Post contrassegnati da tag 'paura'

DUE ALBERI (VIDEO)

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

2 di ottobre del 2013

Benedetti con tutte le benedizioni.

Un’invito a riunirsi nella riunione di Dio con i suoi dèi.

Siamo di nuovo qui con te per edificarti.  Il perito architetto mi ha dato i disegni per costruire l’edificio, nella stessa maniera come hanno dato istruzioni a Noè per preparare l’arca e, un giorno ha dovuto chiudere le porte e si è rinchiuso, e lì ha cominciato l’acqua a salire e a salire, fino a che ha sollevato l’arca.

Bene, oggi abbiamo un tema che fa parte di quei ritocchi dei quali sto parlando, delle rifiniture dell’ edificio. È un tema che non abbiamo mai toccato, ma grazie ad un “Gioiello di grazia” del nostro fratello Andrés Cudris, ho potuto vedere una differente prospettiva di questo gioiellino e la sto compartendo con voi. Grazie Andrés per il tuo contributo.

Per anni, la chiesa ha parlato del vangelo di Mosè, la circoncisione: se ne parla in tutte le chiese del mondo. La incirconcisione, come già abbiamo menzionato prima, questa non è mai stata toccata. E mi spiego sul perchè: andiamo a leggere Genesi capitolo 3, verso 22. Dice:

“E disse il Signore Dio: “Ecco, l’uomo è  come uno di noi,

poiché conosce il bene e del male.

Che ora egli non stenda la mano e non prenda anche dell’albero della vita,

ne mangi e viva per sempre!”.

 

 Questa è l’immortalità: “E viva per sempre.”

 Il tema di oggi è: Due Alberi.

L’albero della conoscenza del bene e del male, del quale l’uomo ha parlato  per generazioni e già tutte le religioni parlano solo del bene e del male. Per questo loro credono che ci sia  il peccato, per questo si rifugiano in Satana, dando il male a Satana ed il bene a Dio.

Tuttavia, come ha detto Giobbe: “Riceveremo solo il bene dal Signore e non anche il male?” . Lui è proprietario e padrone del male e del bene. Come ho detto prima, Dio è buono e Dio è cattivo. Perchè Lui è il creatore di tutto, pertanto, Lui fa come vuole.

Ma, per anni e generazioni, le chiese hanno parlato solo di: -“Comportati bene”- e -“Non comportarti male”-, ossia di questo albero, di questa conoscenza. Ma come puoi vedere Dio ha detto: “… che non vada a mangiare dall’albero della vita”.

Bene,  l’uomo non ha MAI potuto toccare questo albero della vita nè mangiare da esso, perchè questo albero è stato nascosto per 5.973 anni, quando si è manifestato Gesucristo Uomo. Sono stati necessari 5.973 anni per cominciare questo ministero, nel quale ha cominciato a poco a poco a darmi le istruzioni per poter io intendere l’albero della vita, che è quello dal quale tu hai mangiato in questo ministero.

L’albero della vita, come dice Genesi, dice “che mangi e viva per sempre”. Bene, è per questo che tu, quando mi hai ascoltato, perchè sei un prescelto, quello che tu hai fatto è stato che io ti ho invitato alla tavola e ti ho servito dell’albero della vita. Quando tu hai provato questo albero, non ti sei potuto staccare da esso, perchè ha saziato la tua anima, quando tu hai provato dell’albero della vita, che esce solo con il vangelo di Gesucristo, il vangelo rivelato a Paolo.

E questo albero della vita non è niente di meno che la Seconda lettera a Timoteo, capitolo 1, versi 10 ed 11. Guarda come dice:

 

“… ma che adesso é stata manifestata dall’apparizione del nostro Salvatore Gesucristo,

il quale ha vinto la morte e ha portato alla luce la vita…”  l’albero della vita  “… e l’immortalità per mezzo del vangelo.”

Adesso, guarda quello che dice:

 

“…del quale io sono stato costituito predicatore, apostolo e maestro dei gentili.”

 

In altre parole, questa frase: “… dall’apparizione…” non era la manifestazione di Gesù di Nazaret. Anche se, con la morte, Lui ha tolto la morte, fino a che non è apparso Paolo a mettere il fondamento, non si ha potuto mangiare da questo albero.

Così che, Gesù di Nazaret ha aperto il cammino, è stato un cammino nuovo e vivo, ma é stato fino a che non è apparso per la seconda volta Gesucristo Uomo che ha potuto dargli vita, ha potuto preparare la tavola per poter dare da mangiare ai gentili. Quello che Paolo ha detto là,  che “… tutti lo hanno abbandonato”, (1ª lettera a Timoteo 2:7), significa che nessuno ha approfittato il vangelo nonostante Paolo dica qui che “fu costituito maestro e predicatore dei gentili”. Lui ha scritto il fondamento, ma lui stesso ha avvisato: -“Ne arriva un altro”-  (1 Corinzi 3:10).  Quest’Altro è colui che preparerá la cena, la vera santa cena.

E quindi, una volta che io ho ricevuto queste istruzioni, nel 1973, da questi due poderosi angeli che mi hanno portato lì, in questo luogo dove mi è apparso il Risuscitato e si è integrato, colui che dimorava nella luce inaccessibile, si integra di nuovo, per la seconda volta, la Seconda Venuta, questa fusione che ha fatto con il velo José Luis de Jesús Miranda, e lì è cominciata la ricetta per preparare questo squisito cibo che, quando tu lo hai provato, dovunque tu stia, sia in Cuba, sia nel deserto, sia nella parte più pericolosa degli Stati Uniti, sia nella parte più pericolosa dell’Europa, dovunque tu sia, in qualsiasi situazione, quando tu hai provato questo vangelo, questa ricetta, quando tu hai provato il cibo che io ti ho servito, hai sentito una soddisfazione immensa.

Se n’è andata la paura delle tenebre, se n’è andata la paura di Satana, se n’è andata la paura di perdere la salvezza. Ti viene una sicurezza che tu fino adesso, tu non hai potuto spiegare e per questo non mi hai potuto lasciare.

