Post contrassegnati da tag 'maledizione'

SEMINARIO ARGENTINA

.

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

4 di dicembre del 2013

Prima di venire qui, mi sono arrivati questi versi, mi é arrivato un verso, gli altri me li hanno dati quando stavo seduto lí, ma io avevo questo versetto appartato come se io avessi dovuto parlare di questo tema, che in questo verso io avrei dovuto parlare con voi.

E quindi io vorrei invitarvi a cercare il Salmo 82 (Salmo 81 ed. Cei).

E se possiamo averlo sullo schermo, perché a leggerlo uno si convince meglio, vero? Quando lo vedi scritto, perché non dicano che é qualcosa che ho detto io senza fondamento. Tutto ció che noi insegnamo ha fondamento nella Parola, e non ritorciamo il verso per far sí che sembri, ma che é proprio cosí.

Vero che voi avete visto che é cosí? Che non c’é un’ altra spiegazione?  E lo spieghiamo con il testo, con il contesto fino a che la persona… se é amante della veritá… perché io ti dico che ho famiglia alla quale lo mostro:

-“Lo puoi leggere?”-

-“Sí”-

-“Cosa dice lí? Leggilo!”-

-“Dice: “… perché Cristo ha distrutto il diavolo”-

-“E quindi, tu hai capito questo?”-

Mi dicono: -“… sí …”-

-“Cosa dice lí? Che Cristo ha distrutto il diavolo, vero?”-

-“Sí, questo é ció che dice”-

-“Ebbene, quindi, il diavolo non esiste!!”-

Dice: -“No! Lui sí esiste!”-

-“Ma quindi tu non hai capito quello che hai letto?”-

-“Sí, l’ho capito, ma non é cosí come dici tu: lui é ancora vivo!”-

Gli dico: -“Ma come fa ad essere vivo qualcosa che é stato distrutto?”-

E sai cosa succede? Come dice l’americano: “Is too good to be true!”,  É troppo bello per essere vero! Perché respirando diavolo tutta la loro vita e che adesso qualcuno ti dica che lo hanno distrutto… dicono: -“Uuff!!”-.

Io ho conosciuto un pastore in Porto Rico che quando lo ha letto, lo ha letto, lo ha letto e lo ha creduto: lui soffriva di cuore e quando é andato dal medico per la visita successiva, gli hanno detto: -“Ascolta, tu non hai niente!”-.

Ed é che lui era figlio di un pastore e quindi, fin da piccolo, quello che lui udiva era che il diavolo,  il diavolo, il diavolo … soffriva di cuore! Immaginati: chi non soffrirebbe di cuore? Questo alza la pressione a chiunque! Ma quando tu sai che é stato distrutto: -“Ah, che sollievo!!”-, vero?

Andiamo al verso. Questa versione io non ce l’ho, ma va bene anche questa. Tu sai che le versioni dicono lo stesso in differenti forme, ma é quello che dice la Parola.

Salmo 82 (Salmo 81 ed. Cei). Dice:

“Dio…”  si solleva “… si alza

nell’assemblea divina

e detta sentenza in mezzo a …”  a cosa? “… in mezzo agli déi.

Fino a quando farete voi giudizi falsi e vi porrete dalla parte dei

malvagi?

Fate giustizia al debole e all’orfano! Fate giustizia al povero e al necessitato!

Liberate i deboli e poveri e  difendeteli dai malvagi!

Ma voi non sapete, non intendete;

camminate nell’oscuritá …” cosí sta tutto il mondo: “… camminate nell’oscuritá, nelle tenebre…”

Tenebre ed oscuritá é lo stesso per la mente.

“Voi non sapete …”

Cosí dico io al sistema religioso:

“Voi non sapete, non intendete!”

Leggendolo non intendono!

Dice:

“… camminano nell’oscuritá. Tremano le fondamenta della terra.

Io ho detto che voi siete déi …”

“Voi siete” cosa? “déi”.

E perché lo dice con “d” minuscola? Perché voi non siete DIO, peró siete déi. É Dio di déi! Dio di déi. Perché deve esserci un Dio.

Dica: IO SONO UN DIO.

Voi sapete che un membro di Miami, un giorno mi ha detto: -“Apostolo, stanno dicendo che Lei dice che noi siamo déi”-

E gli ho detto: -“E dove ti siedi tu, nella congregazione? Sicuro che lo diciamo, perché lo dice la Parola!”-.

Adesso, sai cosa succede? Che tu hai sofferto tanto e ti hanno tanto sottovalutato e ti hanno ferito tanto che in te c’é uno spirito di timore: -“Io non mi azzardo a dirlo. Io lo ascolto, ma non mi azzardo a dirlo”-.

Perché sai cosa? Tu dici: -“Come faccio ad essere un dio se io ho bisogno denaro, sono malato, la mia famiglia é malata … ed io devo dire che sono un dio?”-.

Ma é che devi cominciare un giorno a dirlo! Per smettere di essere malato, per lasciare la povertá e per smettere di sentirti come ti sei sentito. Un giorno dovrai cominciare a dirlo, tu non credi?

Lei si azzarda a dire a colui che c’é a suo lato: TU SEI UN DIO?

Adesso dí: IO SONO UN DIO.

Quasi non vi ho sentito: alcuni di voi hanno ancora paura, qui!

“IO SONO UN DIO” (si ode la congregazione gridare a viva voce.)

Va bene, va bene…

Chi dice: “Io ho detto…”? Dio!

Tu rispetti Dio?

“Io ho detto che voi siete déi…”

Questa é la Parola di Dio scritta. Questa é la Scrittura. Non si puó infrangere questo. DIO DICE CHE VOI SIETE DÉI. Quindi lei deve riceverlo, anche se non ne ha evidenza.

Per esempio, Dio dice che voi siete ricchi. Ma tu tocchi il portafogli e dici: -“Mah… quello che dice Dio mi viene difficile”- peró tu dillo, comincia credendolo, comincia praticandolo. Peró, se non lo dici!

Guarda, io ti diró… tu dici: -“Io sono un povero infelice”- e tu lo dici e ti arriva poco a poco e tu sei piú infelice e piú povero fino a che scompari!! Ebbene, se hai la stessa fede per dire che sei un povero infelice e che nessuno ti ama, ebbene, usa la stessa fede e dí: -“IO SONO UN DIO, MI AMANO, ED AMO E SONO PROSPERO!”-. (Applausi).

Tutto funziona nella stessa maniera.  Tutto ció che io ho fatto ed ho attualmente, ho cominciato dicendolo. Io non avevo niente, né mi sono inginocchiato ad orare per questo, né ho pregato… semplicemente l’ho detto!!

Perché io ho appreso il segreto di dire e credere quello che Lui dice che io sono, come velo: sto parlando come José Luis. Perché anche José Luis, se non si sottomette alla Parola, pur essendo chi sono, affogo Dio dentro di me! Il velo deve confessare per far sí che si manifesti quello che io sono dentro.

E quindi, tu devi confessare per far sí che si manifesti quello che tu sei dentro, non fuori: se ti guardi di fuori, sei rovinato.

Tu devi confessare la tua vera identitá. La tua identitá non é argentina: -“Io sono argentino!”-, questa é una parte, questo é il velo, la tua carne. La tua vera identitá é che tu sei un dio e tu non sei dell’Argentina, tu sei del cielo!!

(Applausi)

Adesso, dice il verso 7:

“Tuttavia morirete come ogni uomo,

cadrete come qualunque tiranno!”

Adesso, osserva, dice lí:

“Oh Dio, disponiti a giudicare la terra,

poiché tu sei il padrone …” di cosa? “… di tutte le nazioni!”

E perché il Salmista dice: “Oh Dio, disponiti”? Nell’altra versione che io ho, qui dice: “Sollevati, oh Dio, giudica la terra”. Perché lui dice questo?

Perché guarda: Mosé, colui che ha dato la legge, che ha detto: -“Non sarai adultero”-, ha commesso adulterio. Colui che ha detto: -“Non ucciderai”-, ha ucciso.

E quindi le cose andavano di male in peggio ed i leaders hanno fornicato con i malvagi della terra. E quindi Davide passava il tempo dicendo: -“Alleluia…”, come fanno gli evangelici adesso: “Alleluia, aiutami. Signore, abbi misericordia. Abbi pietá di questo verme”- cosí pregava lui.

Ebbene, sicuro, ha detto: -“C’é qualcosa di male qui: questi profeti profetizzano e fanno miracoli, ma per qualche ragione non si vede la prosperitá!”-.

E quindi, il Salmista dice: -“Ci manca un giudizio. C’é qualcosa di male qui che bisogna sistemare”-. Ed é per questo che lui dice: -“Dio, fa qualcosa: giudica la terra! Portaci un’altra informazione perché la legge di Mosé non ci é servita a nulla, i comandamenti non ci sono serviti a nulla, la religione non ci é servita a nulla. Dio, fa qualcosa: giudica la terra!!”-.

E quindi, arriva Gesú di Nazaret, risuscita, distrugge il diavolo, toglie il peccato, toglie la maledizione ma nessuno ha capito quello che Lui ha fatto sulla croce del calvario, perché lo stesso Pietro … guarda, il primo papa … gran cosa! Il primo papa in disobbedienza.

Peró, ancora … guarda quello che dice Atti capitolo 1, verso 6.  Osserva la domanda che hanno fatto a Gesú:

“Quelli che erano riuniti con Gesú, …” dopo essere risuscitato “… gli domandarono: Signore, ristabilirai in questo momento il regno di Israele?”

Lo stesso che ha detto Davide: -“Sollevati e fai un giudizio”-, qui é: -“Quando restaurerai questo? Questo é danneggiato!”- ed era appena risuscitato!

E gli domandano e guarda cosa gli risponde Gesú, verso 7:

“Gesú rispose loro: “Non corrisponde a voi conoscere il giorno o

il momento che il Padre ha fissato con la Sua propria autoritá

ma quando verrá lo Spirito Santo su di voi, riceverete potere

e uscirete a dare testimonianza di me in Gerusalemme, in tutta la regione della Giudea e della Samaria e fino alle parti piú lontane della terra.”

E tu sai che lo Spirito Santo non é le lingue, quelle del giorno della pentecoste. Lo Spirito Santo é il sigillo che tu ricevi quando vieni illuminato con il vangelo della promessa.

Ma poi Gesú dice: -“ Non tocca a me questo” -. In questa manifestazione sono venuto solo a togliere il peccato, a distruggere il diavolo, ma questo giudizio non arriva ancora.

Adesso guarda cosa dice la Prima lettera ai Corinzi capitolo 4, verso 5. Adesso l’apostolo Paolo é giá in tutto il suo apogeo, spiegando il vangelo, predicando il vangelo, peró ancora c’era molta cattiveria, c’era molto inganno nel popolo. I religiosi avevano danneggiato tutto, gli anziani di Gerusalemme. E guarda quello che dice, verso 5:

“Pertanto, non giudicate niente prima …” di cosa? “… del tempo; …”

tutto ha un tempo e quello non era il tempo.

Dice:

“… non giudicate niente prima del tempo;

aspettate che venga il Signore e porti alla luce ció che adesso sta

nell’oscuritá e dia a conoscere le intenzioni del cuore.

E poi Dio dará a ciascuno la lode che merita.”

Osserva che persino Paolo, persino Paolo dice:

-“A me hanno rivelato il vero vangelo e come sono riusciti questi dodici apostoli a predicare questo falso vangelo del giudaismo che é scaduto con la croce?”-.

Gli apostoli sono rimasti senza lavoro. Nel momento in cui Cristo é morto ed é risuscitato, questi apostoli sono rimasti annullati. Tu non sei tenuto a dire: -“L’apostolo Pietro, l’apostolo Giovanni, l’apostolo Giacomo …”-. Questo titolo loro lo hanno perso. Nel momento in cui Cristo muore, risuscita dai morti loro sono rimasti senza lavoro, perché loro rappresentavano il vangelo della circoncisione, che é giudaismo.

Che cosa credi che predichino i pentecostali, gli evangelisti,  gli evangelici e la chiesa cattolica? Cosa predicano? Quello che predicavano gli apostoli. É lí dove sta la malvagitá del secolo.

Guarda se é cosí: era tutto tanto confuso in quei tempi che persino Paolo … gli hanno chiesto: -“Paolo, perché c’é questo intrigo? Perché non usciamo alla luce anche noi?”-.

E lui gli ha detto: -“Guardate, nemmeno io non posso fare niente. Neanche io, il gran Apostolo Paolo, non posso fare niente! Aspettate, lasciate che venga il Signore per far sí che ce lo spieghi”-.

E per spiegare cosa serve? (Indica il Suo corpo) Doveva venire il Signore personalmente a spiegarlo perché se no non si sarebbe capito.

A me la stampa dice: -“E come fa Lei a sapere di essere il Signore?”-

-“Ebbene, perché sto spiegano in questo stesso momento l’occulto delle tenebre!”-

Che cos’é l’occulto delle tenebre? Che gli apostoli erano tenuti a cessare la loro predicazione e chi doveva predicare era Paolo.

E  cosa si predica ancora oggi nelle chiese? Il vangelo degli apostoli. La circoncisione.

E qui si predica la circoncisione? No! Perché? Perché é arrivato il Signore ed ha spiegato.

Quindi questa é una prova di quello che noi stiamo vivendo. Tu dici che io sono il Signore, ed io sono il Signore, ma perché? Perché ti ho messo in mano le evidenze, ti ho spiegato e ti ho detto! (Applausi)

A volte io non posso spiegare questo alla stampa perché mi danno mezz’ora e quindi, immaginati, io sono qui giá da venti, venticinque minuti spiegando con calma. Ed una delle mie evidenze é che in duemila anni, nessuno aveva spiegato il vero vangelo della incirconcisione.

Tu lo avevi udito prima? Mai!

Questo vangelo che é scritto in quattordici epistole da Romani a Ebrei. É spiegato lí ma lo tengono mescolato con gli altri e nessuno sapeva come svolgere la canna.

Si dice cosí qui? Per far passare l’acqua: canna? Voi avete visto quelle canne ben lunghe, quando si aggrovigliano? Voi avete avuto le lucine di natale che si mettono sull’alberello e poi, quando le togli, per sgrovigliarle … tu non hai voglia di romperle e buttarle via?

Ebbene, cosí sta il sistema. Il sistema religioso sta che uno vorrebbe romperlo per vedere se lo sistema perché hanno la testa ben confusa.

Adesso osserva: un dettaglio ben importante che ci offre Romani capitolo 15, verso 9:

“É venuto anche per far sí che i non giudei lodino Dio per la Sua misericordia,

secondo quanto dice la Scrittura: Per questo ti loderó tra le nazioni e canteró inni

al Tuo nome.”

Inni a cosa? (Al Tuo nome).

Ascolta, e voi avete visto tutti gli inni che dedicano a me? Questo non era mai stato fatto, hanno sempre cantato al Dio che sta lassú.

Ma: “… canteró inni al Tuo nome”? Prima io mi sentivo molto male, dicevo: -“No, non cantate a me, cantate a Dio!”- dicevo io, immaginati. E quindi, quanto piú io lo evitavo, tanto piú mi cantavano. Ed io dicevo: -“Io non sto promuovendo questo”-, ma loro mi cantavano perché la Chiesa sapeva chi ero io prima di me.

“Anche Isaia ha scritto: “Spunterá la radice di Iesse,

che si solleverá per governare …” cosa? “… le nazioni …”

Le nazioni in quel tempo non c’erano! Dice: “si solleverá”, futuro! “Verrá la radice di Iesse”.

E Gesú di Nazaret ha governato le nazioni? Non ha potuto. Lui é venuto a togliere il peccato, a togliere la maledizione, compiere la legge, compiere a Mosé e distruggere il diavolo. Lo ha fatto ed é risuscitato. E dopo essere risuscitato é scomparso, non ha nemmeno insegnato.

Ascolta, e questo sí che poteva insegnare, giá risuscitato. Ma Lui ha preso, é scomparso e se n’é andato in luce inaccessibile. É rimasto alcuni giorni lí, in Gerusalemme, per provare che Lui era risuscitato e mostrava i segni sulle Sue mani. Ma poi non ha insegnato niente, é scomparso.

Paolo ha cercato di insegnare e quando gli hanno detto: -“E questo pasticcio che abbiamo qui? Cosa facciamo?”-.

-“Non giudicate niente prima del tempo. Neanch’io so come spiegarlo. Verrá il Signore e Lui fará questo lavoro di spiegare dov’é che sta l’intrigo.”-

Ascolta, e noi abbiamo giá parlato abbastanza di questo intrigo. Quanti di voi sanno giá sciogliere il groviglio? Molti di voi ragazzini lo sapete. Lá in Miami io ho dei ragazzini della Super Razza che sanno sciogliere il groviglio. Perché il Signore é giá arrivato.

Dice:

“… “Spunterá la radice di Iesse, che si solleverá per governare le nazioni,

le quali metteranno in Lui …” ascolta! “… metteranno in Lui …”

Giá voi la state ponendo in me:

“… metteranno in Lui la loro speranza.

Che Dio, che dá speranza, vi riempia di allegria e pace, voi che avete fede in Lui e vi dia abbondante speranza per il potere dello Spirito Santo.”

E quindi dice lí che Dio si sarebbe sollevato per salvare i “non giudei”. Chi sono i “non giudei”? I gentili, noi. Cosí dice la nostra versione: “i non giudei”.

Osserva che non ha incluso i giudei perché i giudei hanno disprezzato la prima manifestazione di Gesú di Nazaret. I giudei non credono che Lui sia morto, abbia tolto il peccato ed abbia distrutto il diavolo. E non sto parlando male di loro: semplicemente vi sto dicendo quello che loro stessi dicono. Loro non credono che Gesú sia stato il Messia di quel momento.

Ma tu ed io intendiamo che la manifestazione “Figlio”, la manifestazione “Cristo” viene con un velo. Le tre manifestazioni: Gesú di Nazaret, Gesú quello che é risuscitato e colui che é tornato a vivere, José Luis de Jesús, il terzo velo. (Applausi)

E se non fosse cosí, io ve lo avrei detto.

Mi dicono: -“Come pretende Lei usurpare ció che non é?”-.

Cosí hanno detto a mia figlia in una sala di giudizio, le hanno detto: -“Guardi, suo padre pretende essere Gesucristo”-.

E mia figlia ha detto loro: -“Lui non pretende: Lui é!!”-.

La mia propria figlia. Sono rimasti tutti zitti! (Applausi)

Come le é uscito bene questo! Nella corte si sono spaventati tutti, sono rimasti a guardare: -“Staremo facendo qualcosa di male qui?”-.

“… abbondante speranza per il potere dello Spirito Santo.”

Noi abbiamo tutta la speranza. Il tuo lavoro nelle cose del Signore non é invano!

Tu sai che il mondo si sorprenderá quando vedrá la trasformazione dei corpi?

Dice, dice in Apocalisse: “Ogni tribú si lamenterá…” perché loro mi vedranno, mi vedranno nelle notizie, mi vedranno … in qualche maniera sentiranno parlare di me e diranno: -“Questo é un altro ciarlatano che si fa passare per Gesucristo!”-. Lo diranno ed ancora lo dicono.

Quello che loro non sanno,  le nostre evidenze interne, quando noi parliamo di questo. Che tutto ce l’abbiamo evidenziato dalla Parola: “Tutto in questa terra passerá…” i governi  passeranno, l’attuale governatore passerá, quello che verrá, passerá. Tutti i governi corrotti, nessuno funziona. Quello degli Stati Uniti passerá, quello passerá, tutto in questa terra passerá, persino tu puoi passare, “… ma la Sua Parola non passerá”.

É scritto.

Dica: É SCRITTO: HO CREDUTO PERTANTO HO PARLATO.

E questo dice, questo libro che non sbaglia, questa Parola che sempre si é compiuta, dice: “Perché é necessario che questo corpo mortale si vesta di immortalitá”.

Dí con me, di te stesso: É NECESSARIO CHE QUESTO MIO CORPO MORTALE SI VESTA DI IMMORTALITÁ

Ascolta, che bello sará questo! (Applausi)

Dice che: “Cose che occhio non ha visto, né l’udito ha udito né é salita alla mente…” dello scienziato piú grande, dei saggi di questo mondo, non gli puó salire “… sono quelle che Dio ha preparato per coloro che lo amano.”

Ascolta, e quando prenderanno questo corpo tuo, tu che soffri tanto con questo corpo… se quelli che sono morti… ah, e sono morti senza questa conoscenza: loro stanno apprendendo adesso, nella Gran Nube di Testimoni, mi stanno udendo questa sera.

E loro dico: -“Ascolta, il Capo é in Argentina! E lí guarda, guarda quello che sta dicendo!”-. Loro ricevono educazione. Lí c’é Maria che sta apprendendo, Giuseppe che sta apprendendo. Tutti quei santi che sono morti, stavano aspettando questo momento.

Lei sa cos’é successo il 17 di dicembre del 1973, quando Colui che abitava in luce inaccessibile ha detto: -“Oggi é il giorno! Dobbiamo attivare la radice di Iesse. Dobbiamo attivare questo Germoglio. Sono giá abbastanza anni che sto in luce inaccessibile, devo apparire sulla terra ed ho giá lo strumento. Lui c’é. É nato in Ponce, é boricua… non parla un buon spagnolo peró gli argentini lo capiscono!”-. (Applausi)

Ascolta! Ma tu sai quello che é successo nei luoghi celestiali quando quel giorno si é deciso? Guarda: 17 dicembre 1973.

É scoppiata una confusione, un caos nei cieli, gli angeli non potevano trattenersi perché guarda che stavano soffrendo, perché Davide veniva dicendo: “Sollevati Dio, giudica la terra”.

In quel tempo hanno domandato a Gesú di Nazaret: -“Quando restaurerai questo?”-.

A Paolo vengono a dire: -“Ascolta Paolo, che cos’é questo intrigo?”-.

E Paolo dice: -“Scusatemi, io ve lo insegno, io vi lascio il fondamento ma il groviglio solo Dio puó scioglierlo. Quando verrá il Signore, quando camminerá tra loro, quando si manifesterá il Signore, Lui lo spiegherá!”-.

Adesso, ti puoi immaginare nella corte celestiale, come stavano questi angeli, quando il 17 di dicembre mi si sono manifestati quei due angeli e mi hanno detto: -“Alzati e stai lí fermo!”- ? E quando appare Colui che stava in luce inaccessibile, Colui che é risuscitato dai morti, che si é vestito di un corpo glorificato ed ha potuto ascendere, lo hanno visto ascendere.

E l’angelo ha detto loro: -“Tranquilli, che questo stesso torna! Ed ha l’abilitá, con il potere che ha di sottomettere a sé tutte le cose di mettersi in questo corpo” si integra a me e lí c’é stata una classe di confusione nei cieli!

Ma nessuno lo ha saputo e adesso tu lo vieni a sapere: CHE DIO HA DECISO VISITARE IL SUO POPOLO!!! (Applausi)

Guarda quello che dice Isaia di questa visita, Isaia 11, verso 10. Andiamo a vedere quello che dice il profeta di quando sarebbe apparsa la manifestazione che oggi tu stai vedendo con i tuoi occhi:

“In quel tempo il germoglio di questa radice che é Iesse

si solleverá come un segnale per i popoli.

Le nazioni andranno a cercarlo ed il luogo nel quale stará sará glorioso.”

ABBA!! (Applausi)

Guarda quello che dice il verso 11. Dice:

“In quel tempo il Signore mostrerá un’altra volta il Suo potere…”

Qual’é il potere? Il vangelo della incirconcisione. Paolo ha detto: “Perché il vangelo é potere di Dio” .

“… il Signore mostrerá un’altra volta il Suo potere riconquistando il resto del Suo popolo facendolo tornare dall’Assiria e dall’Egitto, da Patros, dall’Etiopia, da Elam…”  da lí sono alcuni di voi “… da Sennaar, da Amat e dai paesi del mare.

Eleverá un segnale per le nazioni…”

Un segnale? TELEGRACIA

“Eleverá un segnale per le nazioni

e riunirá gli israeliti che erano esiliati,

unirá dai quattro punti cardinali la gente di

Giuda che era dispersa.”

Questo lo stiamo confermando oggi qui, in Rosario, Argentina. (Applausi)

E se questo si é compiuto, si potrá compiere quando il tuo corpo, improvvisamente, un giorno comincia a sentire questo impatto? Questo sará glorioso!

Immaginati, chissá il tuo sangue vecchio, te lo tolgano e, improvvisamente, il tuo corpo diventa leggero e cominci a sperimentare un freddo per il tuo corpo: -“E cosa mi sta succedendo?”-

Ed improvvisamente comincia questo tocco del Maestro a dargli forma. E incontrerai i tuoi amati familiari e lí sará una gloria tremenda.

E giá questo sará un corpo, per lo meno se é come il primo, di 33 anni, potranno farti tornare a 33 anni? Ma guarda, Papá puó toccare queste cellule e farti … RICEVILO!!

Dí: LO RICEVO

RICEVO TOTALE SANITÁ. DICHIARATI SANO DA OGNI DOLENZIA, DALLA TESTA AI PIEDI. CONFESSALO, DILLO.

alziamoci in piedi e confessa la parola! CONFESSA LA TUA SALUTE, LA TUA PROSPERITÁ. DÍ LA PAROLA, É LA PAROLA QUELLA CHE LO FARÁ.

Ricorda CHE É LA PAROLA.

Tu puoi toccare la mia mano e non ottieni una gran cosa perché stai toccando carne, e carne piú carne, carne! Io so che alcuni di voi vorrebbero toccarmi per vedere se sentono qualcosa. Ma sai cosa significa che tu stia cercando questo? Che sei ancora mistico. Stai cercando segnali, stai giocando alla stregoneria: -“Se tocco José Luis, se lo saluto …”-.

E a me piace salutarti, non mi fraintendere, ma, in veritá, toccare la mia carne … questo é un patto di parole, di potere. E quindi… ah, ed io vorrei prendere il caffé, venire a casa vostra e stare tutto il tempo ma non ottieni molto perché vedrai José Luis.

Adesso, qui, da lontano, tu vedrai quello che ha di valore José Luis, che é la Parola. Ti ricordi che Gesú di Nazaret ha detto: “La carne non serve a nulla”? Io…ppsss!! Adesso: “quello che esce dalla mia bocca é Spirito e vita”.

E quello che esce dalla mia bocca, basato in questo libro, questo sí puó cambiare la tua vita, sanarti perché é il patto della grazia, il vangelo del potere.

Benedetti, vi amo tanto, vi voglio tanto bene. Ci vediamo domani. (Applausi)

LA VITA DI GESÚ – PARTE I

.

 .

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

17 di novembre del 2013

Bene, Seconda lettera ai Corinzi capitolo 4, il verso 10:

“Portando nel corpo sempre e dovunque la morte di Gesú, perché anche

la vita di Gesú si manifesti …” dove?  “… nei nostri corpi.”

 

Osserva quello che dice: “Portando…”, studia questo con me perché io voglio che tu intenda quello che stiamo leggendo.

Portando in questo corpo fisico che abbiamo qui. Dica: NEL MIO CORPO FISICO.

“Portando nel corpo sempre e dovunque …” nella chiesa, nel lavoro, nell’ufficio, nella fabbrica “… portando nel corpo sempre e dovunque la …” cosa?

“… la morte di Gesú perché anche …”

 

Dica: ANCHE.

 “… la vita di Gesú si manifesti …” dove?  “… nei nostri corpi.”

 

Ascolta, tu sai cosa significa la vita di Gesú manifestata nel tuo corpo mortale?

Adesso, presta attenzione, non é la vita di Gesú, quello che é vissuto in Gerusalemme quei 33 anni, perché quello é stato (manifestato) per togliere la morte. Lui é morto, ma la vita di Gesú della quale sta parlando é (quella) dopo la risurrezione. Non significa che adesso tu debba assomigliare a Gesú e ti debba mettere una croce al collo. Questa non é la vita di Gesú… croci al collo!

La vita di Gesú é una vita che sta dentro al tuo spirito.

Guarda quello che dice Romani 8, per vedere se é cosí, parlando di questa vita. Romani 8, verso 9 in avanti.

Dica: LA VITA DI GESÚ.

“Ma voi non vivete secondo …” cosa? “… la carne, ma secondo …” cosa? “… lo Spirito …”

 

Questa é la vita di Gesú, lo Spirito.

Hello!

Di cosa stava parlando Paolo quando ha detto: “Ma voi non vivete secondo la carne”?

Qui dice: “Ma noi non viviamo secondo il regno di Mosé, secondo questo apostolato di legge. Noi non viviamo conforme alla legge. Noi viviamo conforme alla grazia, che é la vita di Gesú, la vita dello Spirito”.

Quando Paolo parla di mondanitá… cosí le chiama: mondanitá, quando Paolo parla di carne, parla di religiositá, questo cristianesimo religioso… mi stai seguendo?

Poi, dice:

“Ma noi non viviamo secondo la carne, ma secondo lo Spirito …”

 

Adesso, viene una domanda:

“… se é che lo Spirito di Dio dimora in voi.”

 

-“Pastore, cosa vuole dire questo?”-

Che c’é gente che si mette nelle chiese e lo Spirito di Dio non sta dimorando in loro, sono dei religiosi. Quelle chiese che proibiscono molto, lí puó infiltrarsi un lupo.

Perché lui dice: -“Come fa uno ad essere un buon cristiano, qui?”-

-“Ebbene, guarda, le donne non vestono cosí, gli uomini questo, fate questo cosí, fingete cosí, non dite parolacce, non dite questo … una vita cosí”-.

