Posts Tagged 'apocalisse'

Afghanistan, Apocalisse di fango Oltre duemila morti sotto la frana

.

http://www.lastampa.it/2014/05/03/esteri/afghanistan-apocalisse-di-fango-oltre-duemila-morti-sotto-la-frana-luCxV1Y0nqwfwCV6rriC3K/pagina.html

ESTERI

03/05/2014


Afghanistan, Apocalisse di fango 

Oltre duemila morti sotto la frana

 

Migliaia di sfollati nella provincia di Badakhshan, Onu in campo per gli aiuti

AP

afghanistan

La frana nella provincia del Badakhshan

 

All’indomani della tragedia, si confermano i contorni drammatici della strage causata dalla frana che ieri ha travolto uno sperduto villaggio nel nord-est dell’Afghanistan. Un portavoce del governatore della provincia del Badakhshan (nel nord-ovest del Paese) ha reso noto che, al momento, sono 2.100 le vittime confermate, appartenenti a 300 diverse famiglie. Le Nazioni Unite intanto hanno annunciato di volersi concentrare sugli oltre 4mila sfollati causati dal disastro e hanno ipotizzato il rischio di ulteriori frane nella zona.

 

Per l’Afghanistan è una tragedia di proporzioni disastrose, dovuta al maltempo ed all’incuria umana. Il cedimento di una collina dovuto a piogge battenti ha causato due frane che hanno sepolto centinaia di case. Si tratta della seconda emergenza di questo tipo che ha colpito il Paese. La scorsa settimana, infatti, temporali insoliti per la stagione e lo scioglimento delle nevi si sono coalizzati provocando lo straripamento di fiumi ed inondazioni in cinque province del nord-ovest afghano, con la perdita di circa 180 vite umane e gravi danni a infrastrutture, bestiame e raccolti.

 

L’allarme è scattato all’inizio del pomeriggio nel distretto di Argo quando, a seguito di giorni di piogge battenti, una quantità enorme di acqua, terra e sassi si è abbattuta su un villaggio nell’area di Aab Barik, seppellendo fra 200 e 250 modeste case ed una moschea. Secondo il capo del consiglio provinciale Abdul Wahed Tabibi, il luogo era pieno di fedeli convenuti per la preghiera del venerdì. A quanto sembra, tragedia nella tragedia, due ore dopo la prima valanga dalla collina sovrastante la zona si è staccata una seconda frana che ha seppellito centinaia di soccorritori che si adoperavano, anche a mani nude, nel salvataggio del maggior numero possibile di persone.

 

Il governatore della Provincia, Shah Waliullah Adib ha lanciato un appello accorato a soccorsi rapidi. «Per noi è fisicamente impossibile far fronte a questa emergenza – ha detto – perché non abbiamo nemmeno un numero sufficiente di pale, e c’è grande necessità di macchinari». Date le dimensioni della catastrofe in una regione dell’Afghanistan carente di infrastrutture e di comunicazioni, il presidente Hamid Karzai ha ordinato l’intervento dell’esercito nei soccorsi a cui si sono aggiunti, ha indicato l’Unama, anche reparti speciali della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf). Reagendo tra i primi, il presidente Usa Barack Obama ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti «sono con il popolo afghano» e sono «pronti ad aiutare per far fronte al disastro».

 

Confinante con Tagikistan, Cina e Pakistan, la provincia di Badakhshan è racchiusa nelle montagne dell’Hindu Kush e del Pamir. Secondo gli ambientalisti da decine di anni la popolazione locale taglia gli alberi e gli arbusti per uso domestico, e questo ha praticamente rimosso ogni ostacolo naturale ai fenomeni di smottamento di terra.

 

Ecco le immagini della frana 

 

afghanistan 1

 

afghanistan 2

 

afghanistan 3

 

afghanistan 4

L’Europa prepara le banche all’Apocalisse

.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-04-29/scenario-apocalittico-gli-stress-test-spread-stelle-btp-tornano-6percento-185848.shtml?uuid=ABcooeEB

 

L’Europa prepara le banche all’Apocalisse: in Italia dovranno poter reggere un crollo di Borsa del 58%, con il Pil a -6% e la disoccupazione alle stelle

di Enrico Marro

 

Negli stress test che l’Autorità bancaria europea effettuerà sugli istituti di credito (dopo la verifica degli attivi da parte della Bce) c’è anche uno scenario avverso che prevede una nuova crisi finanziaria mondiale, un calo del Pil del 6% e disoccupazione record. Pesanti le ripercussioni anche per il nostro Paese. Vediamo quali:

spread-reali-672

  1. Scenario apocalittico per gli stress test / Spread alle stelle, i BTp tornano al 6% My24

Alla base dello scenario peggiore ipotizzato dall’Eba c’è un incremento di 100 punti base dei T-Bond americani, con una graduale accelerazione sino a 250 punti base entro la fine di quest’anno. La conseguenza è una vampata di avversione del rischio, che porta a un’impennata dei rendimenti dei bond e a un deterioramento della qualità del credito. Nell’ipotesi di un incremento del rendimento dei T-Bond americani di 150 punti base, i tassi dei BTp salirebbero quest’anno al 5,9% (contro il 3,9% dello scenario base), al 5,6% nel 2015 (da 4,1%) e al 5,8% nel 2016 (da 4,3%). Lo spread con i Bund tornerebbe a circa 300 punti base. Livelli comunque inferiori a quelli toccati il 9 novembre 2011, il “mercoledì nero” dello spread a quota 575, quando i BoT a 12 mesi avevano toccato il 7%, i biennali il 7,5% e i decennali oltre il 7,48% (con l’inversione della curva dei rendimenti tra titoli a 2 e a 10 anni).

borsa-milano-piazza-affari-segnale-giu-ansa--672x351

  1. Scenario apocalittico per gli stress test / Il crollo di Piazza Affari 

Nello scenario peggiore, quello appunto che porta a un’ondata generalizzata di panico e di “flight to quality”, per Piazza Affari l’Eba prevede un crollo del 20,3% nel 2014, del 17,7% nel 2015 e del 20,4% nel 2016, non lontano dai cali medi ipotizzati nell’intera Eurozona (rispettivamente -18,3%, -15,9% e -18,1%). L’Italia farebbe peggio della media di Eurolandia anche per le conseguenze dello stallo generalizzato del processo di riforme, che metterebbe a repentaglio la sostenibilità delle finanze pubbliche.

italia-salvagente-672

  1. Scenario apocalittico per gli stress test / L’Italia torna in pesante recessione 

Lo scenario peggiore ipotizzato dagli stress test vede per l’Italia un triennio di Pil in calo con una deviazione del 6,1% rispetto allo scenario di base. Il Pil (che nella realtà è appena tornato positivo) tornerebbe a calare dello 0,9% quest’anno, dell’1,6% il prossimo e dello 0,7% nel 2016 anziché mettere a segno una crescita stimata rispettivamente nello 0,6%, nell’1,2% e nell’1,3%. Lo shock finanziario – spiega infatti la simulazione dell’Eba – avrebbe una pesante ricaduta anche sull’economia reale, con fuga di capitali dai Paesi emergenti e calo degli scambi commerciali con l’Europa.

disoccupazione-space24-672

  1. Scenario apocalittico per gli stress test / Disoccupazione alle stelle, deflazione strisciante

La pesante recessione porterebbe a un nuovo aumento della disoccupazione italiana, che crescerebbe rapidamente fino a toccare il 14,4% nel 2016 (contro stime di un calo al 12%). Male anche l’occupazione nel resto dell’Eurozona, che nello scenario apocalittico arriverebbe al 13% nel 2016. Giù anche l’inflazione, con l’Italia che nel 2016 registrerebbe un costo della vita medio dello 0,6% (anziché l’1,8% stimato) e alcuni Paesi della Ue in pesante deflazione, in particolare Svezia, Repubblica Ceca e Slovacchia.