È per questo che la tua affiliazione a me è eterna. Io non ho dovuto farti firmare una carta, come fa  il sistema in giro, per essere sicuri che non te ne vada.  Che ti fanno giurare davanti ad una congregazione: -“Io vorrei chiedere l’affiliazione a questa chiesa”-. No, qui l’affiliazione è eterna. Una volta che tu provi (il frutto) dell’albero della vita, tu resti piantato per sempre.

Per anni, per anni, le religioni hanno predicato dell’albero della conoscenza del bene e del male. Ma, dell’albero della vita, tu non avevi mai sentito niente. L’albero della vita non era mai stato predicato. È per questo che oggi, solo i prescelti, gli illuminati per questo regno hanno la possibilità di provare di questo albero e non appartarsi mai più da esso.

Per questo, tutte quelle persone che si sono sedute con me alla tavola e che non stanno con noi, ascolta, non sono degni. Sembra che siano stati con noi ma, in verità, non erano di noi. Sembra che abbiano preso un boccone e non gli sia piaciuto. Sembra che i loro ventri non siano preparati per digerire questo alimento solido dell’albero della vita. Ed una volta si sono seduti alla tavola con noi e non erano degni, per questo, oggi non stanno con noi. Loro non hanno goduto la conoscenza.

Ogni persona che ha fatto parte del ministero di José Luis De Jesús Miranda, ed oggi non sta sottomesso, mangiando di questo alimento, non è degno di essere chiamato benedetto. Non è degno di sedersi alla tavola con noi. Sono macchie nelle nostre feste, nei nostri banchetti, macchie che sono venute ad opacizzare la brillantezza e la luce di questo prezioso vangelo.

Oggi, io ti dico, in questo conto alla rovescia, che è già quasi al termine, presto si chiudono le porte. Presto verrá una chiamata, resta poco tempo, nella quale inviteró tutti i benedetti, di tutte le nazioni, ad entrare in questo bellissimo edificio.

È per questo che Paolo dice: “Voi siete edificio di Dio”, (2 Corinzi 5:1).  Un edificio che è stato edificato con la conoscenza, non dell’albero della conoscenza del bene e del male, ma dove a te è stato permesso, dopo aver sperimentato la conoscenza del bene e del male, ti è stato permesso, sei stato prescelto, sei stato degno di mangiare dall’albero della vita, l’albero della immortalità, rappresentato dal vangelo che ci ha spiegato il grande apostolo Paolo, il perito architetto.

E, oggi, viene dato a conoscere alle nazioni, dopo aver trovato tutta la chiesa in apostasia, ha cominciato l’albero della vita ad emanare vita in tutti i luoghi delle nazioni dove questo vangelo è arrivato.

Ti felicito! Per questo ti si puó chiamare dio, per questo ti si può chiamare benedetto con tutte le benedizioni, per questo ti si può chiamare ricco, anche se non vedi un centesimo nel borsellino, per questo ti si può chiamare lignaggio prescelto, popolo di Dio, la gran famiglia della fede.

Così che, benedetti, questo è un corto consiglio che ho compartito con te prima di invitarti ad entrare nell’ edificio.

Ricorda che la cena, la gran cena che tu hai provato, è una cena che soddisfa per sempre, è una cena che fa da trampolino per la vita eterna. Come quando Cristo ha detto alla samaritana: “Se tu provi dell’acqua che io dó… tu stai bevendo acqua da questo pozzo che hanno scavato i nostri padri e ti togli la sete al momento, o per un breve tempo. Ma colui che beva dell’acqua che io darò…”, perchè non la poteva ancora dare lì. “Se tu bevessi dell’acqua che io dó…”, (Giovanni 4:13-14).

E questa acqua è stata consegnata a me per ripartirla tra le nazioni e coloro che hanno bevuto da questa fonte sono totalmente sazi. E non dicono “alleluia”, ma dicono “Abba Padre”,  perchè lo spirito che dimora in loro è uno spirito di libertà.

Così che, ti dichiaro regnando in vita. Ti dichiaro sano. Ti dichiaro prospero. Ti dichiaro benedetto con tutte le benedizioni e pronto per entrare nel gran edificio, che mancano solo i ritocchi degli adorni, le finiture nell’edificio, per poter entrare.

Così che, benedetti, sarà fino ad una prossima occasione, dove staremo dando gli ultimi ritocchi finali di questo gran evento. Vi amo tanto. Benedetti.

“LE CONSEGUENZE DELLA PAURA Parte A”

.

 .

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA

GESUCRISTO UOMO

5 di maggio del 2013

Bene, oggi abbiamo un tema meraviglioso: “Le Conseguenze della Paura”.

Se tu hai paura, questo influirá su molti aspetti della tua vita. La paura porta alla timidezza, la paura porta al sospetto. La paura chiude la tua personalitá e tu diventi un introverso, non ti azzardi a manifestarti, perché la paura pregiudica tutte le aree della tua vita. La paura ti invecchia e parleremo qui di molte altre cose a proposito della paura.

Bene, andiamo a cercare Romani 8:15… dove comincia la paura. Dice:

“Poiché non avete ricevuto uno spirito di schiavitú per cadere un’altra volta in timore…”

 

Timore e paura sono sinonimi, vero?

“…per cadere un’altra volta in timore, ma avete ricevuto lo spirito di adozione…”

 

Giá non sei orfano: ti hanno adottato! Tu sai che la tua mente era orfana e quando sei arrivato a questo ministero, la tua mente é stata riscattata. Quindi, nella tua mente, sei stato concepito ad una conoscenza, ad uno spirito. Questo mondo é pieno di attitudini. Attitudini significa spiriti: spirito di odio, spirito di gelosia, spirito d’invidia. Sono tutti spiriti. Quindi, ci sono spiriti di timore che sono spirito di paura.

Quindi qui l’apostolo dice:

“Voi non avete ricevuto spirito di schiavitú per cadere un’altra volta in timore, ma avete ricevuto lo spirito di adozione per il quale acclamiamo …”

 

alleluia?

 “ABBA PADRE!”

 

Ascolta, una signora oggi mi ha detto: -“Apostolo, e “alleluia” é male?”-

-“Sicuro!! Se “alleluia” viene dal timore!”-.

