si ordinano…”

Ossia: i pensieri che ti arrivano, se tu gli applichi il potere di Dio che è il vangelo, con il vangelo, questo succedeva nel vecchio patto ma qui, nel nuovo patto tu metti il potere di Dio,  che è il vangelo,  ai pensieri che ti arrivano e li riordini.

 

“E con direzione saggia si fa la guerra.”

 

Dopo guerreggi fin che ti pare, perchè vai ordinato e vai a vincere tutte le battaglie che arrivano al tuo vivere quotidiano.

Guarda quello che dice il verso 19, che bello che è:

“Colui che vive sparlando svela il segreto;

non associarti, quindi, con quello che è sciolto di lingua”.

Ahi, ahi, ahiiii. Non metterne più. Toglilo… colui che sta spettegolando dice tutto e tu gli hai detto: -“Non dire niente, per favore, che questo non conviene”-. Dimenticatelo, è andato a raccontarlo più in fretta!!

Ascolta, andiamo a mettere la lettera agli Ebrei. Abbiamo letto la lettera agli Ebrei 12: 15, andiamo a ripeterla, dice:

“Guardate bene, non sia che qualcuno smetta di raggiungere la grazia di Dio; che spuntando qualche radice velenosa, ci disturbi e per essa molti siano contaminati.”

Guarda il 16, dove si appella, questo è il contesto. Dice:

“…non sia che ci sia qualche fornicatore, o profano, come Esaù, che per una sola pietanza ha venduto la sua primogenitura”.    

Bisogna studiare che cosa significa PRIMOGENITURA:  significa essere il primo e nel popolo di Israele il primo aveva l’eredità, una benedizione, ma c’è ancora altro materiale su ciò che significa primogenitura.

“Perchè già sapete che in seguito, quando ha voluto ereditare la benedizione, è stato respinto e non ha avuto opportunità per il pentimento, sebbene lo abbia richiesto in lacrime”.

Adesso, osserva, io stavo cercando le ragioni per le quali menziona questo, lì, con radici di amarezza. Quindi, ho cercato Genesi 25, dal verso 29 al 34.

“E Giacobbe aveva cotto una minestra e tornando Esaù dal campo, stanco, disse a Giacobbe: Ti prego di darmi da mangiare di questa minestra rossa, poichè sono molto stanco. Per questo fu chiamato Edom.

“E Giacobbe rispose: Vendimi subito la tua primogenitura. Quindi disse  Esaù: Ecco sto morendo,  a cosa mi serve, dunque, la primogenitura?”

“E disse Giacobbe: Giuramelo subito. E lui giurò, e vendette a Giacobbe la sua primogenitura.”

Adesso osserva, io ho detto: -“Ascolta, lui ha sottovalutato la sua primogenitura. Ha detto: sto morendo!”-. È come quando tu hai un’assicurazione e dici: -“Io sto per  vendere questa macchina, perchè l’assicuro?”- e la lasci senza assicurazione due giorni… e in quei giorni te la incidentano. Più o meno questa è stata l’attitudine di Esaù: -“Se io sto per morire, perchè devo tenere conto della primogenitura?”-.

Ma questo ha un significato spirituale perchè  osserva quello che dice, adesso torniamo alla lettera agli Ebrei capitolo 12, versi dal 22 al 28.

 “…ma che vi siete avvicinati al monte di Sion, alla città del Dio vivo, alla Gerusalemme celeste, alla compagnia di miriadi di angeli, alla congregazione dei… PRIMOGENITI, che sono iscritti nei cieli, a Dio il giudice di tutti, agli spiriti dei giusti resi perfetti…”

E tu sai cosa il Signore mi ha mostrato lì? Che noi siamo i primi. Noi siamo stati illuminati per essere primogeniti di questo regno.

Osserva che tu hai famiglia che, per quanto tu gli spieghi, non vengono illuminati.

E quindi, tu che stai qui non puoi dire: -“Ah, beh! Stare qui non è una  gran cosa. Me ne vado. Sto per morire, per cosa…?”- …tu non puoi!

Guarda, c’è gente che se n’è andata da qui. A volte se ne sono andati ed erano illuminati e hanno sottovalutato il fatto di essere tra i primi di coloro che Dio ha illuminato, perchè sono stati prescelti. Sono prescelti che Dio porta qui, perchè ha progetti su di te e tu non puoi vendere questa primogenitura! (Applausi).

Non puoi! Tu lo devi apprezzare: IO APPARTENGO AL MINISTERO CRESCENDO IN GRAZIA DALLA TESTA AI PIEDI. CONFESSO, SENZA NESSUN TIMORE.

-“Ebbene, ti rompo un vetro della macchina!!”-

-“Provaci…”-

Guarda, per il fatto di mettere il 666 sulle macchine…sulla mia io ho tre sei così, bianchi, e siccome la macchina è grigia si vedono bianchi così!! E a volte io sto guidando e vedo dal finestrino che la gente, immediatamente, ti indica.

Io lascio questa macchina all’aeroporto, che può arrivare qualcuno in questo aereoporto dove a volte non c’è nessuno, immaginati, e possono tirargli un colpo, una bastonata. Ma questo funziona per fede.

Guarda, il padre di Lizbeth, lui non può ricevere ferite: (domanda a Liz) che cos’ha? – …non cicatrizza perchè sta in dialisi. E quindi, lui ha visto il mio tatuaggio ed ha detto: -“Io ne voglio uno uguale, grande così!!”- ed ha questo braccio lì, che brucia, ma ha detto: -“No, io voglio questi sei, perchè questi sei… gli angeli sono tenuti a servire coloro che hanno questa marca!”-. (Applausi).