Quindi lí ti si puó mettere un lupo. Ma nella vita dello Spirito, un lupo non si puó mettere, perché la vita dello Spirito é ció che tu esprimi con la bocca, che non ha niente a che vedere con apparenze di abiti né con come tu appari. Non ha niente a che vedere con mode religiose. Non ha niente a che vedere con il fatto che le donne usino degli orecchini o smettano di usarli, o se il vestito delle donne arriva alle caviglie.

Se lo Spirito di Dio dimora in te, a me non importa come sei tu: comunque sia, tu sei dei Suoi. Se ti vesti male, un giorno Dio ti dirá: -“Guarda, non vestirti cosí che sei una tentazione”-, nell’ aspetto di una donna. O dice all’ uomo: -“Ascolta, queste mode, ragazzo, quanto sono brutte! Guarda come ti sta male quella visiera … e quella croce appesa …”-. Tu sai che a volte ci sono uomini che optano per delle mode che non fanno pensare a gente seria.

Peró se la vita di Gesú sta lí, bisogna amarlo perché noi non lo conosciamo secondo la carne. Noi non siamo un Ministero che dice: -“Non vestirti cosí, non ti mettere cosí”-. No.

Questo te lo imponi tu, quando il carattere della vita di Gesú comincia a lavorare in te. E conforme a come ti guida la vita dello Spirito e la serietá che tu stai prendendo nella vita secolare, ebbene, tu ti comporti.

Peró, osserva quello che dice qui, continuiamo con Romani 8, verso 10:

“Peró se Cristo sta …” dove? “… in voi, il corpo …”

Il corpo fisico tuo, osserva quello che dice Dio del tuo corpo fisico. Anche se tu lo vedi vivo, credi a Dio:  

“…se Cristo sta in voi, il corpo in veritá sta …” come? “… morto,

per quale causa? “… a causa del peccato, …”  

A causa del peccato.

Ascoltami bene. Tu sai che il tuo corpo fisico, anche se é vivo, per Dio é morto a causa del peccato.

Poni attenzione: perché Dio dice che é morto a causa del peccato? Perché siccome Dio non ti conosce secondo la carne ebbene, quindi, Lui deve ovviare il peccato che sta in te: Lui lo vede morto perché Lui ha giá cominciato la vita dello Spirito. La vita di Gesú sta nel tuo spirito e quindi Lui deve ignorarlo, Lui non puó vederti in peccato.

Perché, ascoltami bene, se Dio … ascoltami, hello! Tutti qui!

Ascolta: se Dio permette che sul tuo conto si ponga un solo peccato, il patto rimane invalidato e il sangue di Gesucristo rimane annullata e Cristo deve venire di nuovo a risolvere questo peccatino che hanno messo sul tuo conto.

Paolo ha detto: -“Tutto mi é lecito, tutto! Se sono giá salvo, giá il mio spirito é stato lavato”-. Peró, il problema sta che siccome il corpo é morto ed il tuo spirito é vivo, se tu vivi cosí, poi Dio deve permettere certe calamitá e problemi nel tuo corpo fisico a causa di questa condotta.

-“Pastore, e questo patto offre tanta flessibilitá?”-   

Questo é il buono di questo patto, che ti offre questa flessibilitá per far sí che si manifesti di che misura spirituale sei.

In una chiesa dove non si insegna questo, entra l’ipocrisia perché tutti cercano di assomigliare gli uni agli altri. E poi lí viene l’apparenza esterna:

-“Fratello, come sta?”-

-“Qui, vivendo la vita del mio Cristo”-

Sembrano tutti uguali: “copy cats”, come dicono in giro. Ma qui no, qui c’é flessibilitá. Guarda, qui io ti amo comunque tu sia. Se in questo momento, ascolta questo, se la vita di Gesú sta in te, tu hai giá garantito il mio rispetto ed il mio amore. Qui, chi arriva qui lo mettono nel forno e gli tirano fuori tutto. Se tu ami il Signore, questo smaschera.

Ci sará gente che smetterá di venire a questa chiesa … ed io non li posso neanche chiamare: -“Guardi, ritorni che le conviene, perché i bambini si educano”-.

Io non posso. Il Signore mi dice: -“Non lo chiamare, non serve, non ha passato la prova!”-.

Lei deve venire qui perché lei sa bene chi é.  Questa parola che si predica qui é troppo eccellente per far sí che la si debba stare chiamando, e coccolando, e dicendo: -“Guardi, torni che le vogliamo bene. Io prego tutti i giorni per lei”-.

A lei non bisogna stare facendo questo.

Mi dica una cosa: al suo lavoro, il capo deve chiamarla tutte le settimane per dirle: -“Torna che ti vogliamo molto bene, ti conviene venire qui”-?

Tu vai perché se no non ti pagano!

Qui la paga é migliore, per questo non bisogna chiamarti. Qui la paga é molto meglio perché ti insegna a vivere la vita.

Dica: LA VITA DI GESÚ STA NEL MIO SPIRITO E SI VUOLE MANIFESTARE.

-“Pastore, in cosa si vuole manifestare?”-

Io ho qui un paio di appuntini. Guarda, la vita di Gesú si vuole manifestare nel rivelarti chi sei tu da prima della fondazione del mondo.

Sai perché? Perché ti spiega i misteri. La vita di Gesú che sta in te necessita che tu, nel vaso d’argilla, sappia che sei un eletto, infine, che tu cominci a godertela.

Guarda, la vita di Gesú sta nel tuo spirito. É meraviglioso quello che la vita di Gesú vuole mostrarti.

Guarda, la vita di Gesú vuole intervenire nel tuo corpo fisico per la salute. La vita di Gesú lo fa. Lí dice che: “Dobbiamo portare sempre da tutte le parti la morte di Gesú perché la vita di Gesú si manifesti …” dove? “… nel nostro corpo mortale.” Per questo non bisogna pregare per te. Per questo, io non devo importi le mani. Questo é giá terminato, questo era per il tempo degli apostoli. L’apostolato di Mosé é terminato nelle mani dell’apostolo Pietro, imponendo le mani. Imponendo le mani con miracolini e segni.

Adesso la vita di Gesú che sta nel tuo spirito, quando tu le dici: -“La vita di Gesú si manifesta in questo cancro. La vita di Gesú si manifesta in questo dolore che ho. La vita di Gesú si manifesta in questa malattia, qui, lá; la vita di Gesú. Vita, manifestati nel mio corpo fisico!”-, e si manifesta la vita di Gesú.

Questo di: -“Signore, risanami!”-, questo é terminato. Lei deve apprendere a pregare!

-“Signore, abbi misericordia!”-

QUESTA É UNA MANCANZA DI RISPETTO VERSO IL SUO DIO, perché la vita di Gesú sta nel tuo spirito.

Per questo la gente non ci intende. Quando vengono qui, dicono: -“Qui c’é uno spirito di superbia, questa gente non chiede neanche a Dio”-.

Ebbene, sicuro! Non intendono che Dio ha giá delegato il potere nella vita di Gesú che sta nel tuo spirito. E tu devi utilizzare questo potere che sta nel tuo spirito.

La vita di Gesú sta nel tuo spirito. E se la vita di Gesú sta nel tuo spirito, guarda, si manifesta nei misteri. Tu apprendi ogni mistero: -“Un momentino, non venite da me con religione che io ho appreso con mio Padre prima della fondazione del mondo, io sono un prescelto, sono un eletto”-. Perdi i complessi di inferioritá, che se tu sei orfano, che se ti hanno maltrattato: -“Ció che hanno maltrattato é stata questa porcheria che ho addosso, il mio spirito neanche Adamo lo ha maltrattato”-. (Applausi)

Che importa se tu hai sofferto o hai vissuto una vita di povertá, maltrattato, sei stato in carcere, sei stato in un ospedale dei pazzi, o ti ha dovuto aiutare il governo? Che importa che tu sia stato un infelice, come dicono in giro: questa é la tua carne, ma tu sei un angelo di alta qualitá! La vita di Gesú non si mette in porcherie, sai? La vita di Gesú si é messa in un presepe a causa della legge, ma adesso non va in presepi, adesso va in spiriti di alta qualitá e questo sei tu. (Applausi)

Il corpo si é messo in un popolo terrenale insignificante come Gerusalemme. Cosí l’ha chiamata Mosé, al popolo giudeo ha detto: -“Guardate, vi diró una cosa, non pensiate di essere una gran cosa: io vi ho scelto, a voi giudei, io vi ho scelti perché voi eravate il popolo piú insignificante della terra”-.

La gente crede che in Gerusalemme ci siano grandi benedizioni, e le chiese in giro fanno escursioni per andare alla terra santa… lí non c’é niente di santo! Il proposito di Dio é santo, peró quello no, quello sta sotto maledizione attualmente, lo dice la Bibbia.

Lí si é messo nel corpo di Gesú, perché quello é stato un corpo che Dio si é cercato, un corpo che Giovanni ha comparato con un serpente. Il corpo di Dio é venuto in somiglianza di carne del peccato ed é venuto qui sulla terra a vivere a causa della maledizione che c’era in te. Questo corpo si é messo in un presepio, questo corpo si é messo in una croce. Peró la vita di Gesú non si mette in qualunque posto. La vita di Gesú si mette in pecorelle, in spiriti prescelti come sei tu. (Applausi)

Dica: LA VITA DI GESÚ STA NEL MIO SPIRITO.

Tu sai che se la vita di Gesú sta in te, tu non devi essere compatito.

Non bisogna sentire tanta pena per te, né tante cose. Io, da quando ho appreso questo, io non compatisco la gente. E guarda che io sono ben amoroso e affettuoso con chiunque, ma io non devo essere cosí, io posso essere piú serio, perché tu non sei degno di compassione perché io debba stare lí ad accarezzarti.

Chi credi di essere? Tu stai sottovalutando chi sei tu in Cristo Gesú. Non devi dipendere da un pastore amoroso, né dalla gente. Tu hai una provvigione. Se la vita di Gesí sta in te, tu sei una persona molto speciale.

Tu sei tenuto a dare, non a che ti diano. Se tu stai in uno spirito di: -“Bene, io mi aspetto che, quando il pastore passa, senta pena per me. Io spero che sentano pena, io mi aspetto che qualcuno si impietosisca di me, io aspetto …”-.

Tu non devi aspettare queste cose, perché tu sei una persona troppo autosufficiente… dico: nello spirito. In carne sei solo barbarie.

Peró, onestamente, se tu scopri chi sei tu… tu sai che é necessario scoprire questo?

Guarda, io, come sposo, quando io scopro queste cose, sono un miglior sposo perché se mia moglie si dimentica qualcosa, ebbene, io non devo giá piú rinfacciaglielo: -“Ebbene, si é dimenticata, punto … o é occupata: lascia che lo risolvo io”-.

Peró, quando tu non hai scoperto queste cose, tu stai sempre: -“Guarda che ti sei dimenticata di attendermi… guarda che ti sei dimenticata di darmi… guarda …”- e stai sempre esigendo e tu non sei nessun “esigentone”. Tu non sei nessun mendicante. Tu hai a sufficienza per comprendere.

La vita di Gesú, fratello, guardi, andiamo a continuare a leggere in Romani, perché lei veda che cos’é che c’é dentro di lei.

Guarda quello che dice Romani 8, verso 10:

“Peró se Cristo sta in voi, il corpo in veritá é morto  

a causa del peccato, ma lo spirito …”  cosa? “… vive, a causa…”  di cosa? “… della giustizia.”

 

Osserva che ció che Dio vede é il tuo spirito vivo. Lui, la tua carne, guarda … la tua espressione, tutto quello che tu sei in carne, Lui lo vede morto. Dice: -“Io non conto su questo.”-.

Quello che Lui vede in te é il tuo spirito vivo, a causa della vita di Gesú che sta nel tuo spirito. Peró Dio non sta trattando con carne, Dio tratta con il tuo spirito. É per questo che ti esige, perché Lui si aspetta che tu gli dia quello che tu hai.

Lui non sta cercando di darti, Lui ti ha giá dato. Quello che Lui sta cercando é che tu glielo dia indietro, che lo manifesti, perché sta in te.

Guardi, ci sono chiese che stanno pregando: -“Andiamo a fare una campagna di orazione per vedere se Dio ci visita”-.

Lui ti ha giá visitato! Quello che Lui si aspetta é che per lo meno lo saluti.

C’é gente in giro che cerca lo Spirito Santo. Che Spirito Santo, se lo Spirito Santo é la vita di Gesú stessa che dimora in te? Quello che sta cercando di fare é che questo spirito che giá sta in te esca e dica: -“Papá!!”-, che si manifesti tutta la vittoria che c’é in te!

La religione é al contrario. La religione é: -“Signore, abbi misericordia”-. -“Se il mio popolo si umiliasse …”-

Cosa?? Se il mio popolo si umiliasse?? Se Lui ti ha giá visitato e sta dentro di te, il popolo é giá stato umiliato! Quello che bisogna fare é utilizzare quello che Lui ci ha giá dato ed é “la vita di Gesú che sta dentro di te”.

Guarda, continuiamo a leggere, verso 11:

“E se lo Spirito di colui

 che ha sollevato dai morti Gesú dimora in voi, …”

Questa é una domanda. Ascolta, se lo Spirito che ha sollevato il corpo… prestami attenzione: lo Spirito di Gesú si é separato dal corpo ed il corpo senza Spirito é morto. Ed é stato sulla croce. Poi, lo Spirito… hello! Lo Spirito che si é separato da quel corpo, é tornato ed ha sollevato quel corpo morto. Lo ha rialzato!!

Adesso, quello Spirito, presta attenzione, quello Spirito che solleva un corpo che giá non ha vita, quello Spirito é quello che dimora nel tuo spirito.

Ti potrá sanare? Se sana un corpo morto, potrá sanare te?

Potrá prosperare te?

Potrá toglierti le sofferenze?

Potrá tirare fuori da te un poco di gioia?

Potrá tirare fuori da te un:  -“Gloria a Dio”-!?

Se questo Spirito non puó tirare fuori un “gloria a Dio” o un “amen”, é che tu sei in terribili condizioni. Tu sei un pezzo di carne che da pena.

Anche se hai denaro, anche se hai prestigio, anche se hai educazione, se lo Spirito che ha sollevato quel corpo non puó tirare fuori da te un’espressione di lode, tu sei in gravi problemi!!

Guarda quello che dice il verso 11:

“E se lo Spirito di colui che ha sollevato dai morti Gesú dimora in voi,

Colui che ha sollevato dai morti Cristo Gesú vivificherá anche i vostri corpi mortali mediante il Suo Spirito che dimora in voi.

 

Cosí che, fratelli, siamo debitori, non …” all’argilla “… non alla carne …”

Ascoltami: il tuo debito non é con il tuo corpo fisico.

Ascolta, dice:

“Cosí che, fratelli, siamo debitori, non alla carne,

per far sí che viviamo conforme alla carne …”

Tu non hai nessun debito con la carne per stare in digiuno. Tu non hai nessun debito con la carne per stare mangiando una santa cena, un poco di succo d’ uva… lí, con pane. Tu non hai nessun debito con la carne per far sí che lo stiano ungendo con olio. Nella carne, tu non necessiti niente di questo. Tu non hai bisogno stare in ginocchio, sanguinando, o di metterti pietruzze nelle scarpe, se tu non hai debiti con la carne!!

Qui il debito é con ció che sta dentro di te.

Tu non hai debiti con la carne, perché ti stiano battezzando come simbolo di perdono dei peccati. Se questo corpo é morto, tu sei battezzato. Tu stai bagnando un morto che non ha niente a che vedere con la vita di Gesú che sta in te.

Il tuo debito é con lo Spirito.

Guarda come lo dice lí, guarda, dice…  verso 12:

“Cosí che, fratelli, siamo debitori, non alla carne,

per far sí che viviamo conforme alla carne;

perché se vivete conforme alla carne, morirete …”

Questa morte non é spirituale, perché giá Cristo ti ha liberato dalla morte spirituale. Questa é la morte fisica.

“…morirete;

Ma se per lo Spirito fate morire le opere della carne, vivirete.

 Perché tutti coloro che sono guidati dallo Spirito di Dio,

questi sono figli di Dio.

Poiché non avete ricevuto lo spirito …” ascolta

“… non avete ricevuto lo spirito di schiavitú …”

Ascolta, questo é lo spirito della legge. Per questo Paolo ha detto: -“Guardate, io giá non ho quello spirito che io avevo prima, quando ero un fariseo”-.

Dice:

“… non avete ricevuto lo spirito di schiavitú per stare un’altra volta in timore …”

Perché c’erano alcuni di loro che stavano in Cristo e continuavano ad avere timore.

“… ma che avete ricevuto lo spirito …” di cosa? “… di adozione,

per il quale acclamiamo: …” cosa? “… Abba, Padre! 

Lo Spirito stesso da testimonianza al nostro spirito, di che siamo figli di Dio.

 

E se figli, anche eredi; eredi di Dio e coeredi con Cristo,

se é che soffriamo insieme a Lui,

perché insieme a Lui siamo glorificati.

 

Poiché sono sicuro che le afflizioni del tempo presente, …”

queste stupidaggini di qui sotto

“… non sono comparabili con la gloria futura che in noi si deve manifestare.”

Cosí che guarda, prestami attenzione, numero uno: La vita di Gesú vuole manifestarsi dichiarandoti i misteri. Tu non puoi continuare a giocare al cattolico, al protestante, a tutte quelle religioni che ci sono in giro. Tu no, tu devi lasciare questo.

La vita di Gesú vuole dirti che tu sei un prescelto da prima della fondazione del mondo. E, questo ti dará pace per non avere paura della morte. Non avrai mai piú paura della morte.

Numero due: La vita di Gesú vuole darti ad intendere che Lui ti risana dalle tue malattie.

Per non dirti che ti ha sanato in posizione. In posizione, legalmente, tu sei sano, ma si manifesta nella salute. Il tuo dovere é confessare: SONO SANO. Il dovere della vita di Gesú é manifestarti ed eseguire salute, se vuole.

A meno che Lui dica: -“No. Non mi manifesto”-. E se la vita di Gesú non si manifesta alla tua salute nel presente, non ti mettere con questo, perché né il medico né nessuno (possono fare niente).

Ci sono malattie che se ne vanno cosí, guarda: tac! E ce ne sono altre che rimangono. Questo lo regola la vita di Gesú. Non io, né le molte preghiere che tu reciti, perché qui non bisogna recitare molte preghiere, qui é: -“Padre, la Tua parola dice che io sono sano, lo ricevo. Grazie Signore, perché vivo in salute”-, questa é l’attitudine.

Se la vita di Gesú che sta in te rimane “in folle”, rispetta questo. Lui é il Sovrano. Lui é quello che mette la macchina in marcia avanti o in retro, o in folle. E se Lui la lascia in folle, il nostro dovere é non domandare: -“E perché tu hai sanato il tizio che é arrivato l’altro giorno alla chiesa? Perché tu hai sanato quel malvagio, che guarda come si é comportato? Ed io che sono un uomo, una donna, tanto tranquillo e sto in questa situazione …”.

Tu non ti mettere con questo, perché la vita di Gesú, tu non la puoi regolare. Tu quello che devi intendere é se la vita di Gesú sta dimorando nel tuo spirito. Adesso, tu intendi questo e lí voi, ciascuno porterá il suo proprio fardello, lei viva conforme a questa vita di Gesú.

Non faccia domande, né dica a nessuno: -“No, é che tu non hai fede”-.

Non gli dica questo, perché se la vita di Gesú sta in te, sta l’autore della fede dentro di te.

-“No, tu non ti sei risanato perché tu non hai alzato le mani, tu dovevi alzarle entrambe e tu ne hai alzata una sola”-. 

Dio non sta con queste stupidaggini!

LA VITA DI GESÚ STA IN CIASCUNO DI NOI, STA IN CIASCUNO DI NOI. E LA VITA DI GESÚ FA QUELLO CHE NE HA VOGLIA IN TE.

Naturalmente, Lui esige che tu confessi quello che Lui dice qui, nella Bibbia e poi Lui é il catalizzante che dice: -“Adesso, domani o dopo”-.

Guardi, la prosperitá é una virtú che lei deve apprendere. La vita di Gesú vuole manifestarsi nella tua prosperitá.

Lei sa che c’é una tappa dove la prosperitá di Gesú… non quella nella quale tu hai fortuna: c’é gente che ha fortuna negli affari, in questo, in quello e non sono neanche cristiani, lo Spirito neanche sta lí. Questa gente non erediterá, per ora gioiscono ed posseggono… e governano e fanno mille cose ma tutto questo sará tolto dalle loro mani; peró il credente, colui che ha lo Spirito di Dio che dimora in lui, la prosperitá é sua, questo é suo.

Naturalmente, la vita di Gesú regola gli affari. Sii un seminatore.

-“No, Pastore, io semino nella chiesa e niente piú”-.

Guai a te se non semini qui! Ci mancherebbe che tu venga qui con scemenze:  -“No, che io questo… che il Pastore, guarda com’é ben vestito”-. Questo é l’ultimo! L’ ultima scemenza che tu puoi dire.

Qui é d’obbligo che tu debba seminare!

SE LA VITA DI GESÚ STA DIMORANDO IN TE É OBBLIGO DEL TUO SPIRITO SEMINARE AL SIGNORE.

Come fai tu a dire: -“No, se la decima é della legge! La decima é molto!”-. Tu non puoi avere queste stupidaggini nella tua testa. Tu devi buttare fuori questo: tu hai un debito con la vita dello Spirito e la vita dello Spirito é rappresentata dalla chiesa locale. E tu devi benedire queste chiese locali. Questo non si domanda.

Io non mi sono mai domandato questo. Io ho seminato sempre. Dove io potevo provare, ho sempre seminato e non mi é mai mancato.

Guardi, io le ho detto: La vita di Gesú nei misteri, la vita spirituale, conoscenza.

La vita di Gesú che sta in te, nella sanitá, ti ho parlato di questo, che Lui ti sana.

La vita di Gesú nella tua prosperitá. Permette che Dio ti prosperi.

Bene: la vita di Gesú nella mia vita spirituale.

La vita di Gesú nella mia salute.

La vita di Gesú nella mia prosperitá.

La vita di Gesú, ascolta, nel mio carattere.

Ascolta, La vita di Gesú nel mio carattere. Ascolta, va bene fare uno scherzo, una cosina, peró il tuo carattere rappresenta. Ed io, a volte, ti faccio ridere qui, ma nella sua misura, vero?

La vita di Gesú nel tuo carattere: dove tu stai, che cosa pensa la gente di te? Avrai tu l’apparenza di carattere e, quando tu parli, la gente resta delusa da te?  Dice: -“Ascolta, io pensavo che questa persona fosse piú prudente, che avesse piú intendimento e, improvvisamente, ha aperto la bocca ed ha detto un mucchio di scemenze. Che delusione ho avuto dal tizio e dalla tizia”-.  Hello!

Tu sai che lo Spirito mi amministra cosí. Io, a volte, sono stato in luoghi ed ho detto cose che, mentre sto tornando a casa mia divento rosso, da solo, in macchina: -“Dio mio, peró che stupidaggine. Perché non ho detto un’altra cosa?”-.

Ed io ho sentito che ho deluso la gente che sperava in me, che li ho lasciati delusi: -“Ascolta, io mi aspettavo che José Luis fosse cosí …”-. Ed ho lasciato lí una stupidaggine, ragazzi… wow! Di piú: vergognandomi per quello che ho detto. Ed é perché la vita di Gesú in te ti sta sistemando.

Tu sai che Gesú aveva un carattere… quando la vita di Gesú stava in quel corpo, Lui aveva un carattere tremendo. A volte veniva una donna, guarda, una donna adultera, una adultera con cinque mariti… un comportamento nebuloso. Ascolta… e quindi, al momento Gesú era tutto affetto per lei. Che se tu non intendi il carattere della vita di Gesú in te, al momento puoi dire: -“Questa é una donna questionabile, non ti avvicinare neanche, non le parlare”-.

Ma poi, Gesú, quando vedeva un’ adultera, improvvisamente diceva: -“Donna, io ho un’acqua …”- … che avrebbe potuto innamorarsi di Lui: -“Ahi, che affettuoso!”-.

-“… io ho un’acqua che, se tu la bevi, ti toglierá la sete”-.

Mi immagino che la samaritana abbia detto: -“Sará che gli piaccio?”-

Guarda, una volta, tempo fa, nel ministero, io ho detto ad una sorella: -“Sorella, io la amo in Cristo”-.

E poi, circa due settimane dopo, mi si é avvicinata a dirmi: -“Perché Lei mi ha detto che mi amava in Cristo?”- ed io ho detto: -“Aaah! In che guaio mi sono messo …”-.

Ascolta, quindi Gesú si manifestava cosí, guarda, ad una donna questionabile e invece, un giorno, é arrivato un sacerdote religioso molto sussiegoso e gli ha detto: -“Guarda, se tu non nasci di nuovo …” lo ha trattato duramente  “… se tu non nasci di nuovo, tu non entri in questo regno!!”-.

Ossia, che il tuo carattere… tu devi scoprire chi é questo che é venuto a parlare con te: ti conviene andare con lui? Ti conviene abbondare in molte parole con lui? O, é una persona alla quale tu devi dare testimonianza, peró guarda: in maniera saggia, non dargli molta amicizia, perché il suo carattere é molto adulterado. E tu necessiti, guarda, astenerti un pochino, mentre sistema quella massa di carne. Hello!

C’é gente che é danneggiata dalla politica del suo paese, dalle cattive esperienze, dalla cattiva condotta di padri e madri nella casa. Ed anche questi bambini sono adulterati e crescono come degli oziosi. Guarda, crescono cosí, donne e uomini ed hanno giá 18, 19, 20 anni… 21, 22, altri ancora rimangono cosí fino ai 30 e 35, e tu, con il loro carattere, tu devi modificare le vite che stanno a loro fianco, perché sono abituati male. Persone che non hanno rispetto per nessuno. Persone che ti conoscono da pochi minuti e improvvisamente ti danno del tu e si rilassano con te… e si mettono addirittura in casa tua, se ti distrai. E le persone devono avere carattere, prudenza.

Guarda che tu puoi essere amichevole, puoi essere, come diciamo a volte, puoi essere “chévere” (si pronuncia: “cévere”. Tipico dell’America del Sud: gradevole, simpatico, amichevole) e, allo stesso tempo, sapere come valutare questo carattere.

La vita di Gesú sta dentro di te ed io sono sicuro che quello che io sto dicendo a te viene da Lui. Di piú, guarda, la vita di Gesú sta, in questo stesso momento, nella vita di predicazione. La vita di Gesú sta nella mia mente, nei miei tessuti, sta parlando con te di queste cose perché la vita di Gesú vuole manifestarsi in sanitá, in prosperitá.

La vita di Gesú vuole mettersi in tutto e tu devi lasciarla fare. Tu devi lasciare che questa vita si metta nella tua vita. O continuerai ad essere un ozioso? Tu non puoi continuare ad essere un ozioso per imitare la condotta di novelas o di stupidi artisti… e tutte quelle cose corrotte che ci sono in giro.  La vita di Gesú si vuole mettere in tutto ció che ha a che vedere con te.

A meno che lo Spirito di Gesú non stia dentro di te e allora sí che non possiamo fare niente. Se lo Spirito di Cristo non sta dentro di te, io sto perdendo il tempo. Io sto parlando, guarda, con l’aria. Se tu non hai la vita di Gesú regolando la tua vita, tu sei come le onde del mare, guarda, che vanno e vengono. Tu puoi morire quando vuoi, che non mancherai nel regno spirituale. Dio non ti necessita. Tu sei come ha detto Gesú: -“A cosa compareró questa generazione? A bambini che si siedono nelle piazze a parlare, e parlare, e parlare e né vanno né vengono”-.

-“Pastore, io credevo di avere permesso in questo mondo, dove sono stato portato, per vivere come ne ho voglia”-.

Sembra, peró non é cosí. La vita di Gesú sta dentro di te con un proposito, a meno, ascolta, a meno che tu non sia pecora. Se sei lupo, la vita di Gesú tu neanche la senti, né la intendi. Se sei pecora, la vita di Gesú sta in te e ti esige responsabilitá. E ti esige amore al prossimo, ti esige rispetto verso gli altri.

Continua …

IL GRAN AMORE DI DIO

.

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

6 di novembre del 2013

 Benedetti con tutte le benedizioni.

È arrivato il momento dell’ alimento della Chiesa, questa è la Gran Santa Cena, la vera cena non quella rudimentale che pratica Roma e le figliolette protestanti. No, questa è la vera cena, la Parola. Per questo, il Signore ha detto: “Le parole che io vi dico sono spirito e sono vita”, non é un pezzetto di pane ed una coppa di vino. No, sono spirito, arrivano alla tua mente per edificare la Chiesa.

Il tema di oggi è:

“IL GRAN AMORE DI DIO”

Ascolta questo, Chiesa, il Gran Amore di Dio.  Sconosciuto per 1973 anni, incluso a me stesso: io non lo conoscevo e pensavo di conoscerlo.

Bene, Giovanni ha parlato di questo gran amore, là in Giovanni 3:16, dice:

“Perchè in tale maniera Dio ha amato il mondo …” 

Ascolta, che maniera: 

“… che ha dato suo Figlio unigenito, perchè chiunque crede in Lui,

non si perda ma abbia vita eterna.”