Quando tu senti dire a qualcuno: -“Alleluia”-, ha paura. Regalagli un cane!

Prima della croce era “alleluia”, dopo la croce é “Abba Padre”. Lo spieghiamo nuovamente a causa di coloro che ci visitano e per le migliaia di persone che ci stanno vedendo in Internet, che sono nuovi, che non intendono e bisogna ripeterlo.

Adesso, osserva: lí c’é una chiave,  HELLO! Parola ineffabile. Guarda quello che dice:

“Poiché non avete ricevuto lo spirito di schiavitú per cadere un’altra volta…”

 

Che? Che c’é stata una volta nella quale erano schiavi? Ossia, sono stati liberati ma lui dice: -“Cadranno un’altra volta?”-.

Quindi, che cos’é ció che produce questa “altra volta”? La legge di Mosé! I comandamenti della legge di Dio, perché questo ti produce il timore di non stare compiendo a Dio e, quindi, ti da paura.

Ti sará successo di essere stato chiuso nella tua casa, presentendo che Dio ti avrebbe dato una frustata, che Dio ti avrebbe castigato, che tu stavi camminando male… Dio non funziona cosí, Lui non lavora cosí.

Dio, quando tu stai sbagliando, che ti senti male, che pensi di essere in errore, é quando piú ti copre perché a Lui spiace, perché é stato Lui a farti questo male. É stato Lui a collocarti in un corpo soggetto alla legge del peccato.

Quindi, per meglio dire, Dio soffre quando tu stai camminando male ma, a te, la religione ha detto: -“Ragazzo, Dio ti sta sorvegliando, viene giudizio su di te, preparati che la tua casa verrá visitata dal diavolo!!”-. Questo lo dicono i preti, i sacerdoti, i pastori… tutte le religioni trattano con questo spirito di timore, stanno nell’ “altra volta”.

Peró, tu ed io siamo giá stati liberati. Tu non devi avere timore. Anche quando stai facendo cose che non devi fare, non devi stare in timore, o meglio, il profeta ha detto: -“Venite e tiriamo le somme, parliamone qui”-.

Quando un figlio tuo sta sbagliando, se tu lo ami, tu non lo riempi di botte. Tu lo chiami: -“Vieni qui, tesorino, vieni qui: parliamo. Guarda, andiamo a mangiarci un’hamburgher insieme. Dove vuoi andare?”- e poi tu gli dici: -“Cosa ti sta succedendo?”-

-“No, papi, é che mi sto mettendo in un sacco di guai…”-

-“Ragazzo peró, guarda: trattieniti, controllati. Io sto dalla tua parte!”-.

-“É cosí, papá”-.

Bene, la Bibbia dice: “Se voi che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto piú il vostro Padre celestiale dará cose buone a voi?”. (Applausi)

É cosí!

É stato a Roma dove Paolo ha parlato di piú di questo. Perché Roma… tu sai che i tentacoli di Roma sarebbero arrivati ai nostri paesi per mezzo del cattolicesimo, del romanismo. Pertanto, Paolo avverte per far sí che tu non viva in timore, perché il timore porta delle conseguenze incredibili nella tua vita. Ti fa diventare sospettoso, hai paura, ti porta insicurezza, ti danneggia emozionalmente, ti dá tachicardia, tu sai… la paura! Non ti lascia funzionare bene, non ti lascia prosperare, perché é uno spirito.

Per esempio, in questa settimana, io stavo parlando con una persona che é tanto preziosa, che io gli ho parlato di questo e gli ho detto: -“Guarda, per esempio, ci sono persone che non possono dormire con la luce spenta”-.

E guarda che onesto, mi ha detto: -“Questo sono io. Hum!”-

Ed io gli ho detto: -“Adesso: perché? Perché esiste che tu debba lasciare la luce accesa? Quando giá tu hai chiuso la porta, tutto é sicuro!!”-.

Adesso, lí non entrerá nessuno ma tu hai paura! Tu sai giá che lí non c’é nessuno, perché la paura é che entri qualcuno, lí sí ti puó dare paura: se vivi in un posto pericoloso e la porta é mezza rotta, lí puó entrare qualcuno. Peró, la paura viene perché tu pensi che ci siano spiriti etérei che penetrano attraverso la fessurina della porta.

Io! Io vivevo con paura. Guarda, nella mia casa, quando io ero piccolo, io udivo come delle ciabatte: “schhh, schhh, schhh”… ragazzi!! E sudavo in un modo che io mi tappavo dalla testa ai piedi cosí, sudando, cosí… e io dicevo: -“Ahhh”-, una paura tremenda! Quindi, poco a poco toglievo la coperta cosí e guardavo, e sembra che io avessi lasciato qualcosa appeso…ahhhh, che spavento!!!  Perché prende forma, é come le nubi che nelle nubi tu vedi sempre un orso, un animale.

Ma di notte, alle tre della mattina, lí é che le cose si mettono buone… lí sí che la paura stringe!!

Ma, se tu sai che Satana é stato distrutto e che i demoni sono stati distrutti, che non ci sono spiriti eterei che ti sorvegliano, quindi tu puoi dire: -“No, io sono qui rinchiuso, qui non puó entrare niente!”- e se senti un rumore in cucina, é stato che la casseruola, o la pentola, era bagnata ed é scivolata poco a poco ed é caduta e tu, semplicemente, vai, la raccogli e la metti al suo posto, e dici: -“Qui non c’é niente!”-.

La paura é tremenda.

Adesso, tu sai chi deve avere paura? Il figlio della perdizione. I lupi.

Tu sai che in questa terra ci sono due sementi. Eva ha avuto due figli: ha avuto Caino ed ha avuto Abele. E quindi, Caino immediatamente, siccome era cattivo, ha ucciso Abele. Che Dio ha dovuto cercare un sostituto per Abele, perché é da lí che viene la discendenza dei predestinati e degli eletti.

Ma anche Caino é rimasto vigente, per questo il termine: “piú cattivo di Caino”, questo lo dicono in tutti i paesi. In tutti i paesi, Dio ha permesso che questo venisse fuori, per darti un’idea.