Fratello, c’è copertura lì. Non avere paura del numero, guarda, questo è il numero del Suo nome: José Luis De Jesús è 666, perchè la bestia che loro hanno visto era Gesucristo Uomo. E nel (verso) 13 dice che è il numero dell’Anticristo, ma nel 14 dice:  “Questo è il numero del Suo nome”. (Applausi).

Ascolta, e continuano ancora a tatuarsi. I benedetti, primogeniti, stanno perdendo la paura Alvaro! Vuole dire che avevano paura e se lo stavano mettendo ben nascosto, sai com’è? Con tanti fiorellini che tu non puoi quasi neanche vederlo: -“…dov’è il 6?”-

E adesso si stanno marcando di nuovo perchè si veda!

Bene, quindi l’Apostolo Paolo dice che ci sono tre maniere di non raggiungere la grazia:

 

Numero uno: osservando il silenzio. “Ti sono invecchiate le ossa per non aver confessato”, perchè non vuoi confessare. Resti zitto nella tua casa e, siccome sei nella tua casa, ebbene chissà che non ci sia gente che confessa come te e tu resti zitto.

Vai in bagno e chiudi la porta: -“Dico che questo è così!”- confessa la parola! O, mettiti addosso una coperta, tappati lì e: -“Confesso la parola”-!!!

Così faccio io e prego per tutto. Tu sai che anche le automobili, per quanto tu stai attento, invecchiano e bisogna cambiarle, quindi tu devi stare con la confessione, questa è la fonte della gioventù. Cosa dicevano che c’era in Florida? Questa è la fonte della gioventù, é qui! (Ovazione).

La CONFESSIONE della Sua PAROLA, devi confessare! Ricevilo!

(Continua l’ovazione).

Alziamoci in piedi.

Ma io non ho terminato. Ho detto che c’erano tre maniere di non raggiungere la grazia:

1. Giustificandoti con la legge,

2. Restando zitto e,

3. Radici di amarezza: sei avvelenato, tu lo sai, stai in amarezza. Tu non puoi, questo non può essere così!

Così che, questa è la ricetta per oggi.

JOSÉ LUIS DE JESÚS: L’UNICO

.

vedi il video sottotitolato in italiano del ricalco

“Josè Luis de Jesus: L’unico”

.

.

Vescovo Luis Martín Guío

4 di gennaio del 2012.

 

Il tema del giorno d’oggi, per istruzione di nostro Padre e Dio, ha come titolo: José Luis De Jesús: L’Unico.

Prendete nota lì, nelle vostre agende universitarie: José Luis De Jesús: L’Unico.

Dobbiamo cominciare dicendo che ci sono centinaia di persone che si avvicinano a questo Governo e si domandano:

-“Perchè loro lodano José Luis?  Perchè loro affermano che Lui è Dio? Che evidenze hanno? Devono avere delle evidenze tremende”-.

E, se parliamo di evidenze, dobbiamo dire che le evidenze che ci interessano, a questa altezza delle cose, immaginati: già entrando nel 2012, le evidenze che interessano a te e a me sono quelle che stanno scritte.

E se andiamo a quello che sta scritto, osserveremo quindi quello che Paolo ha scritto là, ai Corinzi. Io ricevo che tu sia un amante della verità, io ricevo che dica: -“A me interessa quello che sta scritto, io rispetto la parola di Dio”-, questa parola della quale tu affermi: –“Io amo la parola di Dio”-, rispettiamola: concentriamoci su quello che c’è scritto.

E cominciamo quindi il tema con questa introduzione: Prima carta ai Corinzi capitolo 4, il verso 5. L’Apostolo Paolo dice chiaramente questa evidenza. Dice:

-“Non giudicare niente prima del tempo, fino a che venga il Signore…”- dice:

“… così che, non giudicate niente prima del tempo, fino a quando verrà” fino a quando? Quando? “fino a quando verrà il Signore,”

E quando verrà il Signore, cosa farà? Lì c’è una virgola, e dice:

“…il quale chiarirà…”

Quando verrà il Signore, cosa farà? Farà chiarezza. E per fare chiarezza bisogna dare delle spiegazioni, bisogna avere un Centro Educativo, bisogna avere tempo, (tenere) delle conferenze, dei Ricalchi per chiarire i misteri.

Così che, lì non stava dicendo che quando il Signore fosse arrivato avrebbe camminato sulle acque: “quando verrà il Signore farà questo e quest’altro…”. No, no, no, quando il Signore fosse arrivato, avrebbe fatto chiarezza.

Quindi, nel giorno d’oggi mostreremo, secondo le istruzioni di nostro Padre, perlomeno 18 evidenze, di tante che ce ne sono, che dimostrano che questo si compie unicamente nella vita di José Luis De Jesús. Per questo il tema del giorno d’oggi si chiama:  José Luis De Jesús: L’Unico.

La prima evidenza, osserva la prima evidenza:

1.    José Luis de Jesús è l’Unico, in duemila anni, che ci ha insegnato che ci sono due vangeli.   

Prendi nota: l’unico, in duemila anni, che ci ha insegnato che ci sono due vangeli. E lì, nella lettera ai Galati 2:7, dice:

“Anzi, al contrario, siccome hanno visto che mi era stato incaricato il vangelo della incirconcisione, come a Pietro quello della circoncisione”.