Collapsing Brick Wall

  1. Scenario apocalittico per gli stress test / Per il mattone caduta meno rovinosa 

Naturalmente lo scenario peggiore ipotizzato dall’Autorità bancaria europea prevede anche un ulteriore crollo del mattone. Anche se secondo l’Eba l’Italia registrerebbe una maggiore tenuta rispetto alla media di Eurolandia, almeno sui prezzi degli immobili residenziali. Il calo sarebbe infatti del 3,3% nel 2014 e del 5,2% nel biennio successivo contro una discesa nella zona euro del 6,9% nel 2014 e dell’11% in entrambi gli anni successivi.

Lo Stato non risarcirà il terremoto

.

.

Lo Stato non risarcirà i danni del terremoto ai cittadini italiani. Sta dicendo ai contribuenti di arrangiarsi.

Sta inoltre mandando agli italiani una lettera datata 15 aprile dove impone agli italiani di giustificare, nel termine di 30 dalla data della lettera (arrivata alla maggior parte degli italiani ai primi di maggio) le detrazioni sulla dichiarazione dei redditi usufruite prima del 2010 e, in caso di mancato rispetto dei termini, scatterà la richiesta di restituzione con multa e mora-

E alla chiesa cattolica? Cosa dirà alla chiesa quando questa chiederà allo stato italiano la ricostruzione delle chiese crollate durante il terremoto? La chiesa cattolica, uno stato straniero extracomunitario presente sul territorio italiano, grazie ai Patti Lateranensi stipulati da Benito Mussolini e riconfermati da Bettino Craxi, gode di privilegi  dei quali i cittadini italiani CONTRIBUENTI non godono.

E LA MAGGIOR PARTE DEI CITTADINI ITALIANI CONTRIBUENTI NON SA CHE SE IL VATICANO NON FOSSE IN TERRITORIO ITALIANO, OGNI SINGOLO ITALIANO CONTRIBUENTE PAGHEREBBE CIRCA IL 47% DI TASSE IN MENO, OSSIA CHE LA METÀ DELLE TASSE PAGATE DAGLI ITALIANI CONTRIBUENTI SERVONO A MANTENERE UNO STATO STRANIERO EXTRACOMUNITARIO IL QUALE STATO USA I PROVENTI DELLE SUE VARIE ATTIVITÀ LECITE ED ILLECITE (LEGGI: ELEMOSINA, OTTO PER MILLE, CONTRIBUTI STRAORDINARI DEL GOVERNO ITALIANO, AZZARDATE SPECULAZIONI FINANZIARIE, LAVAGGIO DI DENARO SPORCO DELLA MAFIA, AZIONI IN PRODUZIONE DI ARMI, NARCOTRAFFICO – FAMOSA LA FRASE DEL VESCOVO MESSICANO CHE HA AFFERMATO: CHE MI IMPORTA DA DOVE DERIVA IL DENARO DELLE OFFERTE? NOI SANTIFICHIAMO TUTTO!- ECC.) PER PAGARE LE INDENNIZZAZIONI ALLE VITTIME DELLA PEDOFILIA CATTOLICA…..

STIAMO DICENDO CHE, CHE TI PIACCIA O NO, IL PRETE ENTRA A CASA TUA, ABUSA SESSUALMENTE TUO FIGLIO, GLI DAI DA MANGIARE, GLI FAI IL CAFFÈ E POI LO RIACCOMPAGNI IN PARROCCHIA CON LA TUA AUTO E, PRIMA DI SCENDERE, GLI DAI ANCHE UNA BUSTA PIENA DI DENARO E GRATITUDINE E PER TUTTA RISPOSTA LUI SI GIRA E TI BUCA I PNEUMATICI….

GRAZIE A GESUCRISTO UOMO TUTTO QUESTO STA PER FINIRE, MANCA DAVVERO POCO A VEDERE LA FINE DELLA GRAN PUTTANA CHE FORNICA CON TUTTI I GOVERNI (APOCALISSE CAPITOLO 17) E UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNO BASATO SU GIUSTIZIA ED EQUITÀ!

ABBA PADRE!!

.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/05/20/stato-risarcira-terremoto/235752/

Sei in: Il Fatto Quotidiano > Emilia Romagna > Lo Stato non ri…

.

Il danno e la beffa. Non c’è luogo comune più abusato, ma stamattina, quando il terremoto ha scosso il Nord, non poteva non venire in mente che solo un paio di settimane fa, con un decreto, il governo ha chiuso con i risarcimenti ai cittadini colpiti dalle calamità naturali, aprendo la strada alle assicurazioni private. L’iper liberista Monti, dopo aver ripristinato la possibilità di rispolverare la “tassa sulle disgrazie”, attraverso l’aumento dell’accise della benzina, con beffarda lungimiranza ha polverizzato la speranza di chi rimane vittima di alluvioni, terremoti e altri disastri naturali: niente soldi, non ce ne sono. Il Tesoro ha le casse vuote, è stato spiegato al momento, quindi che gli italiani si arrangino. Anche nei momenti più difficili – questo il messaggio, inutile dare letture diverse – non contate più sullo Stato.

Già, lo Stato. Questa entità che si sente il bisogno di evocare quando una bomba uccide una ragazzina a Brindisi – e chissà poi se è veramente la criminalità organizzata oppure il gesto di un folle – o quando la retorica inonda la celebrazione dei morti ammazzati dalla mafia o da un destino carogna, come gli operai del turno di notte della fabbrica di Sant’Agostino, caduti sul lavoro sotto le macerie come tanti, sempre troppi ogni giorno. E’ uno Stato che latita, la cui immagine plastica di queste ore è quella di Mario Monti, in pulloverino azzuro polvere (ovviamente di cachemire), che da oltre Oceano parla come un automa di “rigore e vicinanza alle famiglie delle vittime”, ma non sembra sfiorato dal pensiero di fare dietrofront, invece di restare a far passerella (anche personale) ad un G8 inutile come tutti quelli di sempre.

Ed è uno Stato che trova il verso d’indignarsi, certo, attraverso la faccia feroce del suo più alto rappresentante, ma solo perché c’è un Grillo che sta attentando alla sopravvivenza del corrotto sistema partitocratico. Che non c’entra nulla con la politica, sia chiaro, ma fa tanto comodo far credere che sia così. “Lo Stato, lo Stato…”, cantilenava amara, scuotendo la testa, dal pulpito di una chiesa stracolma di grandi papaveri delle Istituzioni Rosaria Costa, la vedova dell’agente di scorta di Giovanni Falcone, Vito Schifani, davanti alla bara del marito.