Quindi, cosa succede? C’é gente che viene dalla semente di Caino: questi non crederanno mai! Di piú: anche se vanno in chiesa, non si salveranno perché sono di semente animale.

-“Apostolo, e quando muoiono, cosa succede? Vanno all’inferno?”-

Questo non esiste, questa é ancora un’altra menzogna che ha inculcato Roma. Quando quelli che vengono da Caino muoiono, muoiono come i cani. I cani non vanno all’inferno, vero? Ebbene, neanche loro. I cani smettono di esistere.

Quindi, quando un uomo o una donna che vengono dalla semente di Caino muoiono, dice la parola che “non c’é piú memoria di lui”. É morto, si é putrefatto ed é sparito. Lí non c’é piú niente.

Adesso, quando muore uno di quelli che vengono dalla linea di Abele, anche se si é comportato male, anche se ha passato quello che ha passato, questi, immediatamente, siccome vengono dal cielo devono ritornare al cielo. La loro cittadinanza é nei cieli.

Quindi, andiamo a vederlo lí nello stesso Romani, nel capitolo 8… andiamo al capitolo 9 per dare veracitá a quello che stiamo dicendo. Guarda il verso 21, Romani 9:21… e quando dice massa, sta parlando del ventre di Eva, quando dice vaso, sta parlando di uomini.

Guarda quello che dice: leggilo con attenzione, con una mente illuminata, senza timore. E quando leggerai, dirai: “Io ricevo intendere”.

Dí con me: IO RICEVO INTELLIGENZA ED INTENDO QUELLO CHE LEGGO.

Tu non ti distrai, adesso. La mente non se ne va, tu starai leggendo con me… le visite, i nuovi, quelli che sono qui da molto tempo, tutti lo leggeremo e crederemo quello che dice la parola.

Dice:

“O non ha potestá…” Dio “…il vasaio sull’argilla…” la carne

“…per fare con la stessa massa…” il ventre di Eva

“…un vaso per uso nobile…” un uomo onorevole “…e un altro per uso volgare?

 

E cosa potremmo dire se Dio…” il vasaio “…Dio, volendo mostrare la Sua ira e rendere noto il Suo potere, ha sopportato con molta pazienza…” gli uomini “…i vasi d’ira preparati per…” perdersi  “…per la distruzione…”

 

Cos’é la “distruzione”?

Quando Cristo é morto, cos’é successo al diavolo? É rimasto distrutto. Ebbene, quando un vaso che viene da Caino muore, rimane distrutto, non c’é piú memoria di lui.

Peró, guarda quello che dice lí:

“…e per rendere note …”

 

Dí: NOTE. Per far sí che vengano notate:

 “…e per rendere note le ricchezze della Sua gloria,

le ha mostrate con i vasi di …” cosa? “…di misericordia

che Lui ha preparato per la gloria,

 

i quali ha anche chiamato, cioé noi, non solo dai giudei ma anche dai gentili?”

 

in altre parole: giudei e gentili che sono vasi di misericordia. Questi vasi di misericordia non possono vivere in timore.

Adesso: i vasi d’ ira. I vasi d’ ira possono comportarsi come ne hanno voglia, perché loro si vestano come si vestano, non andranno (non hanno vita spirituale -ndt).

I vasi d’ ira, prestami attenzione, i vasi d’ ira vivono sempre con paura e colui che ha paura é ipocrita. Te lo dimostro in breve. La paura produce ipocrisia, produce falsitá, produce un’immagine che non é (reale). Queste persone qui non entrano. Nelle chiese sono ben pieni di loro, ma qui non entrano perché in quanto io spiego questo, loro dicono: -“Io sono uno, e qui c’é via d’uscita”-. Qui non entrano. I lupi qui non entrano perché non gli piace.

Adesso, lá sí gli piace perché lá proibiscono: -“Non fumare, non bere, non andare in spiaggia, comportati bene, Dio ti sta sorvegliando, il diavolo ti fará…”- quindi, sotto timore, funzionano. Ma loro, guarda, possono affiliarsi alla chiesa piú bella di Miami, si possono vestire di bianco e Papá Dio dice: -“Non vestirti che non vai!”-.

Vuoi che te lo provi biblicamente? Romani 9:11. Andiamo a vedere questo… io ricevo che tu sia un illuminato: ti sto dando una classe gratis, questa classe vale circa 2.000 dollari al minuto. Questo non é mai stato detto nella storia!

Guarda quello che dice il 9:11… 9:11! Attenzione!! Hahahaha, questa é la consolazione per quelli del 9/11. Guardalo… che lí, guarda, il 9/11, se ne sono andati dei due: lupi e pecore.

Guarda quello che dice:

“(poiché non erano ancora nati, né avevano ancora fatto né bene né male

perché il proposito di Dio secondo la…” la predestinazione “… l’ elezione permanesse,

non per le opere ma per Colui che chiama).”

 

É che quando Dio chiama, guarda… anche se ti comporti come ti comporti, se tu sei un vaso di salvezza vai in cielo: puoi arrivare zoppo, monco, storto, senza un centesimo nel borsellino, bruciato, con un incidende per aver bevuto molto liquore, e non hai visto bene e sei andato a sbattere, o con i polmoni… per stare fumando sigarette…

Perdonami… il religioso ascolta questo e dice: -“Guarda, lí offrono la licenza per peccare!!” -, perché non vedi che lui vive nella paura? E colui che vive nello spirito della paura non intende la veritá, si blocca. Tu sai, lui é un quadrato cosí che tutto é: -“Attento!!”- e vede il diavolo e vede condanna perché non é libero.

Chi é libero come me, guarda, si rilassa! Se l’inferno esistesse andrebbe addirittura in vacanza lí, perché é libero: si rilassa!

Se esistesse, perché questa é una stupidaggine… credere nell’inferno. Tu devi avere molta paura per credere nell’inferno perché… osserva: dice che nell’inferno ci sono fuoco e vermi; quando Gesú parlava dell’inferno… perché Paolo non ha mai parlato dell’inferno, Paolo parla della distruzione intendendo quando tu muori, peró Paolo non ha maaai menzionato la parola “inferno”.