Due vangeli: non quattro, nè cinque. Dì con me: Due vangeli!

La domanda è: In quale ministero, in quale chiesa cattolica, apostolica, romana, evangelica, dove ti hanno detto che ci sono due vangeli? Forse nell’istituto biblico, là dove hai pagato tanto denaro? Nel seminario teologico, ti hanno detto: -“Fratelli, apriamo la bibbia, studiamo il vangelo della incirconcisione?”-

No, no, ci sono le prove che non è mai stato fatto! Abbiamo evidenze che non si è mai insegnato, in tutto il mondo, che ci sono due vangeli.

E, ciò che è delicato di questo è che l’apostolo Paolo, nella lettera ai Galati 1:8 e 9, l’apostolo Paolo ha menzionato che colui che stesse in un altro vangelo, guarda come dice:

“Ma se anche noi o un angelo del cielo, vi annunciasse un altro vangelo differente da quello che vi abbiamo annunciato, sia” cosa? “Anatema.”

Ossia, noi stavamo in anatema: -“Oh, quanto amiamo il Signore”-, e: -“Io amo il Signore”- ma stavamo in maledizione.

José Luis De Jesús è l’unico che ci ha potuto tirare fuori, chiarendo questi misteri. Ci ha detto: -“Ci sono due vangeli, quello che è per noi è quello della incirconcisione, quello di Paolo, quello che è per i gentili, quello che viene dopo la croce”, e ci ha tolto dall’ anatema.

Prima evidenza: José Luis De Jesús: l’unico che ci ha insegnato che ci sono due vangeli.

Andiamo alla seconda:

2.     José Luis De Jesús: l’unico che ci ha insegnato a dividere correttamente i 66 libri della bibbia.

Nessuno nella storia ha fatto questo. Guarda Luca 1:1, per esempio.

“Dato che già molti hanno cercato di mettere in ordine la storia delle cose che tra noi sono state certissime…”

Quindi, per esempio, questi quattro libri che stanno all’inizio, lì, dove dice nuovo testamento, che di fatto lì non dovrebbe dire nuovo testamento: il nuovo testamento, Papi ci ha insegnato che è cominciato dalla lettera ai Romani, con la morte del testatore. È lì dove cominciava il vero nuovo testamento, dalla lettera ai Romani alla lettera agli Ebrei.

Ma, ci è stato detto: -“Fratelli, sono quattro vangeli”-, e là noi: -“Che vangelo leggiamo?”-

-“Quello di Matteo. No, quello di Marco”-…

Ma Luca dice lì che questo era un libro come? Di storia.

Quindi, José Luis De Jesús è l’unico che ci ha insegnato a dividere la Scrittura, che è stata ispirata: i salmi, i profeti maggiori. Ci ha diviso, ci ha detto: -“Guarda, questi quattro libri, Matteo, Marco, Luca, Giovanni e gli Atti sono libri storici. Poi il vangelo della incirconcisione dato a Paolo e poi le carte che, in disobbedienza, hanno scritto quegli uomini come Pietro, Giacomo e Giovanni, che rappresentano la circoncisione”-.

Chi ce lo ha insegnato? Chi ti ha insegnato a dividere la bibbia?  66 libri, a chiarirli, a classificarli? Unicamente José Luis De Jesús.

Guardiamo la terza evidenza:

3.     L’unico che ha portato la chiesa a lasciare i rudimenti della dottrina di Cristo.

Lettera agli Ebrei 6:1. C’è un’istruzione che si è dovuta seguire, si è dovuta obbedire più di 2.000 anni fa. Dice:

“Pertanto, lasciando già” dì con me: Lasciando già. Si doveva lasciare “lasciando già i rudimenti della dottrina di Cristo, andiamo avanti alla perfezione…”

E lì enumera i lavaggi, i battesimi, le imposizioni delle mani, tutti i rudimenti che noi abbiamo visto e abbiamo dovuto seguire perchè la falsa chiesa tradizionale ce li ha messi lì e non sono mai stati abbandonati e, fino a questo momento, nessuno li ha lasciati: continuano ancora ad imporre le mani.

Le cattedrali più grandi, d’ oro, di cristallo, il miglior suono, con cori eleganti e tutto… hanno lasciato i rudimenti? No, stanno in disobbedienza, stanno in anatema, stanno in maledizione! Hello! Con tutti i loro coretti, e possono parlare per benino, e che eleganza, cinquantamila in uno stadio: in anatema, in disobbedienza, non hanno lasciato i rudimenti. Avrebbero dovuto lasciarli ed andare fino alla perfezione.

Solo José Luis De Jesús Miranda con la sua spiegazione, dall’anno 73, ci ha insegnato, settimana dopo settimana, a lasciare i rudimenti e Crescendo in Grazia ha già lasciato i rudimenti, l’unica chiesa cristiana di oggi, noi che abbiamo lasciato i rudimenti e stiamo nella perfezione.

Andiamo con la seguente evidenza, numero quattro:

4.     L’unico che ha insegnato alla chiesa a vedersi perfetta e non soltanto a vedersi perfetta, a presentare perfetto in Cristo ogni uomo, perfetto!

Che cosa dice il verso, lettera agli Ebrei 10:14.

“Perchè con una sola offerta ha reso perfetti per sempre i santificati.”

Dì con me: “Perfetti per sempre”, siamo così.