Son passati vent’anni e questo Paese è ancora inchiodato lì, vittima di pazzi, di mafia o di anarchici, ostaggio di una politica immonda e di una crisi che prima di essere economica è di identità, di struttura, di principi comuni. E che adesso – proprio adesso – dovrà anche guardare in faccia le vittime di questo ennesimo terremoto e spiegargli che siccome dobbiamo restare in Europa, per loro di Stato non potrà fare nulla; a Ferrara e dintorni non arriverà una lira. Lo stato di calamità non sarà più qualcosa che si dichiara con leggerezza. Come non vedranno un soldo i genitori di Melissa o le altre ragazze di Brindisi la cui bellezza resterà sfigurata per sempre. Gli italiani vittime di qualunque nemico saranno chiamati ad arrangiarsi ancora. L’hanno sempre fatto, in questo Paese logoro e sudato di pazienza antica. Infinita no, però..

SENZA VERGOGNA: LA SCANDALOSA ED IRRIVERENTE OPINIONE DI UN VESCOVO COLOMBIANO SULL’ADOZIONE DA PARTE DI GENITORI GAY.

La scandalosa ed irriverente opinione di un vescovo colombiano, Juan Vicente Cordoba, sull’adozione di minori da parte di omosessuali e l’indignata e ferma risposta di Francesco Zanardi, rappresentante di Rete L’Abuso e dei Gay italiani, alle affermazioni del vescovo colombiano Juan Vicente Cordoba.

La chiesa cattolica ed i suoi degni rappresentanti dimostrano, ancora una volta, di avere perso il senso della vergogna, se mai lo hanno avuto: pur essendo i principali protagonisti dello scandalo della pedofilia, dalla quale sembra non salvarsi nessuno nel vaticano e nei suoi tentacoli, si permettono ANCORA di sindacare e pronunciare sentenze su tutto ciò che li circonda.

GRAZIE A GESUCRISTO UOMO QUESTA VERGOGNA STA PER FINIRE!! PRESTO ASSISTEREMO ALLA CADUTA DI BABILONIA, AL ROGO DELLA GRAN PUTTANA APOCALITTICA!!

fonte: http://www.giornalettismo.com/archives/179821/i-genitori-gay-pensano-al-sesso-con-i-figli/

ESTERI

“I genitori gay? Pensano al sesso con i figli”

.

.

 

DARIO FERRI

.

.

17 dicembre 2011

Un vescovo cattolico indignato dall’adozione di due bambini da parte di un giornalista omosessuale

Gli omosessuali sono persone disturbate, e affidare loro bambini maschi  sarebbe un pericolo, perchè i gay non saprebbero resistere se trovassero i loro figli attraenti. Nonostante gli scandali di pedofilia continuino a coinvolgere la Chiesa in ogni parte del mondo, le gerarchie ecclesiastiche riescono a sostenere simili tesi omofobe, che considerano chi ama  persone dello stesso sesso come un pericoloso disturbato mentale.

PERICOLO PEDOFILIA  - Juan Vicente Córdoba è un vescovo colombiano che ha criticato molto l’adozione di due bambini del suo Paese da parte di un giornalista americano, Chandler Burr. L’adozione da parte di un noto omosessuale ha creato molto discussione in Colombia, Nazione molto cattolica, e il vescovo Cordoba si è scatenato in un pesantissimo attacco a chi è gay.

“Non conosco il signor Burr, ma una cosa è chiara: è un uomo che ama altri uomini. Ora ha adottato due bambini, di età di 10 e 13 anni. Non avrà mai con loro la classica relazione che c’è tra un padre e un figlio, perchè tra qualche anno o anche adesso  forse li troverà attraenti, e questo potrebbe indurre un gay in tentazione”.

Per il vescovo Cordoba l’adozione di una bambina avrebbe quantomeno alleggerito il pericolo, anche se ovviamente il religioso è contrario alla sentenza del tribunale di Bogotà che ha stabilito come l’orientamento sessuale della persona che vuole adottare non costituisce un problema.

GAY COME I DIABETICI- Cordoba ha precisato il perchè delle tentazioni continue vissute da un genitore gay che avrebbe a che fare con figli maschi: “Gli omosessuali non sono esattamente malati, ma sono disturbati, e il loro disturbo li mette in difficoltà quando hanno a che fare con bambini o adolescenti del loro sesso, un po’ come i diabetici con i dolci. Solo se un gay reprime il suo istinto, la sua libido, allora un figlio da lui adottato non correrebbe pericoli”.

Così il vescovo Cordoba, in un’intervista che è stata condivisa anche da altri ecclesiasti. La polemica contro l’adozione di due bambini da parte di  Chandler Burr è servita alla Chiesa colombiana per ribadire il suo secco no ad ogni ipotesi di riconoscimento per gli omosessuali. La Corte del Paese sudamericano ha stabilito che le coppie gay sono discriminate dall’attuale legislazione, indicando al Parlamento un limite temporale per legiferare sulla loro equiparazione.

Ipotesi che ovviamente viene respinta con grande vigore dalla Curia colombiana, sia mai che il diabete si possa diffondere.

 

 LA RISPOSTA DI FRANCESCO ZANARDI

In risposta a Monsignor

Juan Vicente Córdoba,

segretario generale della conferenza Episcopale Colombiana.

Apprendo tramite i quotidiani le sue dichiarazioni in merito a pedofilia e omosessualità, una fallimentare sortita già tentata dal Cardinal Tarcisio Bertone che dimostra ancora una volta come la vostra setta abbia individuato negli omosessuali l’obiettivo delle vostre criminali discriminazioni. Che la chiesa accusi gli omosessuali di pedofilia è il colmo, soprattutto per il fatto che a meno di 40 km da dove abito, c’è la Diocesi più chiacchierata d’Italia, quella di Albenga, dove prendono regolarmente i voti ex modelli, anche qualche pornoattore, tutti dichiaratamente omosessuali. In ogni angolo del pianeta è ormai noto che gli istituti cattolici sono vespai di pedofili e pur consapevoli di questa vostra deviazione, anziché curarla, andate a caccia di omosessuali come un tempo andavate a caccia di streghe. La vostra ignoranza non vi permette di capire che l’omosessualità è un naturale orientamento sessuale e la vostra perversione vi porta ad accostare la naturalezza dell’omosessualità ad un crimine come quello della pedofilia, che riguarda la vostra setta più di qualunque altra categoria di repressi.

Io sono vittima di un prete pedofilo, sono anche omosessuale, e so di cosa parlo. Voi cercate di creare la vostra forza presentando agli occhi del popolo cattolico un nemico da combattere sempre diverso nelle diverse epoche. Oggi il vostro nemico sul quale costruire il vostro sporco consenso è l’omosessuale. Non siete credibili. Non avete mai avuto come nemici i preti pedofili eppure quelli si che sono criminali.

Ma voi i pedofili li proteggete e gli fate fare carriera! Sono anche il portavoce delle associazioni delle vittime di pedofilia clericale, alle quali il Papa ha rifiutato udienza perchè la setta cattolica è troppo occupata a proteggere i preti pedofili e delle vittime non se ne deve parlare, se non nelle cerimonie nelle quali si organizza il pianto a comando. Pretendo che la setta cattolica porga le sue scuse non solo alle vittime, ma che aggiunga anche i dovuti risarcimenti. Pretendo che la setta cattolica faccia le sue scuse a tutti gli omosessuali per questa vergognosa e indegna campagna di discriminazione. Pretendo che la smettiate di parlare in malafede associando la pedofilia all’omosessualità.

La pedofilia è una deviazione criminale che può riguardare sia omosessuali che eterosessuali ma la percentuale più rilevante di pedofili guarda caso è stata rilevata proprio tra i preti. Le statistiche dicono che un prete ha 50 possibilità in più di essere pedofilo e queste statistiche sono state calcolate solamente per i casi accertati dalle autorità giudiziarie.