Per chiunque stia credendo.  Perchè gli hanno dato il dono della fede e crede, e sempre ha creduto.

Non come dicono in giro che è “per chiunque creda in Lui”. Non dice “creda”, è per chiunque stia già credendo, perché questo da luogo al libero arbitrio ed il libero arbitrio non esiste.  Qui, l’unico arbitrio che esiste è quello di Papà Dio che fa come vuole Lui.  Dal principio annuncia le cose che devono succedere ed è così che Lui agisce ed ha sempre agito

Lui non riceve sorprese, Lui sa già tutto quello che succederà. Ti da l’opportunità di giocare il ruolo, di entrare nella Sua pellicola.  Ma qui tu non aggiungi e neanche togli, nè metti.  Qui “la carne non giova a nulla” (rif. Biblico Gv. 6:63 -ndt) e se dici qualcosa di buono, non ti è stato a rivelato nè da carne nè da sangue: viene dallo Spirito di Dio.

Così che, Giovanni ha detto: “… in tale maniera Dio ha amato il mondo …” ma nessuno ha mai spiegato in cosa si basava questo amore.  Gli stessi apostoli si sono incaricati di occultarlo con il giudaismo, con il veleno del giudaismo. Hanno tappato questo amore ed hanno impedito all’unico che lo stava spiegando, che era l’Apostolo Paolo, glielo hanno impedito per mezzo del lavoro che era già scaduto con la croce:  quando Cristo è morto, il lavoro degli Apostoli è terminato.

Perchè la Chiesa attuale conta con gli undici apostoli? Undici, perchè Mattia è rimasto al posto di Giuda, che lo hanno nominato tirando a sorte ma di lui non si è mai più parlato.  Ma questi undici hanno occultato questo grande amore e si sono incaricati di tappare la bocca a Paolo, disturbandolo con le loro epistole generali.

Queste epistole giudaizzanti, che comprendono dalla Prima lettera di Pietro, Seconda di Pietro, Prima Seconda e Terza di Giovanni, Giacomo, Giuda e Apocalisse. Questi 8 libri sono avvelenati di circoncisione. Non sono ispirati dalla verità del vangelo. Stanno lì, lo vediamo lí, per le nostre evidenze che non sono ispirati nè rivelati, come lo sono le 14 Epistole di Paolo.

Questo è il nostro Vangelo: le 14 epistole di Paolo. Matteo, Marco, Luca, Giovanni ed Atti sono libri storici. è  Dalla lettera ai Romani alla lettera agli Ebrei, è lì dove sta nascosto il gran mistero del vangelo .

È lì dove sta l’ Amore di Dio espresso, veramente, perchè lì parla di predestinazione, lì dice che tu sei stato vestito anteriormente, che il tuo nome è stato iscritto da prima della fondazione del mondo nel libro della vita e che ti hanno scelto per obbedire alla verità. Solo in questi libri tu trovi che non eri ancora nato, non avevi ancora fatto nè bene nè male ed il proposito dell’elezione era ciò che stabiliva il futuro del tuo spirito.  Senza avere fatto nè bene nè male, prima di nascere, già Dio aveva deciso che tu saresti stato salvo.

Guarda che grande amoreQuesto sì che è grande amore!

Non ti hanno detto nemmeno che quando Cristo è morto, ha tolto il peccato. Tu sei nato giustificato, ma non lo sapevi. Tu non sei mai stato in peccato, benedetto.  Perchè tu stia in peccato, devi stare sotto la legge e la legge non è stata data per te, la legge è stata data per i giudei. Paolo è caduto sotto la legge perchè ancora Cristo viveva in quei tempi.  Lui è nato in quei tempi.

Ma noi, i gentili, coloro che hanno ottenuto le grandi misericordie, non siamo mai stati sotto la legge, non siamo mai stati sottomessi al peccato, non siamo mai stati sotto l’influenza del diavolo, perchè Satana è stato distrutto, non siamo mai stati in maledizione.

Chi ha disturbato noi,  i gentili, è stata Roma,  il veleno del papato romano, questo sacerdozio nascosto. Questa religione falsa è ciò che ci ha nascosto il gran amore di Dio.

Guarda come dice Efesini capitolo 3, versi dall’ 8 al 10.  Paolo, spiega come si è manifestato questo gran amore, attraverso lui, del suo apostolato. Guarda come dice:

“A me, che sono meno del più piccolo di tutti i santi,

è stata data questa grazia …” 

A me, non è agli apostoli, lui dice: “… a me…”:

 

“A me… é stata data questa grazia, di annunciare tra i gentili …”

   non tra i giudei  “… tra i gentili il vangelo delle imperscrutabili ricchezze di Cristo.”

 

Dice così:  “A me,  sono state dato, a me, per i gentili, le imperscrutabili ricchezze del Vangelo di Cristo”.

 

“…e di chiarire a tutti

quale sia l’attuazione del mistero nascosto da secoli in Dio, che ha creato tutte le cose,

per far sí che la  multiforme …” multiforme, molte forme “… sapienza di Dio sia

ora data a conoscere per mezzo della Chiesa ai principati e potestà

nei luoghi celestiali, secondo il proposito eterno che Egli ha attuato in Cristo Gesù nostro Signore,

nel quale abbiamo sicurezza ed accesso con fiducia mediante la fede in Lui”

Bene, infine, questo amore è stato nascosto a causa del Vangelo giudaizzante degli apostoli.

E parliamo con proprietà, Galati 2:14, guarda come dice l’ Apostolo.  Parlando degli apostoli, dice:

“Ma quando ho visto che non si comportavano rettamente secondo la verità del

vangelo, ho detto a Pietro…”

 

Pietro era il primo a non comportarsi rettamente. Per questo dicono che il primo papa è stato Pietro, chiaro! Perchè no, se sono stati sempre in falsità? Fino ad oggi, sono stati in falsità. Paolo lo denuncia qui:

“Ma quando ho visto …”  lui lo ha visto, è stato testimone “… che non si comportavano

rettamente secondo la verità del vangelo,

ho detto a Pietro davanti a tutti: “Se tu, essendo giudeo, vivi come i gentili e non

come giudeo, perchè obblighi i gentili a comportarsi come giudei?”

 “Perchè obblighi i gentili a comportarsi come giudei?” 

È lì dove sta il veleno: giudaismo. Il giudaismo è il veleno religioso che ha ingannato tutte le nazioni fino ad oggi.  Il giudaizzante Pietro, Giovanni, Giacomo e tutti gli apostoli che hanno disturbato il mondo.

Ed io li accuso,  attraverso questo mezzo, oggi, metto in chiaro davanti a tutti, in tutto il mondo, che il veleno dell’occultare la verità ed il grande amore di Dio, è dovuto a questi falsi apostoli.  Cominciando con Pietro, che era il leader del vangelo della circoncisione.

Così che, questo grande amore è stato nascosto.

Guarda come Paolo parla degli apostoli, quando ne parla là nella Seconda Lettera ai Corinzi capitolo 11, versi dal 13 al 14, guarda come dice. Questo è Bibbia, questo è stabilito, questo non è racconto della nonna. Questo è scritto chiaramente.

Questo è il fondamento di Crescendo in Grazia, in tutto il mondo. Noi siamo una Chiesa edificata sul fondamento del vero vangelo.

Guarda come dice Paolo, parlando degli apostoli di Roma dice,  nei versi 13 e 14:

“Perchè questi sono falsi apostoli…”

 

 E, che altri apostoli c’erano, se non quelli? Non c’era nessun altro apostolo!

Adesso, Paolo dice:

 

“… questi sono falsi apostoli,

operai fraudolenti che si mascherano come apostoli di Cristo.”

Sicuro, andavano mascherati, perchè loro erano apostoli di Gesù di Nazaret ma non di Gesucristo dopo essere risuscitato.

È per questo che Paolo dice: “Io ho procurato di presentare Cristo e, questi, crocifisso” cioè dopo la croce. Perchè prima della croce, é stato  un velo (usato) per togliere il peccato e per distruggere il diavolo, per pulire, per togliere di mezzo tutta questa spazzatura che c’era. Cristo, Gesù di Nazaret lo ha fatto.

Adesso: questi apostoli, quando Lui è morto e risuscitato, sono rimasti senza lavoro, sono rimasti disoccupati, non avevano niente di cui parlare, non avevano niente da fare.  Lì è terminato il loro cattivo lavoro.  Non avrebbero dovuto scrivere libri come la Prima lettera di Pietro, Seconda di Pietro, Prima, Seconda e Terza di Giovanni, Giacomo… non dovevano scrivere niente e meno Giovanni, quel libro dell’Apocalisse, pieno di congetture che lui stesso non ha compreso, che io devo fare il lavoro di tirare fuori la verità.  Questa cosa di “un fuoco di zolfo”…, quando questo è il nostro alimento, di noi i prescelti, del nuovo uomo creato secondo Dio, che sta arrivando. Che già i vestiti sono scesi dal cielo per vestire la chiesa.

Quindi, loro sono falsi operai.  Dice:

“E  non meraviglia, perchè lo stesso Satana si maschera da angelo di luce,

così che non è strano se anche i suoi ministri …” parlando degli apostoli “… si mascherano come ministri di giustizia, la cui fine sarà secondo le loro opere.”

Operai satanici. Tutti questi apostoli erano diabolici, satanici.

Ma Paolo li ha scoperti e ci ha lasciato il codice per sapere con chi stiamo trattando.

Non usare mai come esempio questi apostoli fraudolenti, mascherati di falsità come è il papato romano, come sono questi sacerdoti, suore e preti e cardinali.

Ma il giochino gli è terminato, perchè loro si sono alimentati del falso vangelo del giudaismoma già non possono continuare questo giochino,  perchè Crescendo in Grazia è in piedi, Gesucristo Uomo è già tornato sulla terra per chiarire a tutti il mistero che è stato occulto per tutto questo tempo.

La chiesa è già definita, è chiara nel lavoro che sta facendo, per far sí che il gran amore di Dio, questa immensa e profonda pace che solo il mio Vangelo produce quando tu lo ricevi quando ti si illumina l’intendimento, quando tu vieni portato a questa verità del vangelo della incirconcisione, una profonda pace ti invade, come nessun uomo aveva mai sperimentato.

Non si è mai sperimentato l’amore di Dio fino al 1973, quando si è manifestata la divinità di JH (Jesucristo Hombre – Gesucristo Uomo -ndt) per le nazioni.

Mai. Si parlava dell’amore di Dio ma non si comprendeva, nè veniva spiegato, nemmeno c’era fondamento per esso.

Il fondamento di Crescendo in Grazia, è questo amore.

Guarda come dice là in Efesini capitolo 3, versi dal 14 al 21:

“Per questa causa piego le mie ginocchia davanti al Padre del nostro Signore Gesucristo,

dal quale prende il nome ogni famiglia nei cieli e sulla terra …” 

 

Ascolta! Ogni famiglia nei cieli e sulla terra.

“… per far sí che ci dia, secondo le ricchezze della Sua gloria,

l’essere rafforzati con potere nell’uomo interiore mediante il Suo Spirito,

 

perchè abiti Cristo per mezzo della  fede nei vostri cuori, a fine di che,

radicati e cementati in amore …” questo è l’amore del quale stiamo parlando

“… a fine di che, radicati e cementati in amore,

siate pienamente capaci di comprendere con tutti i santi quale sia la

larghezza, la longitudine, la profondità e l’altezza,

 

e di conoscere l’ amore di Cristo, che supera ogni conoscenza, per far sí che

siate pieni di ogni pienezza di Dio.”

Che grande amore si sperimenta nel nostro ministero. Nessun ministero, in tutta la terra può offrire questo grande amore che nasce solo dal vero Vangelo, spiegato dalla mente di Cristo, con questo servitore che sta qui (si riferisce a sè stesso -ndt).

Il resto è spazzatura. Il resto é sterco: sterco protestante, sterco cattolico, sterco evangelico, come tu lo voglia chiamare.

Questa è spazzatura e bisogna toglierla di mezzo, perchè in questa venuta di Gesucristoin questa manifestazione di questa ultima ora, tutta questa spazzatura sarà tolta, ogni religione verrá chiusa.

Io ricevo che i miei angeli chiudano tutte le religioni! Novecento templi cattolici hanno chiuso in Irlanda poco tempo fa. Io ricevo che si duplica da tutte le parti del mondo e che si chiudono questi covi di ladri.  Tutti questi covi di abusatori di bambini, abusatori del mondo, che offrono pace ed è una menzogna religiosa mascherata dalla menzogna romana.

Io ricevo giusta retribuzione, io ricevo che presto i giudizi di Papà arrivino sulla terra in abbondanza. Si riempie la terra di cadaveri. e ci dispiace vederlo, ma questa è la volontà di Papà che si sta compiendo in ogni parte del mondo.

Così che, sintonizzati sulle notizie che presto comincia di nuovo la carovana di incidenti, disordini e disastri su tutta la terra.

Benedetto, benedetta Chiesa, più salda che mai, piú salda che mai che già la vostra redenzione é alle porte.

Benedetti con tutte le benedizioni. Ci vediamo prestino in un altro ricalco per le nazioni.

“Rallegrati e canta, oh abitante di Sion.”

Ascolta! Dai la mano a tuo fratello e felicitalo per essere stato illuminato con il vero vangelo, é uno spettacolo, è una divinità che ti hanno dato perchè tu la goda.

Arrivederci. Vi dichiaro sani, benedetti,  arricchiti, vittoriosi su tutto in tutte le aree della tua vita.  Arrivederci benedetti!

PROVATI DAL FUOCO

.

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

.

16 di ottobre del 2013

Benedetti con tutte le benedizioni. Siamo qui ancora una volta per continuare ad apprendere da questa parola che ogni giorno forma Gesucristo in noi.

Prima di entrare in pieno al ricalco, mi hanno inviato un appuntino sul dollaro americano: nella piramide che c’è dietro ci sono dei numeri in lettere romane, che significano 666.  Tanto amano il dollaro, tanto cercano il dollaro e non sanno che nello stesso fondamento di questo dollaro c’è il numero del suo Nome. Così che dovunque c’è questa marca, questo numerino.

Bene, in questa occasione parleremo del proposito dei forni, delle lievi tribolazioni che passiamo noi, gli eletti, e delle prove.

Cominciamo dal primo verso, nel Salmo 66, dal verso 10 al 12, (Salmo 65:10 – 12 ed. Cei - ndt) guarda come dice. Andiamo a vedere quello che dice il vecchio testamento su come Dio ci prova:

“Perchè tu ci hai provati, oh Dio; ci hai purificati come si purifica l’argento.  

Ci hai messo nella rete.  Hai messo sui  nostri fianchi un  pesante fardello.

Hai fatto cavalcare uomini sulla nostra testa.  Siamo passati per il fuoco e per l’acqua.

E ci hai fatto uscire verso l’abbondanza.”

 Questo è il proposito, quando il salmista dice: “Dio mi ha provato, ma poi mi ha fatto uscire verso l’abbondanza”.

Perchè la gente, l’essere umano, “con questo corpo di peccato, che non si sottomette alla legge di Dio e nemmeno può”,  Dio deve permettere lievi tribolazioni e prove per tirare fuori il meglio di noi.

 Come diceva una collaboratrice che lavorava con me, là in Massachusetts, diceva: “Dio a volte ci passa in acque turbolente, non per affogarci ma per ripulirci”.

Quindi questo è il proposito. Se tu stai passando per una prova o sei passato per molte prove, tu noti che il tuo carattere cambia conforme a queste prove. Queste sofferenze portano esperienza nelle nostre vite.

 Andiamo a vedere cosa ha detto Zaccaria capitolo 13, nei versi 8 e 9, profeta minore, dice:

“E succederà in tutta la terra, dice il Signore, che le due terze parti saranno

eliminate e si perderanno; ma la terza resterà in essa. 

E metteró nel fuoco la terza parte,…”

 

Guarda come dice: per poter tirare fuori qualcosa di buono da te bisogna metterti nel fuoco, bisogna provarti come si prova l’oro e l’argento. Dice che della terra, due terzi scompariranno.  Che quantitá di cadaveri ci sarà!

Una terza parte rimane e questa terza parte bisogna ripulirla, bisogna metterla nel forno, perchè non funziona, “la carne non giova a nulla” benedetto, fratello mio.

Se tu sei abituato ai costumi dei popoli, ai costumi delle nostre famiglie, ai cattivi costumi che abbiamo ereditato da tutti i nostri antenati, bisogna provarti, bisogna tirare fuori il meglio di te.

 Quindi, il verso termina dicendo:

“E metteró nel fuoco la terza parte, e lo fonderò come si fonde l’argento

e lo proverò come si prova l’oro. 

Invocherà il mio nome ed io l’ascolterò, e dirò: Popolo mio…” Amata mia “… ed esso dirà: Il Signore è il mio Dio.”

 

Così che se tu stai passando per una prova, ringrazia perchè tu ne uscirai.

 Guarda come dice la Prima carta ai Corinzi capitolo 10, verso 13.

È un dato molto importante, adesso andiamo al perito architetto, andiamo a parlare adesso mediante Paolo. Guarda come dice lui delle prove e delle tentazioni che arrivano alle nostre vite.

“Non vi é arrivata nessuna tentazione che non sia umana;

ma Dio è fedele, che non vi lascerà essere tentati più di quanto possiate resistere,

ma che insieme con la tentazione, vi darà anche il modo di uscirne,

perchè la possiate sopportare.”

 

Così che, dice che c’è via d’uscita. Paolo dice:-“Guarda, Dio prova, Dio permette la prova ma dice che c’è via d’uscita”-.

 Così che io non so come tu ti possa star lamentando, dicendo:

-“No, è che io non esco dalle prove…”-

 E la via d’uscita dove la metti? A te non hanno dato via d’uscita per le tue prove?

O è che tu non la sai cercare?

O è che sei abituato male o sei insopportabile?

O, è che sei insensato e non vedi la via d’uscita?

A volte l’uscita non è la più facile e neanche la migliore, però ti tocca.

Dice lì: “Non vi é arrivata nessuna tentazione”,  provaUna tentazione è una prova “…che non sia umana…”. 

Non dire che è del diavolo, neanche che è di uno spirito o del malocchio, o di una fattura che ti hanno fatto, che ti hanno tirato una maledizione. Non venire con queste storie. NO! Non è nemmeno così.

 -“No, che è un demonio, che è uno spirito, che sono le potestà dell’aria…”-

Le potestà dell’aria noi le conosciamo molto bene: stanno in Roma, stanno nei pulpiti protestanti. È lì dove stanno le potestà e le forze maligne ed hanno collarino e cravatta.

Peró la tentazione é umana. Dì con me: UMANA.  Non è di nessuna altra parte. Vengono, guarda, viene dalla tua carne,  umana, dalla tua “umanità”.

Ma nella stessa forma come viene dal tuo corpo umano, lì dice anche: “Dio ci da la via d’uscita”.

 Tu lo ricevi, no?

 Non puoi lamentarti tanto, benedetto e continuare nello stesso. Non darti per vinto, come dicono là in Porto Rico: “Non darti per vinto” continuando a lamentarti, e non esci da una che già stai in un’altra e sei sempre in problemi ed è sempre una “litania”  e sempre una scusa e: –“…che no, che io non posso, che sono molto debole, guarda dove vivo, che…”-

Benedetto, Dio sta trattando con te e ti bruceràti passerà nel forno, perchè questo è l’unica cosa che ci sistema: i forni e le prove.

Se tutto ti viene facile e bisogna farti le carezze, benedetto e non ti si dice quello che c’è, tu non vai da nessuna parte, benedetto!

 Così che, guarda come ha detto Giobbe, là in Giobbe 23: 10.

Torno al vecchio patto, mi era rimasto indietro questo. Questo Giobbe sì che è stato provato, vero?

 

“Ma Lui conosce il mio cammino; Mi proverà, e ne uscirò come oro.”

 

Ascolta, che confessione. Che buona!

-“Io non sono né questo, nè l’altro.  Io sono oro. Uscirò da qui come l’oro, purificato!”-.

 

“I miei piedi hanno seguito le Sue impronte; al Suo cammino mi sono attenuto e non ho deviato.

Dagli ordini delle Sue labbra non mi sono mai allontanato,

ho avuto cura delle parole della Sua bocca più che del mio alimento.”

 

Wow! 

“…più che del mio alimento”.

Ma se LUI decide una cosa, chi lo farà cambiare?

La Sua anima lo ha desiderato e lo ha fatto.  Lui, dunque, terminerà quello che ha deciso di me…”

 

“Quello che ha deciso di me”. C’è un modello, c’è una forma per trattare con te. Lui ha una determinazione con ciascuno dei suoi eletti e prescelti. Lui non fa eccezione di persona.

Adesso: Lui ha una maniera di fare con te e questa maniera è tua.

È come la tua scarpa: è tua, la tua misura è la tua misura; il tuo vestito è il tuo vestito, come sono le orme che sono differenti in ciascuno.

Adesso, Lui ha determinato qualcosa con te, e tu non puoi stare a guardare a tuo fianco,  dando la colpa agli altri. Quello che tu devi fare è affrontare la situazione e dire: -“Lui ha deciso un trattamento con me ed io lo ricevo, io uscirò come oro da questa situazione. Ma non darò più la colpa a nessuno. Qui sono ioSono io che sto di fronte a questa situazione ed io la vincerò!”-.

Bene, continuiamo a leggere qui, Prima lettera ai Corinzi capitolo 3, versi dal 10 al 12. Guarda quello che dice il perito architetto:

“Secondo la grazia di Dio che mi è stata data io, come perito architetto

ho posto il fondamento, un altro vi edifica sopra…”

Sì, perchè Paolo non ha potuto edificare, era l’altro, JH,  colui che sarebbe venuto ad edificare sopra.

E non dice: altri. È “l’altro”, perchè qui c’é un pastore e c’é una chiesa. Non possono esserci due pastori e neanche tre, perchè si perderebbe l’unità dello Spirito.  Non possono esserci tre trombe che suonano differente: non ci può essere una tromba battista, una pentecostale, una cattolica. No, perchè come rimaniamo?

Quello che si ottiene è una confusione tra i suoni, non si distingue niente. Nessuno si prepara per la battaglia con differenti interpretazioni. Deve esserci una voce, una interpretazione, un Pastore governando l’ amata del Signore.

Dice:

“…UN ALTRO edifica sopra; ma ciascuno stia attento a come edifica sopra.”

 Cioè, quello che tu ascolti: cosa farai con quello che tu ascolti.

“Perchè nessuno infatti può porre un fondamento diverso da quello che già vi si trova,  

che è Gesucristo.

E se sopra questo fondamento, qualcuno costruirá con oro, argento, pietre preziose,

legno, fieno, fogliame, l’ opera di ciascuno si fará manifesta:

perché il giorno la dichiarerá, con IL FUOCO…”

 

Dì con me:  CON IL FUOCO, CON LA PAROLA, CON LAPROVA.

 

“…sarà rivelata; ed il fuoco proverà la qualità dell’opera di ciascuno.”

 

Il fuoco la proverà.

Vuole dire che è il fuoco, non stiamo parlando qui del fuoco dell’inferno. NON ESISTE L’INFERNO, è il fuoco della parola, le prove che vengono.

E dice che “se qualcuno edificherà con materiali solidi come pietre preziose, oro, argento”, questi sono duraturi. Adesso, ci sono altri materiali lì come “fieno, fogliame”.

Io ho scritto qui come in burla:

Il cattolicesimo: fogliame; immaginati se cade fuoco su questo…;

Il protestantesimo: fieno;

La loro teologia: la legna, perchè questa teología non funziona, benedetto. Questo vangelo della circoncisione puzza, appesta, non concorda con la verità che è stata scritta dal perito architetto.

L’unico che ha posto un fondamento qui é stato l’ Apostolo Paolo. Dimenticati di Giovanni, Giacomo e Pietro, questa gente non ha posto niente.

 È per questo che dice: “IO, COME PERITO ARCHITETTO HO POSTO IL FONDAMENTO.”

 E mi immagino che qualcuno gli ha gridato: -“Ascolta, e gli altri apostoli?”-

Quella gente non ha posto niente, quello che hanno fatto è stato venire a confondere case intere per amore a guadagni disonesti. Sono dei banditi, figli della perdizione, uomini del peccato.

 Così che non mi vengano a parlare qui degli undici apostoli, che non servono. Questi sono stati provati dal vangelo della incirconcisione e Paolo ha detto di loro che  confondono case intere!” . Non servono a niente.

Quindi, saremo provati dal fuoco e non ti spaventare, perchè Lui tirerà fuori qualcosa di buono da te, ti porterà all’ abbondanza. Questo è il proposito: portarti all’abbondanza.

Guarda come dice Luca, capitolo 8, versi dal 4 all’ 8.  Terminiamo con il seminatore.

Non leggerò Matteo questa volta, leggerò Luca, perchè Luca ha studiato bene le cose e le ha indagate per mettere in ordine la storia delle cose.

“Essendosi riunita una grande folla e gente da ogni città accorreva a lui, disse loro

in parabola: Il seminatore uscì a seminare il suo seme e mentre seminava,

una parte cadde lungo il cammino e fu calpestata, e gli uccelli se la mangiarono.

Un’altra parte cadde sulla pietra e, appena germogliata, si seccò per mancanza di umidità.

Un’altra parte cadde tra i rovi, ed i rovi che crescevano insieme con essa,

la soffocarono.

UN’ALTRA PARTE cadde in buona terra… BUONA TERRA “…e germogliò e fruttò cento volte tanto.

 

Non dice: 30, 60. Sì, perchè è un solo frutto, il frutto dello Spirito. Non sono “i frutti dello Spirito”.

 IL FRUTTO DELLO SPIRITO È AMORE, PAZIENZA, PACE, BENEVOLENZA.

 -“No, è che io ho amore ma non ho pazienza”-. 

No, no, è che tu non puoi dividere questo in 20 pezzi. È: IL FRUTTO DELLO SPIRITO.

Quindi, questa parola viene a tirare fuori frutto da te, e saremo provati, benedetto.

Ma non ci spaventiamo, confessiamo nitidamente: -“Se mi prova, ne esco come oro”-.

E se continua a provarmi, invece di 10 carati, aumento a 14 carati, a 18 carati e persino a 22 carati, ma brilleró!!

 Così che, benedetto, io credo che in questo giorno il Signore desideri che abbiamo buon udito.

La gente non ha udito oggi. Stiamo trattando con carne.  E vedi che Dio dice che “distruggerà le due terzie parti della carne sulla terra”, così che non ti sorprendere con ció che viene, perchè continueranno i morti. Io ti ho avvisato al principio dell’anno 2010, “RIEMPIRÒ LA TERRA DI CADAVERI” e questo è quello che stiamo vedendo, ma tu sarai protetto.

 Tu sarai protetto, sai perchè? Per ESSERE PROVATO. Gli altri saranno distrutti. Tu verrai appartato per essere provato dal fuoco e tireranno fuori da te la misura più bella.

È per questo che tu sei l’Amata, è per questo che tu sei la rivestita del Signore, ma guarda, bisogna darti, bisogna togliere il carbone per far sí che questo diamante brilli, perchè se no macchia il vestito della sposa, della rivestita, si macchia con tanta carne e tanto raziocinio e tanta lamentela.

 Così che benedetto, ti dichiaro: REGNANDO IN VITA,

ti dichiaro: IN TRIONFO, SEMPRE STAI IN TRIONFO;

ti dichiaro: SANO;

ti dichiaro: IN ABBONDANZA;

ti dichiaro: PROSPERO;

ti dichiaro: IN BUON ANIMO.

 Benedetto con tutte le benedizioni, sarà fino ad una prossima occasione.

provati dal fuoco - ricalchi 2013

 M D C L X X V I

1000 600 100 60 10 6

SEMINARIO CARTAGENA

.

APOSTOLO JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

3  di aprile del 2013

Bene, cominciamo, useremo le nostre Bibbie per un buon tempo: andiamo a cercare Giovanni 10:16.

 

“Ho anche altre pecore che non sono di questo ovile …”

 

Gesú di Nazaret stava parlando di noi, dei gentili:

 

“…anche quelle devo…” cosa? “…portare…”

 

Tu arrivi o ti portano?

C’é libero arbitrio?

É un Suo dovere portarti! Chi che non é arrivato é perché Lui non lo ha portato ma se tu sei arrivato non pensare di essere arrivato da solo, tu sei stato portato. Di piú: tu sai come dice una versione? “Anche quelle devo trascinare…”, perché, a volte, tu non vuoi venire. Guarda cosí: ti portano per mano: -“Vieni… queste le devo trascinare perché non vogliono venire”-.

 “…ed udranno la Mia voce…”

 

Ascolta, quella vocina… ti ricordi quella vocina?

Ah, e quella voce stava sempre con te, perché ti avvertiva: -“Non fare questo che cadrai, se fai questo ti succederá quello…”- e esattamente ti succedeva.

“…udranno la mia voce;

e ci sará…” …moooolti greggi! “…un gregge…”  

 e mooooolti pastori “…e un pastore.”

 

Questo non si era mai compiuto. Tu sai quando si é compiuto questo? Quando poco fa io ho detto: -“Il termine «pastore» scompare!”- perché mi sono reso conto che é: “un solo pastore”!

Perché, immaginati: se ci sono molti pastori, c’é differenza di insegnamento. Tu non sei tenuto ad insegnare niente! Tu sai che a volte io ricevo e-mail che dicono: -“Quando Lei termina, il mio pastore torna a ripetere lo stesso che ha detto Lei come se noi non avessimo capito”-.