L’ha menzionata Gesú di Nazaret per il fatto che la scienza non era ancora aumentata e quindi buttavano i corpi morti nel crematorio della cittá, lí. E quindi lui diceva: -“Guarda, devi fare attenzione che non vadano a buttare il tuo corpo nell’inferno, nel crematorio, che lí ci sono fuoco e vermi”-. Sicuro, lí tiravano pezzi di carne, tiravano animali e arrivavano i vermi, ma come fanno ad esserci vermi nel cielo? Nell’area dello spirito?

Tu devi vivere ben in timore! Tu devi stare ben… guarda: tu sei una vittima cattivella. Tu hai bisogno di molto aiuto. Hai bisogno una lavata di cervello tremenda, se tu credi in questa tonteria, in questa oziositá. Questa é una stupidaggine!

Ah, e a cosa serve un inferno, se il diavolo é stato distrutto? Un inferno vuoto! Dicono: -“Beh… mi hanno ammazzato il capo…”-.

Immaginati, é come un municipio senza sindaco:

-“Lí c’é il municipio”-.

-“E dov’é il sindaco?”-

-“No, é morto!”-.

Ossia, quando a te se ne va lo spirito di timore, resti libero, totalmente libero. E puó esserci buio cosí e tu puoi pensare: -“Non vorrei inciampare in qualcosa…”- ma pensare che ti afferrino da dietro, no. Ragazzo, quando é oscuro, tu senti un sudore freddo  sulla schiena: chi ha paura e crede negli spiriti e in queste cose, sente una paura terribile.

Adesso, se tu sei uno di questi eletti, tu non devi avere timore di niente. La paura é una cosa terribile, ti fa molto danno.

Andiamo a vedere la Prima carta ai Corinzi capitolo 2, verso 12. Passa al prossimo libro, dopo Romani… dice:

“E noi…”

 

… sta parlando di coloro che vengono da Abele, degli eletti, dei prescelti, dei vasi preparati per onore. Dice:

“E noi… non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo …”

 

Qual’é lo spirito del mondo? Lo spirito di paura che hanno i vasi d’ira. Tu non sei un vaso d’ira… ci sará un vaso d’ ira qui? … e se c’é, non c’é modo di saperlo perché tu non porti qui un “trademark”, un’etichetta che dica: “Sono un vaso d’ira, non sono un eletto”. Tu devi trattare tutti quanti come vasi di misericordia anche se si comportano male… anche se si comportano male!

Ci sono cose che a me spiace dire, ma guarda: c’é gente nella storia che si é comportata male e puó essere un vaso di misericordia… governatori che hanno ucciso gente. É che, a causa della mancanza dell’informazione del vangelo, vivono in timore ed uccidono. Guarda, c’erano eletti che uccidevano i cristiani pensando di fare un favore a Dio perché non conoscevano, vivevano in timore.

C’é gente che abusa degli altri per stare vivendo in timore. Ci sono uomini che picchiano le loro spose, sono paurosi, hanno paura, perché una persona sicura non picchia una donna!

O, prendere a calci un bambino … paura! La paura li fa comportare cosí. La paura é terribile: tu devi uscire da questo per far sí che ti comporti bene, perché la paura danneggia.

Lo spirito del mondo é uno spirito di timore e di paura. Per questo credono tanto nel diavolo e credono nell’inferno.

E tu sai quali sono le cose che producono paura? Io ne ho scritte alcune qui:

  1. Il diavolo, il peccato, l’inferno
  2. “Se non sono stato battezzato o non ho fatto la prima comunione e muoio…”.

Alcuni dicono: -“Guarda, questo bambino finirá nel limbo se non lo battezzi!!”-.

Cos’é questo del “limbo”? Il limbo… ma se non esiste questa cosa del limbo!!

  1. -“Se Cristo viene, saró preparato?”-

Peró, come fai a non essere preparato se tu arrivi preparato da quando stavi nel ventre di tua mamma? Non c’é niente che tu possa fare per prepararti per la venuta di Dio alla terra. Questo viene giá inserito. Questo é un “chip” che tu hai inoculato lí, guarda: qui!  (indica la mente) che gli angeli lo vedono!

C’é gente che ha paura di queste cose.

C’é gente che ha paura della morte o delle malattie. Vivono con una classe di paura che possano ammalarsi e hanno terrore della morte.

Tu sai chi se la passa al meglio? I matti!! Quella gente non si preoccupa per niente, quella genta sta tranquilla. Per questo tu vedi che i matti sono sempre vivi, non muoiono. Guarda, loro, i matti, non prendono nessuna malattia… (Applausi)

Questa gente non muore. É per questo che la pazzia della predicazione é per farti diventare matto, per far sí che tu non abbia paura. (Applausi)

Continuerá….

TERREMOTI IN ITALIA

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2013/02/26/Terremoti-scossa-Brescia-Bergamo_8312520.html

Terremoti, scossa tra Brescia e Bergamo

Molte le chiamate ai vigili del fuoco

ma nessun danno

26 febbraio, 09:34

++ PADRE E FIGLIA MORTI IN INCENDIO NEL MILANESE ++

Guarda la foto 1 di 1

(ANSA) – BRESCIA, 26 FEB – Una scossa di magnitudo 3.1 ha seminato paura ieri sera, qualche minuto dopo le 23, tra le province di Bergamo e Brescia, dove comunque non risulta alcun danno. I comuni che l’hanno avvertita maggiormente sono quelli piu’ vicini all’epicentro di Montisola: Brione, Corte Franca, Iseo, Marone, Ome, Zone e le aree vicine. I Comuni bergamaschi dove la scossa è stata maggiormente sentita sono Fonteno, Parzanica, Predore, Riva di Solto, Tavernola e Vigolo.

.

http://www.umbria24.it/terremoti-lieve-scossa-in-valtiberina-epicentro-a-9-km/151983.html

25 febbraio 2013 Ultimo aggiornamento alle 00:15

Terremoti, lieve scossa in Valtiberina:

epicentro a 9 km di profondità

La scossa avvertita nell’Alta Val Tiberina e in Toscana

 terremoti 2

Un terremoto di magnitudo 2 si è verificato lunedì pomeriggio alle ore 17.11 nell’Alta Tiberina.  Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico: Alta Val Tiberina.