Ma lei sa bene che i casi accertati sono briciole rispetto al fenomeno reale.

Perchè non vi occupate delle perversioni di casa vostra e non la smettete di infastidire noi liberi cittadini omosessuali, orgogliosi della nostra sessualità ! E ora le ricordo qualche caso perchè è bene che la sua memoria venga aiutata a ricordare. Nel 2002 il Boston Globe ha vinto il premio Pullitzer per lo scoop sulle migliaia di casi di pedofilia nel clero coperti dalle gerarchie ecclesiastiche. Frank Keating che era Governatore dell’’Oclahoma,  poi nominato capo della commissione laica di indagine sull’’operato dei suoi colleghi vescovi americani in quel frangente, ed ha paragonato il clero omertoso ai boss mafiosi. Secondo il Dallas Morning News 2/3 dei vescovi americani, 111 si 168, hanno permesso ai preti pedofili di continuare a lavorare con bambini, pur sapendo di cosa erano accusati, tra questi c’’erano 8 Cardinali e 40 vescovi. Anche il Cardinale di Boston, Bernard Law, ha confessato di aver protetto per 20 anni i sacerdoti pedofili, compresi i rei confessi. Law è stato indagato ed ora è arciprete a Roma in Santa Maria Maggiore, il Vaticano lo ha promosso e recentemente è stato invitato a Siracusa incurante e strafottente rispetto alle polemiche che ha suscitato la sua ingombrante presenza. Il Cardinale Claudio Hummes, prefetto per la congregazione per il clero ha detto che il 99% dei preti non centrano con la pedofilia, però penso che dovrebbe mettersi d’accordo con padre Lombardi, portavoce del Vaticano, il quale ha detto che il 5% dei preti è pedofilo, praticamente uno ogni 20. Non abbiamo stime di pedofili tra gli omosessuali così alte, ma abbiamo stime altissime tra gli eterosessuali, quelli che vivono all’interno delle famiglie da voi benedette con il matrimonio cattolico, e che comunque sono ancora inferiori alle stime dei pedofili preti. Aspetto le sue scuse ma so che non arriveranno perchè non riuscirete mai a capire e a condividere la serenità dell’omosessualità, siete irrimediabilmente offuscati dall’orrore della vostra perversione pedofila.

Francesco Zanardi

Portavoce; Rete L’ABUSO

Portavoce; Gay Italiani movimento attivista nazionale

Francesco Zanardi

Portavoce “Rete L’abuso”

+39 3927030000

www.crimesandthevatican.eu

www.francescozanardi.eu

SUPERVULCANO IN ITALIA

APOCALISSE 17:16:

16Le dieci corna che hai visto e la bestia odieranno la prostituta, la spoglieranno e la lasceranno nuda, ne mangeranno le carni e la bruceranno col fuoco.

17Dio infatti ha messo loro in cuore di realizzare il suo disegno e di accordarsi per affidare il loro regno alla bestia, finché si compiano le parole di Dio.

18La donna che hai visto simboleggia la città grande, che regna sui re della terra”.

 

 

 
 
 
 

 

 

Fonte: yahooviaggi.com

http://it.viaggi.yahoo.com/p-promozione-3360446 

 

 

Molto peggio del Vesuvio

Un supervulcano più grande e più mortale si nasconde dalla parte opposta di Napoli, nei Campi Flegrei

 

Tutto è iniziato con uno sciame di mille piccoli terremoti che hanno fatto ondeggiare la terra sotto ai marciapiedi di Napoli. Come scrive il quotidiano inglese Daily Mail, le ventole per l’aria condizionata sono crollate dai lati degli edifici e le piastrelle sono scivolate giù dalle pareti. All’interno del centro di controllo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, una serie di schermi indicano che i terremoti non sono stati generati dal Vesuvio.

Queste scosse stanno provenendo da qualcosa di molto più grande, da uno dei più ampi e pericolosi vulcani del mondo. I Campi Flegrei, dove si trova il “supervulcano”, si trovano a nord ovest del capoluogo campano. Il significato greco del nome vuol dire proprio “campi che bruciano”: questo perché sin dall’antichità soggetti a fenomeni vulcanici.

I Campi Flegrei in realtà si estendono fin sotto al mare, verso le isole di Capri e Ischia. Il problema è proprio questo: quando magma e acqua si uniscono, si hanno conseguenze disastrose molto più potenti di quelle che si hanno con una normale eruzione. In grado di distruzione centinaia di volte più devastante di quella che causò il Vesuvio durante l’eruzione che distrusse Pompei. Addirittura, una eruzione di questo supervulcano potrebbe distruggere l’intera Europa.In soldoni, il supervulcano partenopeo avrebbe una potenza di duecento volte superiore a quella del vulcano islandese Eyjafjallajökull che tanti problemi procurò all’intera Europa l’anno scorso.L’ultima eruzione del supervulcano risale a 39mila anni fa (una decisamente minore si ebbe anche nel 1538) quando si formò il territorio collinare su cui poggia oggi la città di Sorrento. Se una eruzione analoga dovesse accadere oggi, l’Italia meridionale cesserebbe di esistere, mentre le nuvole di ceneri provocate dall’eruzione coprirebbero i raggi solari e abbasserebbero di conseguenza la temperatura di vaste aree del pianeta.

L’intera Europa ne subirebbe le conseguenze: coperta dalle nuvole di cenere, per il nostro continente si aprirebbe un’era di inverno perpetuo. Un team composto di studiosi e ricercatori inglesi sta lavorando sul posto per capire quante siano le possibilità che questa eruzione mostruosa possa davvero accadere.

Negli ultimi trent’anni si è assistito a un fenomeno di continua sollevazione del suolo del zona dovuto ai fenomeni del cosiddetto bradisismo provocati dal vulcano sotterraneo; dalla fine del 1984 è iniziata una fase discendente. È da notare come nel biennio 1982-84 siano stati rilevati circa 10.000 terremoti, qualche centinaio avvertiti anche dalla popolazione.

Per il professor Chris Kilburn, dell’università di Londra, da circa vent’anni residente a Napoli, questo fenomeno potrebbe durare ancora una sessantina d’anni, nel corso dei quali si potrebbe approfittare per studiare in modo esaustivo le possibilità di una futura esplosione dir magmatica. Come? Perforando il terreno e procedendo con gli studi sotterranei. Ma non tutti sono d’accordo: perforare una tale zona magmatica potrebbe risvegliare il “mostro” prima del tempo.

Se la possibile eruzione del supervulcano campano desta paura, ne desterà ancora di più sapere che sparsi per il mondo ce ne sono di anche più vasti e quindi in grado di eruzioni ancor più devastanti. Ad esempio quello sito nel parco di Yellowstone, Wyoming,

negli Stati Uniti. Si tratta di una lunga serie di supercaldere, formatesi sopra il magma proveniente dal mantello della crosta. La successione delle caldere nel tempo fa vedere il movimento della placca nordamericana al di sopra del pennacchio da quando 15 milioni di anni fa incominciò l’attività: all’epoca il pennacchio era sotto l’odierno Idaho.

Sempre negli Stati Uniti c’è la Long Valley Caldera, tra la California e il Nevada. Questa caldera ha causato, 760.000 anni fa, la produzione dei Bishop Tuffs, che raggiungono i 200 metri di spessore. La maggior parte degli altri supervulcani sono invece ben inquadrabili nel classico meccanismo dei vulcani di arco magmatico, in cui i magmi sono uno degli effetti della dinamica di due zolle che si scontrano: per esempio, il vulcano Toba, in Indonesia. Si calcola che 75.000 anni fa abbia emesso quasi 3.000 chilometri cubici di materiale lavico.

