Posts Tagged 'elezioni'

Le elezioni italiane affondano le Borse Spread vola, tassi quasi doppi in asta

http://www.repubblica.it/economia/2013/02/26/news/borse_le_elezioni_italiane_condizionano_al_ribasso_i_listini-53444988/

Le elezioni italiane affondano le Borse


Spread vola, tassi quasi doppi in asta

 

Raffica di sospensioni sui titoli italiani. Piazza Affari brucia oltre 17 miliardi. L’Europa preoccupata dal voto che ha bocciato le politiche di austerity del governo Monti. L’aumento del differenziale di rendimento costerà all’Italia 1,5 miliardi il primo anno, 8 miliardi nel triennio. Vertice Monti-Grilli-Visco: “Monitoriamo”. Consob vieta le vendite allo scoperto su Intesa e Carige

di GIULIANO BALESTRERI

spread

MILANO – Ore 16.40. Le elezioni italiane mettono al tappeto le Borse di tutto il mondo con Piazza Affari che brucia oltre 17 miliardi nella mattinata. Il pareggio al Senato tra il centrosinistra di Pierluigi Bersani e il centrodestra di Silvio Berlusconi si traduce in un Paese ingovernabile, dove si è delineata una forte maggioranza alla Camera e il caos a Palazzo Madama. Uno scenario che terrorizza il mercato e l’Europa alle prese con un 2013 per il quale gli economisti prevedono un altro anno di  recessione

A Milano Piazza Affari sprofonda del 4,3%, Londra cede l’1,2%, Francoforte dell’1,7%, Parigi dell’1,8%, Madrid il 2,6%. Le ripercussioni più pesanti arrivano dal fronte del debito pubblico. Il prezzo dei credit default swaps (cds) sull’Italia (assicurazioni contro il fallimento) è salito di 48 punti base a quota 290 punti, segnando il rialzo più forte da dicembre 2011.  A poco serve l’intervento del ministro della Finanze francese, Pierre Moscovici, secondo cui la situazione politica in Italia “è una preoccupazione ma non un fattore di rischio per l’Eurozona”.

Lo spread, la differenza di rendimento tra Btp e Bund, è volato oltre 340 punti ai massimi da dicembre in rialzo di quasi 50 punti base: un balzo che si traduce in un maggiore costo per lo stato - in termini di interessi sul debito – di quasi 1,5 miliardi in un anno e 8 miliardi in tre anni. Poi ritraccia a 337 punti con i Btp che rendono il 4,8%, mentre il Tesoro ha collocato 8,75 miliardi di Bot a sei mesi con il rendimento in salita da 0,731% all’1,237%. Domani il Tesoro proverà a collocare titoli a 5 e 10 anni con rendimenti in prevedibile rialzo. 

L’instabilità europea ha condizionato ieri sera la chiusura di Wall Street (Dow Jones a -1,6% dopo aver toccato in avvio il suo massimo storico) che oggi prova a rialzare la testa spinta dai prezzi delle case che nelle 20 aree metropolitane esaminate dall’indice S&P/Case Shiller salgono dello 0,9% destagionalizzato a dicembre, il balzo in avanti più forte da 6 anni. Il Dow Jones avanza quindi dello 0,4%, mentre il Nasdaq è invariato e l’S&P 500 guadagna lo 0,2%. Le vendite di case nuove negli Stati Uniti in gennaio sono salite del 15,6% a un tasso analizzato di 437mila, ai massimi da luglio 2008. Il numero uno della FedBen Bernanke, invita i parlamentare Usa a non procedere ai tagli automatici alla spesa. Spaventa, però, il Vix, il cosiddetto indice della paura, ieri è balzato del 34% (oggi cede il 6%) tornando a livelli che non si vedevano da dicembre, quando si temeva il precipizio fiscale. Pesante anche il Giappone che ha perso il 2,26%.

Si è svolto nel frattempo a Palazzo Chigi un vertice, per fare il punto della situazione, tra il premier uscente Mario Monti, il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, e il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli. “La riunione è stata dedicata all’esame della situazione congiunturale e di quella dei mercati. Il presidente del Consiglio verrà tenuto informato sulla base del consueto monitoraggio della situazione”, si legge nella nota diffusa dopo il summit. A fare le spese del risultato elettorale è anche l’euro in netto ribasso: la moneta unica europea si muove a 1,3104 dollari, ai minimi da sette settimane, e a 119,16 yen. 