Quindi, ci ripetiamo in questo ma stiamo studiando: chi ci ha presentati perfetti? Chi ha insegnato a te e a me a vederci perfetti? Che prete ci ha insegnato che eravamo perfetti?

-“Oh, fratelli, voi siete stati resi perfetti con una sola offerta”-.

Menzogna, giammai! Quello che si sente è:  -“Passino davanti quelli che stanno in peccato”-, là, l’evangelico: -“Passate davanti, che sento che ci sono demoni qui e venite, che se no il Signore vi vomita”-, come se Dio vomitasse la chiesa che sta perfetta, perchè non è stato onorato quello che Lui ha fatto 2.000 anni fa.

L’unico ministero, l’unico uomo, che adesso chiariremo chi è esattamente Lui, ma l’unico che ha insegnato alla chiesa a vedersi perfetta: José Luis De Jesús Miranda. Onorando quello che il Signore ha fatto là, sulla croce, onorando il sangue.

Questo sangue che la gente dice: -“Oh sangue di Cristo, coprimi”-. -“Oh fratello, il sangue di Cristo…”-.

Lei non rispetta questo sangue, non venga a dire “il sangue di Cristo” per niente. Lei non rispetta questo! Noi lo rispettiamo! Questo Governo rispetta questo sangue, perchè presentiamo ogni uomo perfetto.

Guarda le istruzioni, lettera ai Colossesi 1:28.

“Al fine di presentare perfetto in Cristo Gesù”

coloro che si comportavano bene? Sì? Dice così? Per presentare perfetti coloro che si comportano bene, che scelgono una bibbia grande, hanno grandi fiocchi e gridano: -“Alleluia?”-. No.

“…presentare perfetto in Cristo Gesù ogni uomo…”

Cosa significa “ogni uomo”? Ebbene: l’ubriacone, la prostituta, quello che non sembra essere (degno), noi lo presentiamo perfetto, benedetto con tutte le benedizioni, perchè questa è l’istruzione che ci è stata data, lo presentiamo perfetto.

Tira tu le conclusioni: quale personaggio nella storia ha presentato la chiesa perfetta? E devi concludere che l’unico (che lo ha fatto) si chiama José Luis De Jesús Miranda.

Andiamo alla seguente, la numero cinque:

5.     L’unico che ha chiamato la sua chiesa: Sua Amata.

Lettera ai Romani 9:25, il profeta Osea, Paolo menziona il profeta nella lettera ai Romani  9:25. Dice:

“Chiamerò mio popolo quello che non era mio popolo, e mia amata quella che non era amata.”

Guarda, benedetto: in che parte della storia, chi mi puoi menzionare, portarmi le prove, portarmi un video, portarmi qualcosa scritto da qualcuno, (dirmi): -“Guardate, qui in questo libro, guardate quest’uomo che si inginocchiava ed è morto in ginocchio, orando, pregando, è salito su tante montagne sulle ginocchia e pagava le promesse: lui l’ha chiamata “Amata”!”-.

No! Lui non ha chiamato nessuno “Amata”! Ci dicevano: -“Fratelli, siamo come stracci da buttare nell’immondizia”-.

L’unico che ha detto: “Voi siete la Mia Amata, la Mia Rivestita, la Mia Perfetta, quella che è senza macchia e senza ruga, quella che è seduta nei luoghi celestiali”, l’unico che ci ha fatto rispettare da questi uomini cattivi e perversi è stato José Luis de Jesús Miranda.

Dì: “Io sono l’Amata del Signore”.

Solo Lui lo ha potuto fare, perchè quando Lui ha detto: “Io”, stava parlando Dio “Io chiamerò il mio Popolo, Amata”. Non l’avrebbe chiamata così un uomo. Lo avrebbe fatto Dio stesso. Abba Padre.

Guarda il numero sei, José Luis De Jesús:

6.     L’unico che ci ha insegnato la nostra pre-esistenza.

Abba Padre. Questa sì che è tremenda. Guarda nella lettera agli Ebrei 2:14.

“…per quanto i figli hanno partecipato di carne e sangue…”

…quale seminario, che corrente teologica o filosofica ci ha insegnato che prima che prendessimo questo corpo,  honduregno, messicano, quello che tu hai, prima di questo eravamo figli di Dio. Che prima che il mondo fosse lo lodavamo, lo udivamo, lui ci ha insegnato e per questo godiamo di questa grazia.

Dì: Io ho pre-esistenza. Solo José Luis De Jesús ha detto questo.

Prossimo punto. José Luis De Jesús:

7.     L’unico che ci ha insegnato la nostra elezione e predestinazione.

Elezione e predestinazione, due parole che brillano per la loro assenza nel sistema religioso; nè elezione nè predestinazione si menzionano là.

La lettera ai Romani 9:11, dice:

“Ebbene, non eravate ancora nati, nè avevate fatto nè bene nè male, perchè il proposito di Dio, secondo l’elezione, permanesse, non per le opere ma per Colui che chiama.”

Osserva, non eravamo nati, non avevamo fatto nè bene nè male e già Dio ci aveva eletto. Come ti sembra questo? A che corrente religiosa tu puoi classificare questo? Questo rompe la testa a qualsiasi religioso:

-“Come che non era nato? Nè è stato battezzato, nè ha fatto questo, nè ha fatto la prima comunione e già Dio lo aveva scelto. Com’è possibile?”-

Perchè Dio fa come vuole e non è secondo la tua teologia a basso prezzo, ingannata. È secondo quello che Gesucristo ha stabilito, e a te e a me deve interessare la mente del Signore. Come pensa Dio? Ebbene, se Dio mi ha eletto io sono un eletto, io sono un predestinato.