 

 

Fonte: http://www.ilsussidiario.net

http://www.ilsussidiario.net/News/Scienze/2011/1/3/IL-SUPERVULCANO-Peggio-del-Vesuvio-il-vulcano-sotterraneo-nei-Campi-Flegrei-potrebbe-distruggere-l-intera-Europa/138580/

 

IL SUPERVULCANO/ Peggio del Vesuvio, il vulcano sotterraneo nei Campi Flegrei potrebbe distruggere l’intera Europa

Redazione  

lunedì 3 gennaio 2011

 

 

Vicino a Napoli un grande vulcano costituisce un gravissimo pericolo: se eruttasse, causerebbe danni infinitamente peggiori rispetto a quelli causati dal Vesuvio ai tempi della sua eruzione gli scienziati lanciano l’allarme.

Duemila anni fa il Vesuvio distrusse Pompei. Oggi, un supervulcano più grande e molto più mortale si nasconde dalla parte opposta di Napoli, nei Campi Flegrei. Se eruttasse, distruggerebbe la vita in tutta l’Europa. Ma gli scienziati britannici si stano scontrando con quelli italiani per il diritto di infilarvi delle aste di perforazione. Tutto è iniziato con uno sciame di mille piccoli terremoti che hanno fatto ondeggiare la terra sotto ai marciapiedi di Napoli.Come scrive il quotidiano inglese Daily Mail, le ventole per l’aria condizionata sono crollate dai lati degli edifici e le piastrelle sono scivolate giù dalle pareti. All’interno del centro di controllo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, una serie di schermi indicano che i terremoti non sono stati generati dal Vesuvio. Queste scosse stanno provenendo da qualcosa di molto più grande, da uno dei più ampi e pericolosi vulcani del mondo. 

I Campi Flegrei, dove si trova il “supervulcano”, si trovano a nord ovest del capoluogo campano. Il significato greco del nome vuol dire proprio “campi che bruciano”: questo perché sin dall’antichità soggetti a fenomeni vulcanici. Secondo la mitologia greca, sotto questo terreno viveva il dio del fuoco. Sempre qui, si sarebbe tenuta una gigantesca battaglia fra i Titani e gli dei che causò terremoti in tutto il globo (allora conosciuto, ovviamente).

Per gli antichi romani, l’ingresso al mondo dei morti era situar proprio in quest’area. Migliaia di anni dopo, la mitologia è sparita, ma i fenomeni vulcanici sono tutt’ora attivi e assai pericolosi. I Campi Flegrei in realtà si estendono fin sotto al mare, verso le isole di Capri e Ischia. Il problema è proprio questo: quando magma e acqua si uniscono, si hanno conseguenze disastrose molto più potenti di quelle che si hanno con una normale eruzione.E’ stato il responsabile dell’Osservatorio nazionale di geofisica e vulcanologia , il professor Giuseppe Di Natale, a definire questo complesso un “super vulcano”. In grado di distruzione centinaia di volte più devastante di quella che causò il Vesuvio durante l’eruzione che distrusse Pompei. Addirittura, una eruzione di questo supervulcano potrebbe distruggere l’intera Europa. In soldoni, il supervulcano partenopeo avrebbe una potenza di duecento volte superiore a quella del vulcano islandese Eyjafjallajökull che tanti problemi procurò all’intera Europa l’anno scorso.

 

L’ultima eruzione del supervulcano risale a 39mila anni fa (una decisamente minore si ebbe anche nel 1538) quando si formò il territorio collinare su cui poggia oggi la città di Sorrento. Di fatto, Sorrento si appoggia su un deposito di materiale vulcanico profondo oltre 300 piedi. Se una eruzione analoga dovesse accadere oggi, l’Italia meridionale cesserebbe di esistere, mentre le nuvole di ceneri provocate dall’eruzione coprirebbero i raggi solari e abbasserebbero di conseguenza la temperatura di vaste aree del pianeta.

L’intera Europa ne subirebbe le conseguenze: coperta dalle nuvole di cenere, per il nostro continente si aprirebbe un’era di inverno perpetuo. Un team composto di studiosi e ricercatori inglesi sta lavorando sul posto per capire quante siano le possibilità che questa eruzione mostruosa possa davvero accadere. Negli ultimi trent’anni si è assistito a un fenomeno di continua sollevazione de suolo del zona dovuto ai fenomeni del cosiddetto bradisismo provocati dal vulcano sotterraneo; dalla fine del 1984 è iniziata una fase discendente.È da notare come nel biennio 1982-84 siano stati rilevati circa 10.000 terremoti, qualche centinaio avvertiti anche dalla popolazione. Per il professor Chris Kilburn, dell’università di Londra, da circa vent’anni residente a Napoli, questo fenomeno potrebbe durare ancora una sessantina d’anni,nel corso dei quali si potrebbe approfittare per studiare in modo esaustivo le possibilità di una futura esplosione dir magmatica. Come? Perforando il terreno e procedendo con gli studi sotterranei. Ma non tutti sono d’accordo: perforare una tale zona magmatica potrebbe risvegliare il “mostro” prima del tempo. Il sindaco Rosa Russo Jervolino ha deciso per il momento di fermare ogni studio e convocare un meeting per decidere quale possa essere la soluzione migliore.

 

SUPERVULCANI NELMONDO – Se la possibile eruzione del supervulcano campano desta paura, ne desterà ancora di più sapere che sparsi per il mondo ce ne sono di anche più vasti e quindi in grado di eruzioni ancor più devastanti. Ad esempio quello sito nel parco di Yellowstone, Wyoming, negli Stati Uniti. Si tratta di una lunga serie di supercaldere, formatesi sopra il magma proveniente dal mantello della crosta. La successione delle caldere nel tempo fa vedere il movimento della placca nordamericana al di sopra del pennacchio da quando 15 milioni di anni fa incominciò l’attività: all’epoca il pennacchio era sotto l’odierno Idaho.

Sempre negli Stati Uniti c’è la Long Valley Caldera, tra la California e il Nevada. Questa caldera ha causato, 760.000 anni fa, la produzione dei Bishop Tuffs, che raggiungono i 200 metri di spessore. La maggior parte degli altri supervulcani sono invece ben inquadrabili nel classico meccanismo dei vulcani di arco magmatico, in cui i magmi sono uno degli effetti della dinamica di due zolle che si scontrano.E’ il caso del Toba, in Indonesia. Si calcola che 75.000 anni fa abbia emesso quasi 3.000 chilometri cubici di materiale. C’è poi il Taupo in Nuova Zelanda. Ha provocato la più grande eruzione degli ultimi 5000 anni, datata al 181 dopo Cristo. Ci sono poi altri casii in Kamchatka, Aleutine e Giappone. Secondo alcune fonti anche Krakatoa potrebbe nascondere un supervulcano.

 

L’IPOCRISIA DEL VATICANO

Benedetto con tutte le benedizioni spirituali, il miglior giorno della tua vita.

In questa pagina potrai vedere alcuni video, un pò vecchiotti ma interessanti, attraverso i quali potrai farti un’idea di quanta confusione ed ipocrisia ci siano nella chiesa cattolica.