Tra i principali titoli del listino MediasetExor e Finmeccanica cedono oltre il 5%, faticano a fare prezzo EnelTelecom Fiat. A trascinare in rosso Piazza Affari è soprattutto il comparto del credito, preoccupato per la crescita dello spread e il deprezzamento dei titoli di Stato in portafoglio: sprofondano BpmBanco Popolare e Unicredit. Crolla Intesa Sanpaolo al punto da costringere Consob a vietare le vendite allo scoperto su Ca de’ Sass e Carige fino a giovedì. Per gli investitori “è possibile che gli italiani possano tornare alle elezioni e, nel breve termine, il mercato non apprezza l’incertezza”. Tra i timori principali c’è l’ipotesi di una marcia indietro sul consolidamento fiscale dopo che il voto ha bocciato le politiche di austerity del governo Monti.

La situazione italiana spinge in ribasso anche le quotazioni del greggio sui mercati asiatici. Il light crude Wti cede 87 cent a 92,24 dollari al barile dopo aver toccato un minimo da sette settimane a 91,92 dollari al barile. Il Brent di Londra cede 80 cent a 113,64 dollari al barile dopo aver raggiunto il minimo da un mese.

(26 febbraio 2013)

Elezioni, il caos Italia sulla stampa straniera: “Instabilità, rischi per tutta l’eurozona”

http://www.repubblica.it/speciali/politica/elezioni2013/2013/02/26/news/stampa_tedesca-53443909/

Elezioni, il caos Italia sulla stampa straniera:


“Instabilità, rischi per tutta l’eurozona”

 

 Sui media titoli allarmati. Il Guardian: “Possibile miccia di una crisi finanziaria globale”. New York Times: “nel migliore dei casi, coalizione instabile e nuovi rischi per l’eurozona”. Schulz: “c’è bisogno di un governo stabile. Dal voto messaggio chiaro, Bruxelles ascolti”

dal corrispondente ANDREA TARQUINI

elezioni

(ansa)

BERLINO – Allarme rosso al vertice di Berlino e sui media tedeschi, paura in tutta la Ue, preoccupazione sulla stampa d’oltreoceano. Così le reazioni internazionali ai risultati delle elezioni italiane. La prospettiva di una ingovernabilità a Roma spaventa e fa temere una crisi pericolosissima per l’euro, e poi per il futuro stesso dell’integrazione europea. “E’ decisivo che in Italia, nell’interesse dell’Italia e dell’Europa, vi sia al più presto un governo stabile e in grado di agire per il Paese”, dice il ministro degli Esteri Guido Westerwelle a Berlino, in una conferenza stampa bilaterale col collega ucraino Leonid Koschara.

“Lanciamo un appello al senso di responsabilità di tutte le forze politiche”, dice a Repubblica.it Philipp Missfelder, responsabile di politica estera della Cdu (il partito di Angela Merkel), e aggiunge preoccupato: “Voi italiani non siete la Grecia, siete un membro del G8 e un membro-chiave dell’unione monetaria, l’euro non può permettersi uno scenario di tipo greco da voi con nuove elezioni a breve, sarebbe una finestra di instabilità eccessiva”. Parla in toni di rara preoccupazione, e certo non si esprime così con un giornale italiano senza aver prima consultato la Cancelliera. La quale sta rientrando da una visita ufficiale in Turchia, e oggi insieme al ministro degli Esteri Guido Westerwelle vedrà qui a Berlino il nuovo Segretario di Stato Usa, Kerry, e il ministro degli Esteri russo Lavrov. Inevitabilmente e fuori programma il caso Italia sarà tema centrale dei colloqui.