Di piú, mi hanno detto di alcuni che io parlo 30 minuti e loro parlano 30 minuti dicendo:

-“Guarda, quello che Lui ha detto é stato questo…”-

-“Che? Per caso io sono un bruto che non ho capito? Perché tu me lo devi ripetere?”-.

Questa é la voce del Signore. Tu intendi. Guarda: se tu sei un eletto, in quanto si dice qualcosa cosí, tu lo afferri lí nello stesso istante, vero?

“Ci sará un gregge”. Tu sai che Crescendo in Grazia é un solo gregge, perché? Perché ha un solo pastore. Ah, e tutti dicono lo stesso, cantano lo stesso, si esprimono nello stesso modo, sentono lo stesso: un sentire, una stessa opinione, uno stesso procedere, uno stesso insegnamento.

-“Questa gente parla tutta uguale. Tutti dicono: “Benedetto”. Tutti dicono: “Abba Padre”. Tutti dicono: “Lo ricevo”. Tutti dicono: “Sono completo”-. Non c’é differenza!

(Ovazione)

Questo non era mai successo sulla faccia della terra!

É per questo che Gioele ha dato chiavi, codici segreti, ha detto: -“Guarda, per far sí che sappiate quali sono i giorni del Figlio dell’Uomo: ci sará un popolo come mai c’é stato sulla faccia della terra!”- e qualcuno ha detto: -“Perché? Avranno due teste, quattro orecchie e dieci dita in ogni mano?”-

No. Perché é un popolo che dice la stessa cosa!

Mettiti in quel sistema putrefatto… religioso, evangelico, pentecostale, cattolico. Mettiti lí per vedere come parla quella gente: quella gente non sa parlare, sono muti, sono orfani, non hanno padre e tutti differiscono. La chiesa all’angolo dice una cosa, l’altro pastore un’altra cosa… loro credono di essere pastori, guarda… e tu li vedi con la loro Bibbia, si mettono a studiare il sabato e scrivono un sermone grande cosí. E questo sermone é differente al sermone del pastore dell’angolo.

Tu lo hai notato? Accendi la televisione e mettiti ad ascoltarli ed in mezz’ora vedrai: -“Ascolta, peró questo ha detto questo e quell’altro ha detto quest’altro”- perché stanno in diversitá. L’unitá dello Spirito non gli é arrivata.

E perché qui si intende questo? Perché queste sono le evidenze del fatto che Gesucristo é giá arrivato. É per questo che diciamo lo stesso. (Applausi)

-“Sí, peró Lui é indemoniato, perché Lui fa qualcosa a questa gente che li rende insopportabili: non sopportano un “alleluia”, non sopportano un “Dio ti benedica”… lí c’é qualcosa! Questa gente improvvisamente cambia e si marcano quei tre sei (666). Quello lí é diabolico, guarda. E non mi dica: -“Benedetta”- che io non vendo AIDS”-*.

*gioco di parole: nell’idioma spagnolo la parola “Benedetta” si scrive “Bendecida” e si legge “Vendesida”. “SIDA” é la sigla abbreviata che indica la sindrome da immunodeficenza acquisita che in italiano é conosciuta come AIDS quindi, unito al verbo “Vende” che si traduce con “Vendere” si presta al malinteso “VendeSIDA” ossia: “Vende AIDS” -ndt

Guarda che bruti sono. Cosí ha detto una lá: -“Io non vendo AIDS!!”-.

Giovanni 10:21 cosa dice? Che siamo indemoniati?  Guarda quello che dice:

“Dicevano altri: Queste parole non sono di indemoniato.

Puó per caso il demonio aprire gli occhi dei ciechi?

 

A quanti gli si sono aperti gli occhi qui? (Ovazione)

Gli occhi dell’intendimento, Efesio 1:18. Questi sono gli occhi che bisogna aprire, perché questi altri (gli occhi fisici) sono aperti per vedere quello che a volte non si deve vedere. Ma quando gli occhi del tuo intendimento si aprono ci sono cambi.

La stampa mi diceva: -“E Lei fa miracoli come Gesú di Nazaret?”- ed io dicevo loro: -“No, non come Lui. Lui ne ha fatti molto pochi, ne ha fatti molto pochi. Io ne faccio piú di lui”-. (Applausi)

-“Quali, per esempio?”-

-“Ebbene, io cambio l’ ignoranza in sapienza”- perché guarda: tu hai imparato a parlare… per la prima volta, dopo essere cresciuto, hai imparato a parlare. Ti si sono illuminati gli occhi ed hai detto: -“Sono un benedetto”-. E quando viene qualcosa di negativo, dici:  -“Non lo ricevo”- perché ti si sono aperti gli occhi.

Che bella é questa parola, vero?

Tu sai a chi devi dare la colpa delle necessitá economiche che, temporaneamente, tu stai vivendo? Che sono menzognette che a volte ci pregiudicano e ci portano la sofferenza che tu non possa comprare l’ultima marca di tennis a tuo figlio, che non possa avere l’ultimo apparato elettronico, che tua figlia non abbia una laptop nella tua casa… e viviamo necessitá. Ma tu sai chi é il colpevole di questo? La gran puttana, naturalmente, peró osserva che non é mai arrivata l’informazione del cristianesimo in Colombia. Non é mai arrivata l’informazione!

Io ho detto a quello della stampa: -“Quello che succede é che voi non avete mai udito il vangelo!”- e si é sorpreso. Gli ho detto: -“Voi non siete cristiani!”-.

In Colombia non ci sono cristiani … bene: voi! Crescendo in Grazia.  (Applausi)

I primi cristiani sono arrivati in Colombia quando io sono venuto in visita. Il 13 di novembre del 1993 é arrivato in Colombia il primo cristiano! (Applausi)

-“Apostolo, peró qui c’era la chiesa cattolica dell’ angolo…”-

Quello non é cristianesimo.

-“Ci sono i pentecostali…”-

Quello non é cristianesimo.

-“Ci sono i mormoni…”-

Quello non é cristianesimo.

Quello non é cristianesimo! Torno a ripetere: COLOMBIA NON AVEVA MAI UDITO IL VANGELO. IO HO SCOPERTO COLOMBIA. (Ovazione)

Adesso, se il Papa mi dice che vuole parlare con me, io non posso infettare le mie orecchie con un immondezzaio religioso come lui. Io non ho alcuna ragione per incontrarlo. (Ovazione)

-“Ah peró, Apostolo, é un privilegio che il Papa le dia udienza!”-

Un cosa??? Quella é una maledizione!! Io non ho niente di cui parlare con quella gente. Loro devono ascoltare la veritá del vangelo. (Ovazione)

-“Apostolo, il monsignore della cittá di Cartagena Le ha fatto un’ invito per parlare con Lei”-.

E di cosa deve parlare con me quello stregone? Questo sarebbe molto onore per lui. Io… Gesucristo  Uomo arrivare e parlare con quello? (Applausi)

Immaginati…

Andiamo a vedere Romani 15:21.

“Ma, come é scritto: Coloro ai quali non é mai…”

 

I gentili, naturalmente, sta parlando di loro:

 

“…Coloro ai quali non é mai stato annunciato, vedranno …”

 

Peró, come fanno a vederlo? Sí, perché dice:

 

“…Coloro ai quali non gli é mai stato annunciato, vedranno …”

 

Per “vedere”, devono vedere qualcuno. Non puó essere nel cielo lassú:  -“L’ho visto…”-.

 

“…e coloro che non Lo hanno mai udito …” cosa? “…intenderanno”.

 

Peró, se Gesú di Nazaret era giá morto in quel tempo. Qui era giá venuto Paolo, giá convertito, cinquanta anni dopo e quindi, sta parlando ai romani e gli sta dicendo: -“Guarda, Lui un giorno verrá, lo vedranno, lo vedranno e coloro che non hanno mai udito di Lui, intenderanno”-.

Quindi la domanda é: perché succede questo? Questa necessitá?

Quindi il verso 22 lo spiega:

 

“Per questa causa mi sono visto impedito molte volte di venire da voi.”

 

Parlando della Spagna. Guarda come dice il verso 24:

“Quando andró in Spagna, verró da voi perché spero vedervi al passare,

ed essere incamminato lá da voi…”

 

É arrivato in Spagna, Paolo? Non é arrivato in Spagna.

E chi ha evangelizzato i nostri paesi? Non sono stati gli spagnoli? Sono stati gli spagnoli.

Quindi se Paolo non é arrivato in Spagna e gli spagnoli sono venuti nelle nostre terre a predicare il cosiddetto cristianesimo, che tipo di cristianesimo ci hanno predicato, se  Paolo non é mai arrivato in Spagna?

Perché osserva come dice il verso 29:

 

E so che quando verró da voi …”

 

 …e se fosse arrivato in Spagna…

 

“…arriveró con abbondanza della benedizione del vangelo di Cristo.”

 

Il vangelo di chi? Quello che Cristo non ha mai predicato. O meglio, Cristo ha detto: “Io ho molte cosa da dirvi, ma non ve le diró:  pregheró mio Padre perché invii un altro, il Consolatore. Ah, e quando Lui verrá, questo “Altro” …”. Quello che succede é che era in due giorni: lui ha detto che “…al terzo giorno vi daró vita”, Osea 6:2. Erano due millenni. Dice che “…quando Lui verrá, Lui vi insegnerá”.

-“No, quella é la colomba, Apostolo!”-.

-“Le colombe non insegnano, non é una colomba. Quando Lui verrá fará il ruolo di maestro: Lui non vi metterá a gridare, Lui vi spiegherá, Lui vi insegnerá”-.

Ma cos’é successo? Che lui non ha potuto portare questa informazione. Adesso, osserva che dice che questi gentili, che in questo caso li rappresenti tu oggi, quando vedranno, crederanno… ma lui non é potuto arrivare in Spagna, perché se fosse arrivato in Spagna, a noi sarebbe arrivato il vero vangelo. Ma questa é una causa, é un atto predestinato che Dio non ha voluto che lui arrivasse.

E chi ha utilizzato Dio per far sí che non arrivasse? Quelli della Giudea. Guarda come dice lí nel verso 31, perché é stato impedito?

“…perché sia liberato dai ribelli che stanno in Giudea, e che l’offerta del mio servizio ai santi in Gerusalemme sia accetta.”

 

I ribelli… chi? Chi c’era in Giudea? I …cosa? I giudei!!

E, cos’era Pietro? Giudeo?

Osserva che il mistero dell’iniquitá sta lí… coloro ai quali piace studiare e piace chiacchierare e piace filosofeggiare, ebbene, filosofeggino con questo, perché la ragione per la quale il mondo sta in povertá, la ragione degli abusi ai bambini, la ragione della criminalitá, la ragione dello scorretto uso delle droghe, la ragione della delinquenza, la ragione della povertá nel mondo ce l’ha il papato romano. Per questo il Vaticano deve bruciare, deve scomparire, perché loro hanno fastidiato il mondo per duemila anni. (Applausi)

Tu sai che qui in Colombia voi avete un mucchio di cattedrali cattoliche, qui? Qui in  Cartagena io ne ho viste un mucchio. Tu sai i crimini e gli abusi sessuali che ci sono stati lí? Quando io stavo venendo qui, tu sai le bestemmie e le sozzerie che sono state commesse dentro a quegli edifici?

Ogni persona che professa il celibato ha il potenziale, nella sua carne, per abusare di un bambino. In quanto tu dici: -“Non mi sposeró per amore a Cristo”-, in quanto tu giuri  celibato, lí, in quel momento tu stai dando fuoco al “genere diavolo” nella tua carne e ti si manifesteranno i desideri sessuali con bambini, con suore, con un altro uomo o con chi sia, ti si manifesteranno!

Pertanto, se il Papa é rappresentante del celibato, anche lui é un omosessuale mascherato, pedofilo, che ha tirato fuori una lista di nuovi peccati ma non ha incluso questo. (Applausi)

Questi sono i nemici che bisogna mettere sotto i piedi della chiesa. É contro questo che stiamo lottando, contro la menzogna di Roma, contro la menzogna dei religiosi evangelici, bugiardi che imitano Roma con un falso vangelo. HO LE PROVE! PARLO CON AUTORITÁ! IO SO QUELLO CHE STO DICENDO!! (Ovazione)

E, se c’é qualcuno che ci visita, guardi Galati 2:7 per far sí che intenda che cos’é quello che sta succedendo, qual’é il punto, dove tu sei stato ingannato:

“Anzi, al contrario…”  ha detto Paolo  “…siccome hanno visto che mi era stato affidato il vangelo della incirconcisione, come a Pietro…”  quale?  “…quello della circoncisione.”

 

Lí ci sono due vangeli!! La domanda é: quale hanno predicato a te?

Quello della circoncisione appesta, é scaduto duemila anni fa.

Tu hai visto nella tua casa un prodotto che ha una data sulla lattina? E se a te regalano una lattina di quelle di gamberoni in latta, con dentro un pochino di caviale, e dice: “data di scadenza anno 2002”… tu ti mangi quei gamberoni?

O, una lattina di fagioli, di quelli in latta… e tu domandi: -“Qual’é la data di scadenza?”-

-“Bene, questa lattina me l’ha lasciata lí mia nonna. Prima di morire ha lasciato alcune lattine nella dispensa”-.

Quando tu apri quella latta e metti il naso lí …

Adesso, quando a te vendono un’informazione che é scaduta quando Cristo é morto, duemila anni di scadenza e ti aprono questa latta di spazzatura religiosa e tu lo annusi… ascolta, che buon olfatto hai tu! Ti sei reso conto che quello che hai é spazzatura? Quello che ti hanno venduto in quei templi protestanti, pentecostali é spazzatura. In quei templi cattolici che puzzano di umiditá. Quelle sottane vecchie, sudice, quei pavimenti polverosi, quei banchi… tutta quell’ immondizia che c’é lí.

Tu sai cosa significa questo? Che tu lavori per mandare i tuoi figli al miglior collegio della cittá…

-“E dove studiano i tuoi figli?”-

-“Nel Collegio Sacro Cuore”-

-“Ahi, lí sí che é buono”-.

-“E i tuoi?”-

-“No, i miei studiano in una scuoletta in giro, pubblica…”-.

Quella é meglio!!!

-“É una Scuola di Governo…”-.

Ebbene, molto meglio che un collegio cattolico di quelli, che lí c’é il pedofilo che insegna, buttando giá l’occhio sul bambino. Quindi, tu lavori per mettere lí i tuoi figli perché te li violentino?

Pericoloso! Tu non puoi piú credere in questo… e devi parlare, perché é tempo di parlare!! Questo é il tempo della Riforma. Prima no, altri parlavano peró non li hanno neanche ascoltati ma oggi, oggi é il momento della Gran Riforma. E a me non potranno azzittire perché a me hanno messo dei pantaloni tremendi per questo. A me non mi vanno ad azzittire!! (Ovazione)

A me, quello che possono fare é cercare di uccidermi… se possono! Peró, come fanno ad uccidere Gesucristo? L’altro lo hanno ucciso perché doveva morire, ma io no!!

 I MIEI ANNI NON TERMINERANNO!!!

VIENE LA TRASFORMAZIONE, CARTAGENA. VIENE LA RICOMPENSA DEL VANGELO DELLA INCIRCONCISIONE.

 

TEMPO DI RIFORMA!! TEMPO DI EREDITARE!! TEMPO DI TRASFORMAZIONE!! QUESTO MONDO PRESTO SOFFRIRÁ UN CAMBIO DI SISTEMA. (Ovazione)

Tu sai che quando Gesú di Nazaret é morto, il cielo e la terra sono stati… cosa? Sono stati cosa? Riconciliati!! E quindi, dove sta il cielo? Qui. E tu dove stai? Seduto con chi? Con Cristo! Dove? Nei luoghi celestiali, Efesio 2:6. Siamo giá seduti!!

-“Ah, quindi, questo mondo non scoppierá?”-

No: Papá ama questo mondo, questo mondo é bello.  Papá lo ha fatto per far sí che rimaniate per sempre… persino i passerotti saranno eterni, immaginati. Persino i cani saranno benedetti. Sará un mondo perfetto!! (Applausi)

Io ho giá avuto rivelazioni su questo.

Andiamo a cercare Colossesi capitolo 1, verso 15, che c’é una cosa lí ben bella, del visibile e l’invisibile. Dice:

 

“Lui é l’immagine del Dio invisibile …” (Ovazione)

 

Ascolta, e il primo di questa creazione…

 

“…il primogenito di tutta la creazione.

 

Perché in lui sono state create tutte le cose …”  quante cose?  “…tutte le cose…”

 

quelle che ci sono…  dove?  “…quelle che ci sono nei cieli e…” dove?  “…quelle che ci sono sulla terra …”  una é la terra e un altro é …cosa? Il cielo!  “…visibili e invisibili…”

 

Alcune sono visibili ed altre …come? Invisibili. E tu chiami le invisibili come se fossero come? Visibili. Devi cominciare da adesso!

“…quelle che ci sono nei cieli e quelle che ci sono…” dove? “…sulla terra…”

 

Ascolta, vuole dire che ci sono creazioni in entrambi i luoghi. Peró …e perché io sono sottomesso solo a quelle che si vedono? Perché tu stai in un corpo corrotto, dove hai un 15% di visione.

A me, a volte, danno ampliamento e vedo cose che non ho visto prima. Per esempio, nel momento in cui é arrivata la mente di Cristo a me, ebbene, me l’hanno ampliata ed io ho visto quei due angeli, robusti cosí, ben robusti, severi come solo loro possono, ragazzi! Io ho pensato che fossero amichetti cosí come siamo noi qui: -“Ciaooo!!”-. No, erano cosí: saldi, con un proposito!!

Ogni volta che si manifesta un proposito che dá un cambio alla creazione appaiono questi due angeli. Cosí dice nei libri storici: che appaiono due angeli nella tomba per annunciare… sempre ci sono due angeli. E, in Sodoma e Gomorra, quanti ce n’erano? Due. Ogni volta che vengono cambi, vengono accompagnati.

E quindi dobbiamo tenere in conto che stiamo parlando di due creazioni.

-“Ah, peró io non le vedo ed io quello che non vedo non lo credo. Io sono come Tommaso, che devo vedere per credere”-.

Peró, osserva, che cosí si é dato quel caso nel vecchio patto, che stava il servo di Eliseo, che gli hanno ampliato la vista perché vedesse. E quindi Eliseo stava tranquillo, tranquillo. E quindi il servo gli diceva: -“Ma come puoi stare tanto tranquillo con tanti nemici?”-.

Osserva cosa significa avere rivelazione. Quando tu stai con una persona a lato che non ha rivelazione, é un tormento. É per questo che Gesú ha detto: “Io sono venuto a dividere una famiglia, tre contro due e due contro tre.” e che ti dicano: -“No, ma é che Cristo viene a unire, non a dividere”-.

Quando tu hai qualcuno a tuo fianco al quale sgorga acqua amara dalla bocca, e a te sta sgorgando acqua dolce… questo é un problema tremendo.

E quindi, Eliseo per non doversi separare da lui, per non allontanarlo, ha detto: -“Signore, dai una ampliazione alla vista del mio servo, perché se no dovró allontanarmi da lui”- e quindi, l’angelo gli ha toccato la vista e gli ha fatto… zummm: e quando ha visto cavalieri cosí… ma migliaia e migliaia, un esercito che accampava, quindi il servo ha detto: -“Wooowww!!! Che tremendo é questo!!!”

-“Ah, quindi perché lo vedi dici che é tremendo? Ebbene, guarda, tu lo hai visto adesso ma io lo sto vedendo da vario tempo. Qui va tutto bene, quello che si lamenta sei tu che vedi sempre che le cose vanno male. Tu stai sempre chiamando male le cose: tu devi apprendere a chiamare le cose che non sono come se fossero, perché stanno provando la tua confessione”-. (Applausi)

…ed mmediatamente, tutto é andato bene.

Guarda, io a volte passo alcune situazioni in Miami delle quali nessuno si rende conto. Io non sono tenuto a parlare di queste cose: io sono tenuto a parlare del vangelo!! Immaginati che io vada sul pulpito: -“Fratelli, guardate… io penso che questo …”-

Per questo, colui che sale qui sia per dirigere una canzone, sia per cantare, sia per dare un annuncio, colui che sale lí, se é contaminato, fotte la congregazione… o ti danneggia l’ambiente e quando viene un altro, é giá tutto negativo perché questo é materia di spirito, di contaminazione di spirito.

Guarda, quando io salgo, io ho giá i miei annunci: -“Dico questo”- o -“Non lo dico”-… questa cosa di salire cosí perché tu credi di essere un generale… tu stai giocando con cose molto importanti, perché tu stai giocando con l’Amata e l’Amata deve essere rispettata, non importa chi sia tu! Tu non puoi parlare all’Amata ció di cui ne hai voglia solo perché sei un collaboratore o perché ti hanno dato una posizione.

Guarda quello che vi é successo, per stare giocando con chiacchiere e con invenzioni e con sogni. Qui non ci conduciamo per storielle: che se tizio, che se caio… qui, tu non sei indispensabile. Qui tu sei sottomesso e se non sei sottomesso… neanche io sono indispensabile se non mi sottometto a questa parola!! (Applausi)

É lí che sta l’umiltá: “…che tu non abbia piú alto concetto di te di quello che devi avere”. Pensa di te stesso con buon senso: sii umile, manifestalo. Quando tratti con l’ Amata, tu devi saper parlare, perché guarda: l’Amata é il supervisore del regno.

E quando un collaboratore, vescovo o chi sia, esce dal seminato tu sai che l’Amata grida. Immediatamente arriva tutto a me, mi arriva un messaggino elettronico, mi arriva un avviso. Ed io non agisco cosí… perché sí, rapidamente. No, io dico: -“Ascolta, che strano é questo…”- peró poi appare un’altra cosina per di lá. E io le dó tempo: fattore tempo!

Quindi, tutti noi dobbiamo fare attenzione con quello che diciamo, quello che pensiamo, quello che compartiamo, quello che diciamo a chi ci sta al lato, perché stiamo giocando con una vita: tu puoi dare una cattiva informazione a qualcuno e distruggerlo. Devi fare attenzione a quanto rapidamente parli, a quanto lentamente parli, se é il momento adeguato, aspettare il momento del Signore per parlare di questo ad un fratello, per dirgli questo. Perché poi commetti l’errore e ti penti: -“Perché io ho dovuto parlare di questo, Dio mio…”-. I pesci muoiono per la bocca, vero?

Romani 15:29   

 

Io so che quando arriveró in Spagna, arriveró con l’abbondanza…”

 

…con cosa?

 

“…con l’ abbondanza della benedizione del vangelo di Cristo.

Abbondanza della benedizione del vangelo di Cristo!

Quindi, se la Spagna, quando ha inviato La Niña, La Pinta e La Santa Maria con l’informazione che portavano, ha inviato abbondanza di benedizioni, perché i popoli stanno come stanno? Perché i popoli stanno come stanno??

Non hanno portato il vangelo di Cristo: non é arrivato in Spagna, non é arrivato a Cartagena, non é arrivato al Caribe, non é arrivato ai nostri popoli. Ai nostri popoli sono arrivati dei sacerdoti con una medicina che era scaduta duemila anni fa… che quando Gesú di Nazaret ha parlato di questa medicina, ha detto ai discepoli: “Per cammino di gentili non andate. Non portate questo ai gentili, che per loro io ho una cosa molto migliore”.

Peró, é arrivato il vangelo degli apostoli e tu sai chi sono gli apostoli? Paolo li identifica cosí gli apostoli: nella Seconda carta ai Corinzi, lui li identifica nel capitolo 11, versi dal 13 al 15. Io voglio che voi sappiate chi é stato il primo papa, chi forma tutto questo pasticcio che c’é in Roma, chi sono i leaders che danno ordini ai presidenti.

2° ai Corinzi 11:13-15, dice:

 

“Perché questi sono falsi…”  cosa?  “…apostoli…”

 

Piú di uno… ah: e non c’erano altri apostoli in quel tempo! Gli unici che c’erano erano gli undici, perché Paolo é quello che sta accusando gli undici, Paolo non si sta includendo.  Paolo dice:

 

“…questi sono falsi apostoli,

operai fraudolenti che si mascherano come apostoli di Cristo.”

 

Usano maschere, usano croci, simulano pietá. Simulano pietá.

Tu hai visto il papa quando parla? Bla, bla!!!!

Verso 14:

 

“E non da meraviglia perché lo stesso Satana si traveste come angelo di luce.”

 

Questo é Pietro. É stato a lui che (Gesú) ha detto: “Appartati da me, Satana.”

 

“Cosí che, non é strano se anche i suoi ministri si mascherano come ministri di giustizia,

la cui fine sará secondo le loro opere.” 

Quindi stiamo nella tappa finale, al giro finale. Si sta avvicinando il giorno. Il giorno sta arrivando e lo aneliamo, lo aneliamo!

Tu sai perché gli evangelici ed i pentecostali non parlano della trasformazione?

Perché la trasformazione viene dopo la venuta di Cristo. Peró, siccome loro lo stanno aspettando, come fanno a parlare di trasformazione? Dicono: -“No, no, di questo non possiamo parlare, prima deve venire Cristo a cercare la Sua chiesa. E venire ed andarsene, e portarsela per di lá sulle nubi!!”-  ossia che non ha tempo di consolare, di insegnare, perché Gesú ha detto che sarebbe venuto un altro Consolatore e che quando lui arriverá, ci dirá tutta la veritá e ci insegnerá tutta la veritá. No: non c’é tempo, quello é un rapimento!!

-“Peró, non ci educherá? Ci lascerá cosí, dicendo: -“Alleluia”-? Ci lascerá ancora con: -“Dio ti benedica, Dio ti conservi”-? ”- …  con questo vocabolario? Immaginati!! Quindi loro non possono parlare.

Io accuso oggi tutti questi falsi, fraudolenti. Tutti! Non sono cristiani. Gli unici cristiani si chiamano Crescendo in Grazia!! Gli unici in tutto il mondo!! (Ovazione)

 

Alziamoci in piedi e dí a colui che sta a tuo lato: -“Benvenuto signor cristiano!”- o signora cristiana … -“Tu sei cristiano. Ho un cristiano a lato”-.

Dí: Abba Padre! Benedetto con tutte le benedizioni. Completi in Cristo, piú che vincitori, sempre in trionfo, regnando in vita su ogni circostanza. (Applausi)

IL GOVERNO DI DIO, PARTE II (video)

.

 -

APOSTOLO JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

21 di novembre del 2012

Andiamo a cercare Proverbi 29:12.

Questo é il tema di questa notte: IL GOVERNO DI DIO, parte 2.

 

Dice:

“Se un governante presta attenzione alle menzogne,

tutti i suoi servitori sono…”

 

cosa?

 

“…empi.”

Con cosa si ha governato il mondo fino ad oggi? Che cos’é la circoncisione per il mondo? Una menzogna. É una medicina scaduta, quindi:

“Se un governante presta attenzione alle menzogne,

tutti i suoi servitori sono empi.”

e noi abbiamo le prove che fino ad oggi i popoli, i governanti hanno fornicato con la chiesa cattolica e la chiesa cattolica predica menzogne, perché loro predicano il vangelo che c’é stato prima della croce, quando c’era la legge, quando c’era la maledizione. La veritá comincia dopo la croce.

Ma i governanti… tutti! Se tu celebri attualmente la settimana santa, tu stai nella menzogna, se tu presti ancora attenzione a Gesú di Nazaret, tu stai in menzogna. Se tu credi ancora nel battesimo, nei riti, nelle cerimonie, nel prendere il bambino e fargli la prima comunione, tu stai in menzogna.

Il mondo intero sta in menzogna quindi, come sono i suoi servitori? Empi!

Osserva, io ho visto che ogni volta che l’apostolo Paolo parlava della famiglia, stava parlando di un Governo.  Sempre: lui vedeva tutto come un Governo.

Prima carta a Timoteo 3: 4, vi ricordate? Dice che le vedove governino le loro case, che i vescovi governino le loro case. Quindi lui aveva sempre questo nella mente… la parola “chiesa”, eclesia”: chiesa, i congregati in sé, non era questa la mentalitá che Dio aveva con Paolo. La mentalitá era formare un governo che diriga la gente.

Oggi no, oggi la gente dice: -“Bene, io andró in chiesa domenica”-. “Io andró…”, é qualcosa di mistico: “Io andró in chiesa domenica”.

Peró, no. Paolo quello che aveva sempre in mente é che fosse la chiesa chi governava i popoli e questo non é per dire: -“Andiamo a pregare la domenica e il mercoledí”-. No, no: questo sarebbe stato il governo!

Andiamo a cercare la lettera ai Galati 1:18, per intendere bene questo che abbiamo detto prima, dice:

“Poi, passati tre anni, sono salito a Gerusalemme per vedere Pietro,

e sono rimasto con lui quindici giorni; ma non ho visto nessun altro degli apostoli

se non Giacomo, il fratello del Signore”.

 

Ascolta, aveva fratelli, hai visto? E dicono che Maria ha avuto solo Gesú. Questo é un cugnetto (uno spunto) lí perché tu vada pensando…

…il fratello, ossia, il fratello carnale del Signore. Tu sai che la chiesa cattolica dice che Maria non ha piú avuto figli, che lei non ha avuto relazioni sessuali… che tonta! Come se questo fosse male, immaginati…

Adesso osserva: verso 18.

“Poi, passati tre anni, sono salito a Gerusalemme per vedere…”

 

chi?