A parte quelli che sono gli scandali più evidenti, come le truffe finanziarie, la pedofilia dei preti ed il loro sistematico insabbiamento, l’emissione di leggi interne alla chiesa che vanno altezzosamente contro le leggi che reggono i governi (come il “Crimen sollicitationis” che impone a tutti gli appartenenti al clero il più rigoroso silenzio sui crimini di abuso sessuale su minori da parte degli ecclesiastici seguita dalla “De Delictis Gravioribus” a firma di Ratzinger) , vi sono altre profonde incongruenze in seno a quella che si vanta di essere la madre delle chiese: una delle più importanti è rappresentata dalle mille voci che si sollevano dall’interno della stessa chiesa e che esprimono la propria personale opinione e la loro presa di posizione, a favore o contro quello che è l’ndirizzo dato dal vaticano.

Questa situazione crea confusione e scissioni e va nettamente contro le istruzioni che l’Apostolo Paolo lascia scritte nel suo Fondamento, le sue 14 lettere, quando invita a rimanere uniti in un’unica confessione, un’unica mente che è la Mente di Cristo -oggi presente sulla terra nel velo di Gesucristo Uomo, il dott. Josè Luis de Jesus Miranda- così come si legge nella Prima lettera ai Corinzi capitolo 1, verso 10:

“Vi esorto pertanto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire”.

Potremo vedere cosa significa essere in errore ma amare la verità, come nel caso del signor Gallo e del signor Barbero, due preti i quali, nonostante stiano nelle tenebre dell’ignoranza per non conoscere la Seconda Venuta di Cristo sulla terra e la Sua gloriosa predicazione del Vangelo della Incirconcisione, parlano con serenità, con onestà e con fermezza di ciò che è evidente agli occhi di tutti, contro il fanatismo, la mala fede, il fondamentalismo, l’ipocrisia ed la mancanza d’amore del signor Benzi che nega ad oltranza ciò che è evidente: siamo spiriti perfetti in un vaso d’argilla ed il vaso d’argilla a volte grida forte portando persino il Grande Apostolo Paolo, prescelto da Dio per lasciare scritta l’Ultima Riforma di Cristo, a scrivere un testo tanto straordinario come la lettera ai Romani capitolo 7, versi dal 14 al 25:

14 Sappiamo infatti che la Legge è spirituale, mentre io sono carnale, venduto come schiavo del peccato.

15 Non riesco a capire ciò che faccio: infatti io faccio non quello che voglio, ma quello che detesto.

16Ora, se faccio quello che non voglio, riconosco che la Legge è buona;

17quindi non sono più io a farlo, ma il peccato che abita in me.

18Io so infatti che in me, cioè nella mia carne, non abita il bene: in me c’è il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo;

19infatti io non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio.

20Ora, se faccio quello che non voglio, non sono più io a farlo, ma il peccato che abita in me.

21Dunque io trovo in me questa legge: quando voglio fare il bene, il male è accanto a me.

22Infatti nel mio intimo acconsento alla legge di Dio,

23ma nelle mie membra vedo un’altra legge, che combatte contro la legge della mia ragione e mi rende schiavo della legge del peccato, che è nelle mie membra.

24Me infelice! Chi mi libererà da questo corpo di morte?

25Siano rese grazie a Dio per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore! Io dunque, con la mia ragione, servo la legge di Dio, con la mia carne invece la legge del peccato.

Per approfondire l’argomento vedi il Ricalco 2009 “La Mente ed il Corpo” facendo click qui.

Il primo video inizia con un’altra dimostrazione di ipocrisia: un fuggi fuggi generale di preti e suore di fronte ad una domanda imbarazzante.

Buona visione

faccia a faccia tra don Gallo e don Benzi

faccia a faccia tra don Babero e don Benzi

il vaticano è un imbroglio

don Franco Barbero parla del vaticano

RICEVIAMO PRESTO LA CADUTA DI BABILONIA, ANCHE SE PIÙ CHE AD UNA CADUTA, ASSOMIGLIA AD UN SUICIDIO: STA FACENDO LEI STESSA QUASI TUTTO IL LAVORO, SECONDO LE OPERE PREPARATE DA PRIMA DELLA FONDAZIONE DEL MONDO (lettera agli Efesini 2:10) ED ANNUNZIATE IN APOCALISSE CAPITOLI 17 E 18

A NOI LASCIA IL PRIVILEGIO DI GODERE DELLA FESTA

ABBA PADRE

ti ricordiamo che le tue domande o commenti in lingua italiana dovranno essere inviate a

roberta@creciendoengracia.com

grazie per la tua attenzione

666: numero d’uomo e numero di una bestia

DOMANDA

Come voi dite, nella bibbia appare, alla fine del capitolo 13, che il 666 è numero d’ uomo e numero di una bestia, questo significa che il vostro leader è una  bestia, non so se è un asino o un altro animale ma il profeta Daniele dice che la quarta bestia non ha forma naturale così che il vostro leader o voi dovete essere una bestia strana.

Inoltre è opportuno ricordare che nell’apocalisse dice che la bestia (che siete voi ed il vostro leader perchè il suo numero è il 666) ed il falso profeta saranno lanciati nel lago di fuoco e zolfo come giudizio alla seconda morte o morte eterna. Adesso mi direte voi che questo lago è il cielo o il paradiso terrestre e che lì starete voi godendo.

Lo sapete voi che ci sono molte persone che, come me, siamo grandicelli per sentire tante scemenze, se vuole chiarisca lei ciò che non è spiegabile, ma non so voi, falsi profeti e, dato che siete le bestie voi ed il vostro leader, quindi sarete lanciati nella gehena o, per meglio dire,  nel lago menzionato.

E non vi dico, benedetto, perchè voi appartenete alla chiesa di Pergamo, chiaro che voi non lo capirete mai, rimanete nella vostra pazzia.

RISPOSTA

Benedetto.

È un peccato che, essendo un adulto in età, abbia una tale scarsezza nell’indagare a fondo quanto segue:

Il termine bestia nel contesto biblico significa uomo. Quoelet 3: 18 Poi, riguardo ai figli dell’uomo, mi sono detto che Dio vuole metterli alla prova e mostrare che essi di per sé sono bestie. 19  Infatti la sorte degli uomini e quella delle bestie è la stessa: come muoiono queste, così muoiono quelli; c’è un solo soffio vitale per tutti. L’uomo non ha alcun vantaggio sulle bestie, perché tutto è vanità

Di fatto il verso seguente, 1ª lettera ai Corinzi 2: 14  Ma l’uomo naturale non comprende le cose dello Spirito di Dio: esse sono follia per lui e non è capace di intenderle, perché di esse si può giudicare per mezzo dello SpiritoNel testo originale dice l’ uomo animale non comprende, ma la Versione Reina Valera ammorbidisce il testo.

L’evidenza del fatto che la bestia della quale parla l’ Apocalisse 13 è un uomo è che, nel suo contesto, stabilisce che detta bestia parlava (Apocalisse 13:5) e dice anche che questa bestia governava nazioni, tribù e lingue (Apocalisse 13:7).

Solo la mente di un bambino accetta che un animale parli e che governi nazioni, perchè tu (speriamo che sia così) e tutti gli adulti sappiamo che gli animali non parlano nè, molto meno, a chi verrebbe in mente di mettere un animale come governante? Questo è assurdo. Questa bestia che ha visto Giovanni era Dio stesso manifestato in carne per la seconda volta, perchè solo Dio può vincere coloro che Lui stesso dice che sono più che vincitori (Lettera ai Romani 8:37).