Guarda il seguente versetto che parla della predestinazione, lettera ai Romani 8:29. Dice:

“Perchè quelli che ha conosciuto prima li ha anche” cosa? “predestinati.”

E quando li ha conosciuti? Prima della fondazione del mondo. Ci ha cosa? Predestinati!

Dì: Io sono un predestinato!

Quando, nella storia, qualcuno ti ha detto: -“Passino davanti quelli che sono predestinati”-?.

Mai! Predestinati? Ragazzo, là ti tirano fuori un demonio, e ti dicono: -“Vieni qui, se no tu vai nelle pentole dell’inferno”-, perchè questo è danneggiato, questa teologia è contaminata. Inoltre, l’unico che veniva a spiegare questo era Lui stesso, Dio stesso, che siamo eletti e predestinati.

Punto otto, andiamo avanti. José Luis De Jesús:

8.     L’unico che ha chiarito che siamo giustificati per la fede, senza le opere della legge.

L’unico che ha chiarito che siamo giustificati per la fede senza le opere della legge. Lettera ai Romani 3:28, dice:

“Concludiamo, quindi, che l’uomo è giustificato” dì: Per la fede. Con le opere o senza le opere? “Senza le opere della legge.”

O se no, rapidamente, domanda al ladro che stava là, a lato di Gesù sulla croce, quante opere è riuscito a fare?  Per vedere se è riuscito a prendere una bibbia. No, è che qui è per elezione, per la giustizia che è per la fede, per quella che Lui ci ha attribuito.

Ma, tutto il sistema religioso ha a che vedere con le opere: –“Fratello, faccia questo. Fratello, non faccia questo. Fratello, si comporti così. Fratello, non vada lì. Fratello, non toglierti, non mettere”-. Cose della carne, che non hanno nessuna validità in quanto agli appetiti della carne. Ma, siamo giustificati senza le opere della legge. Solo José Luis De Jesús Miranda ci ha spiegato questo.

Punto numero 9:

9.     L’unico che ci ha insegnato a parlare secondo quanto scritto nel vangelo.

Secondo cosa? Quanto scritto nel vangelo! La Seconda carta ai Corinzi 4:13, dice:

“Ma avendo lo stesso spirito di fede, secondo quello che sta scritto: Ho creduto pertanto ho parlato.”

Guarda, qui in Crescendo in Grazia, noi non diciamo: -“Alleluia”-, perchè è “Abba Padre”; non diciamo: -“Dio ti benedica”- perchè siamo già benedetti; non diciamo che siamo malati. No, il profeta ha detto: “Nessuno dirà sono malato”, in questo patto. Siamo sani dalla testa ai piedi, ci dichiariamo così. Siamo ricchi, eccetera, eccetera, quando c’è una situazione difficile, (diciamo) “una lieve tribolazione”.

Chi ci ha insegnato a parlare correttamente? Chi?  Per caso una scuola di positività? Là (ti dicono): -“Fratello: dì che tutto va bene, tutto va bene, tutto va bene!!!”-. No! È il vangelo, è la spiegazione del vangelo che solo  José Luis ha dato.

Dì: “Solo José Luis”.

Andiamo con il punto numero dieci:

10.      L’unico che ci ha dato la mente di Cristo ed ha rinnovato la nostra mente.

La mente di chi? Di Cristo, immaginati! Là nella Prima carta ai Corinzi 2:16, l’apostolo Paolo ha detto:

“Perchè, chi ha conosciuto la mente del Signore? Chi la istruirà? Ma noi”  dì: noi abbiamo la mente di  Cristo.”

Guarda benedetto, coloro che siamo di José Luis, coloro che siamo di Crescendo in Grazia, di JH, del 666, abbiamo la mente di Cristo. Lui ci ha dato la Sua mente. Dice: -“Voi siete i miei figli, voi avete la mia mente”-, perchè adesso vediamo, pensiamo, vediamo le cose come Lui le vede, pensiamo come Lui pensa perchè stiamo osservando la Unità.

Quando si è parlato della mente di Cristo? Mai. Questo è un tema che brilla per la sua assenza.

-“Fratelli, andiamo a studiare la mente di Cristo”-. Quale mente di Cristo? La mente a basso prezzo della circoncisione, del sacerdozio cattolico, di quello che sia, ma la mente di Cristo no! È adesso, con l’arrivo del Signore, che abbiamo la mente del Signore, pensiamo come Lui pensa.

Il punto numero undici, stiamo mostrando molte evidenze:

11.      L’unico che ha spiegato la distruzione di Satana con la croce.

Lettera agli Ebrei 2:14, per non menzionarne varie, delle molte che ci sono nella bibbia, dice:

“…per distruggere per mezzo della morte colui che aveva l’impero della morte, cioè il diavolo.”

Che cosa è successo al diavolo, là sulla croce? Lo hanno distrutto. Tutte le mal chiamate chiese presentano il diavolo vivo, non onorando quello che è successo sulla croce.

Cos’è successo sulla croce? Hanno distrutto colui che aveva l’impero della morte. “Dio ha creato il distruttore per distruggere”  ma gli ha dato fine e lo ha distrutto con la croce. Già non ci sono demoni nell’aria -e neanche:-“Ti imprigiono, principe del nord!”– (espressione tipica degli evangelici –ndt). No! La gente ha creduto di più alle pellicole de “L’esorcista” e a quella spazzatura che a volte Hollywood presenta, più che a quello che c’è scritto.