Epicentro L’epicentro del terremoto è stato localizzato a nove chilometri di profondità. La scossa non ha provocato alcun danno ma è stata avvertita a Città di Castello, San Giustino, Monte Santa Maria Tiberina e Citerna. Avvertito anche nelle città di confine in Toscana. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 

.

http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/13/02/25/terremoto_provincia_torino.html

Articoli correlati

Scosse di terremoto a Torino e Potenza

Emilia: nuova scossa di magnitudo 3.6 tra il Moden…

Terremoti, Scossa magnitudo 2.4 ai Castelli Romani

Sisma in Garfagnana, altre due scosse nella notte

Scossa di terremoto di magnitudo 3.2, torna paura …

Terremoti, una scossa di magnitudo 3.3

in provincia di Torino

e una di magnitudo 2

in provincia di Potenza

terremoti 3

.

Trema la terra in Italia da nord a sud. Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata alle 2:01 sulle Alpi del Piemonte, in provincia di Torino. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 15,9 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni di Cantoira, Ceres, Chialamberto, Coassolo, Germagnano, Lanzo, Locana, Mezzenile, Monastero di Lanzo, Pessinetto e Traves. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.

Lieve scossa sull’Appennino lucano - Una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2 è stata registrata alle 3:16 sull’Appennino lucano, in provincia di Potenza. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 26,2 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni di Picerno, Sasso di Castalda, Satriano di Lucania e Tito. Non si registrano danni a persone o cose.

25 febbraio 2013

Azienda perde appalto, direttore si suicida

http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Lazio/Azienda-perde-appalto-direttore-si-suicida_314149043163.html

Azienda perde appalto, direttore si suicida

ultimo aggiornamento: 04 febbraio, ore 15:26

Frosinone – (Adnkronos/Ign) – La tragedia è avvenuta a Frosinone. L’uomo si è impiccato all’interno della ditta: temeva per il futuro dell’attività. Ha lasciato delle lettere per spiegare il tragico gesto.

direttore suicida

Frosinone, 4 feb. (Adnkronos/Ign) – La perdita di un importante appalto da parte della ditta in cui lavorava, il licenziamento che incombe e la decisione di farla finita. Sembrerebbe questa la motivazione alla base del suicidio del direttore responsabile di un’azienda, a Frosinone. L’uomo si è impiccato all’interno del suo ufficio e avrebbe lasciato delle lettere per spiegare il tragico gesto.

Da una prima ricostruzione, il suicidio sembrerebbe legato al fatto che la ditta aveva perso un importante appalto e la vittima temeva per il futuro dell’attività, per il suo posto ma anche per quello del figlio, che lavorava con lui.

Cuba, il colera inizia a fare paura ma il governo tace

http://www.today.it/mondo/epidemia-colera-cuba-gennaio-2013.html

 

Epidemia di colera a Cuba? Il governo tace

.

Cuba, il colera inizia a fare paura

ma il governo tace

.

Nel cuore di L’Avana, i bar e ristoranti sono aperti come sempre. Ma la preoccupazione cresce: “Perchè non c’è informazione?”

di Redazione 14/01/2013

.

cuba, colera

Per la prima volta in 130 anni Cuba la scorsa estate si trovò a fronteggiare il pericolo di un’epidemia di colera. Il Governo lo aveva annunciato soltanto lo scorso 3 luglio, ma i primi focolai si sarebbero verificati già a maggio. Ora si starebbe ripetendo lo stesso copione. Lo racconta la BBC.

Uvaldo Pino era un barbiere a Cerro, uno dei quartieri più popolosi e poveri della capitale di Cuba, L’Avana. Aveva 46 anni; alla fine di dicembre si è ammalato. Vomito e diarrea: è morto in ospedale lo scorso 6 gennaio.

La famiglia del barbiere sostiene di avere le prove che avesse il colera. “Non sappiamo come sia stato contagiato” dice la sorella Yanisey Pino allla BBC dalla casa in cui vive tutta la famiglia, a pochi isolati da Plaza de la Revolucion. “E’ stato curato con tutte le medicine necessarie, ma i suoi organi non hanno retto, era troppo tardi”. Yanisey dice che il fratello era un forte bevitore, e la prima volta che era stato ricoverato se n’era andato dall’ospedale di sua spontanea volontà.

A una settimana dalla morte di Uvaldo, dal Ministero della Sanità cubana non è ancora arrivata alcuna comunicazione ufficiale. Ma ci sono molti segnali che dimostrano come il caso del barbiere non è stato isolato. I medici stanno facendo indagini porta a porta , a L’Avana, e tutti coloro che presentano possibili sintomi di colera vengono sottoposti ad esami. All’Instituto de Medicina Tropical Pedro Kourí si lavora a pieno regime, ma dalla struttura non arrivano risposte ufficiali.

Yanisey Pino assicura che a suo fratello è stato diagnosticato il colera. Il giorno in cui Uvaldo è morto, gli operatori sanitari hanno visitato la famiglia, e a tutti sono stati forniti antibiotici a scopo precauzionale. Nei dintorni, bar e caffetterie sono stati chiusi.

Nel quartiere serpeggia la paura. Yudermis si è ammalato e con lui tutta la sua famiglia. Pensavano fosse un’intossicazione alimentare, ma gli esami su un suo cugino, dice l’uomo, hanno dimostrato che era colera. “E’ stato spaventoso, ma ora stiamo bene”.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) descrive il colera come “estremamente virulento”. Portato da acqua o alimenti contaminati,  provoca grave disidratazione con diarrea e può rivelarsi fatale se non trattata.

Fino alla scorsa estate, non si erano verificati casi significativi sull’isola da ben prima della rivoluzione castrista. Ma nel mese di luglio il ministero della salute ha confermato che tre persone sono morte di colera nella zona orientale del paese. Ora a A L’Avana, capitale di Cuba e centro turistico chiave, misure severe sono in atto per contenere l’ultimo focolaio sospetto. “Non possiamo vendere tutto ciò che non è in bottiglie sigillate fino a nuovo avviso e tutte le vendite di prodotti alimentari sono state sospese”, spiega Tony, al Moderno Cerro bar, a pochi passi dalla casa di Yudermis.