Anche la stampa americana guarda allarmata al risultato elettorale italiano: per il New York Times “il voto diviso manda un messaggio chiaro in Italia: no all’austerity”. Il quotidiano newyorchese sottolinea come “in un voto caratterizzato dalla rabbia degli elettori e da una bassa affluenza alle urne gli esperti sostengono che nel migliore dei casi ci sarebbe una coalizione instabile che esporrebbe di nuovo l’Italia, e l’eurozona, alle turbolenze del mercato”. La stessa preoccupazione è espressa nel titolo dell’edizione online europea del Wall Street Journal: “il voto caotico italiano agita il mondo dei mercati”, mentre il Washington Post rileva il ritorno di Silvio Berlusconi, che “rianima la sua carriera politica”. Su Cnn il risultato del voto italiano è definito di “caotica incertezza”, e Bill Emmott, ex direttore dell’Economist in un pezzo speciale per il network americano ricostruisce le tappe che hanno portato la Serenissima al “coma”, riprendendo il titolo del suo documentario dedicato all’Italia. E nel blog Charlemagne, intitolato “Una confusione pericolosa”, si critica l’apparentemente “facile” scelta antiausterity dell’elettorato italiano in favore dei populismi.

In Germania come altrove in Occidente i media riecheggiano l’inquietudine del governi. Povera italia!, titola l’editoriale di Die Welt, liberalconservatore e filogovernativo, sottolineando la pericolosità dei risultati per la stabilità politica. “Segnale allarmante, quasi metà degli italiani hanno scelto partiti dalla linea aggressivamente antieuropea”, commenta la Frankfurter Allgemeine. A Londra The Guardian parla di “deadlock (paralisi, situazione bloccata) a Roma, che può diventare la miccia che accende la crisi finanziaria globale, dopo il recentissimo indebolimento dell’euro“. Per il Financial Times “l’Italia si prepara allo stallo politico“. Titolo analogo sul francese Le Figaro: “Elezioni italiane: minaccia di un blocco politico”.

L’ingovernabilità viene sottolineata anche dai media in lingua spagnola: “Bersani vince alla Camera ma il blocco al Senato rende l’Italia ingovernabile”, titola El Mundo, mentre per il quotidiano di Madrid El Pais “la risurrezione di Silvio Berlusconi e l’irruzione dell’antipolitica di Beppe Grillo hanno segnato i risultati delle elezioni politiche italiane e lasciano un paese in profonda crisi politica senza la possibilità di formare un governo stabile“.

E a Bruxelles Le Soir, ben informato sugli umori della Commissione europea, sottolinea che il vero vincitore è il populista Grillo, e si esprime con allarme sul peso della paralisi e del rischio ingovernabilità italiano per l’intera Unione europea. “Non facciamo paragoni”, insiste l’esperto di politica estera della Merkel, “ripeto il mio appello al senso di responsabilità di tutte le forze politiche italiane, il futuro dell’euro e dell’Europa non può permettersi un’Italia ingovernabile”. Suona quasi come un invito che è a un passo dal suggerimento di rassegnarsi a qualsiasi soluzione, persino a una grande coalizione a Roma come male minore e rospo da digerire per evitare il peggio, per fermare la tempesta perfetta sull’euro uscita dalle urne italiane. Con buona pace dei toni sdegnati con cui il centrodestra denunciava ingerenze e pressing tedesco o della Ue sugli elettori italiani, siamo noi col nostro risultato a far sentire tutta l’Europa con le spalle al muro davanti al peggio.

(26 febbraio 2013)

I vescovi e le elezioni, Bagnasco: «Gli italiani non si faranno abbindolare da promesse illusorie»

SAREBBE INTERESSANTE COMPRENDERE PERCHÉ SI CONSENTE AD UN RAPPRESENTANTE DI UNA SETTA CRIMINALE SENZA VERGOGNA, CHE SI FA LE BEFFE DELLA GIUSTIZIA ITALIANA E MONDIALE E CHE RISIEDE IN UNO STATO ESTERO EXTRACOMUNITARIO, DI CONSIGLIARE I CITTADINI ITALIANI SU ARGOMENTI CHE RIGUARDANO LA POLITICA E L’AMMINISTRAZIONE ITALIANA E NON, EVENTUALMENTE, LA RELIGIONE.

INOLTRE, SE FOSSE VERO CHE LA GENTE NON SI FA PIÚ ABBINDOLARE DA NIENTE E DA NESSUNO, AVREBBE GIÁ BUTTATO NEL TEVERE IL RATZINGER E TUTTA L’ACCOZZAGLIA DI SINISTRI INDIVIDUI IN SOTTANE DI VARIO COLORE CHE ABBINDOLANO IL MONDO CON UN INGANNO CHE PERSISTE DA DUEMILA ANNI, VIVENDO SULLE SPALLE DI GENTE CHE, IN BUONA FEDE, ANCORA CREDE CHE QUESTI CRIMINALI RAPPRESENTINO DIO.