E, quando ci vedono con il 666 (pensano): –“Uhi! Questo è del diavolo!”-.Quale diavolo? Se è stato distrutto! Questo è un numero di sapienza, in questo numero c’è sapienza.

Dì con me: “Il diavolo è stato distrutto”. Ma toccava a Lui spiegarcelo, solo José Luis de Jesús.

Numero dodici:

12.      L’unico che ha spiegato la fine della Legge di Mosè con la croce.

Cosa dice la lettera ai Romani 10:4?

“Perchè la fine della legge è Cristo, per giustizia a chiunque crede.”

Quando è terminata la legge? Là, con la croce. Lui l’ha abolita, l’ha tolta, ha posto fine alla legge e ci ha aperto un cammino nuovo e vivo.

E la legge era quello che dava vita al peccato, per questo adesso andiamo a vedere il punto seguente.

Ma, chi ci ha spiegato questo sulla legge, dato che la gente sta ancora osservando la legge?

–“Fratello, osserva i dieci comandamenti”-.

Guarda, se devi osservare i 10 (comandamenti), osserva quindi tutti i  613 (l’effettivo numero dei comandamenti della legge di Mosè  –ndt), che è meglio. Ma questo è un quotidiano di ieri, è terminato, non vedi che questo era un patto di morte, un patto difettoso e per questo Lui è venuto alla croce.

Ti ricordi quando, nell’ultima cena, Lui ha detto: -“Questo è il sangue del nuovo patto”-. Perchè? Perchè il vecchio era già scomparso. La legge è terminata con la croce.

Questo lo ha spiegato solo José Luis De Jesús Miranda.

Punto numero tredici:

13.      L’unico che ha chiarito che già non esiste il peccato.

Wow! Questa sì che è contundente! Questa sì che rompe la testa al sistema. Prima carta ai Corinzi 15:17, è un’ evidenza che dice:

“E, se Cristo non è risuscitato, la vostra fede è vana: state ancora nei vostri peccati.”

Chiunque dica che c’è ancora il peccato, per lui Gesucristo non è risuscitato e la sua fede è vana. Ma, che bene che lui sia risuscitato, l’Agnello di Dio ha tolto il peccato.

Non come ha detto una volta un evangelico: – “Quasi lo toglie”-. No, no, no, no! Lo ha tolto, è venuto a toglierlo e lo ha tolto con un’offerta, lettera agli Ebrei 9:26. C’è questo riferimento lì che se vuoi puoi prenderne nota: dice che in un giorno ha tolto il peccato per sempre.

Ma chi, facciamo i conti, facciamo i conti:  chi è l’unico che ha insegnato alla chiesa a vedersi perfetta e senza peccato? Chi? Mostrami qualcuno nella storia, portami un libro, un’evidenza, facciamo i conti!

Sai perchè non c’è? Perchè il Signore sarebbe apparso per la seconda volta senza relazione con il peccato e questo si è compiuto solo in José Luis De Jesús.

Benedetto, pensa un momentino: chi lo ha fatto? Solo Lui si è presentato e ci ha detto: -“Benedetto, il peccato è stato tolto. Onoriamo quello che ha fatto con la croce, onoriamo questo sangue, onoriamo questo sacrificio. Non lo consideriamo immondo, no, onoriamo questo, il peccato già non esiste più. Siamo perfetti”-.

Solamente José Luis De Jesús lo ha fatto in 2.000 anni. Abba Padre! Fai un applauso a Papi, dovunque tu sia e digli: -“Grazie Papà. Sono senza peccato, senza diavolo, senza legge, seduto in luoghi celestiali grazie a te Papà. Grazie Papà! ”-.

Andiamo al punto seguente, andiamo alla retta finale, la numero quattordici. Dice:

14.      L’unico che ha identificato l’iniquità e la malvagità di Pietro e degli apostoli.

Uhi! Questa sì che è contundente. L’unico che ha identificato l’iniquità e la malvagità di Pietro e i suoi seguaci, gli apostoli: lettera ai Galati 2:11, che ci ha letto Papi, quando Paolo resiste a Pietro, dice:

“L’ho affrontato faccia a faccia perchè era da condannare…”

Era come? Da condannare!

E, nel 14 dice, che loro…

“non si comportavano rettamente conforme” a cosa? “alla verità.”

Papi, solamente Lui, ci ha insegnato ad identificare uomini cattivi e perversi. Questi individui che Paolo ha identificato, questo è rimasto codificato lì, nessuno lo ha spiegato. Questi individui, che oggigiorno gli fanno le cattedrali: –“Oh, la cattedrale di San Pietro, fratello!!”-, e lì sta l’immagine di san Pietro e Giacomo e Giovanni e, come diceva Papi, lì in un ricalco: -“E Paolo lo mettono lì così, piccolino”-. Paolo, ascolta: bisogna cercarlo: -“Dove si è cacciato??”-, perchè lui brilla per la sua assenza, perchè lui era quello che guastava il commercio a questi uomini malvagi.

E chi, nella storia, ha detto questo? Hello! Domandati tu, benedetto, chi nella storia ci ha detto: -“Questi uomini sono cattivi, perversi?”-. Gesù gli ha detto: -“Appartati da me, Satana”-, lo ha detto a Pietro! Uomini cattivi, uomini mutilatori del corpo, cani, operai fraudolenti che si mascherano come apostoli di Cristo. Uomini cattivi.