 

“… Pietro…”

Chi é Pietro? Il primo Papa, vero? Il cosiddetto “primo Papa” ma era il leader della circoncisione. Il leader di tutti gli apostoli era Pietro.

Adesso osserva: perché nel verso 20, Paolo dice questo? Vediamo il verso 20:

“In questo che vi scrivo, ecco davanti a Dio che non sto mentendo.”

 

Perché lui mette tanto impegno nel dire che non sta mentendo?

-“Ebbene, se tu sei andato a vedere Pietro… cosa importa?”-

-“No, no! Io non sto mentendo in questo!”-

-“Che… é cosí importante che tu sia andato a visitare Pietro?”-

Chiaro, perché é stato lí che Paolo gli ha detto: -“Guarda, il governo che c’era nel vecchio testamento erano i giudici, Davide…”-

Chi era Davide? Un leader. Salomone? Leaderes di Dio. Nel vecchio testamento non c’erano governi separati dagli uomini di Dio. Chi era Mosé? Governanti, tutti... sempre!

I re: credenti! Credenti, peró era Dio colui che governava… Davide governava!  Quindi, che succede? Che quando Paolo va lí, dice a Pietro: -“Guarda, adesso viene una forma di governo differente”-.

Per questo quando lui ha incontrato Felice e gli ha parlato dell’amore, del dominio proprio, della giustizia, Felice si é spaventato ed ha detto:

 

-“Peró, ebbene… di che cosa stai parlando tu, Paolo?”-

-“Io sto parlando di un governo: viene un governo differente! Governeranno in maniera differente e questo governo avrá degli statuti che si chiameranno: Romani, Prima ai Corinzi, Seconda ai Corinzi, Galati, Efesini, Colossesi, Filippesi …”-

Questi sono gli statuti. É con questo che noi governeremo il mondo, quella spazzatura che hanno loro… guarda, dimmi una cosa: quale presidente sta dando esempio ora? (Nessuno!!) Perché? Perché, che cosa necessita un Presidente per governare? Potere di Dio. Potere? Il potere non sta nel denaro. Il potere sta nella conoscenza.

Ed io offro al mondo intero, attraverso questi schermi di televisione, una forma di governo differente e sta scritto nelle 14 epistole di Paolo. E, ai bambini, da piccoli faremo scuole nuove nelle quali gli diremo che sono angeli perfetti.

ABBA PADRE!

(Applausi)

Guarda, tutti questi congressi e tutte queste complicazioni che hanno loro e come complicano le cose: queste sono astuzie che fino adesso non hanno funzionato. Non gli hanno funzionato! Guarda: la moneta si é svalutata, tutto il mondo sta in problemi, c’é corruzione nella politica, ovunque c’é menzogna…

Io vi offro un governo, guarda, un affarone! Facile! Questo é facile!!

E tu sai qual’é il governo? Tu sai in che maniera io governo Crescendo in Grazia, vero? É ben facile: Ci sono i Vescovi e quindi, uno si sottomette all’altro, uno si sottomette a quello e, alla fine, arriva da me l’ultima decisione. Facile!

Io non mi rompo la testa e nemmeno mi vengono i capelli bianchi per questo, e dico: le canizie non sono male ma, nel mio caso, a me non vengono canizie per questo! Se mi viene un’altra cosa che mi venga un’altra cosa ma, nel mio caso, non sono tinto, sai? Questo é il mio, no, no… e se me lo devo tingere, me lo tingo, questo non é un problema… che parlino le donne qui, per vedere se sono tinto!

Ma guarda, quando si governa nella maniera di Dio tutto viene facile: c’é giustizia, c’é equitá, c’é prosperitá per tutto.

Quello che stanno cercando Chávez e Fidel Castro é uguaglianza. Non é quel comunismo: noi siamo i veri comunisti perché tutto il mondo sará prospero.

Quello che cercano Chávez e Fidel e tutti questi leaders, ció che li mantiene emarginati é quello che noi offriamo ai popoli: uguaglianza, prosperitá per tutti, salute. Di piú, é un governo dove gli ospedali saranno cosí: piccolini… non ci sará neanche assicurazione medica. Fino ad oggi io non ne ho neanche una… ci saranno ospedali per i deboli nella fede… di piú, andranno all’ospedale di nascosto: -“Non dirlo a nessuno, vado dal dottore…”-

Questo sí: che ci saranno molti manicomi, perché questo é da pazzi, ha ha ha ha ha …

Guarda quello che dice in Osea. Osea capitolo 1, versi 10 e 11 (Osea capitolo 2:1-2 ed. Cei)

Parleremo adesso molte volte di GOVERNO, perché si avvicina il momento… si sta avvicinando il momento

Guarda quello che dice:

“Con tutti, sará il numero dei figli di Israele come la sabbia del mare,

che non si puó misurare né contare.

E nel luogo dove gli é stato detto:

“Voi non siete il mio popolo” verrá detto loro: “Siete figli del Dio vivente”.

                                                           

“E si congregheranno i figli di Giuda e di Israele,

e nomineranno UN SOLO CAPO…”

 

UN SOLO CAPO

(Applausi)

“…e usciranno dalla (loro) terra; perché il giorno di Izreél sará grande”.

Io ho cercato questa parola: “Izreél” e significa: “Semente di Dio”. Quando la semente di Dio governerá il mondo.

Lascia che continuino a burlarsi un pochettino. Guarda, la persecuzione che noi soffriamo é un “pizzicotto di un monco”. Voi avete visto un monco dare pizzicotti? Questa é una scemenza, aspetta che noi … quando verrá questa trasformazione… ascolta, tu vedrai giá come noi andremo… rideremo. Rideremo, questa é la nostra promessa!

E non é nell’aldilá, come gli evangelici dicono in giro che ci sono le strade d’oro e i mari di cristallo… io non so dove vedono mari di cristallo lá sopra…

É qui sotto!! Dio ha riconciliato il cielo e la terra e li ha unificati. Il cielo é qui!!

Quelli che sono partiti (che sono morti) in questo stesso momento ci stanno ascoltando, perché stanno nella Nube. Il paradiso é la Nube di Testimoni che é qui vicino (a noi): nessuno se n’é andato da qui verso nessun luogo… é che sono senza corpo! Tu hai un corpo e l’ altro non ha corpo. I benedetti che partono dal corpo, immediatamente se ne vanno in quella congregazione. Quello che succede é che con il 15%… gli altri hanno il 10 % ma quelli del Ministero Crescendo in Grazia che hanno il 15% dei loro occhi illuminati: lascia che ti aumentino ad un 25%, o ad un 100 %, immaginati… li vedrai chiaramente!

(Applausi)

Quindi: il GOVERNO comincia con la famiglia.

Tu ti sposi, hai figli, li educhi da piccoli: -“Regnando, hello!! Ricevi il miglior giorno della tua vita…” al bimbo, lí, poco a pochino “…sei benedetto, sei completo…”- e si va formando. Per questo la Super Razza sta come sta. Questa Super Razza, i nostri figli che stiamo educando. É cosí come si forma un governo: con gente, la famiglia della fede.

Quello che Paolo ha detto a Pietro in quei quindici giorni é stato:

-“Guarda, da ora in avanti, Pietro… io sono apparso come un aborto, io vi ho perseguitati perché non intendevo, ma lascia che ti dica, Pietro: non si dice “Dio ti benedica”, sai Pietro? Si dice “Benedetto”!!”-

-“Ah, mi sgridi, pure? Tu sei arrivato l’altro giorno!!”-

-“Bene, io sono arrivato ultimo, come un aborto, peró ho fatto piú di tutti voi”-

-“Peró, peró… dicono che tu non battezzi?”-

-“No, perché questo é un rudimento”-

-“E, la santa cena, non la prenderemo piú?”-

-“Quello é un pezzo di pane, Pietro, non essere tonto, bambino. Se giá la pasqua é stata sacrificata!!”-

-“Ah, e quindi questo non serve?”-

-“No. Tutti i rudimenti che Gesú di Nazaret ti ha insegnato, in questo nuovo governo, non servono!”-. 

Quei quindici giorni!

Cosa hanno fatto in quei quindici giorni? Giocavano a golf o cosa stavano facendo? Vedendo la televisione? Giocando…? Lí non c’era niente di questo. Quindici giorni! Tu sai cosa sono quindici giorni? Non c’erano né le “telenovelas”, non c’era la televisione, non c’era la radio. Non c’era niente!

E perché doveva stare quindici giorni con quell’uomo? Di cosa credi che gli stava parlando? Di qualcosa gli stava parlando lí, che da lí un Pietro, un animale come Pietro che era un uomo del volgo che non sapeva niente della Bibbia, non sapeva niente dei profeti, perché Dio lo ha scelto cosí, lo ha scelto bruto per fare la sua porcheria che ha fatto fino ad oggi.

Un uomo che non sapeva niente e Paolo ha dovuto dirgli: -“Guarda, Pietro, é che guarda, quello che tu sai fare é pescare, questo é ció che tu hai fatto tutta la tua vita”-.

-“Sí”-.

-“Tu sai chi é Isaia?”-

-“No…”-

-“Tu sai chi é Geremia?”-

-“No…”-

-“Ossia, tu non sai niente di niente…?

-“No, io quello che so fare é pescare”-… e neanche questo, perché hanno dovuto dirgli: -“Tira la rete qua”- perché neanche quello sapeva.

Ma in questi quindici giorni, quando lo ha visitato Paolo, l’uomo ha preso e gli ha detto:

-“Ascolta, peró Paolo, perché tu cammini sempre solo?”-

-“Bene, perché io ho il dono di continenza”-

-“Ossia, che tu non necessiti di una donna?”-

-“No…”-

-“Bene, io no. Io ho una donna… bene mia suocera ha dovuto essere sanata quel giorno che Gesú é andato e l’ ha risanata…”-

-“No, peró nel mio caso, ricorda che io sono il perito architetto, nel mio caso, a me é stato dato il dono di continenza”-.

E sembra che sia stato da lí che hanno inventato la storia del celibato, il celibato é nato da lí. Il celibato. E lui, da lí ha preso l’ idea: -“Io vado a montare questo, ascolta e Cornelio mi puó aiutare, perché Cornelio dá buone offerte ed é romano. Il Vaticano va a Roma”-.

É stato lí che é sorto tutto questo ed é cominciato un “chioschetto” piccolo lí, poi lui inmediatamente lo ha separato e ha lasciato che la politica prendesse spazio ed ha separato per denaro, per amore al denaro, per le offerte che portavano. Le case che vendevano erano per formare un governo di Dio.

Peró Pietro, “l’ iniquo”, il malvagio ha preso ed ha incominciato ad ammucchiare dicendo: -“Non conviene, perché dovrei dividerlo con i poveri”- come li chiamava lui: “poveri”. Paolo no, questa parola “poveri” é venuta da Pietro, il quale gli ha detto: -“Guarda, Paolo, ricordati dei “poveri”. E ancora Paolo disse: -“Mi ricorderó, nonostante loro non siano poveri per niente…”-

Ma quindi, questa storia dei “poveri” é cominciato con Pietro: -“Bene, io sono ricco e loro poveri”-. É lí dove é cominciato questo.

Chiesa, svegliati!

Governo, svegliati!

Si sta formando un GOVERNO PODEROSO!!

(Applausi)

Guarda, e si sta formando sotto il tavolo,  anche se io ho telecamere, ma continua sotto il tavolo, sotto al tavolo di coloro che mi stanno udendo: quando apriranno gli occhi tutti questi evangelici e tutti questi cattolici e tutti questi governi, io li avró nella mia tasca. Li tengo stretti per dare loro la vera forma di governo.

(Applausi)

Andiamo a cercare Isaia 55, per vedere quello che andremo a chiedere di imposte alla gente. Isaia 55 versi dall’ 1 al 7:

 “A tutti gli assetati: venite alle acque;

e voi che non avete denaro, venite, comprate…”

Ma come fai tu a comprare se non hai denaro, bambino?

Questa é la giustizia della fede: comprarlo gratis:

“…senza prezzo, vino e latte.

 

Perché spendete il denaro in ció che non é pane,

e il vostro lavoro in ció che non sazia?

Ascoltatemi attentamente e mangiate del bene,

 e si delizierá la vostra anima abbondantemente.

 

Inclinate il vostro udito…”

 

Perché é lí che entra la prosperitá.

“Inclinate il vostro udito e venite a me:

ascoltate e vivrá la vostra anima

e faró con voi un patto eterno, la misericordia assicurata a Davide.

 

Ecco che io l’ho costituito testimone ai popoli…”

 

Lí sta parlando di me. Il capo, guarda…

…ci sará un capo, guarda:

“…CAPO e …”

 

cosa?

 

“…maestro alle nazioni.”

Gesú di Nazaret ha insegnato? Paolo ha potuto insegnare? Gli hanno tappato la bocca! Chi ha insegnato? Gli evangelici? I cattolici, cos’hanno insegnato? SPAZZATURA é quello che hanno insegnato!

Dice: “alle nazioni”. C’erano le nazioni in quel tempo? É adesso che ci sono le nazioni. E chi sta insegnando alle nazioni?

Gesucristo Uomo!

 

Questo é profetico!! Oggi questo si compie qui, davanti a te. Questo é cosí!!

Abba Padreeee!!

(Ovazione)

Oggi si sta compiendo questo!

(continua l’ ovazione)

Il verso 5:

“Ecco,  chiamerai la gente che non conoscevi…”

Gente che non conoscevi? Dice:

“…e gente che non ti conosceva correrá a te…”

(Applausi)

Guarda: prepara la tua vita, che adesso ci sará un “fuggi fuggi” nel quale le chiese chiuderanno e ti diranno: -“Guarda, parlami di Dio, insegnami. Tu sarai questa chiesa? Tu sei marcado, guarda, con il sei, sei, sei (666), guardalo lí… ascoltami, parlami di questo!! Io voglio marcarmi, voglio tatuarmi. Io voglio questooooooooo…”-

(Ovazione)

La gente lo vorrá! Non ti vergognare di questo numero. Non ti vergognare di questo!!

(Applausi)

Dice:

“…la gente che non ti conosceva correrá a te,

a causa del Signore tuo Dio,

e del Santo di Israele che ti ha onorato.

 

Cercate il Signore mentre si fa trovare,

chiamatelo mentre é vicino.

Lasci il suo cammino l’empio, e l’uomo iniquo i suoi pensieri,

e tornate al Signore che avrá misericordia di lui,

e al Dio nostro, che…”

 

In quel momento no, in quel momento era occhio per occhio, dente per dente. Dice, “sará”, futuro.

“…sará ampio nel…”

 

che?

 

“…nel perdonare.”

Immaginati se “sará ampio nel perdonare”: se ha perdonato tutti i tuoi peccati. Tutti!!

Mi ha domandato… credo che sia stata TV AZTECA, mi hanno detto:

-“Ascolti, ma io vedo che Lei é molto amato dalla gente”-.

-“Sí, ma é che io ho fatto loro molto bene…”-

Poi arrivano e dicono: -“Ascolti, peró che fortuna ha avuto Lei che lo abbiano scelto per questo, vero?”-

Ed io ho detto loro: -“Dio non lavora con fortuna, fratello. Dio lavora con linaggio, con sangue”-.

Mi ha detto: -“Peró, com’ é che Dio lavora con sangue?”-

-“Io sono della Radice di Iesse. Il Germoglio. Il Rinnovo. Io sono di questa vena profetica: io ho sangue blu”-.

(Applausi)

No, no! É di un altro colore, é grigio!

E l’AIDS non puó (far nulla) con il mio sangue… guarda, neanche l’epatite A, B… ascolta tu sai che mi hanno detto che ce l’ho ancora lí, in attesa: epatite A, B e C. Ascolta, magari sia questa la ferita quella che gli hanno dato: dice che riceverá una ferita mortale ma non é morta, é vissuta, ebbene, magari sia questa, che non ne venga un’altra. Sí, perché la Bestia l’hanno ferita a morte, dice Apocalisse.

Tu devi intendere Apocalisse, questo Giovanni era ben confuso. Immaginate, ha visto Gesucristo Uomo come una bestia. Siccome prima si vestivano cosí, al vedere me con una giacchettina cosí ha pensato: -“É una bestia”-, perché prima, immaginati: loro erano tutti pelosi lí, con barba e tutto. Per questo ha detto: -“Che bestia! É bestialeee!”-

(Applausi)

Ah? Cosa dice? Ha ha ha ha… é BESTIALE!!

Ascolta, é che questo uomo é … osserva che lui vede una bestia. Ah: e perché doveva lottare contro i santi e vincerli! Questi evangelici in giro, quello che danno é pena.Tu li vedi in televisione: -“Signore, aiutami… aiutalo…”- quando é benedetto con tutte le benedizioni, -“Signore, guarda, rinnovami”-, quando ha giá la mente di Cristo attivata, -“Guarda, Signore, salvami del diavolo”-, quando il diavolo é stato distrutto: ebbene, bisogna lottare con questa gente e vincerli. La bestia lottava con i santi e li vinceva: quindi bisogna vincerli!!

Adesso, a noi qualcuno ci puó vincere?

(No!)

Perché? Perché siamo giá PIÚ CHE VINCITORI.

(Applausi)

Ascoltaaaa…!

Galati 3: 16, con questo terminiamo.

…che fortuna! Guarda: e che… che fortuna… credono che io abbia vinto la lotteria!!

Dice:

“Ora, é appunto ad Abramo che sono state fatte le promesse, e…”

 

a chi?

“…e alla SUA SEMENTE.

Non dice: “E alle sementi”, come se stesse parlando di molte, ma come ad uno:

“E alla tua semente”, la quale é…”

 

chi?

“… la quale é Cristo.”

E tu sai che Cristo ha una manifestazione A, B e C: Gesú di Nazaret, Gesú il Risuscitato e Gesucristo Uomo.

Quindi, questa é la Semente di mio padre Abramo, viene da lá. E dice che in Abramo, vero? “Siamo tutti benedetti con il credente Abramo” perché é cominciato lí.

E Abramo era giudeo? No. Era gentile: é lí che é cominciata la festa! Quello che succede é che poi, siccome i giudei erano tanto insignificanti, mi perdoni il popolo giudeo ma Mosé ha parlato di loro:

-“Guarda, Israele, non pensare di essere qualcosa di interessante. Io ti ho scelto perché sei quanto di piú insignificante ci sia su questa terra”-. Ma il “mambo” é cominciato con i gentili!!

(Applausi)

Ossia che i giudei qui non sono la “crema” dell’ assunto. Cosa dice la lettera ai Colossesi?

Andiamo a Colossesi 1: 27, per vedere quello che dice. Guardalo lí:

“…ai quali Dio ha voluto dare a conoscere le …”

guarda…

“…ai quali Dio ha voluto dare a conoscere…”

cosa?

“…le ricchezze di…”

 

cosa?

 “…della gloria di questo mistero tra…”

 

chi?

 

“… tra i gentili:

che é…”

 

chi?

“…Cristo in voi la speranza della gloria…”

Questa non é una cosa qualsiasi e non é per i giudei. É a chi Dio ha voluto darlo a conoscere: a noi, i gentili!!

E loro ci hanno trattati come cani per migliaia di anni e non solo ci hanno trattato come cani, che l’influenza mosaica ancora… Mosé, il dio di questo secolo, mantiene gli occhi dei credenti… li mantiene velati per colpa di quei giudei.

Loro sono quelli che hanno fottuto il mondo intero con questo vangelo di opere. Loro sono quelli che hanno importunato il mondo, la razza piú insignificante. E tu sai una cosa? Che sono quelli che hanno piú “argento” (denaro) oggi: hanno rubato i soldi, bisogna toglierglieli.

Quindi, i gentili sono i piú grandi. Osserva che Lui stesso ha detto: -“IO: questo lavoro é mio, Io chiameró Amata…” non i pastori “Io chiameró la non Amata “AMATA”!!”-.

E chi é stato il primo che ha chiamato AMATA la Chiesa? Gesucristo Uomo!!

Alziamoci in piedi, popolo poderoso, GOVERNO DI DIO!!

(Applausi)

DUE SEGNALI PER DUE APPARIZIONI

.

.

APOSTOLO JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

.

24 di ottobre del 2012

 .

.

Il Governo di Dio sta per manifestarsi. I governi umani sono già in bancarotta.

Tutti stanno fallendo, tutti i governi, c’è qualcosa di male e non si possono sistemare e questa è la vigilia dell’arrivo di un nuovo governo. L’unica cosa è che dobbiamo aspettare ancora un pochino mentre si trasforma la carne, perchè così sì che si governa. Perchè se uno si irrita molto, con un corpo glorificato può fare dei guai. Per adesso sta attuando la coperta, ma sarebbe bene la coperta e anche noi.

(Applausi)

Il ricalco che porto non me lo hanno dato oggi, me lo hanno dato ieri: -“Per lasciarti riposare…”- mi ha detto -“…te lo darò prima del tempo… non ti abituare! Ma te lo darò il martedì”.

Tema: DUE SEGNALI PER DUE APPARIZIONI.

Andiamo a cercare Luca capitolo 7, versi dal 18 al 22:

“I discepoli di Giovanni gli diedero

le notizie di tutte queste cose…”

“Queste cose” erano che lui stava arrivando, lui aveva appena risanato uno che era morto, lo aveva risuscitato. E quindi Giovanni aveva sentito questo, del fatto che lui aveva sollevato il figlio alla vedova di Nain e quindi, quando Cristo lo ha risollevato, o risuscitato, questo è arrivato a Giovanni il Battista.

Dice:

“E chiamò Giovanni due dei suoi discepoli e

li inviò a Gesù per domandargli:

Sei tu quello che doveva venire o

dobbiamo aspettare un altro?”

Ascolta, che onestà! Dice: -“Io mi aspetto che dica la verità, se è lui o se è un altro. Tu sei il Messia? Sei tu la radice di Iesse? Sei tu questo germoglio di cui ha parlato il profeta?”-

E quindi, guarda quello che gli ha risposto… prossimo verso, verso 21:

“In questo stesso momento ha risanato

molti da malattie e piaghe

e da spiriti cattivi, e molti ciechi…”

“Molti” …immaginati: ha lasciato tutti gli optometristi in bancarotta!

“…e a molti ciechi ha dato la vista”.

 

E rispondendo Gesù, disse loro:

“Andate, fate sapere a Giovanni quello che avete visto ed udito:

I ciechi vedono, gli zoppi camminano, i lebbrosi vengono sanati, i sordi odono,

I morti vengono risuscitati e ai poveri è annunciato il vangelo;

E beato colui che non trovi inciampo in me”.

Lui non stava dicendo niente di nuovo, questo è quello che aveva detto Isaia 35, versi 5 e 6: Isaia aveva già detto quali sarebbero stati i segnali di quel Messia quando sarebbe apparso nel suo tempo, migliaia di anni dopo.

Guarda quello che dice Isaia 35: 5 e 6, per dare compimento al segnale che lui era il Messia in quella prima manifestazione. Dice:

“Quindi gli occhi dei ciechi saranno aperti, e l’udito dei sordi si aprirà.

E lo zoppo salterà come un cervo e canterà la lingua del muto,

Perchè attingeranno acque nel deserto e sgorgheranno torrenti nella solitudine.”

…ossia, che Isaia aveva già annunciato questo segnale: “Come sapranno che Gesù di Nazaret è il Messia di quei tempi?”  Mediante questi segnali.

Per questo tu hai visto che i mezzi d’informazione, quando mi si avvicinano dicono: -“Lei sana malati? Lei rivive morti?”- … è che questi NON sono i miei segnali, questi sono i segnali di Gesù di Nazaret!!

Dico, e noi saniamo più di Gesù di Nazaret, ma non io: non come miei segnali, come vostri segnali, perchè dice che i segnali seguiranno voi, non me! Non è così?

(Applausi)

Questi segnali non devono seguire me. Adesso: questi segnali dovevano seguire Gesù di Nazaret per provare che lui era il Messia perchè il profeta lo aveva detto, ma non (devono seguire) me, perchè io non sono venuto per questo. Io sono venuto per qualcosa di più di questo.

Perchè… a cosa serve che io ti risani la vista o ti tolga una zoppìa se ti lascio bruto, ti lascio senza informazione. Come fai tu a regnare? Perchè prima eri zoppo e adesso non sei zoppo? Perchè prima non vedevi e adesso vedi? E come fai tu a regnare?

Dicendo: -“Guarda, Josè Luis mi ha risanato, adesso non sono zoppo”-? … -“Alleluia”- ? E poi questo non è regnare, dire: -“Alleluia”-  dopo la croce… immaginati.

È così che sta questa gente: che fanno segnali in giro, dicendo “alleluia”, dicendo “Dio ti benedica”“Il diavolo mi sta sorvegliando”“Cristo viene e io rimango qui”… è così che loro funzionano. Immaginati che genere di confessione!!

Ma quindi, questi segnali si sono compiuti in Gesù di Nazaret.

Adesso, osserva quello che dice Atti degli apostoli capitolo 1, verso 11. Guarda quello che dice, dopo che se n’è andato Gesù di Nazaret.

“I quali gli dissero anche:

Uomini di Galilea, perchè state guardando al cielo?

Questo stesso Gesù…”

Hello!

“…questo stesso Gesù che è stato preso tra di voi e portato al cielo,

così verrà come lo avete visto andare al cielo”.

 

Ma quindi, devono esserci dei segnali per questa seconda venuta.

Quello stesso viene: viene in un ministero, viene con un corpo fisico, va a stare tra noi, va a camminare tra voi, però deve esserci qualcuno che interpreti come sapere se è lui, perchè molti hanno detto: -“Io sono il Cristo”-, molti hanno detto di essere Cristo e si mettono a fare segnali, che questo lo ha fatto già Gesù di Nazaret. Non sono i segnali di sanità.

E poi, possono venire altri dicendo: -“No, non è Josè Luis. Sono io”.

E la gente può dire: -“Lui dice di essere la seconda venuta di Gesù, come lo sa Lui? E come facciamo noi ad essere sicuri che non ci sta ingannando?”-

Questo è importante, per questo noi, qui siamo gente pensante. Qui non stiamo gridando: -“Alleluiaaaaa, alleluiaaaaaa”- e non stiamo correndo in giro: -“Ahiiiiiiiiiii”- no, no, no! Qui non siamo di quelli, qui usiamo la mente per esaminare.

È per questo che voi siete saldi, perchè voi avete pensato, avete esaminato, avete visto e quando ti prendono là e ti dicono: -“Guarda, svegliati che ti sta ingannando!!”- noi diciamo: -“Svegliati tu!!”. Non c’è chi possa dire questo a voi.

(Applausi)

Ah? Pedro, che ti dicano: -“Guarda, Josè Luis ti ha ingannato”-. Cosa diresti tu se a te dicono che io ti ho ingannato?

-“Che continui ad ingannarmi”-

Ha ha ha ha…

Sicuro, questo è l’inganno del secolo, che prende la tua tristezza e la converte in gioia.

(Applausi)

Bene, quindi noi abbiamo dei segnali ma ce li avrebbe dati un uomo molto saggio… “Perito Architetto” questi era colui che avrebbe indicato.

Il sistema religioso dice che, per riconoscere la Sua venuta, bisogna vederlo scendere in una nube. E dice che è “quello stesso” e quello stesso misurava 1 metro e 82: “Quello stesso scenderà nella nube e tutto il mondo lo vedrà.”

Guarda, per logica… per logica: se lui stesso viene di 1 metro e 82 e arriva a Miami, si irrita Porto Rico, si irrita Spagna e il mondo intero perchè come fai tu a vedere da tanto lontano se misura 1 metro e 82? Ah, e se arriva a Gerusalemme, ci irritiamo tutti qui, negli Stati Uniti.

Ah, e dice che i gentili spereranno in lui, non i giudei: “I gentili spereranno in Lui”.

Adesso, la pace che io ho nel dire: -“Io sono Gesucristo Uomo”- io ho le evidenze scritte, perchè senza evidenze qui tu non puoi camminare.

Tu non puoi dire a qualcuno: -“Guarda, io ho la verità”-.

Ti domanderà: -“Perchè?”- e quindi, tu mostri l’evidenza.

Romani capitolo 2, verso 16, andiamo a vedere cosa dice il primo segnale.

Io ho già mostrato il segnale di Gesù di Nazaret, che era parlare in parabole perchè nessuno lo intendesse. Lui non insegnava: Lui non poteva insegnare perchè ti parlava in parabole e tu non capivi niente. Adesso, questo sì: quando prendeva un cieco, gli dava una sputata e lui diceva: -“Vedo!!”-, prendeva sei tini… non sette, non cinque: sei tini d’acqua e li convertiva in vino ed erano sei, ricordalo! I sei erano sempre presenti.

Primo segnale per sapere se io sono Gesucristo Uomo o come doveva arrivare. Se non sono io…  questo è un buon esempio: se non sono io, deve venire a fare quello che c’è scritto qui.

Adesso: se io lo sto facendo dammi un credito ma se io non lo sto facendo comincia a dubitare di me: -“Io sospetto che questo qui è una frode”- e te ne vai.

Vai: tu non hai una tessera di affiliazione, te ne puoi andare quando tu vuoi. Ah, qui non c’è una giunta che dica: -“Non te ne puoi andare”-. Tu esci da lì e non torni più, tranquillo…

…se puoi…

Romani 2: 16

“…nel giorno…”

 

osserva:

 

“…nel giorno in  cui… Dio giudicherà mediante Gesucristo

i segreti degli uomini,

conforme al mio vangelo.”

 

E qual’era questo vangelo? Quello della incirconcisione, non quello di Gesù di Nazaret: quello era legge! È quello della incirconcisione.