Nel cuore di L’Avana, i bar e ristoranti sono aperti come sempre. I venditori di “cibo da strada” e di bevande lavorano come sempre. “Sì, abbiamo sentito le voci di un’epidemia di colera” dice la maggior parte delle persone. “Abbiamo preso tutte le precauzioni, ma non ci sono comunicazioni ufficiali”.

Europa, ora il debito tedesco fa paura

.

.

http://it.finance.yahoo.com/notizie/europa-debito-tedesco-paura-152633334.html

 .

Europa, ora il debito tedesco fa paura

.

Scritto da Fabrizio Arnhold | Yahoo! Finanza speciali – mer 19 dic 2012 16:26 CET

.

angela merkel

 .

Yahoo! Finanza – mer 12 dic 2012 17:04 CET

Yahoo! Finanza – ven 14 dic 2012 14:52 CET

Yahoo! Finanza – lun 3 dic 2012 16:53 CET

Yahoo! Finanza – lun 26 nov 2012 15:46 CET

.

Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco per i tedeschi che, fino ad ora, hanno fatto da traino alla malconcia Eurolandia.

Insomma, anche l’impassibile cancelliera deve tenere sotto controllo i conti pubblici. E chi lo avrebbe mai detto? La Commissione europea che con il suo consueto 2012 Fiscal sustainability report si è messa a fare le pulci (finanziarie) a Berlino. Niente di grave, sia ben chiaro. Ma se non ci sarà un’inversione di tendenza “il debito pubblico tedesco non scenderà sotto quota 60%, il limite massimo stabilito dal Fiscal compact, prima del 2030”, sostiene l’Ue. Il che significa che anche la Germania deve applicare le regole del rigore.

Chi di austerity ferisce, verrebbe da pensare. Ma lasciando da parte i soliti proverbi, la questione teutonica non è affatto da prendere sotto gamba. Non ci sono solo Grecia, Spagna o Italia a rischiare grosso. Perché come sostiene il team guidato da Per Eckefeldt, economista della Direzione generale con delega agli Affari economici e monetari della Commissione Ue, Berlino dovrebbe rendere sostenibile il proprio debito pubblico. “Nessun rischio nel breve periodo”, si legge nel report, ma il timore è quello che un’inversione del saldo primario strutturale possa mettete a rischio i conti pubblici tedeschi.

Adesso analizziamo un po’ i dati dei conti tedeschi. La Commissione Ue ricorda che il debito è pari all’80,5% del Pil (dati 2011). Si tratta di oltre 20 punti percentuali la famosa barriera del Fiscal compact, il nuovissimo patto fiscale europeo. Il saldo primario, per far fronte alla spesa pubblica, deve essere migliorato di 1,4 punti percentuali di Pil annui. E l’austerity pare la via designata per raggiungere questo obiettivo. Il saldo primario previsto per il 2014 è del 2,5% del Pil, in aumento rispetto all’1,8 dell’anno scorso. Un aumento importante ma non decisivo per la sostenibilità del sistema welfare.

Non è un Paese per vecchi. O forse sì, perché la Germania sta diventando sempre più anziana. E i costi per pagare le pensioni, uniti a quelli sanitari, stanno lievitando sempre di più. Tra il 2010 e il 2060 la spesa pubblica per il sistema previdenziale, più quello sanitario, sarà in media del 3,6% l’anno – secondo i dati riportati da Linkiesta – contro una media europea del 2,9 per cento. Molto. E anche se è vero che dare sempre colpa alla crisi ormai è diventato noioso e fin troppo semplice, è altrettanto indubbio che nei prossimi anni se gli europei non si decideranno a fare più figli, l’eurozona presto dovrà fare i conti, tra le tante, con la spesa per il welfare. Soprattutto il prossimo anno che sarà di stagnazione. A dirlo è la Bundesbank che si sbilancia ipotizzando una crescita dello 0,4% dell’economia tedesca nel corso del 2013, al di sotto delle previsioni.

La Germania, è giusto precisarlo, è il maggiore contribuente europeo. Versa più di tutti nei due fondi di stabilizzazione, Efsf e Esm. L’intero ammontare è pari a 401,046 miliardi di euro. Mica poco. Nello specifico, per quanto riguarda l’Efsf (European financial stability facility) la Germania ha posto garanzie finanziarie per 211,046 miliardi. Riguardo al secondo, invece, ci si avvicina ai 190 miliardi di euro. In buona sostanza per salvare la Grecia, Irlanda e Portogallo, oltre alle banche iberiche, Berlino ha speso più soldi in assoluto.

La Germania rimane, senza dubbio, il motore trainante dell’Unione europea. Ma “il ruolo di Berlino nella crisi dell’area euro, ovvero di principale salvatore delle economie meno virtuose, rischia di peggiorare i conti pubblici tedeschi da qui al 2015”, è il monito di Société Générale. Pagare per non fare uscire nessun Paese dall’euro ha il suo prezzo. Che anche la Germania non può evitare.

Palermo, crollano due palazzine nella notte Trovati quattro cadaveri sotto le macerie

.

.

http://www.corriere.it/cronache/12_dicembre_18/palermo_crollo_palazzina_04b637bc-48a2-11e2-ab86-ffed12a6034c.shtml

 .

NELLA ZONA DEI QUARTIERI NAVALI

.

Palermo, crollano due palazzine nella notte

.
Trovati quattro cadaveri sotto le macerie

.

«Scricchiolii e casa piena di crepe,

un anno fa era stato costruito un altro piano».

Indagini per disastro colposo

.

PALERMO – Un boato terrificante, davanti ai vigili del fuoco arrivati pochi istanti prima, avvertiti da una chiamata: «Sentiamo degli scricchiolii dai muri, abbiamo paura». Sotto le macerie hanno perso la vita quattro persone.

CEDIMENTO - Ore 23 e 30, via Bagolino a Palermo, una strada che attraversa caseggiati popolari a due passi da moli e cantieri del porto. Le palazzine si sbriciolano d’improvviso, quasi certamente per un cedimento strutturale.