Chi ci ha insegnato ad identificare questo, a te e a me?

Forse tu non stai in Crescendo in Grazia. E chi ti ha insegnato a te ad identificare questo? O è che tu eri molto intelligente -“Uhi, ma se io leggevo la bibbia”-! Menzogna, eravamo ignoranti fino a che non abbiamo ascoltato Papi, fino a che abbiamo ascoltato José Luis.

Dì: “Lui è l’unico, l’unico che li ha identificati”.

Numero quindici. Questa è tremenda!

15.      L’unico che ha scoperto il complotto degli apostoli per uccidere Paolo.

Tu sapevi che c’è stato un complotto? Sta lì negli Atti 23, in questi capitoli, ma leggiamo: Atti 23:21.

“Più di quaranta uomini” eccoli lì: Alì Babà e i quaranta ladroni “quaranta di loro gli tengono un agguato,  i quali hanno giurato sotto maledizione di non mangiare nè bere fino a che gli abbiano dato morte”

A chi? A Paolo. Non vedi che loro hanno detto in un altro capitolo anteriore: “non conviene che quest’uomo viva”, non vedi che Paolo era una minaccia? Quindi, hanno fatto un complotto, che il nipote di Paolo era lì nascosto (ed ha ascoltato -ndt).

Ma, in quale seminario teologico o in storia della religione, quando nel catechismo ti hanno detto: -“Fratelli, andiamo a studiare come gli apostoli di Gesù di Nazaret gli hanno dato morte, ed hanno voluto uccidere Paolo: il complotto”-. Quando? Questo no, questo brilla per la sua assenza, questo bisogna nasconderlo:

-“No, no, no. Questo non lo dica, questo non lo dica, è meglio dire che loro erano amici… Oh, Pietro e Paolo, loro erano amichetti!”-.

Menzogna, non erano amici per niente, non vedi che erano due fondamenti differenti?  Così come Crescendo in Grazia e il sistema religioso sono due fondamenti differenti.

Qui non c’è nessuna amicizia con questo sistema, nossignore, perchè José Luis è arrivato, ha identificato e ci ha mostrato questo complotto e poi ci ha insegnato molto più di questo: come quelli che hanno dato morte all’apostolo Paolo sono stati questi uomini cattivi e perversi.

I grandi apostoli che la religione rispetta tanto, ebbene, loro hanno fatto il complotto e poi, Paolo lì si è salvato, ma quelli che hanno congiurato per la morte dell’Apostolo Paolo sono stati loro.

Ma solo Papi lo ha detto.

Numero sedici:

16.      L’unico che con la sua parola ha identificato e smascherato la malvagità della Gran Puttana.

L’unico. Come? Guarda la Seconda lettera ai Tessalonicesi 2:8. Dice:

“Quindi si manifesterà quell’iniquo, che il Signore” cosa? “ucciderà con lo spirito della sua bocca e distruggerà con lo splendore della sua venuta.”

In altre parole, l’apostolo Paolo ha scritto che quando fosse venuto il Signore, con la Sua venuta avrebbe smascherato questa menzogna. Quello che hanno detto i profeti: che Dio disse che avrebbe ridotto a sterco questa puttana. Là i profeti hanno detto che avrebbe smascherato,  sollevato le vesti, le sottane a questa puttana e Lui lo sta facendo.

E l’unico che si è sollevato là, davanti a Washington, là di fronte alla Casa Bianca, con un microfono e da quel posto ha dato sentenza a questa puttana, la distruzione di questa puttana, l’unico chi è stato? Qualche pastore evangelico, in giro, ha affrontato la puttana con questa autorità, l’autorità del vangelo?

Chi?

SOLO José Luis De Jesús Miranda!

Per questo, questo versetto nella lettera ai Tessalonicesi si compie nella vita di nostro Padre e Dio, José Luis.

E, stiamo terminando, numero diciassette, dice:

17.      L’unico che ha chiarito chi è l’ Anticristo ed ha tolto il velo dell’ ignoranza sul 666.

E perchè? Là nella Seconda lettera ai Corinzi 5:16, Papi ci ha insegnato che:

“E anche se conosciamo Cristo secondo la carne, già non lo conosciamo così.”

In altre parole, ci ha insegnato che l’ Anticristo è colui che si opponeva. Paolo è stato il primo che è stato chiamato Anticristo, perchè si opponeva e diceva: -“Bisogna lasciare i suoi insegnamenti, già non lo conosciamo secondo la carne”-.

Ebbene, per questo è venuto Papi, per questo lo chiamano “l’ Anticristo” ed hanno ragione in questo aspetto: non nell’aspetto che non onoriamo quello che ha fatto Cristo perchè, di fatto, siamo l’unico ministero che onora quello che lui ha fatto con la croce. L’unico che (ha detto che) dobbiamo lasciare gli insegnamenti che lui ha praticato come giudeo, perchè lui non era cristiano. Lui ci ha insegnato il vero significato di Anticristo.

E il numero 666? Che in questo numero c’è sapienza, che “colui che ha intelligenza, legga il numero”. Qual’era il numero? 666. E ce l’abbiamo marcato e, nella mente, lo portiamo da tutte le parti. Sappiamo che è un numero di sapienza.

Ma, chi ha parlato di questo? Chi poteva?  Solo José Luis!