Adesso: io sto giudicando i tuoi segreti con il vangelo della incirconcisione?

-“Sì!!”-.

Ed è il caso di chiarire che “giudicare” significa interpretare, chiarire, dividere. Non giudicarti come pensa la carne, ma chiarire. Quindi questo è il primo segnale.

Il secondo segnale sta nella Prima carta ai Corinzi capitolo 4, verso 5.

“Così che, non giudicate niente

prima del tempo…”

Perchè lui dice: “non giudicate niente”? Perchè c’era un problema nel fatto che gli undici apostoli erano contro Paolo e quindi,  gli undici apostoli stavano cercando di ucciderlo. E i i corinzi hanno detto: -“Però, aspetta: ma questi non sono tutti apostoli di Gesucristo, non sono tutti lo stesso?”- e c’era una confusione tremenda, perchè lo stesso Paolo dice: “Essendo edificati sul fondamento degli apostoli”  non “dell’ apostolo”.

Ma è che per poter tu conoscere il fondamento della incirconcisione, devi conoscere anche quello dello della circoncisione. Quindi, tu sei edificato con entrambi e poi rimani con uno: quello che ti riguarda.

E c’era molta confusione, non c’erano programmi di televisione, non c’era radio, la stampa non c’era, così che le notizie non si diffondevano. La stampa, il “quarto potere”, non c’era per diffondere la parola come fa la stampa, che è stata uno strumento … alla quale io ho già dato milioni di dollari… alla stampa: questo costa, la stampa. Loro mi fanno pagare moltissimo, vero?

No!!

La stampa è gratis e anche loro diffondono la parola. Loro sono strumento perchè la notizia esca, anche se esce male non importa: nel tempo si sistema! Ha ha ha ha

Sia per il bene o sia per il male la parola viene annunciata!

(Applausi)

Quindi, l’apostolo ha dovuto dire:

“Così che non giudicate niente

prima del tempo…”

Si può giudicare ma non prima del tempo, come stiamo facendo questa notte. Oggi è il tempo, allora era fuori dal tempo.

“Fino a che verrà…”

 

chi?  

 

“…il Signore…”

Immaginati! E Paolo ha detto: “Quando verrà il Signore”. E poi qui dice: “Non giudicate niente prima del tempo, fino a che verrà il Signore.”

 

-“Paolo, ci stai lasciando qui senza niente… siamo confusi”-.  

-“Fino a che non apparirà il Signore, qui non capiremo un tubo!!”-.

 

Per questo in duemila anni non si è potuto spiegare, perchè doveva arrivare il Signore.

Adesso, tu puoi già giudicare? (Sì) Perchè? Perchè il Signore è arrivato!! È che questo non si ferma più. Questo è così.

(Ovazione)

Ah, continua dicendo:

“…il quale chiarirà anche

l’occulto delle tenebre…”

Cosa sono le tenebre? Il non conoscere la verità. Le tenebre non sono l’oscurità, perchè tu mi puoi mettere in una valle di oscurità e io rimango in chiarezza.

È per questo che dice che nell’oscurità tu vedrai chiaramente, perchè le tenebre sono il non conoscere di chi sei tu. Quando tu sai che tu sei un tesoro, che vivi in un vaso d’argilla… immediatamente cominci a svegliarti. Tu dici: -“Ascolta, aspetta! È la verità! Io sono benedetto con tutte le benedizioni e il diavolo è stato distrutto… e non esiste il peccato… e non c’è maledizione… e sempre mi porta in trionfo!”-  ebbene, lì cominciano a dissiparsi le tenebre ed appare la luce del giorno. E quindi, anche se è notte tu sei nel giorno. Io sto nel giorno tutto il tempo:  24/7 di giorno ed anche tu!

(Applausi)

“…il quale chiarirà anche l’occulto delle tenebre e

manifesterà le intenzioni dei…”

delle menti

 

“…dei cuori;

e poi ciascuno riceverà la sua lode da Dio.”

Osserva se ciascuno riceve alabanza, che oggi si sa che Paolo è il “Perito Architetto”! A nessuno piaceva Paolo, di più, neanche alla chiesa cattolica piaceva… tu sai che mettono sempre Giacomo e Pietro… ascolta! Almeno una statuetta di Paolo! Almeno all’ “apostolo sconosciuto”, sai com’è…

No, all’ Apostolo Paolo non vogliono dare niente… inolte, alcuni hanno detto che era mezzo matto. A Paolo non hanno dato lode, tu sai chi gli ha dato lode? Io gli ho dato lode e si sa che lui è il “Perito Architetto”.

(Applausi)

Ed io dò lode a te perchè tu sei la “pecora nera” della famiglia. La pecora come? Ragazzo, tu sei il più bello della tua famiglia! Abba Padre!

(Ovazione)

Tu sei la “pecora nera” perchè ti è successo questo e ti è successo quello… è bene che ti sia successo questo, per far sì che ti svegli. Niente di quello che ti è successo è male, tutto è stato bene… proprio tutto!! Anche quella carcere che hai vissuto, anche quel matrimonio rotto, anche quelle droghe, anche quell’alcool, anche quell’educazione che hai avuto che ti ha convertito in un “laboratorio”  che continui ad indagare nelle cose.

Quello che uno può fare è “improve”: migliorare questa situazione, governarla per far sì che la zoppìa non ti porti fuori dal cammino. Se tu zoppichi nella carne, non lasciare che queste “zoppìe” abusino di te, nè che ti conducano. Guarda, se qui c’è uno zoppo sono io ed io non vivo zoppicando! Io vivo in dominio proprio e me la godo. Ah! E non vivo in “malattie”, non vivo in malattie.

-“Però, lei non si ammala?”-

Io mi ammalo, mi viene la malattia ma che venga e che si ospiti sono due cose (differenti).

È come quando a te arriva un pacchetto, il postino ti porta un pacchetto: -“Guardi, qui le hanno inviato…”- e tu guardi e dici: -“Bene, però questo non è il mio nome, questo non è mio! Io non lo ricevo!!”-.

Di più, a volte tu lo ricevi e poi ti rendi conto, e chiami là e dici: -”Guardi, qui è arrivato un pacchetto che non è mio”-. O è di un vicino. A te è successo che la lettera è del vicino? Immediatamente, tu la prendi, senza aprirla nè niente e gliela porti: -“Questa non è mia!”-, così che quando ti arriva un pacchetto:

 

-“A lei rimangono tre mesi di vita”-

-“Tre mesi di vita? Ragazzi!…”-

-“I suoi sintomi sono quelli del cancro. Tumore. Lei ha un tumore lì…”-

Solamente un tumore? Una stupidaggine così termina con una vita tanto preziosa come la tua? Un cancro??? Che questa è la tua fine? UN CANCRO?????

Ebbene, muori! Se questo è quello che può farti un danno, muori!

Non lasciarti portare via da questo, che queste sono menzogne passeggere che passano per il tuo corpo e se tu le ricevi, ebbene: benediciti!!

Però, se tu hai la bocca nel patto ed hai nella tua mente un materiale, una scienza, la vera scienza, tu prendi questa scienza e, con autorità: -“Io non ricevo questo!!”- e ti poni saldo!

Non ti è già successo questo?  Quindi, mi sto ripetendo: se questo tu lo vivi già! Tu vivi così. Quanti vivono così?

Quindi, abbiamo chiarito le intenzioni dei cuori: abbiamo separato le tenebre, vero? Lo abbiamo fatto??

Adesso, c’è ancora un’altra cosa, terzo segnale.

Seconda carta ai Corinzi capitolo 6, dal verso 16 al 18:

“E che accordo c’è tra il tempio di Dio e gli idoli?”

Nessuno!

“Perchè voi siete il tempio del Dio vivente…”

Questo è un edificio, il tempio siete voi.

“…come Dio ha detto: Abiterò e camminerò tra loro…”

Tu di cosa necessiti per camminare? In buon spagnolo: due zampe!  Ha ha ha ha ha ha…

Per poter tu “camminare tra loro” necessiti un corpo, un tempio e per “abitare tra loro” necessiti un indirizzo, un domicilio:

-“Dove abita Lei?”-

-“Ebbene, io abito nel tal luogo… in Broward (Florida), in Dade (Florida)…”-.

In qualche posto tu devi abitare, a meno che tu viva sotto un ponte e questa è un’abitazione, non è delle migliori ma è un’abitazione.

“Abiterò…”

 

serve un corpo fisico

 

“…e camminerò tra loro…”

 

Ossia, che nella Seconda Venuta Lui veniva, non se ne andava! Perchè se fosse come dice il sistema religioso che dice che viene, rapisce e se ne va: scappa con la chiesa e tutto il mondo resta nel caos.

Bisogna stare in uno stato emozionale ben cattivo per credere in questo, perchè se dice: “Abiterò e camminerò…” questo non si fa in un giorno: tu devi rimanere un tempo camminando tra loro, e insegnando ed  edificando.

E dice:

“…e sarò il loro Dio…”

Ossia, una persona che abita, cammina, è il tuo Dio? Perchè c’è gente che sta guardando il cielo aspettando Dio, e così non si abita.

C’è gente in giro che fa orazioni, come se Dio stesse rispondendo alle orazioni!!

-“Ah, quindi Lui non risponde alle orazioni?”-

 

Se rispondesse alle orazioni il mondo sarebbe sistemato!!

Tu sai quanto pregano gli evangelici e i cattolici per tutti i popoli, per la povertà? I cubani pregano per  Cuba e per togliere Fidel da lì. Fidel si toglie di lì con un’altra cosa, non pregando: portando la parola, questa scienza… di più, chissà che un giorno di questi, lui dica: -“Questo è quello che stavo cercando, scusami, è che io mi conformavo con questo…”-

Se Fidel arriva ad intendere questo, dice: -“Non è quello, questo era il comunismo che io cercavo, avere le cose in comune”- non quel comunismo falso che non fa altro che portare povertà ai popoli.

E quello che sta cercando Hugo Chàvez è quello che io offro, quello che succede è che lui non lo sa e sta litigando con tutto il mondo. Ma se sapesse quello che io insegno, direbbe:

-“Ma questo è quello che io stavo cercando!!”-.

Il Governo di Dio, questo è ciò che stiamo cercando.

(Applausi)

Bene, quindi dice:

“Abiterò e andrò tra loro e sarò il loro Dio, e loro saranno il Mio Popolo.”

La Mia AMATA!

“Pertanto, uscite da in mezzo…”

 

di questo sistema bugiardo

 “… a loro, e appartatevi…”

Tu non puoi più andare lì. Cosa vai a fare lì? A fare cosa, se lì non c’è niente? Quello che c’è lì è sterco!!

“…dice il Signore,

e non toccate ciò che è immondo…”

tu sai che cos’è  “ciò che è immondo”, vero? Gli insegnamenti che loro hanno, questo non va bene…

“…ed io vi riceverò, e sarò per voi…”

cosa?  

 

“…Padre…”

 

 

Come mi chiamate voi? Padre! Però, se questo è quello che c’è scritto:

“…e sarò per voi Padre,

e voi mi sarete figli e figlie,

dice il Signore Onnipotente”

(Ovazione)

La quarta, Ebrei 9: 28

“…così anche Cristo è stato

offerto una sola volta…”

 

questa è stata la funzione di Gesù di Nazaret

 

“…per portare via i peccati di molti…”

Se li è portati via , sì o no? Sì, se li è portati via!

Vi ha lasciati con peccato o vi ha lasciati senza peccato?

-“Senza peccato”-

“…apparirà…”

Manifestazione pubblica! Dico, se camminerà ed abiterà… ebbene: deve apparire! Non viene una colomba, come insegnano gli evangelici in giro, la colomba… No, no, “…apparirà…” con corpo fisico, per camminare e abitare, apparirà:

“…senza relazione con il peccato…”

 

Come “senza relazione con il peccato” ?

Ebbene, insegnando che il peccato è stato tolto perchè se già Gesù di Nazaret lo ha tolto, come faccio io a parlare di peccato adesso??

Se lui è venuto a togliere i peccati, cosa fanno i cattolici in una messa nel ricordatorio del peccato? Facendoli confessare: -“Io ho peccato lunedì, io ho peccato martedì…”- e il “tontolone” che sta dentro al “cassone” (confessionale) dicendo: -“Recita un padre nostro, recita un’Ave Maria…”-.

 

Sopportare questa… questa SPAZZATURA… questo è…

“…apparirà per la seconda volta,

senza relazione con il peccato

per salvare coloro che lo aspettano.”

 

Già gli ha tolto i peccati, non li salva due volte dai peccati: già sono puliti, già sono perfetti, già sono salvi, il loro spirito perfetto, però viene a salvarli nella mente, insegnando loro un patto. Per salvarli da cosa? Dalla putrefazione che c’è qui sotto, dalla medicina dell’uomo, dalla corruzione politica degli uomini. Per salvarli dalle menzogne, da quante cose ci sono intorno.

 

È per questo che tu vivi come vivi. Tu vivi in trionfo. Tu vivi una vita eccelente. Di più, tu non vorresti morire.

-“Ma apostolo, il morire è guadagno…”.

È guadagno per un tonto di quelli che non hanno niente qui, nella mente ma per te non è guadagno. Chi te lo fa fare di morire?

(Applausi)

“Il morire per me è guadagno…” …va bene per un evangelico di quelli che sono stati salvati (per predestinazione -ndt) ma morire è un guadagno? È una perdita, rimani vivo per godertela!!

Ultimo segnale… ho compiuto con i quattro precedenti?

-“È così!!”-

Se fallisco in questa: squalificato!

Prima a Timoteo capitolo 2, verso 5:

“Perchè c’è un solo Dio…”

Quanti?  Uno!

E un solo cosa?

“…e un solo mediatore…”

Che cos’è un mediatore? Ebbene, un mediatore è che tu vai dalla vergine Maria e le dici:

-“Santa Maria madre di Dio, prega per noi peccatori…”-.

 

E poi, dopo che tu le confessi, Maria va dal Figlio:

-“Guarda, Signore Gesucristo, Josè Luis è nei guai, tu puoi dire a tuo Papà se gli può inviare un aiutino?”-

Questo è un mediatore?

Un mediatore è quello che sto facendo io adesso: io sto mediando con te, io sono il tuo difensore, io ti sto dicendo: -“Non ti far prendere per scemo, per  “surumas”, per tonto…” o come si dice nel tuo paese -“…non ti lasciare ingannare più da questi svergognati, stupidi…”- perchè è quello che sono -“…che insegnano per guadagni disonesti”-.

Come fai tu a farti ingannare così? Da questi “tontoloni”, che questo è quello che sono: imbroglioni, ciarlatani!!

Paolo, il perito architetto, l’uomo dell’amore, ha detto di loro: -“Quelli sono cani, sono bestie. Devono castrarsi perchè non abbiano più figli uguali a loro”-.

-“Devono castrarsi!!”- così ha detto Paolo,  l’apostolo dell’ amore.

…ah: -“È che Lei è troppo duro!”-…

Io non sono duro per niente! Io sono realista: quelli sono dei criminali, devono chiudere tutte quelle chiese!! Ingannano il nostro popolo, il nostro prossimo.

(Applausi)

Ascolta, e chi è quello che media?

“…un solo mediatore tra Dio e gli uomini,

Gesucristo Uomo.”

Doveva essere uomo per stare tra gli uomini!!

(Applausi)

Alziamoci in piedi, musica, per favore!! Andiamo a gioire, qui.

(Applausi)

LA FEDE CONFERMA LA LEGGE

.

 .

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

10 di ottobre del 2012

 .

Bene, cominciamo con Romani capitolo 3, verso 31.

Andiamo a Roma, un viaggetto a Roma. Quello che Roma ha occultato, quello che il papa non conosce, quello che i sacerdoti non conoscono: ne parleremo oggi. Paolo lo ha detto in Roma, ma lì lo hanno ammazzato: -“Non vogliamo questo, vogliamo morte!”-.

Guarda quello che dice:

“Quindi, per la fede invalidiamo la legge?”

 

In quante maniere?

“In nessuna maniera, anzi…”

cosa?

“…confermiamo la legge.”

 

Ascolta: stiamo parlando della legge di Mosè. Nessuno ha potuto compierla. E Paolo, parlando della legge di Mosè dice: -“…quello è un ministero di morte, di maledizione e di condanna”. Nessuno ha potuto compierla quindi, adesso, per fede in Gesucristo, in quel sacrificio che è stato fatto, tu la apprezzi e dici che tu hai già confermato la legge, l’hai compiuta.

C’è gente che sta cercando di compiere la legge. Tu non stai cercando di farlo, tu l’hai già compiuta perchè quello che fa la fede in Gesucristo è che quello che ha fatto Gesù sulla croce, tutto il sacrificio che lui ha fatto lì, è stato passato a te gratuitamente, sul tuo conto. Ossia, il tuo conto era vuoto e lui ti ha fatto un deposito: -“Ok, adesso il tuo conto è pieno!!”-.

Tu non lo ottieni per le tue opere ma per la fede, lui muore e ti colloca in questa morte: “Uno è morto e poi tutti siamo morti con lui”.

Ma com’è che confermiamo la legge? …la legge è difficile da compiere.

E guarda quanto è difficile la legge che Giacomo, della circoncisione, parlando della legge dice: -“Se tu compissi tutta la legge e la violassi in un punto, ti renderesti colpevole per tutta”- ossia, tu la osservi per 65 anni e qualcuno ne prende nota: -“Sono passati 65 anni e non ho sbagliato, wow, tremendo, 65 anni!!”- e, improvvisamente, viene un bimbo e ti dice: -“Bugiardo!”- e tu gli dai uno schiaffo… lì ti sei giocato tutti i 65 anni!

Guarda com’è difficile la legge! Adesso, dice che se tu ti metti nella fede, tu confermi la legge: l’hai compiuta. E perchè la compi?

Andiamo a vedere in Romani capitolo 7, verso 17. Guarda quello che dice:

“In maniera che già non sono io a farlo,

ma il peccato che dimora in me.

 

E io so che in me, cioè nella mia carne, non dimora il bene,

perchè il volere il bene sta in me, ma non il farlo.

 

infatti non faccio il bene che voglio,

ma il male che non voglio, questo faccio.

 

E se faccio quello che non voglio, già non lo faccio io

ma il peccato che dimora in me.

 

Così che, volendo io fare il bene, trovo questa legge:

che il male sta in me.

 

Perchè secondo l’uomo interiore,

mi diletto nella legge di Dio;

 

ma vedo un’altra legge nelle mie membra

che si ribella contro la legge della mia mente,

e che mi rende prigioniero della legge del peccato

che sta nelle mie membra.

 

Misero me! Chi mi libererà di questo corpo di morte?

 

Grazie dò a Dio, per mezzo di Gesucristo Signore nostro.

Così che, io stesso …”

questo è un lavoro tuo personale

“… con la mente servo la legge di Dio…”

…ma, se ti metti nella carne, dove termini?

“…nella legge del peccato.”

 

Tu sai perchè gli evangelici e i cattolici ci criticano quando diciamo che non c’è peccato?

Perchè loro servono Dio con la carne e, con la carne, loro vedono peccato: -“No, no, questo è impossibile”- ma è perchè stanno in carne. Adesso, nella mente, tu servi Dio con lo spirito e onori quello che Cristo ha fatto: -“No, non c’è peccato”-.

Adesso: perchè per fede tu confermi tutta la legge di Mosè? Perchè in sè, quando tu sei un eletto, tu sei un prescelto, nel tuo interiore a te non piace ciò che è male. Dice: “Non ucciderai”. Chi vuole uccidere? Se tu cerchi i 10 comandamenti, tu sei d’accordo con loro: “Non ucciderai. Non ruberai. Non commetterai adulterio…”. Un’infinità di cose: “…non desidererai la donna del tuo prossimo”. Come puoi fare questo? Se quella è la donna del tuo prossimo!!

In altre parole, in sè, nella tua mente, tu vuoi compiere (il bene). Adesso, alcuni di noi abbiamo commesso questa stessa cosa che nella nostra mente non vogliamo, però cosa succede? Che, siccome Cristo ti ha collocato come morto alla legge del peccato, anche se lo commetti Dio non ti vede infrangere la legge. L’uomo ti vede, il prossimo ti vede ma in quanto si riferisce a Dio, Lui dice: -“No, io l’ho già collocato come morto al peccato, libero dalla legge”- e, in sè, non la violi: tu confermi la legge perchè in te sta il desiderare il bene.

È per questo che Paolo dice: “…nell’uomo interiore, io mi diletto”, il problema è questo che sta qui, la carne! E siccome questo è il problema, la carne, Dio le ha fatto provvigione  perchè non ti giudichi secondo la carne.

Guarda quello che dice Romani 6:14, continuiamo con questo perchè c’è gente che è legata, ha dei sensi di colpa tremendi ma è che non sanno difendersi perchè non conoscono queste leggi.

Guarda: questa donna che mi scrive la sua testimonianza ha inteso. Perchè ha inteso? Perchè “She hit bottom”: lei aveva toccato il fondo, non c’era soluzione: -“…cosa faccio?”- e, improvvisamente, ha inteso la parola e la parola l’ha liberata e sta regnando!!

Osserva che l’intendere… è lì dove sta il potere. Non è in quello che tu fai, è nell’intendere! Quando tu intendi, nella tua mente arrivano delle provvigioni, c’è una quantità di sapienza nascosta nella tua mente che quando tu stai in pace con Dio e stai in pace con il vangelo, la mente comincia a darti provvigione . E improvvisamente tu dici: -“Ascolta, io mi sentivo tanto male la settimana passata, che cosa mi è successo? Ascolta, è come se io avessi un nuovo animo”- e questo esce dalla mente, non esce da nessun’altra parte. Ah, e non è che Dio te lo invia: -“Guarda, qui hai un aiutino”-. No, questo sta già in te. Lui non sta inviando niente, questo è già integrato in te.

Tu non necessiti aiuto, tu quello che necessiti è: “Tu stesso, con la mente, servi la legge di Dio”. Sta in te, la provvigione  sta in te! Non ti deve aiutare nessuno e, molto meno, tu devi dire: -“Papà Dio, aiutami”-.

-“Sei matto, ragazzo! Con tutto quello che ti ho aiutato… ti ho fatto un tesoro, tiralo fuori dal tesoro”-.

Dio non sta aiutando nessuno. Per questo quelle processioni che fanno nella Strada 8, cercando la liberazione di Cuba e i messicani là con la Guadalupe, qua con la Carità del Rame, in Porto Rico con la Vergine del Pozzo… e tutti hanno una patrona che li va ad aiutare. Questa è una menzogna! Dio non aiuta nessuno.

Dio… guarda: Dio ha aiutato (si appoggia la Bibbia alla fronte). È per questo che dice che tu sei completo in Lui: tu sei completo! Quello che succede è che è qui, nella mente. Tu devi tirare fuori la provvigione dalla tua mente.

Guarda quello che dice Romani 6:14.

 

“Perchè il peccato già non può essere tuo signore…”

guarda!

“…perchè il peccato non si impadronirà di voi,

poichè non state sotto la legge ma sotto…”

cosa?  

“… la grazia.”

 

Guarda: in grazia, il peccato non può essere il tuo signore anche se sbagli, anche se commetti esattamente quello che dice il comandamento che non devi fare. Per Dio… Lui dice:

-“No, per me è perfetto. Io l’ho perfezionato!”-

-“Ma… e quello che gli è successo?”-

-“Quello che lo risolva lui là sotto! Che apprenda da quello!! Quello è un forno con il quale lui sta combattendo lì, che apprenda! Che tiri fuori le sue provvigioni dalla mente!”-.

Che non stia cercando uno psicologo:

-“Guarda, aiutami!”-.

-“Qual’è il tuo caso?”-

-“No, che io questo….”-

Dimenticati di questo! Guarda, ascolta la parola, la fede viene per l’udire e in te c’è la provvigione. In te sta la provvigione per camminare in salute, Dio non ti invierà una sanazione:

-“Papà Dio, inviami una sanazione”-

-“No, no, questo sta nella tua mente! Cercalo bene lì, nelle pareti. Ci sono dei buchini nelle pareti, aprili. Lì ci son dei “safe deposit boxes” (cassette di sicurezza): aprili, “unlock”, aprili perchè tu veda che lì c’è la provvigione, già sta in te”-.

(Applausi)

Dì: IO SONO COMPLETO.

Non ti manca niente, quello che tu necessiti è che ti illuminino: la luce del vangelo. Bene, è da lì che uscirà la trasformazione del corpo. Arriverà il momento nel quale il tuo corpo non sopporterà più. A me succederà questo: arriverà un momento nel quale la rivelazione lì sarà tanta e, improvvisamente, da me stesso uscirà una nuova creazione.

(Applausi)

Dì: IO SONO COMPLETO. POSSO REGNARE IN VITA IN OGNI CIRCOSTANZA. NON C’È PROBLEMA, NON C’È SITUAZIONE CHE IO NON POSSA VINCERE PERCHÈ HO LA PROVVIGIONE.

(Applausi)

Guarda quello che dice Romani 8, versi dall’ 1 al 3:

“Adesso quindi, non c’è più nessuna condanna

per coloro che stanno in Cristo Gesù,

coloro che non vivono secondo la carne…”

 

Ossia, se tu stai trattando di compiere la legge e farlo con le tue forze, stai vivendo secondo la carne.

“…ma conforme allo Spirito.”

 

E com’è vivere secondo lo Spirito? Credendo. Credendo che è già fatto. Dice:

“Perchè la legge dello Spirito…”

di cosa?

“…di vita in Cristo Gesù…”

mi libererà?

 “…mi ha liberato da…”

quale legge?

“…dalla legge del peccato e della morte.”

 

E non è stato Paolo quello che ha detto: -“Non sono io, è il peccato che dimora in me?”. Vero che è il peccato quello che ti fa danno? Ebbene, lì dice che la legge dello Spirito di vita ti ha già liberato da quel peccato che ti dava fastidio, e dalla morte!!

Osserva quello che dice:

“Perchè quello che era impossibile per la legge…”

 

La legge non poteva. Perchè?

“… perchè era debole per la carne…”

 

Per questo, quella gente che sta cercando di compiere la legge sta in apostasia! Tutte le religioni che non ci intendono è perchè non stanno vivendo per la fede, non vedi che loro stanno in apostasia? Il Signore lo ha detto: -“Troverà fede? Quando il Signore verrà per la seconda volta, troverà fede?”-. No. Quello che io ho trovato è stata apostasia, tutto il mondo sta in apostasia, gli evangelici stanno in apostasia…

Non li sto disprezzando, io vorrei che stessero da questo lato:  “Passiamo all’altro lato…”  ha detto una volta Gesù. Io vorrei che stessero da questo lato godendo di questo regno tanto bello ma siccome loro non odono, sono tardi in udire, ebbene, loro vanno alle loro messe, alle loro messe evangeliche, alle loro messe cattoliche, alle loro messe pentecostali. E lì stanno in uno sforzo: -“Bisogna pagare il prezzo, ragazzo, che il diavolo cammina sciolto, guarda, …il peccato. Cristo è alle porte, ragazzo, …un’occhiatina e rimani…”-. Immaginati, stanno in  piena confusione, cercando di compiere loro il cristianesimo!!

Ma se te lo dice lì: “Quello che era impossibile per la legge…”.La legge non poteva!! Neanche uno ha potuto con la stessa legge di Dio, neanche uno!! Ha dovuto venire Cristo: -“Questo è lavoro mio, solo io posso farlo. Lo posso fare solo io, però lo farò per loro!!”-.

È lì dove sta la bestemmia perchè loro stanno cercando di compiere quello che Cristo ha già compiuto, arrecando offesa allo spirito di grazia. Questi evangelici, che tu vedi tutte le domeniche in giro con una Bibbia: -“Dio ti benedica, uomo. Dio ti protegga”-. E, tu li vedi con la loro Bibbia ed è gente ben vestitina, gente preziosa, di calibro, tu sai, con un buon comportamento e buona morale, mariti di una sola donna, i figli tranquilli però in apostasia. Non gli serve a niente perchè stanno offendendo lo spirito di grazia, stanno dicendo:

-“No, Signore, guarda: tu metti un cinquanta per cento che io metto l’altra metà”-.

È come quando tu esci a mangiare con qualcuno e gli dici: -“No, io metto la metà, facciamo “alla romana””- e chissà che tu neanche possa, non hai il denaro e l’altro ne ha un mucchio, e ti dice: -“No, lasciami. Io ti ho invitato”- ma tu, per orgoglio: -“No, dirà che sono un approfittatore”- e gli rispondi: -“No, no, dimenticalo, io metto la metà!”- e poi non hai neanche per la benzina, ragazzo, per orgoglio!

Ebbene, così stanno tutte le religioni del mondo: Cattolici, Mormoni, Pentecostali, Evangelici: tutti stanno pagando il loro prestito. Ossia che Cristo non ha pagato l’ipoteca completa. Quello che ha fatto Cristo è stato come quello che fanno le banche oggi, che tu metti un 10% e poi devi pagare i bollettini e così pagando per 20 anni e non finisci mai. Tu stai pagando per 20 anni e domandi:

-“Quanto devo?”-

-“Bene, si sono aggiunti circa 2.000 dollari”-

dopo aver passato 20 anni pagando gli interessi …e loro estasiati! Quindi, quando gli diciamo qui:

-“Guarda, in Crescendo in Grazia, il “mortgage” (l’ipoteca) è stata saldata!”-.