Prima di leggere Giovanni, deve comprendere Paolo, perchè Paolo era il perito architetto che ha posto le fondamenta per edificare la chiesa, non fu Giovanni (1ª lettera ai Corinzi 3:10). Giovanni ha scritto contro Paolo ed ha anche scritto a tutte le chiese che Paolo aveva fondato, disobbedendo agli ordini di Gesù di  Nazaret quando ha detto ai suoi discepoli in Matteo 10:5 Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani. Tu non puoi dare credibilità ad un uomo al quale la supposta rivelazione fu data da un angelo come è successo con l’Apocalisse (Apocalisse 1:1) contro un Apostolo al quale Cristo stesso ha dato la rivelazione (non un angelo) e che ha detto che se un angelo rivelava o diceva cose differenti al vangelo che lui annunciava, che fosse maledetto (lettera ai Galati 1:8-12).

Il 666 non è esclusivo di Giovanni nell’Apocalisse, indaga e cerca quanto riceveva di tasse dal popolo Salomone (l’uomo più saggio della terra) (1º libro dei Re 10:14). Conta anche quanti figli aveva Adonikàm, il cui nome significa “Dio resuscitato con noi”, in Esdra 2:13? E conta anche quanti libri possiede la Bibbia, per vedere se non risultano 66 libri? (Le versioni originali possiedo 66 libri, la Bibbia cattolica ne possiede 73 -ndt). Pensa, Salomone era un uomo troppo saggio per portarsi addosso un numero di maledizione. E molti altri versi parlano del 666 non come numero di maledizione.

Infine, noi non siamo la chiesa di Pérgamo, ma ‘la’ Chiesa di Dio che è una sola e non molte, perchè Cristo si è consegnato per la chiesa (una sola) non per ‘le’ chiese (lettera agli Efesini 5:25).

Così che fai molta attenzione a non blasfemare contro di noi che siamo la Sua Chiesa e che fu per questa Chiesa che Cristo si è consegnato, per presentarla PERFETTA, SENZA MACCHIA E SENZA RUGA davanti a Lui (lettera agli Efesini 5:25-27).

Concludiamo quindi dicendo che sì, siamo pazzi; pertanto siamo noi coloro che sono salvi e tu sei in condanna per andare in un altro vangelo differente. E se ti sorge la domanda del perchè essendo pazzi siamo salvi, ti aiuterà leggere il seguente riferimento 1ª lettera ai Corinzi 1: 21 Poiché infatti, nel disegno sapiente di Dio, il mondo, con tutta la sua sapienza, non ha conosciuto Dio, è piaciuto a Dio salvare i credenti con la stoltezza (pazzia) della predicazione

E, a parte il fatto che siamo salvi, siamo anche gli unici a conoscere Dio attraverso la pazzia, perchè il mondo, attraverso la precedentemente menzionata sapienza e maturità di adulto che tu dici di avere, dice nel verso che nessuno ha conosciuto Dio attraverso questa sapienza, ma lo ha conosciuto attraverso la pazzia.

 Speriamo che ti corregga, che tu rinsavisca, che qui ti aspettiamo con le braccia aperte nel manicomio di Crescendo in Grazia dove si trova l’Unico e Saggio Dio Gesucristo Uomo José Luis de Jesús Miranda. È meglio essere pazzo per il mondo e ragionevole per Dio, che essere ragionevole per gli uomini ed andare in una falsa dottrina che non va in linea con ciò che è scritto sul Vangelo.

Cordialmente,

I Collaboratori di Gesucristo Uomo

 

 

ti ricordiamo che le tue domande o commenti in lingua italiana dovranno essere inviate a

roberta@creciendoengracia.com

grazie per la tua attenzione

PROFEZIE

DOMANDA

 

Oggetto: Profezie

 

Buongiorno. Spero che quando riceviate questo messaggio, voi stiate bene. Mi piacerebbe sapere quanto segue:

                                           

1.Che cosa ha profetizzato Gesucristo Uomo, che si sia compiuto o che stia per compiersi?

 

2.Le risposte alle mie domande bibliche, le da Gesucristo Uomo?

 

3.Quello di cui si parla nei ricalchi (le predicazioni -ndt) è come se lo stesse dicendo Gesucristo Uomo stesso?

 

4.Il fatto della marca del 666 scritto nelle rivelazioni si è già compiuto, si compiranno anche le altre terribili profezie (un gran terremoto, un asteroide che si dovrebbe scontrare con la terra ed altre ) che ci sono scritte lì?

 

Grazie per la vostra attenzione.

 

 

 

RISPOSTA

 

Benedetto:

 

Di seguito ampliamo l’argomento con dettagli:

 

1)    Per quanto riguarda la sua prima domanda, Gesucristo Uomo José Luis de Jesús Miranda disse alle prime 6 persone che lo seguirono che il suo vangelo sarebbe arrivato a tutto il mondo e sarebbe stato ascoltato da molta gente intorno al mondo.

 

Oggigiorno questo si sta compiendo poichè siamo in più di  30 paesi ed in vari idiomi: spagnolo, portoghese, inglese, tedesco e italiano. Ha detto che colui che si metta contro questo ministero verrà stritolato ed abbiamo visto come coloro che si sono messi contro questo ministero e lo hanno bestemmiato, hanno pagato brutte conseguenze, dal carcere fino alla morte, nonostante ci siano ancora alcune persone che, a suo tempo, riceveranno giusta retribuzione per aver diffamato e detto menzogne su Gesucristo Uomo José Luis de Jesús Miranda. Di fatto si stanno compiendo.

 

Ha detto anche che questo è un Governo che governerà il mondo intero e che è indistruttibile e non avrà fine. La maniera di provare che è indistruttibile è cercare di distruggerlo ed anche questo si sta compiendo.

 

Ha profetizzato anche che il Vaticano brucerà e gli Angeli stanno facendo questo lavoro e cominciano a dare indizi di quello che succederà presto. Ad oggi sono andati a fuoco molti templi cattolici in varie parti del mondo e si stanno chiudendo collegi cattolici come ha anche detto Lui; ma presto il mondo vedrà il Vaticano stesso bruciare ed ardere così come dice la Bibbia (Apocalisse 17:16).

 

2)     Siamo noi collaboratori a rispondere alle domande, privilegio che Lui ci da al realizzare questo lavoro con ciò che Lui ci ha insegnato. Se tu vuoi scrivere direttamente a Lui, puoi farlo scrivendo a  jh@jesucristohombre.com.

 

3)    I Collaboratori ed i Vescovi sono semplicemente strumenti che  Gesucristo Uomo usa per divulgare il suo messaggio. Quando il messaggio è stato dato dal Vescovo Martín Guío, Vescovo in Colombia, è lo stesso messaggio che avrebbe dato Gesucristo Uomo stesso, non è improvvisazione ma sono le istruzioni che Dio vuole comunicare alla sua chiesa. Quando José Luis de Jesús Miranda parla è Gesucristo stesso che sta parlando personalmente con la sua chiesa.