CHE COMINCINO A RIFORMARE IL VATICANO, SE POSSONO, INVECE DI DARE CONSIGLI CHE LORO STESSI NON APPLICANO.

SAREBBE ANCHE INTERESSANTE COMPRENDERE PERCHÉ I POLITICI ITALIANI NON SI INDIGNANO PER QUESTA INDEBITA INTROMISSIONE NELLE LORO FUNZIONI E NON CHIEDANO ALLA GIUSTIZIA ITALIANA DI INDAGARE A FONDO SU TUTTE LE SITUAZIONI POCO CHIARE CHE STANNO VENENDO IN LUCE SOTTO IL CUPOLONE.

É PER QUESTO CHE É NECESSARIO CHE SI INSTAURI IL GOVERNO DI DIO SULLA TERRA, PER METTERE FINE A QUESTO SISTEMA CORROTTO DI GOVERNO CHE FORNICA CON LA GRAN PUTTANA, LA CHIESA CATTOLICA ROMANA.

DIO É GIÁ SULLA TERRA E MOLTO PRESTO VEDREMO IL GIORNO DELLA SUA IRA ARDENTE E LA MANIFESTAZIONE DEL SUO GOVERNO SU TUTTA LA TERRA.

 

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/bagnasco_gli_italiani_non_si_faranno_abbindolare/notizie/249958.shtml

 

I vescovi e le elezioni, Bagnasco:
«Gli italiani non si faranno
abbindolare da promesse illusorie»

 

La Cei mette in guardia dalle promesse elettorali roboanti

come quella di Berlusconi sull’Imu

 PER APPROFONDIRE elezioniceibagnasco

BAGNASCO

di Franca Giansoldati

CITTA’ DEL VATICANO – Le promesse elettorali roboanti, come quella che ultimamente è arrivata da Silvio Berlusconi di volere restituire l’Imu, ha suscitato l’ironia del presidente dei vescovi.

«La gente non si fa più abbindolare da niente e da nessuno» afferma il cardinale Angelo Bagnasco rispondendo a una serie di domande dei giornalisti non appena mette piede all’Ergife, l’hotel romano che ospita l’assemblea del Movimento cristiano lavoratori. Secondo il porporato gli italiani, specie in campagna elettorale, hanno bisogno della «verità delle cose, senza sconti, senza tragedie ma anche senza illusioni».

Dai candidati la Chiesa si aspetta serietà e chiarezza in materia di fisco, di riforme e di programmi economici realistici in grado di portare il Paese fuori dalle secche della crisi economica. «Soltanto così si può portare a percorrere strade che portano frutti per il bene del Paese e della gente».

L’arcivescovo di Genova ha anche sottolineato, in riferimento ad articolo di Avvenire (in merito alle risposte negative che la politica rischia di dare ai problemi), che è necessaria una «spinta a superare il rischio e la tentazione di una politica vecchia. Bisogna guardare avanti – ha detto – partendo dal realismo, anche perché la gente non si fa più abbindolare».

Sul prossimo presidente del Consiglio, invece, il cardinale non si è sbilanciato mostrando prudenza anche se la sua speranza è che il Paese possa essere governato da «un presidente che, insieme al Governo e all’intero Parlamento, sia in grado di affrontare innanzitutto il tema del lavoro, senza il quale non vi è futuro né per le famiglie, né per le persone, né per il Paese e per la società intera». Ovviamente, aggiunge Bagnasco, il prossimo governo non potrà non tenere in debito conto il ruolo della famiglia, che «è il fondamento della società, come peraltro stiamo vedendo anche adesso che l’Italia vive un momento di difficoltà. L’Italia regge grazie anzitutto alla dinamica delle famiglie, che non solo usano tutti i risparmi possibili per i figli e per i nipoti, ma soprattutto mettono in campo e rafforzano quel patrimonio di fiducia e di autostima, senza del quale nessuno riesce ad affrontare il futuro».

Infine, per Bagnasco sul tappeto resta ancora una terza priorità, ossia quella delle «riforme assolutamente necessarie dello Stato».

Giovedì 07 Febbraio 2013 – 16:48
Ultimo aggiornamento: 17:21

 



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.