-“No, questo è molto facile, qualcosa di male sta succedendo lì”-

è la risposta! Ti dicono:

-“Che tutto è stato pagato?”-

-“Guarda, tu sei benedetto, sei completo, non ti manca niente. Tu hai angeli a tuo servizio”-.

-“Comeee?”-

-“Non c’è condanna, la salvezza non si perde. Cristo ha fatto tutto, il suo giogo è facile e leggero da portare”-.

-“Cooome? No, no, no, no, no. Lì c’è qualcosa che non va bene, in quella chiesa c’è qualcosa di male!!”-.

Per questo il profeta disse: “Questo popolo chiama bene ciò che è male e male ciò che è bene” e noi qui, guarda: regnando, amando il nostro Signore.

(Applausi)

Io stavo in un negozio, questa settimana, vado sempre in questo negozio, da anni, però la signora questa volta è rimasta a guardarmi e sembra che ha guardato verso il mio braccio ed ha detto: -“Ahhh, ascolti, lei assomiglia a uno che si vede in televisione…”- ed io le ho detto: -“Sì, io so chi dici tu, io gli somiglio molto”- …e poi mi dice: -“Però dicono che non lo lasciano entrare in Guatemala, che non lo lasciano entrare qui e là”- quindi io le ho detto: -“E si stanno perdendo una benedizione. Perchè guarda, tu mi conosci, sono anni che io vengo qui, vero?”-

-“Sì, sì. No, lei è una persona tranquilla”-.

-“Ebbene, mi ha aiutato Lui, questo “Anticristo””-.

(Applausi)

-“Ma… che cos’è questo?”-

… io avevo un volantino e gliel’ho dato, ma lì c’era la mia foto. L’ho piegato dall’altra parte per far sì che non la vedesse e le ho detto: -“Guarda, leggi questo con calma che ti farà bene”-.

-“Ah, ma se questo è Lei…”-.

-“Sono io. Leggilo che intenderai”-

Già non mi posso nascondere, ragazzo… però, questo è facile.  Perchè tu devi complicarlo?

-“No, che è che qui c’è gente che ha più fede di altri”-.

No. C’è una misura di fede.

-“No, che quello ha più tesoro di me”-.

No. Qui a tutti ci è stato dato il tesoro.

-“No, è che lui è nato in un focolare tranquillo e io sono nato in una famiglia problematica”-.

Hai un altro privilegio: anch’io, questo è il mio grande privilegio. Mi criticano che io sono stato tossicodipendente, che io questo, che io quello, che io ho rubato e io lo dico… perchè? Perchè io ho avuto il bellissimo privilegio di poter intendere quelli che passano per questo, perchè io sono stato lì. Se Dio mi avesse scelto in una persona proveniente da una casetta ben tranquilla, saprà Dio, mi avrebbe traumatizzato la chiamata perchè non avrei avuto i sensi esercitati.

Tu non devi vergognarti per quello che ti è successo. Dopo tutto non sei stato neanche tu, è stato il peccato che dimorava in te, l’ignoranza. Termina di perdonarti.

(Applausi)

Termina di perdonarti e riceviti. Riceviti, entra in gloria, amato mio, amata mia. Di a te stesso, nello specchio, parlati: -“Che bella sei”-. Amati un pochino: se non ti ami come puoi amare gli altri? Se non puoi amare te stesso, avrai problemi con tutto il mondo.

Quindi cosa dice il verso 3:

“Perchè quello che era…”

difficile?

“…impossibile per la legge,

perchè era debole per la carne,

Dio…”

 inviando sè stesso, questo è il codice

“…inviando Suo Figlio

in somiglianza…”

a cosa?

“…a carne di peccato e a causa del peccato…”

cos’ha fatto?

“…ha condannato…”

chi?

“…il peccato…”

dove?

“…nella carne.”

 

E tu sei un peccatore? No!

Quindi, non lo ha condannato? Ogni volta che tu dici che c’è il peccato, tu stai dicendo: -“Cristo non ha condannato niente”-. Il peccato è condannato. Lui è morto per condannarlo. Tu sai che cos’è una condanna? Prigioniero. E senza via d’uscita. È un ergastolo …che se arrivi a compierlo te lo rinnovano. È rinnovabile!!

Tu credi che Papà Dio ti troverà in peccato? Significherebbe contraddire sè stesso, quindi Lui non sarebbe di parola.

-“Apostolo, però queste parole hanno un grande peso perchè Lei sta dicendo che la congregazione là sotto deve chiudere…”-

Deve chiudere! Tu non vedi che quello è un imbroglione? Quel pastore bellino, che ha un coro ben bello e il pretino là, la domenica dando la messa… quello è un bandito. Quello è un criminale di anime!! Perchè credi tu che Paolo, quando ha parlato degli apostoli disse: -“Quelli della circoncisione confondono case intere”-? Guarda, questa bimba della testimonianza che vi ho letto… era confusa.

E poi, quelle famiglie evangeliche: -“Demonio… demonio d’alcool…”-

EBBENE TOGLIMI IL DEMONIO, SE CE L’HO… TOGLIMELO!!! Questo non esce. Per loro tutto è demonio!!

Ascolta, Cristo è morto, Gesù di Nazaret, ed ha condannato il peccato nella tua stessa carne. È come un vaccino. Vero? Io non ho molta conoscenza ma dicono che un vaccino lo fanno con lo stesso germe, fanno un anticorpo da quello stesso e poi te lo iniettano e sei immune dal germe.

Questo è quello che fanno con il tuo bebè nella scuola …e anche quando è piccolo, da quando nasce. Quanti vaccini fanno ad un bambino adesso? E tu con una pena: -“Ahi, ahi, ahi…”- ma tu sai che gli fa bene, perchè quando viene il germe a cercare bambini in giro, vede il tuo bambino e dice: -“Non lo posso toccare perchè è vaccinato!!”-.

È come nel vecchio patto, ti ricordi, che l’angelo della morte veniva e quando vedeva quello che aveva sangue sullo stipite della porta diceva: -“Lì non entrare che quello è marcato! Copertura, lì c’è copertura”-.

Ed oggi tu vivi in Miami e la gente va in giro lamentandosi: -“Ragazzi, questo va male”- e tu là: -“Regno in vita!!”-

-“No, che questo qui, ragazzo, i prezzi alle stelle, la benzina…”-

-“Non lo ricevo. Io dico che continuo ad andare avanti. Tutto va bene per me perchè io ho copertura. Io sono differente dagli altri”-.

(Applausi)

Tu sei differente. Dì: IO SONO DIFFERENTE. MI DEVONO RISPETTARE. LE MALATTIE MI DEVONO RISPETTARE, IO SONO VACCINATO CON LA VITA DI GESÙ. IO SONO COMPLETO, CON ME NON SI GIOCA. IO SONO UNA SPECIALE FAMIGLIA DELLA TERRA, UN POPOLO COME MAI SI È AVUTO SULLA FACCIA DELLA TERRA. ABBA PADRE! (Applausi)

Questa non è religione, questa è vita!! E poi dicono che voi siete dei fanatici, che io vi lavo il cervello. E ben lavato, ben lavato, che bisogna lavarvelo…

(Applausi)

Magari lo lavassi anche a te che mi stai vedendo. Lasciati lavare perchè tu possa vivere, perchè tu possa regnare!!

(Ovazione)

E poi commettono l’errore di dire alla congregazione: -“Guardate, fate attenzione a quella gente che è pericolosa!!”- e loro dicono: -“Ascolta, io vorrei sapere qual’è il pericolo”- e quando cominciano ad udire, dicono: -“Ragazzi, di qui c’è cammino!!”- e smettono di andare lì. E gli dicono: -“Guarda, ti ha indemoniato quel tipo! Ti sei messo ad udirlo? Quello è un demonio, ti si mette da lì, dall’udito!!”-.

Demonio? Che vengano a vedere se questo è un demonio. Questa è vita. Ascolta, e senza fare nulla, perchè tutto è stato fatto!! Il regalo di Papà sono “buone novelle”.

E cosa sono buone novelle? Cose gradevoli. Dice: -“Farò un’opera nei vostri giorni, opera che nessuno la crederà se tu la raccontassi”-. ABBA PADRE!

(Applausi)

Ah, e dicono: -“No, è che Lui non conosce la teologia. È che Lui non intende le leggi dell’ermeneutica”-.

E loro, con le loro leggi di ermeneutica, i membri stanno così: addormentati, tutti annoiati. Vanno lì a dormire la domenica. E qui è: -“L’ermeneutica non c’è, però c’è la vita di Gesù”-. (Applausi)

Poverini! Fanno pena, vero? E poi… con Gesù di Nazaret fino alle orecchie.

Romani 3: 21 e 22.

“Ma adesso…”

 

Questo “adesso” significa che quando tu lo intendi ti si è compiuto. Questo è stato scritto molti anni fa, ma sta scritto lì: “adesso”. Quando è adesso? Adesso. Se tu lo intendi è adesso. Se tu non lo avevi capito e adesso dici:  -“Guarda, ho capito”- ebbene, è “adesso”!

Questo è nel tempo dove il tempo è un rudimento. Lì stiamo parlando dell’ eterno presente di Dio, del fatto che Dio non ha calendario. In quella vita gli almanacchi non servono perchè è eternamente e per sempre! Dove non bisogna contarti i compleanni, tutti i giorni sono un compleanno.

“Ma adesso,

a parte della legge…”  

l’hanno messa da parte

“…si è manifestata la giustizia di Dio”

quello che è giusto per Dio

 “…testimoniata dalla legge…”  

osserva che la legge stessa parlava di questo

“… testimoniata dalla legge e dai profeti…”

                                                                                                                       

La legge ed i profeti hanno parlato di questo di cui io sto parlando. E la gente dice: -“No, che Lui non studia tutta la Scrittura completa”- ma se la stessa Scrittura ed i profeti hanno parlato di questo di cui stiamo parlando!!

Guarda l’altro verso:

“…la giustizia di Dio per mezzo della fede in…”

chi?

“Gesucristo,

per tutti coloro che credono in lui. Perchè non c’è differenza…”

 

-“Pastore, e che cosa devo fare?”-

-“Credere”-

-“Però, devo passare davanti a pentirmi del peccato?”-

-“Non c’è peccato”-

-“Devo chiedere perdono?”-

-“Già sei perdonato”-

 

-“Però, che cos’è che bisogna fare?”-

-“Credere”-

-“E che cos’è quello che bisogna credere?”-

-“Che è fatto. Che sei completo. Che sei benedetto”-

-“Ah, quindi, io entro in questo in questo stesso momento!”

-“Ebbene, ti ricevo. Entra!”-.

Ah, questo sì: devi credere in me. Se ti sono antipatico, ti… come dicono in Porto Rico: -“estàs chavao” (modo di dire: sei fregato -ndt). In Porto Rico dicono: -“Ea rayo, estàs chavao… ea rayo, estas chavao!!”-.

Qui devi credere perchè chi ti dà questo sono io e io non ti posso dire un’altra cosa. Se non credi in me, guarda, sei fregato: continua con il tuo bel vangelo che io non lo voglio neanche regalato. Ha ha ha ha ha. ABBA PADRE!

Ascolta, mi sarà rimasto un bellissimo verso?

Romani 10: 1 al 4 e con questo terminiamo:

 “Fratelli, certamente l’anelo del mio cuore,

e la mia orazione a Dio per…”

i giudei

“…per Israele, è per…”

cosa?

“…è per la salvezza”.

“Perchè…”

guarda:

“…io vi dò testimonianza del fatto

che hanno zelo per Dio

però non secondo scienza.”

 

Ascolta, tu hai visto quei pentecostali in giro: -“Jehovà”-? E tu li vedi in giro:  -“Guarda, che il diavolo, scappa che l’ inferno…”-… hanno uno zelo ma non c’è scienza, guarda! E stare parlando del diavolo a quest’ora, con un ritardo di duemila anni, parlando dell’inferno, parlando della discarica che c’era là in Gerusalemme. Oggi ci sono discariche più eleganti. Per cosa parlare dell’inferno, parlare della discarica moderna, che persino adesso ti raccolgono la spazzatura con un “truck”. Viene un “truck” (camion) e te la aggancia così e la svuota e non devi neanche toccarla.

Questi evangelici fanno pena, mi hai sentito? Guarda, io non mi metto in una chiesa di quelle, è meglio se ti invio a “South Beach”, il venerdì nella notte. È meglio se ti invio lì che metterti in una chiesa di quelle, perchè lì ti danneggiano la testa.

Le chiese di oggi sono un pericolo, devono chiudere tutte. Bene, io cercherò… poco a poco, è il mio obiettivo. Fino a che continuano a venire qua, meno restano là, per questo stiamo crescendo.

Ascolta, c’è gente testarda… così parlava Paolo: sto imitando il mio Apostolo. Sono ben testardi e stupidi, perchè anche Paolo dice: -“Sono testardi e stupidi”-. Loro non si rendono conto che quello che loro dicono male di noi, e ci chiamano anticristo, loro non si rendono conto del fatto che continuano ad arrivare a migliaia, e continuano ad arrivare, e continuano ad arrivare, e continuano ad arrivare: -“Ascolta, cosa avrà quella gente? Che, che saranno tanto bruti ed io sono l’unico intelligente?”-. No, loro diranno: -“Loro (Crescendo in Grazia) sono dei bruti, quella gente non pensa, l’intelligente sono io e rimango qui… saturo”- e noi qui regnando.  Non ti richiama l’attenzione questo?

Continuiamo a leggere. Romani 10: 3

 “Poichè, ignorando la giustizia di Dio…”

È qui dove sta il problema.

Questo è stato il problema dei giudei.

“…ignorando la giustizia di Dio…”

che è mediante la fede

“…e cercando di stabilire la loro propria…”

che è la legge di Mosè

“…non si sono sottomessi alla giustizia di Dio,

 

perchè la fine della legge è Cristo…”

 

Come fai tu a continuare ad osservare la legge, se Cristo le ha posto fine? È per questo che, se tu ti metti per la fede, compi tutta la legge completa, ti viene calcolata a tuo favore: -“Questo uomo ha compiuto la legge alla perfezione”-.

Tu sai che cosa significa questo? Che nessuno lo ha potuto fare. Solo Cristo ha potuto fare questo e lui lo mette sul tuo conto. E quando controllano i tuoi archivi:

-“Ascolta, come sta il tuo estratto conto?”-

Gli angeli dicono: -“Wow! Perfetto per sempre con una sola offerta. Ascolta, non ha neanche un peccato registrato! Con questo corpo che ha addosso e non c’è un solo peccato! Aspetta, qui c’è una connessione molto grande. A quest’uomo, qui, hanno cancellato i debiti!!”-.

Colui che è morto ha detto… come ha detto? “Consummatum est”: “Il conto è stato saldato”.

Questo è come se tu dovessi molto denaro, hello! E improvvisamente, chiami per chiedere un’estratto conto:

-“Ascoltami, fammi un visura del credito per vedere come sta”-

e quando ti trovano: -“Ascolta, è perfetto, hai uno “score” (punteggio) di mille punti”-.

Ebbene, nell’ambito spirituale, è così che tu stai: pulitino! Guarda, in te non c’è neanche una briciola di condanna. Guarda, Papà Dio con te… immaginati: se parla faccia a faccia con te per tanto bene che ti vede… ti vede perfetto!

(Applausi).

Romani 10:4

“…perchè la fine della legge è Cristo,

perchè sia data giustizia a chiunque crede.

 

Perchè della giustizia che è per la legge Mosè scrive così:

L’uomo che faccia…”

è il contrario di credere, questo è agire

“…l’uomo che faccia queste cose, vivrà per esse”.

Immagina, non arrivi mai. È come salire su una scala di quelle dell’aeroporto al contrario quando sei in ritardo per il volo: hai perso il volo, fratello, …hai perso il treno!

Tu ti ricordi del racconto dell’uomo che è arrivato là in cielo, quando è partito (morto -ndt) per un incidente, e quando è arrivato lì… lui era “cristino” qui sotto, era pentecostale purosangue, e quindi quando è arrivato in cielo, gli è apparso un angelo e gli ha detto:

-“Dove vai tu?”-

-“Bene, io sono cristiano. Io vengo da una chiesa che…  guarda: io non fumo, io non bevo…”-

E quindi l’angelo gli dice: -“Però, leggi lì quello che dice”-.

E quindi diceva: “Per entrare in cielo necessitano mille punti”

E quindi il tipo disse: -“Mille punti?”

-“Ok, dimmi, che cosa facevi là come cristiano?”-

-“Ebbene, guarda: io non bevevo!”-

-“Ottieni un punto”-.

-“Eh, io non fumavo”-.

-“Arrivi a due punti”-.

-“Io… ah, io decimavo nella chiesa, davo le mie decime e le mie offerte”-.

-“Quattro puntini, se decimavi e facevi offerte, quattro punti. Che altro facevi?”-

-“Bene, io andavo negli ospedali il sabato, andavo a visitare, davo volantini”-.

-“Sei punti. E come ti comportavi con i tuoi figli?”-

-“No, io con i miei figli andavo d’accordo, mi sono comportato bene, anche con mia moglie. Marito di una sola donna…quanti me ne mancano?”-

-“Novecentonovanta! Che altro facevi?”-

…perchè ricorda che “..l’uomo che faccia queste cose vivrà per esse” quindi, lo stavano provando per vedere. Non era di Crescendo in Grazia, certamente! Era pentecostale, immaginati, purosangue di quelli buoni, di quelli di fuoco… fuoco pentecostale… di quelli, di quelli buoni che ci sono in giro, di quelli ben dedicati, di quelli che non vanno al cinema, non giocano a pallone…

-“Ascolta, e che altro facevi tu?”-

-“Bene, io digiuno. Tutte le settimane io faccio un digiuno di un giorno”-.

-“Ok, 11 punti”-.

Ragazzi! E l’uomo ha cominciato a mettere pacchetti, aveva già circa 18 puntini, ha cominciato a mettere pacchetti… stava già mentendo!

Fino a che l’uomo ha cominciato a sudare ed ha detto: -“Huummm! Sembra che io qui non potrò entrare… questo va male. Cribbio! E che già non posso tirarmi indietro perchè sono già qui…”-. E dice all’angelo:

-“Ascolta, quindi uno qui può entrare solo per mezzo della grazia di Dio!!”-.

-“Mille punti!! Entra per la grazia, per la fede!!”-.

Alziamoci in piedi ed andiamo a cantare.

L’ ABBONDANZA DEL VANGELO

.

 .

APOSTOLO JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

30 di settembre del 2012

.

 .

Andiamo al ricalco. Lettera ai Romani 15:21, ricalco di questa sera per le nazioni.

“… ma, come sta scritto:

Coloro ai quali non fu mai annunciato

nulla su di Lui, vedranno…”

Cosa dice, che cosa faranno? Vedranno.

… su di Lui, cosa? Vedranno!

 

 “…annunciato nulla su di Lui, vedranno…” 

 

Cosa dice? Vedranno! E come lo vedranno se non ha corpo?

Bene, lì sta parlando del capitolo 15,  sta parlando del Governatore dei Gentili. Era per quando si sarebbero manifestati i gentili. Non può essere Gesù di Nazaret, lì non sta parlando di Gesù di Nazaret; nè sta parlando di Paolo, perchè Paolo è stato abbandonato da tutti, nessuno gli ha creduto.

Quindi, parlando di “Lui”, come lo possono vedere se non ha corpo?

 E coloro che non hanno mai udito di Lui…”

 

Ascolta, per avere udito, tu necessiti cosa? Un corpo con orecchie ed udito. Vuole dire che è gente che cammina qui sulla terra, e udiranno di Lui e …

 “…intenderanno.

Per questa causa mi sono visto impedito

molte volte di venire da voi”.

 

Questo è Paolo che parla rispetto a Roma: non ha potuto arrivare a Roma, si è visto impedito.  Chi gli avrà impedito di arrivare a Roma?

 “Però adesso, non avendo più campo (d’azione) in queste regioni,

e desiderando da molti anni venire da voi,

quando andrò in Spagna…”

 

Hello!!

 

“…quando andrò in Spagna, verrò da voi;

perchè spero di vedervi al passare,

ed essere incamminato là da voi,

una volta che io abbia gioito con voi.”

 

Adesso, dove sta l’impedimento?  Guarda il verso 31.

 “…perchè io sia liberato dai ribelli che stanno…”

 

dove?

 

“…in Giudea…

E come si chiamano i cittadini che stanno in Giudea?  Giudei.

 “…e che l’offerta del mio servizio

ai santi in Gerusalemme sia accettata…”

Vuole dire che i ribelli giudei impedivano che Paolo arrivasse a Roma.

E perchè impedivano Paolo e Pietro no? Perchè se Paolo fosse arrivato, sarebbe arrivato con l’informazione del vero vangelo, ma se fosse arrivato Pietro non ci sarebbe stato problema. I giudei non avrebbero impedito a Pietro di arrivare, che arrivasse chi arrivasse. Ora: Paolo non poteva arrivare.

Questo è come se, in questa terra,  tu andassi a cercare un programma radio in qualunque emittente:

-“Sì, costa tanto all’ora”-

-“Ah, bene, quindi sì, (firmiamo) un contratto”-

Adesso: arriva uno dei nostri e gli dicono:

-“A lei non possiamo vendere (lo spazio)”-.

-“Ma perchè? Se io sto pagando lo stesso prezzo che pagano gli altri”-

-“Sì, però a voi non si può”-

-“Ma … e perchè?”-

-“Ebbene, è perchè voi parlate differente!”-

Quindi, dice che i “ribelli” gli impedivano di arrivare in Spagna.

Ascolta, agli spagnoli, se mi stanno ascoltando:

Paolo non è mai potuto arrivare da voi.E se Paolo non è arrivato

quindi non è arrivato quello che andiamo a leggere adesso.

Guarda quello che dice il verso 29, lettera ai Romani 15: 29, guarda quello che dice:

“E so che quando verrò da voi,

arriverò con abbondanza della benedizione del vangelo…” 

 

di chi?

 

“…di  Cristo.”

 

Arriverò con cosa? Con abbondanza. Verso 29:

“E so…”

 

questo Paolo lo sapeva!

“…che quando verrò da voi, arriverò con abbondanza della benedizione del vangelo di Cristo.”

È arrivato in Spagna sì o no? Non è arrivato! Quindi è arrivata l’abbondanza del vangelo di Cristo?

Quindi, che cos’ha la Spagna, attualmente? SPAZZATURA! Quello che ha  è un vangelo del quale Paolo ha detto: “…tutto lo reputo spazzatura.” Così che gli spagnoli sono pieni di spazzatura e la spazzatura bisogna bruciarla.

NOTIZIA:

 

GLI SPAGNOLI NON HANNO MAI UDITO

IL VANGELO DI CRISTO.

 

ULTIMA NOTIZIA PER LA STAMPA!

 

“GESUCRISTO UOMO DICE CHE NON HANNO MAI UDITO IL VANGELO IN SPAGNA.

 

SIGNOR PRESIDENTE DELLA SPAGNA, LEI NON HA

MAI UDITO IL VANGELO.”

 

 

-“Però… con tanti sacerdoti che ci sono lì e tante chiese?”-

Ma non hanno il vangelo perchè se non è arrivato Paolo, lui era quello che arrivava con il vangelo. E cosa dice? “Mi sono visto impedito ad arrivare a voi.”

-“Ah, però, Apostolo, la Regina Isabella è uscita dalla Spagna a portarci la benedizione con la Niña, la Pinta e La Santa Maria!!”-  

 

Nooooooo. Lì veniva maledizione, in quelle tre barche, perchè veniva pieno di preti e di sacerdoti.

(Applausi)

È così? Io vi sto convincendo che è così? Sta scritto così? Quindi abbiamo ragione in quello che stiamo affermando?

Quindi, arriviamo a conclusioni: LA SPAGNA NON HA MAI CONOSCIUTO LA VERITÀ.

Adesso, osserva che il vangelo dell’abbondante benedizione di Cristo, il vangelo di Paolo, lui dice -“Cristo non mi ha inviato a battezzare”-, non contiene battesimo.

Paolo dice che:  -“… bisogna smettere con l’imposizione delle mani”-. Vuole dire che se tu vai in una chiesa dove stanno imponendo le mani, lì non c’è il vangelo dell’abbondanza della benedizione di Cristo.

In qualunque chiesa dove ti diano un’ostia: -“Guarda, qui sta la comunione con il pane…”- lì non sta la benedizione, perchè Paolo non faceva questo.

Ah, scusami, in qualunque chiesa dove credano nel diavolo, Paolo dice che: -“Il diavolo è stato distrutto”- e lui era l’unico che aveva l’abbondanza della benedizione del vangelo.

Quindi, che cosa hanno creduto gli spagnoli per duemila anni?

Dì: SPAZZATURA!

SPAGNA, SEI PIENA DI SPAZZATURA!!

Dico, questo è quello che mi dice questo libro (la Bibbia -ndt).

(Applausi)

 

-“Apostolo, per questo lei deve cambiare il messaggio: parli più dolcemente. Dipinga, sia bilanciato nelle sue parole per far sì che le accettino in tutti i luoghi”-.

Bene, io lo addolcirei se fosse menzogna, io lo avrei dipinto -come fanno lì per lì gli evangelici, gli ecumenici- ma è che io dico verità e dove si dice verità lì bisogna parlare con autorità.

 

(Applausi)

Ascolta, mettimi questo verso, è troppo bello:

“E so…”

 

Lettera ai Romani 15: 29.  Hello!

E so che quando io verrò da voi,

arriverò con abbondanza della benedizione

del vangelo di Cristo.”

Però, i cattolici nella messa dicono:

-“Il vangelo di Cristo dice così: in san Luca, in san Giovanni…”-

…questo non è il vangelo, scusami. Hai perso il treno. Hai perso il treno!

Cattolici, avete perso il treno!

Pentecostali, siete rimasti a piedi!

Evangelici! Questo è un nome mal applicato, voi non siete evangelici per niente.

Evangelici siamo noi perchè predichiamo il vero vangelo. Loro usurpano questo nome. NON C’È CRISTIANESIMO FUORI DAL VANGELO DELL’ABBONDANZA DI  CRISTO.

 

(Applausi)

Ascolta, io non so se mi sto spiegando. Io mi sto spiegando?  E voi mi intendete?

(Sììì)

E non avete dubbi in proposito?

(Nooo)

Perchè?

(Perchè sta scritto!)

Che cosa avete voi che mi intendete?  Ah?

UDITO (UDITO).

E perchè loro non mi intendono? Non hanno udito? Ce l’hanno pieno di cerume religioso.

Io non so, perchè guarda… stampa, se mi state vedendo: qui tutti quanti sono convinti.

Tutti coloro che sono contro, dicano: -“Non credo”-.

Attenzione!! Ha ha ha ha…ascolta, bisogna fare attenzione!! Ha ha ha ha.

Coloro che sono contro a quello che abbiamo detto, dite al mondo… guarda, sono milioni di persone che ci stanno vedendo adesso… ci sarà qualcuno qui, ci sarà qualcuno che non crede in quello che è stato insegnato qui?

Dì: No!

Quella era in bagno, è arrivata adesso…

Ascolta, la domanda è: PERCHÈ VOI INTENDETE QUESTO TANTO FACILMENTE? PERCHÈ VOI AVETE UDITO DI PECORA?

(Sììì)

Perchè dicono in giro che io vi lavo il cervello e che distorco la Scrittura e che una serie di demoni che mi accompagnano, vi ipnotizzano e vi possiedono. Ascolta, questi sono demoni buoni. Abbiamo una serie di demoni dei più saporiti che ci tengono posseduti e non vogliamo essere liberati.

Preda del Signore!  Ah! Che bello!! Ascolta, per duemila anni, hanno ingannato gente tanto intelligente come gli spagnoli, per duemila anni!!

Osservate che la moneta lì: l’Euro vale di più. Guarda, un dollaro, sai quanto vale? Sessanta centesimi. Ossia, se tu vai lì con cento dollari e ne hai sessanta (euro), non cento dollari. La moneta ha più valore! Vuole dire che sono un poco intelligenti, osserva, sono prosperi e si sono lasciati ingannare con  un falso vangelo fino al giorno d’oggi.

Ascolta, io ricevo che tutta questa gente che mi ha intervistato lì apra gli occhi. Uno di loro mi ha detto:

-“Sa cos’è che mi piace di Lei? Che Lei permette a uno di pensare!”-

Gli ho detto: -“Chiaro!”-

-“Sì, perchè io mi rendo conto che qui, Lei spiega le cose e tutti quanti stanno prendendo appunti e verificando per vedere se è così. Nelle altre religioni, uno deve credere quello che gli dicono e senza fare domande”-.

Gli ho detto: -“Qui non diamo neanche la tessera di affiliazione!”-

Tu sai che le religioni danno una tessera:

-“Guarda, il tizio vuole ricevere l’affiliazione…”-, e quindi gli consegnano un volantino che deve riempire e lo indagano minuziosamente:

-“Lei ha divorziato?”-

-“Sì. Io ho divorziato”-

-“Quante volte?”-

-“Tante volte”- 

-“Ah, bene, guardi, lei non qualifica come membro della chiesa. Ora, dopo un anno di fedele frequenza, se vediamo che lei è fedele, ebbene, potremo accettare la sua affiliazione”-.

Guarda un pò che tipo di chiesa… sembrano un prestito ipotecario queste chiese, sembrano una banca.

Ossia che se quella donna che aveva sei mariti e quello che aveva non era (suo marito),  sarebbe riuscita a diventare idonea… mmm….  in 7 anni, ha ha ha ha.  Un anno per marito, immaginati! Ascolta, in questa chiesa noi non ci saremmo mai entrati.