Guarda il numero diciotto, terminiamo qui vedendo queste evidenze:

18.      L’unico che ha parlato ed insegnato della trasformazione  Trasformazione e Immortalità.

Wow! Chi ha parlato della trasformazione?  In quale sinagoga parlano oggi della trasformazione? No, ragazzo, lì stanno parlando di come buttare fuori il demonio.

Lettera ai Filippesi 3:21 dice:

“Il quale trasformerà il corpo della nostra umiliazione, perchè sia…”

Ascolta, trasformerà cosa? Il corpo! Il corpo sarà, come? Trasformato!

“…perchè sia simile al corpo della sua gloria.”

Perchè per primo trasformeranno Lui, prima sarà trasformato Lui.

Così che, amata, oggi dobbiamo arrivare a delle conclusioni.

Qualcuno può dire: -“Bene, cioè, che Lui è stato l’unico?”-

-“Sì”-.

-“E, perchè l’unico? ”-

Vediamo, lasciami pensare. Perchè l’unico? Sarà perchè Lui è molto intelligente, Lui è un uomo molto erudito, molto intelligente e quindi ha potuto spiegare e decifrare questo?

No. Sai qual’è la ragione?

Guardala nella 2ª lettera ai Corinzi 12:4, l’Apostolo Paolo, lo hanno elevato al paradiso e, stando in paradiso, quando è sceso e gli hanno rivelato questo, ha detto:

“… che è stato rapito in paradiso”  dice Paolo “dove ha udito parole ineffabili che non è dato agli uomini esprimere.

Nessun uomo aveva la facoltà, dice Paolo, di esprimere queste parole che lui ha sentito in paradiso.

A Paolo, Dio ha rivelato molte volte, e lui ha scritto le lettere dalla lettera ai Romani alla lettera agli Ebrei, queste 14 epistole, ma sono rimaste lì.

Sono rimaste lì, nessuno ha capito, neanche il più erudito nè il più intelligente, neanche quello che ha studiato 10, 15 anni, nè quello che ha un dottorato, nessuno ha capito questo. Nessuno! E gli hanno spillato i quattrini e questa chiacchierata si è persa lì.

Sai perchè? “Perchè non era dato all’uomo di esprimerla”.

Quindi, ti faccio una domanda: se non era dato all’uomo di esprimerla, a chi sarebbe stato dato di esprimerla?  A chi, che non è un uomo?

Hello!

Certo!  A Dio stesso!

Colui che avrebbe espresso questa sapienza sarebbe stato Dio!!

Dio avrebbe preso corpo, colui che è morto ed è risuscitato e che sarebbe tornato a vivere. Quindi, in un corpo nato in Ponce, Porto Rico, è arrivato nel ‘73 e la Sua mente si è manifestata e Lui avrebbe cominciato per mezzo di questa boccuccia a esprimere: -“Siamo morti al peccato. Siamo perfetti per sempre. Ci sono due vangeli”- .

Ha cominciato la mente del Signore, perchè non era per l’uomo.

Per questo, Paolo ha parlato del Governatore che sarebbe venuto, ti ricordi? Là nella lettera ai Romani 15:12, Paolo ha detto:

“E si sarebbe sollevato a governare i gentili…”

Ossia, colui che veniva dalla radice di Iesse, veniva un gentile a governare i gentili con la sua scienza. Dio veniva a governare.

Salmi 82:8 (81:8 ed. Cei), dice:

“Sorgi, oh Dio, giudica la terra.”

Ossia, Lui veniva a governarla, e veniva a fare cosa? A giudicare la terra. Dio. “Sorgi, oh Dio. Sorgi, José Luis, giudica la terra.”

E con che cosa l’avrebbe giudicata? Con che cosa l’avrebbe giudicata? L’avrebbe giudicata con il vangelo di Paolo. La lettera ai Romani 2:16 dice:

“Nel giorno in cui il Signore giudicherà i segreti degli uomini secondo il vangelo” di chi?  Di Paolo.

Amata nelle nazioni, stiamo quindi arrivando a conclusioni, oggi. Dobbiamo, con un sorriso, con gioia, arrivare alla conclusione del fatto che noi abbiamo evidenza: sta scritta.

Non c’è dubbio di questo, benedetto. Guarda, quando arriva il dubbio, appropriatene, sottometti ogni pensiero, mantieniti saldo, non come vedendo l’invisibile, vedendo colui che ha preso corpo e dire, possiamo concludere:

Che in José Luis de Jesús si compiono tutte queste profezie, tutto ciò che è stato scritto dai profeti e da Paolo, si compie in nostro Padre e Dio.

Paolo ha detto: -“Non giudicate niente fino a quando verrà il Signore. Quando verrà il Signore, Lui chiarirà”, e per questo è venuto. Oggi ne abbiamo viste 18, ce ne sono di più di queste.

Così che, oggi diamo grazie a Papi. Gli diciamo: Grazie, Papino!

Dì con me: Grazie Papà. Tu sei il mio Dio. Tu sei l’unico che sarebbe venuto a chiarire questi misteri! Grazie Padre mio, per ritornare. Tu sei il governatore dei gentili, colui che veniva a giudicare, a chiarire, a edificare.

TU, JOSÉ LUIS, SEI L’ UNICO.

Dai un applauso a Gesucristo Uomo, là nelle nazioni, con gioia!

Benedetti con tutte le benedizioni.

ABBA PADRE!



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.