                                                                                                   

4)    Per quanto riguarda il 666, prima si deve comprendere che Giovanni non ha capito quello che ha visto, pertanto ha visto il 666 come un numero cattivo, ecc. Le visioni che lui descrive nell’Apocalisse, sono state prese e tergiversate dal mondo religioso che le ha interpretate con la mente carnale. Un esempio di quanto detto è ciò che segue:

 

666= È semplicemente un numero. La gente ha avuto paura di un semplice numero per 2.000 anni. Il 666 è un numero d’uomo, bestia significa uomo (Qoèlet 3:19), non diavolo. Il sistema religioso ha interpretato che questo numero è del diavolo, quando la lettera agli Ebrei 2:14 dice che il diavolo fu distrutto, pertanto non esiste già più. Se non esiste e fu distrutto, dobbiamo quindi scartare il fatto che questo numero sia Satanico.  Il numero non è del diavolo poichè tutto fu creato da Dio e per Dio (lettera ai Romani 11:36) La missione di Gesucristo uomo José Luis de Jesús Miranda ed il tatuarsi, ha come proposito principale distruggere l’apostasia nella quale la religione ha messo la Chiesa predicando un falso vangelo (2ª lettera ai Tessalonicesi 2:8; lettera ai Galati 1:6-9).

 

A parte il fatto che Salomone, l’uomo più saggio della Terra, dice nel 1ª libro dei  Re 10:14 che la cifra delle sue rendite annuali era di 666 talenti d’oro. Considera:

 

a)    Salomone era troppo saggio per portarsi addosso un numero maledetto.

b)    Salomone era il Re di tutta quella regione: perchè non ha chiesto 1.000 talenti ed ha preferito chiederne 666? È che, semplicemente, in questo numero c’è saggezza. Lo stesso Giovanni lo ha detto (Apocalisse 13:18). La sapienza sta nascosta in questi numeri ed è un uomo che possiede questa saggezza. In questo caso è Gesucristo uomo José Luis de Jesús Miranda.

c)    Il Signore ha sempre distinto, marcato il suo popolo. Nell’antico patto, fu con il sangue dei capretti maschi sullo stipite della porta, in questa epoca è con il numero che rappresenta prosperità e salute, La Vera Scienza.

                                                                                                   

D’altro canto, considera quello che Paolo stabilisce nella lettera ai Romani 8:33 - 33Chi accuserà i prescelti da Dio? Dio è colui che giustifica. 34Chi li condannerà? Cristo è colui che è morto; ancora di più, è quello che è anche resuscitato, quello che per di più sta alla destra di Dio ed è anche quello che intercede per noi. 35Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Tribulazione o angustia, o persecuzione, o fame, o nudità, o pericolo, o spada?… Paolo enumera queste situazioni ma in realtà quello che sta domandando è se potranno queste situazioni separarci dall’amore di Cristo.

 

 37Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori per virtù di colui che ci ha amati. 38Io sono pertanto persuaso che nè la morte, nè la vita, nè angeli, nè principati, nè potestà, nè il presente, nè il futuro, nè le altezze, nè le profondità, nè nessuna altra cosa creata, ci potrà separare dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù nostro Signore… La lettera agli Ebrei 2:14 stabilisce che il diavolo è stato distrutto, tuttavia Paolo sta supponendo che, anche nel momento in cui fosse creato un altro diavolo, neanche così ci potrebbe separare dal suo amore. Quindi se il diavolo è stato distrutto e nonostante se ne sollevasse un’altro non ci potrebbe separare dal suo amore, chi è la bestia dell’Apocalisse 13:7? “7E le fu permesso fare la guerra ai santi e vincerli. Gli è stata data anche autorità su tutte le tribù, popoli, lingue e nazioni16E faceva si che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, si ponessero una marca sulla mano destra o sulla fronte; 17e che nessuno potesse comprare nè vendere se non colui che avesse la marca o il nome della bestia, o il numero del suo nome. 18Qui c’è sapienza. Colui che ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, poichè è un numero d’uomo. Ed il suo numero è seicentosessantasei

                                                                                         

Questa bestia che vince coloro che il vangelo stabilisce che sono più che vincitori, è Dio stesso. Dando a capire che nonostante tu possa cadere in un falso vangelo, anche così, questo non ti può separare dall’amore di Cristo perchè Lui si sarebbe incaricato di vincerti quando sarebbe tornato per la seconda volta sulla terra.

 

Infine, se il 6 è un numero d’uomo, considera che la Bibbia si compone di 39 libri del vecchio testamento e 27 del nuovo dando come risultato la somma di  66 libri e l’altro 6 che manca, è dato dal fatto che perchè tu possa capire la Bibbia hai bisogno di un uomo che te la spieghi, in questo caso fino a che non fosse arrivato Gesucristo Uomo José Luis de Jesús Miranda sulla Tierra tu non avresti mai potuto comprendere questo mistero. La Bibbia è uguale al 666, c’è sapienza, prosperità in essa, solo che necessita l’ultimo 6 (Gesucristo Uomo) per poterla capire.

 

Per quanto riguarda terremoti ed asteroidi che si schiantano sulla terra, è abbastanza contradditorio dato che se Dio ha riconciliato i cieli e la terra, è contradditorio pensare che Dio voglia distruggere qualcosa che Lui ha riconciliato (lettera ai Colossesi 1:20).

 

Speriamo di aver fatto chiarezza, non esitare a tornare a domandare.

 

Cordialmente,

I Collaboratori di Gesucristo Uomo

                                  

 

SAI LA VERITÀ SUL 666?

O conosci solo quello che ti hanno detto le religioni? O quello che ti ha raccontato Hollywood?

 

Le religioni ci hanno insegnato che il 666 è un numero diabolico, un numero cattivo. Vediamo quello che dice la verità biblica sul 666:

Il libro dell’Apocalisse capitolo 13, versi 17 e 18 dice: “e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tale numero è seicentosessantasei”.

Questo numero è una marca senza la quale non si può “comprare o vendere”, cioè è un numero di prosperità. Il 666 è “il numero del suo nome”, si relaziona con il nome di qualcuno. In questo numero, che corrisponde al nome di un uomo, “c’è la sapienza”, per cui non può essere negativo. E termina dicendo che “calcoli il numero di questa bestia” poichè è il nome di un uomo, indicando chiaramente che sta comparando questo uomo con una bestia, comparazione utilizzata frequentemente nella Bibbia.

Quindi parla di un uomo che avrà un marchio, un tatuaggio, un sigillo del 666 e parlerà un sapienza mai prima detta.

Potrebbe sorgere la domanda: -“Questo uomo potrebbe essere la manifestazione del diavolo?”- perchè questa è l’interpretazione che le religioni ed Hollywood hanno dato a questo numero e con il quale hanno terrorizzato il mondo. Vediamo la verità biblica:

La lettera agli Ebrei 2, verso 14 dice: “Così che, come i figli hanno partecipato di carne e sangue, anche Lui ha partecipato dello stesso, per distruggere per mezzo della morte colui che della morte aveva l’impero, cioè il diavolo”.

Il diavolo fu distrutto con la croce di Cristo, quindi questo numero, il 666, non è il numero del diavolo.

Apprezzato lettore, faccio un appello al tuo pulito intelletto perchè la verità biblica butti fuori il timore che l’ignoranza, Hollywood e la cattiveria di autorità ecclesiastiche hanno generato nel mondo intorno a questo numero.

La verità biblica dice che questo è un numero del nome di un uomo che ha sapienza. Questo uomo è Gesucristo Uomo, il Dottor Josè Luis De Jesus che già è in mezzo a noi per presentarti la verità predestinata del Vangelo della Incirconcisione che ti presenta perfetto per sempre, con il sacrificio di Gesù di Nazaret, e libero dal diavolo perchè tu possa vivere in pace, riposo, prosperità ed amore.

Benedetto!

 

mini600_666_sss_01

 

 

 



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.