Immaginati Gesucristo! Se io avessi dovuto essere idoneo in una chiesa di quelle, a Gesucristo Uomo avrebbero detto:

-“Signore, deve aspettare”-.

Nemmeno Gesucristo qualifica in quella chiesa!! Colui che ha fatto la chiesa non ha qualificato quando è andato per l’idoneità.

È successo come una chiesa che dicono, lì in Georgia, che c’era un uomo che piangeva nella chiesa e quindi gli si è avvicinata una persona e gli ha detto:

-“Perchè piange?”-

E lui dice:

-“È che io ho una bella voce e voglio cantare nel coro ma io sono molto povero e quelli che cantano nel coro sono molto ricchi”-.

-“E cos’è quello che succede?”-

-“Ebbene, che non mi lasciano entrare, non mi lasciano partecipare, non mi lasciano essere membro del coro”-.

E quello che gli stava a fianco era Gesucristo e gli disse:

-“Ascolta, non lasciano entrare neanche me, così che, non piangere, che neanche io ho spazio in questa chiesa”-

Ha ha ha ha ha…

(Applausi)

Ascolta, però… guarda: io sono sommamente impressionato. Questo viaggio in Spagna mi ha fatto riflettere. Ascolta, però Paolo dice: -“Io so che se arriverò là…”- non è arrivato, ricordatevi. E se lui non è arrivato, è arrivata l’abbondanza?

Quindi ci domandiamo, chi è arrivato? È arrivato Pietro con la circoncisione, con il vangelo scaduto.

Per questo questo papa… IL CANE! Mutilatori della carne.

Come si azzarda a farsi chiamare il Vicario di Cristo con un falso vangelo?

E fino adesso (hanno detto) di rappresentare il “cristianesimo”. Quell’uomo non è neanche cristiano. Per meglio dire, lui è cristino ma non cristiano!

Guarda, noi abbiamo qui un’informazione che dobbiamo portare (al mondo). Noi dobbiamo far sì che questo arrivi dove deve arrivare, perchè tu ed io abbiamo comprovato qui che Paolo dice -“Mi sono visto impedito ad arrivare…”- e, alla fine, non è arrivato.

Quindi, dicono che Spagna è cristiana da migliaia di anni,  ma se Paolo non è arrivato con la benedizione, quindi, chi è arrivato lì?

ASCOLTA, CHIESA, APRI GLI OCCHI!

Tu stai prendendo nota, vero?  Sì?

In internet,  tu stai prendendo nota?

CHE PAOLO NON È MAI ARRIVATO IN SPAGNA, E LUI ERA QUELLO CHE AVEVA IL VANGELO DELL’ABBONDANZA… E NON È MAI ARRIVATO.

-“Sì, però è arrivato Pietro”-

Gran cosa!

Se è arrivato Pietro, è arrivata la maledizione. E Pietro, rappresenta il primo papa e tutti gli altri papi che, per duemila anni, hanno venduto menzogna alle nazioni.

Per questo ha questa città che deve scomparire con tutto. Il Vaticano, deve scomparire e deve essere nostra preghiera ed orazione che scompaia perchè arrivi il vangelo dell’abbondanza della benedizione di Cristo, che solo Crescendo in Grazia sta predicando!

Gesucristo Uomo stesso lo porta!!

Abba Padre!

(Applausi)

I musicisti, per favore.

(Applausi)

E NON ABBASSO IL GUANTONE!

 

Questa è la chiave, abbiamo la chiave!! Chiesa, abbiamo la chiave, li teniamo ben afferrati. Il progetto, il progetto andiamo lì!! QUESTO È IL PROGETTO!!

Questo è il progetto, non bisogna fare niente altro: è portare il vangelo dell’abbondanza dove c’è salute, dove io mi dichiaro sano, dove io mi dichiaro prospero, dove io  dico che il diavolo è stato distrutto, dove c’è abbondanza.

 

DÌ: ABBONDANZA. QUELLO CHE IO CREDO PRODUCE ABBONDANZA.

 

(Applausi)

“L’ USURPAZIONE PAPALE”

.

 

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

 .

22 di agosto del 2012

 .

Bene, oggi abbiamo un tema storico. Andiamo a fare copie per inviarlo in differenti luoghi: leaders, governatori, governi. Andiamo a fare copia.

(Applausi)

Il tema è: “L’ Usurpazione Papale”.

(Applausi)

In altre parole definirò la posizione del Ministero Internazionale Crescendo in Grazia in quanto al Papato Romano. Parleremo di questo. È un tema molto importante.

Cominciamo a parlare di dove è cominciata l’usurpazione.

Ed è un tema che cercherò di fare… ripeterò cose che voi conoscete già ma, per il bene di chi riceverà questo video, necessitiamo ripetere alcune cosine… ma apprendiamo sempre da quello che già sappiamo, vero?

Cominciamo con la lettera ai Galati capitolo 1, verso 18.

Ripeto il tema: “L’ Usurpazione del Papato Romano”, che è cominciata con il primo Papa, l’Apostolo Pietro.

L’ Apostolo Paolo dice:

“Poi, passati tre anni, sono salito a Gerusalemme per vedere Pietro,

e sono rimasto con lui quindici giorni

ma non ho visto nessun altro degli Apostoli, se non Giacomo, il fratello del Signore”.

 

Adesso, in questi quindici giorni senza radio, televisione, telenovelas, intrattenimento, sono sicuro che l’incontro di questi due personaggi, di Pietro e Paolo… che abbiamo già capito che a Pietro è stato incaricato il Vangelo della Circoncisione e a Paolo quello della Incirconcisione. Questi erano due personaggi, e questo è un dato storico di cui non si è parlato per duemila anni, di questo tema, come ne parleremo questa notte.

Quindi, io penso che in questo dialogo, in questo dialogo che loro hanno avuto, lì Paolo gli ha presentato… mi immagino che gli abbia detto:

-“Pietro, viene un governo separato dal governo secolare. Si stabilirà adesso, dopo che Cristo è morto e risuscitato, comincia un governo”-

E quindi sembra che Pietro gli abbia detto:

-“E che ruolo giochiamo noi, gli undici Apostoli?”-

-“Bene, no… perchè sarò io: io dirigerò questo governo, perchè questo è un governo per i gentili”-

-“E che vangelo si predicherà?”-

-“Bene, si predicherà… non il vostro, perchè il vostro è scaduto quando Cristo è morto e risuscitato. Perchè la morte del testatore è ciò che conferma il nuovo patto”-.

Quindi, in quindici giorni, io mi immagino che abbiano discusso, parlato, pensato…

-“Quindi, nessuno di noi gioca un ruolo, lì?”-

-“Bene, non per i gentili, perchè io sono stato prescelto per il popolo gentile”-.

E ci domandiamo: cosa fa il Papato Romano trattando con gentili, con noi??

Quindi lì, lì Paolo ha dovuto dirgli:

-“Bene Pietro, il prescelto di questo nuovo governo sono io!”-.

E chissà, gli ha spiegato le ragioni, perchè nella stessa lettera ai Galati, in questo capitolo 1, se possiamo vedere il verso 11 in avanti, guarda quello che dice Paolo:

“Ma vi faccio sapere, fratelli,

che il vangelo annunciato da me, non è secondo l’uomo:

 

poichè io non l’ho ricevuto nè l’ho appreso da nessun uomo,

ma per rivelazione di Gesucristo.

 

Perchè avete già udito a proposito della mia condotta, in altro tempo, nel giudaismo…”

che è quello che pratica Pietro, il giudaismo

“…che perseguitavo oltremodo la chiesa di Dio, e la devastavo,

 

e nel giudaismo superavo molti dei miei contemporanei nella mia nazione, essendo il più zelante delle tradizioni dei miei padri.

 

Ma quando è stato gradito a Dio, che mi ha appartato dal ventre di mia madre

e mi ha chiamato per la Sua grazia,

 

di rivelare Suo Figlio a me, perchè io lo predicassi…”

a chi?

 

“…ai gentili,

 

non ho consultato immediatamente carne e sangue…”

 

Pietro…

 

“…nè sono salito a Gerusalemme a vedere quelli che erano Apostoli prima di me, ma me ne sono andato in Arabia, e sono tornato di nuovo a Damasco.

 

Poi, passati tre anni, sono salito a Gerusalemme per vedere Pietro…”

 

In altre parole, abbiamo la prova che Paolo è stato scelto per noi i gentili tuttavia, se tu sei onesto, tu vedi che ci è stato predicato poco di ciò che riguarda i gentili, o meglio, ci sono stati mescolati tutti e due i vangeli: la circoncisione e la incirconcisione.

Io penso che Paolo ha dovuto essere ben onesto:

-“Guarda, voi undici rimanete con i giudei perchè ai gentili voi non potete portare quell’insegnamento” -

gli insegnamenti degli undici che oggigiorno sono mischiati con l’ Apostolo Paolo.

È per questo che a volte ci accusano del fatto che noi insegnamo solo Paolo. Bene, la risposta sta nel fatto che, se siamo gentili, quindi Paolo è l’unico che parla ai gentili, e sta scritto: dice che Dio lo ha prescelto dal ventre di sua madre perchè vada a predicare Gesucristo tra i gentili. Vuole dire che Paolo è l’inviato a noi i gentili, non Pietro!

Bene, e la prova sta nel capitolo 2, verso 1: sembra che passarono quattordici anni e Pietro non aveva fatto caso a quello che avevano detto in quei quindici giorni, che noi ci immaginiamo sia stato molto… in quei quindici giorni, tu puoi pensare… io mi immagino che Pietro gli abbia fatto ogni tipo di domanda:

-“Bene, e che cosa dirai ai gentili?”-

Mi immagino che una delle cose che Paolo gli ha detto sia stata:

-“Bene, che con una sola offerta sono perfetti”-

-“E… bene, li battezzerai, vero?”-

-“No, perchè Cristo non mi ha inviato a battezzare”-.

-“Ossia, che i gentili non si devono battezzare?”-

-“No, perchè quello è un rito giudeo, Pietro”-.

Per quale ragione le chiese battezzano i gentili oggi? Perchè Pietro si è messo in mezzo. Si sono intromessi gli undici Apostoli ma se fosse per Paolo, Paolo dice che Cristo non lo ha inviato a battezzare i gentili.

Quindi, nel capitolo 2, verso 1 della lettera ai Galati, guarda quello che dice:

“Poi, passati quattordici anni,

sono salito un’altra volta a Gerusalemme con Barnaba, portando con me anche Tito:

 

ma sono salito secondo una rivelazione

e per non correre, o aver corso invano,

ho esposto in privato a coloro che avevano

una certa reputazione il vangelo che predico tra i gentili.

 

Ma neanche Tito, che stava con me, sebbene fosse greco,

fu obbligato a circoncidersi;

e questo nonostante i falsi fratelli introdotti di nascosto,

che entravano per spiare la nostra libertà che abbiamo in  Cristo Gesù,

                                                        per ridurci in schiavitù.”             

In altre parole, coloro che venivano da Gerusalemme, venivano a ridurre in schiavitù quelli di Paolo.

Adesso, nel verso sette comincia quello di cui noi abbiamo già parlato prima. Guarda il  capitolo 2, verso 7.

“Anzi, prima,

siccome hanno visto che mi era stato

incaricato il vangelo della incirconcisione,

come a Pietro quello della circoncisione…”

è importante notare… ossia: le persone oggi nelle chiese non leggono questo. Loro non lo notano.

Quanti di voi hanno letto ed hanno inteso questo prima di arrivare a questo ministero?

Non si spiega. La gente pensa che Pietro e Paolo erano cristiani, che era dello stesso gruppo, però no: erano due vangeli differenti! Uno circoncisione e l’altro incirconcisione, che è molto differente.

Bene, e quindi, sembra che lì Pietro abbia dovuto riconoscere quello che Paolo gli stava già dicendo da quattordici anni, perchè guarda come dice il verso otto. Lui continua a parlare e dice loro:

“Poichè colui che ha attuato in Pietro per l’apostolato della circoncisione…”

 

passado: ha attuato

“…ha attuato anche in me per i gentili,

e, riconoscendo la grazia che mi era stata data,

Giacomo, Cefa…”

 

che è Pietro

“…e Giovanni,

che erano considerati come colonne,

hanno dato a me e a Barnaba la destra in segno di comunione,

perchè noi fossimo ai gentili e loro…”

dove?

 

“…alla circoncisione.”

 

Vedi la divisione che c’è lì: “E loro…” ai giudei “alla circoncisione”. Quindi, Barnaba e Paolo ai gentili!

Vuole dire che Pietro non deve stare predicando ai gentili:

Numero uno: Non deve stare messo in Roma.

Numero due: Non doveva arrivare in Spagna.

Loro avrebbero dovuto rimanere con la circoncisione che è il gruppo giudeo.

Adesso, osserva quello che è successo, continuiamo a leggere il verso 9. C’è stato come un accordo: -“Ok, guarda…”-

“…hanno dato a me e a Barnaba la destra in segno di comunione, perchè noi fossimo ai gentili e loro alla circoncisione.

Solamente ci hanno chiesto che ci ricordassimo dei poveri;

cosa che ho procurato di fare con diligenza.”

Adesso, guarda il verso 11, sono già passati mesi:

“Però quando Pietro è venuto ad Antiochia…”

già lì erano passati mesi… quella riunione è terminata e poi, tempo dopo, Pietro è arrivato ad Antiochia, intendendo che già avevano avuto un accordo:

-“Ok, Paolo e Barnaba ai gentili, noi a quelli della circoncisione”-

ma passa un tempo e adesso appare Pietro in Antiochia:

“Però quando Pietro è venuto ad Antiochia…”

 

già Paolo si stava inquietando, perchè erano già passati quattordici anni

“…l`ho affrontato faccia a faccia, perchè era da condannare.”

 

Perchè? Guarda il verso 12:

“Poichè prima che venissero alcuni da parte di Giacomo, mangiava con i gentili;

però dopo il loro arrivo, si ritirava e si appartava

perchè aveva paura di quelli della circoncisione.

 

E nella sua simulazione partecipavano anche gli altri giudei,

In maniera tale che anche Barnaba…”

 

l’amico di Paolo

“…è  stato trascinato dalla loro ipocrisia”.

 

“Ma quando ho visto che non andavano rettamente secondo la verità del vangelo,

ho detto a Pietro davanti a tutti…”

adesso è “davanti a tutti”: prima è stato faccia a faccia ma non ha dato retta, adesso è davanti a tutti:

“… perchè obblighi i gentili a giudaizzare?”

Guarda chi è l’ Apostolo Pietro, il primo Papa: “Perchè obblighi?” 

Guarda, chi sta contro il nostro messaggio sta giudaizzando e non se ne rende conto. A noi… bene: tutte le religioni ci hanno emarginato. Perchè? Perchè loro già hanno questa contaminazione di giudaismo, hanno una mescola. Quindi, quando noi parliamo della incirconcisione è senza mescola, è pulita: massa pulita… e quindi loro devono stare in disaccordo.

Finale del verso 14:

“Perchè obblighi i gentili a giudaizzare?”

Adesso, osserva quello che dice il verso 15:

“Noi, giudei di nascita e non peccatori da dentro i gentili,

 

sapendo che l’uomo non è giustificato per le opere della legge

ma per la fede di Gesucristo, abbiamo creduto anche noi in Gesucristo,

per essere giustificati mediante la fede di Cristo… poichè per le opere della legge nessuno sarà giustificato”.

 

Adesso, bene, tu sai che questo è stato un mistero per duemila anni, vero? Io, personalmente, non conosco nessun altro ministero che abbia portato alla luce questa divisione della circoncisione e incirconcisione. Nessuno lo ha capito, siamo d’accordo?

Cosa pensa un protestante o un leader quando legge questo?  Lo intende?  Non può, non può intenderlo. Non può intenderlo, perchè lui pensa che Paolo e gli altri Apostoli siano dello stesso gruppo. Loro pensano che gli Apostoli fossero cristiani: gli Apostoli non erano cristiani, loro erano giudaizzanti, perchè il vangelo che loro predicavano era circoncisione. Naturalmente, loro credevano in Cristo, però in un Cristo giudeo, in Gesù di Nazaret che ha praticato giudaismo. Loro non intendono il vangelo.

Perchè quando tu hai circoncisione non ti lascia vedere quello che tu hai visto. A volte tu spieghi a qualcuno:

-“Guarda, tu capisci questo?”-

 

Lui non lo può vedere e a te viene persino voglia di dargli una botta in testa.

Tu gli dici:

-“Però, tu non lo vedi chiaro lì?”-

-“No, no, no…”-

Lui non può, perchè la circoncisione causa una divisione nella tua mente, causa un velo attraverso il quale tu non puoi vedere quello che noi abbiamo visto fino ad oggi… perchè c’è contaminazione.

(Applausi)

Questo velo non può essere tolto alla gente. È ben difficile… a meno che, per opera del Signore, intenda, però è ben difficile, ben difficile!! Io ho famiglia che non intende, tu hai famiglia che non lo intende.

Ed io faccio un appello a coloro che stanno vedendo questo CD; governanti, sacerdoti, pastori, coloro che lo vedranno: che ragionino, per vedere se mi possono intendere che quello che fa il nostro ministero è dividere la circoncisione dalla incirconcisione, perchè diventiamo una massa pulita, perchè ci sia purezza nel cristianesimo, non si possono avere i due apostolati. Deve esserci l’apostolato di Paolo, quello che ti porta ad intendere la verità del vangelo che il Dio del cielo ha predestinato per noi i gentili.

(Applausi)

In questo, tu sai che tutto il mondo è accordo che io sono l’unico che ha chiarito questo mistero. Persino i leader religiosi,  persino le persone che se ne sono andate da noi. Loro dicono:

-“No, no, io sono in disaccordo con l’ Apostolo…” o con Josè Luis, come mi vogliano chiamare “…ma quello che ha cominciato questo è stato lui, perchè nessun altro lo aveva inteso in questa maniera”-.

La divisione del Cristo Risuscitato, di Gesù di Nazaret. Questa divisione… questo non è mai stato detto perchè questo era occulto all’intendimento umano.

E su questo tutti sono d’accordo. Quello che succede è che loro sono in disaccordo su altre cose che noi insegnamo ma fino a lì, coloro che hanno inteso la grazia, intendono questo.

Adesso, cosa significa per me e per te, che questo ministero abbia chiarito questo? Questo ha un significato molto grande, perchè Paolo ha fatto un’avvertenza.

Guarda quello che dice la Prima carta ai Corinzi capitolo 4, verso 5:

“Così che, non giudicate niente prima del tempo, fino a che venga il Signore,

il quale chiarirà anche l’occulto delle tenebre,

e manifesterà le intenzioni dei cuori,

e poi ciascuno riceverà la sua lode da Dio”.

 

Quindi, io rispondevo a me stesso e dicevo:

-“Osserva… questo mistero non era mai stato spiegato, quindi… Paolo dice: “E non giudicate, perchè, fino a che non venga il Signore, questo non verrà chiarito” quindi questo mi dice… questo mi dà la posizione di  GESUCRISTO UOMO!!”-

(Ovazione)

Perchè osserva, i nostri nemici dicono:

-“No! Sappiamo che questo mistero, quello che stava lì non chiarito, solo Josè Luis lo ha chiarito”-

ma poi devono concludere:

-“Perchè lo ha chiarito?”-

Perchè Paolo ha detto:

-“Guarda, non giudicate niente, perchè il Signore è l’unico che può chiarire questo”-.

Quindi, le tenebre del Papato romano si sono mantenute per anni, ogni Papa che viene è successore di Pietro. E chi era Pietro? Un uomo che obbligava i gentili a giudaizzare, un uomo che ha mentito.

Guarda, in questi quattordici anni da quando Paolo ha parlato con lui, quando torna a salire, Pietro aveva  avuto il tempo di capire,  Pietro aveva avuto il tempo di dire:

-“Capperi! Paolo mi ha già confrontato varie volte con questo però, io voglio continuare ad obbligare i gentili a giudaizzare. Non devo farlo perchè se li obbligo ad essere giudei, sto violando un principio molto grande… ma io lo voglio fare!!”.

È lì dove sta la cattiveria di Pietro perchè lui ha insistito a predicare qualcosa che non toccava a noi. È per questa ragione che questo è il mistero dell’iniquità.

E quindi, osserva quello che dice la Seconda carta ai Tessalonicesi nel capitolo 2… perchè questo papato che è esistito per tanti anni, che stiamo aspettando che termini… tu sai che meraviglioso sarebbe: (in occasione) della morte di Giovanni Paolo II c’erano cinque milioni di persone che hanno aspettato ventiquattro ore per vedere un uomo che li ha ingannati, per vedere un sistema che è il colpevole di tutta la corruzione del mondo, per vedere un sistema di inganno, che promuove religiosità che non sono gradite a Dio, che promuove idolatria, che promuove orazioni che non hanno niente a che vedere con il consiglio biblico, un mucchio di cerimonie, di ogni tipo di cerimonie.

Ascolta, benedetto: NON LASCIARTI INGANNARE E NON AVERE PAURA!

Non avere paura perchè, guarda, uno dei segnali… quando Gesù di Nazaret ha parlato della venuta del Figlio dell’Uomo, ha detto:

-“È necessario, è necessario che Lui riceva molta opposizione”-

E come fai tu ad opporti a qualuno se non è una persona umana… dice che si sposavano come nei tempi di Noè.

Il sistema protestante sta aspettando una venuta del Signore mistica: -“È arrivato!!”- tac! Si è sistemato tutto!!

Noo, il Signore doveva venire ad educare, a chiarire, a ripulire. Loro non intendono la venuta del Signore.

Adesso,  Seconda carta ai Tessalonicesi capitolo 2, cominciando con il verso 1. Guarda quello che dice:

“Però riguardo alla venuta del nostro Signore Gesucristo e alla nostra riunione con lui,

 

vi preghiamo, fratelli, che non vi lasciate muovere facilmente

dal vostro modo di pensare,

nè vi turbiate, nè da spirito, nè da parola, nè da carta come se fosse nostra,

nel senso che il giorno del Signore è vicino.

 

Nessuno vi inganni in nessuna maniera;

perchè non verrà se prima non si manifesta l’apostasia…”

E che cos’è che ha causato l’apostasia? Il vangelo dei giudei.

Il vangelo della circoncisione, predicato tra noi, si è portato via la fede, perchè le opere, le opere sono tutto l’opposto della fede e il vangelo della circoncisione non è di fede. Dice che la legge non è di fede, quindi, predicando loro questo vangelo si è formata l’apostasia che abbiamo visto per tanti anni.

Dice, verso 3:

“… non verrà se prima non si manifesta l’apostasia,

e si manifesti l’uomo del peccato…”

chi è colui che insegna che c’è ancora peccato? Il Papato insegna che c’è il peccato!

“… il figlio della perdizione,

 

il quale si oppone e si solleva contro tutto ciò che si chiama Dio o è oggetto di culto;

tanto che si siede nel tempio di Dio come Dio, facendosi passare per Dio.”

 

Quella sedia, fratello, non tocca a lui: deve togliersi da quella sedia, perchè quella SEDIA LA DOBBIAMO OCCUPARE NOI.

(Applausi)

Sì. Osserva se è così, che Paolo dice, verso 5:

“Non vi ricordate che quando io stavo ancora con voi, vi dicevo questo?”

Che veniva quello che abbiamo visto:

“E adesso voi sapete quello che lo trattiene…”

Che era la presenza di Paolo lì, quello che tratteneva. Una volta che Paolo muore, lui profetizza:  -“…dopo la mia partenza comincia…”-

Dice:

“… al fine che a suo debito tempo si manifesti.

 

Perchè è già in azione il mistero dell’iniquità;

solo che c’è chi, al presente, lo trattiene,

fino che lui, a sua volta,  verrà tolto di mezzo.

 

E quindi si manifesterà quell’ iniquo,

che il Signore ucciderà…”

 

come lo sto uccidendo adesso

 

“…con lo spirito della Sua bocca,

e lo distruggerà con lo splendore della Sua venuta…”

 

(Applausi)

Guarda, vado a culminare, perchè noi abbiamo chiaro quello che stiamo dicendo e questa evidenza deve uscire, non si può più occultare.

Però guarda, in quanto Paolo sale e sta quindici giorni con Pietro e Pietro scopre tutto quello che gli ha detto Paolo… quando Pietro ha visto che lui già non giocava nessun ruolo nel governo dei gentili, perchè Pietro voleva arrivare in tutto il mondo, non rimanere con i giudei, lui voleva arrivare a noi e ingannarci e predicarci un vangelo falso per noi… nel momento in cui Paolo gli ha detto:

-“No! Il tuo vangelo, questo vangelo giudeo no!  Perchè, Pietro, questo vangelo l’ho vissuto meglio di te. Io ero più zelante di te: io sorpassavo i miei contemporanei quando io ero fariseo. Tu no, tu sei un pescatore che ha appreso due o tre cosine l’altro giorno: io sono stato giudeo di giudei! Io sono stato fariseo di farisei, della tribù di Beniamino, circonciso l’ottavo giorno, Pietro. Il tuo (incarico) è terminato con la croce: già Cristo è risuscitato, Pietro, adesso tocca a me! Io sono il Padre, colui che concepisce. Questo è un governo che prenderà luogo”-.

Io mi immagino che Pietro ha ascoltato ed ha detto:

-“Ascolta, quindi noi scompariamo? Scompariremo noi?? Ossia, che Paolo adesso è il leader???”-.

Questo ha causato gelosia nella mente di Pietro. Bene, immaginati che Pietro era un ipocrita, dice che nella sua simulazione ha trascinato Barnaba e gli ha detto:

-“Guarda, questo Paolo non va bene!”-

 

dopo avergli dato il segno di comunione, lo ha trascinato con la sua ipocrisia. Barnaba, il compagno di Paolo!  Io sono sicuro che la conclusione di Pietro sia stata questa:

-“Se noi non togliamo di mezzo quest’uomo, ci elimineranno tutti e lui rimarrà con i gentili, con il vangelo dei gentili. Bisogna togliere di mezzo quest’uomo!!”-.

ED IO, DA QUESTO PULPITO A TUTTE LE NAZIONI, CON LE PROVE, IO VOGLIO MOSTRARE DOVE PIETRO E GLI ALTRI ANZIANI HANNO STABILITO DI UCCIDERLO.

Loro hanno detto:

-“Bisogna togliere di mezzo quest’uomo!!”-.

Andiamo al libro storico degli Atti (degli Apostoli) capitolo 23, versi dal 12 al 15.

Guarda quello che hanno fatto con Paolo. Dice:

“Venuto il giorno, alcuni dei giudei…”

Dei cosa? Giudei.

“… hanno tramato un complotto e fecero un giuramento sotto maledizione, dicendo che non avrebbero mangiato nè bevuto fino a che avessero dato morte a…”  

Pietro? A chi?

“…a Paolo.

 

Erano quaranta coloro che fecero questa congiura,

i quali sono andati dai principali sacerdoti e…”

 

da chi altri?

“…dagli anziani…”

Mantieni questa parola “anziano” nella tua mente.

“… e dagli anziani e dissero:

Noi abbiamo giurato sotto maledizione, di non gustare niente fno a che abbiamo dato  morte a Paolo.”

 

Adesso, osserva che loro sono andati dove? Dagli anziani.

Dove sono andati? Dagli anziani!

Dice: “i quali  sono andati dai principali sacerdoti e dagli anziani…”

Tu dirai:

-“No, però questi sacerdoti erano falsi, non erano cristiani”-.

 

E questi “anziani” chi erano?

Osserva se erano gli stessi credenti del capitolo 21, guarda, perchè tu veda che sono gli stessi anziani. Atti (degli Apostoli) capitolo 21, verso 17:

“Quando siamo arrivati a Gerusalemme…”

sta parlando Paolo

 

“ …i fratelli ci hanno ricevuto con gioia. E il giorno seguente Paolo è entrato con noi a vedere Giacomo, e si trovavano riuniti lì…” 

 

chi?

 

“…tutti gli anziani.”

 

Quindi, gli anziani sono amici di Giacomo? E chi è Giacomo? Questi anziani, saranno gli stessi dai quali sono andati in visita quando stavano digiunando per uccidere Paolo?

IO ACCUSO DA QUESTO PULPITO, DICHIARO LE PAROLE SCRITTE, STORICHE:

 

COLORO CHE HANNO DATO MORTE A PAOLO IN ROMA, FURONO:

PIETRO, GIOVANNI, GIACOMO E GLI ALTRI ANZIANI.

 

(Applausi)

 

E LO HANNO FATTO CON CATTIVERIA NEL LORO CUORE PER PREDICARE UN FALSO VANGELO A TUTTI I GENTILI.

E PER DUEMILA ANNI HANNO INGANNATO, HANNO AMMALIATO CON UN FALSO VANGELO TUTTO IL POPOLO GENTILE.

 

IL POPOLO È STATO INGANNATO.

 

ROMA È COLPEVOLE DI INGANNARE IL MONDO.

 

GLI EVANGELICI, TUTTI I GRUPPI CRISTIANI CHE STANNO CON GLI UNDICI APOSTOLI SONO CONTAMINATI DALLA STESSA BESTEMMIA.

 

QUESTA È LA MIA POSIZIONE COME PRESIDENTE MONDIALE DELLA GRAZIA,

QUESTA È LA POSIZIONE DEL NOSTRO MINISTERO.

(Ovazione)



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.