Prima cede l’edificio più alto e l’implosione provoca il crollo anche dell’altro, quello subito accanto, più basso. Sulla strada la gente assiste sbigottita alla scena apocalittica. «E’ stato come se le case fossero state colpite dal terremoto, si sono sbriciolate come un castello di sabbia» ha detto un testimone.

Almeno dieci i feriti già portati i ospedale (tra cui una bambina). Quattro le vittime accertate: Ignazio Accardi, 85 anni, il cui cadavere è stato trovato sotto una trave. La moglie Maria La Mattina, di 80 anni. Elena Trapani, 74 anni (trovata cadavere martedì, nel primo pomeriggio dai vigili del fuoco) e il nipote, Antonino Cinà, 54enne, il cui cadavere era stato recuperato nella notte.

«SINISTRI SCRICCHIOLII» -Nei due edifici vivevano otto famiglie. Da tempo, dopo la costruzione di una struttura prefabbricata all’ultimo piano di uno dei due immobili, più di una crepa si era formata sui muri. «Da un anno avevano costruito un quarto piano e la casa si era riempita di crepe e si sentivano continui scricchiolii. Oggi i rumori hanno fatto preoccupare più del solito e abbiamo chiamato i Vigili del fuoco, che ci hanno fatto immediatamente sgombrare. Qualche minuto dopo è venuto giù tutto». È il racconto di Giuseppina Ferrara, che con la sua famiglia viveva al terzo piano.

Il sindaco: ««Un miracolo che non ci siano più vittime»

 

LA CHIAMATA AL 115 - Accardi e la moglie, invece, erano affacciati al balcone e non sono riusciti a fuggire. I vicini di casa hanno visto le mura crollare e inghiottire i due anziani. «Non è giusto morire così», dice il figlio della coppia avvertito dai vigili del fuoco. E solo grazie all’intervento tempestivo dei pompieri si è evitato che il bilancio del crollo fosse ancora più drammatico.

L’INDAGINE - La Procura di Palermo ha aperto un’indagine per disastro colposo. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia e dal sostituto Marzia Sabella. I Pm nomineranno un consulente esperto in costruzioni.

Redazione Online18 dicembre 2012 | 15:52

LA TRASFORMAZIONE MEDIANTE LA CONOSCENZA

 

.

APOSTOLO DOTTOR JOSÉ LUIS DE JESÚS MIRANDA GESUCRISTO UOMO

7 di novembre del 2012

Lettera ai Romani capitolo 12, verso 2.

Andiamo a parlare di come essere una buona madre, essere un buon padre, essere un buon uomo d’affari: come essere buono in tutto mediante il vangelo, senza neanche una sgridatina. Questo mistero è stato evitato per migliaia di anni e per questo il mondo sta come sta.

Lettera ai Romani capitolo 12, verso 2:

 

“Non vi conformate a…”

Miami…

 

 “Non vi conformate a questo mondo…”

 

Non vi conformate all’educazione delle università, degli psicologi, dei consiglieri.

“Non vi conformate…”

Cosa significa conformarsi? Prendere forma. Non datevi forma con questo tipo di consigli:

“…ma trasformatevi

mediante la rinnovazione del vostro intendimento…”

 

perchè?

“…per far sì che comproviate quale sia

la buona volontà di Dio,

gradevole e perfetta.”

Guarda, quando tu prendi un giovane e gli dici:

-“Guarda, tu devi trasformare la tua vita”-

-“Ok, mamma, come lo faccio?” 

-“Tu non puoi continuare ad andare con il tizio nè fare…”-

…e ti danno mille sgridate… ebbene, qui dice lo stesso che ti dice tua mamma: “Trasforma la tua vita” ma qui ti dice che è per mezzo di una conoscenza, non di sgridate e proibizioni.

Dice “Trasformatevi”: entra in una metamorfosi. Dicono che quando il bruco si trasforma diventa una farfalla, è vero? È vero?

Ebbene, a volte noi facciamo il ruolo di bruchi, a volte strisciamo come vermiciattoli: quando un vizio ci domina, quando facciamo cose che sabbiamo che sono fuori dall’ordine… ci dominano. E il timore è che venga qualcuno a sgridarci.

Qualcuno verrà a dirti: -“Ragazzo, quando cambierai tu?”- o è tuo papà, o è tua mamma, o è uno zio, qualcuno che ti sta sorvegliando e ti darà una sgridata ma è tempo di smettere con le sgridate: faremo quello che dice Papà Dio.

Dio dice: -“Trasformatevi”-, la domanda: -“Come?”- : attraverso la rinnovazione del vostro intendimento!

Quando tu vai ad una chiesa di quelle che ci sono in giro e dici: -“Guardi pastore, io ho dei problemi così e così… con mio marito, con il mio sposo… ho problemi con tutto! Cosa faccio?”-, la risposta sarà:

-“Ebbene guarda, figlioletto mio, il mercoledì qui abbiamo una catena di orazione e di digiuno. Staremo qui inginocchiati per quattro ore e riprenderemo tutti gli spiriti che ci sono”-

-“Per fare cosa?”-

-“Ebbene, perchè tu trasformi questa situazione!!”-.

E quando tu vai dal prete, il prete ti dice:

-“Guarda tu devi confessarti e tu devi dire tante Ave Marie e non puoi mangiare carne il tal giorno e devi recitare un rosario al tal San Giuda…”-.

 

Qui, nella Bibbia, non dice che è così: qui dice che è mediante la rinnovazione del vostro intendimento.

L’altro ti dice che è celebrando delle cose, altri ti dicono:

-“Compra un abito: vestiti di sacco”-

Non so… la gente ha molti metodi per trasformarsi, meno questo che sta qui perchè questo non è mai stato predicato! Questo lo hanno lasciato a me, hello!!

(Applausi)

Vuole dire che qualunque cosa succeda nella tua vita, qualunque cosa tu pensi, …pensa adesso: ci sarà qualcosa che tu necessiti trasformare nella tua vita? Ah? Cosa sta succedendo nella tua vita? Mal genio? Qualche situazione: solitudine? Separazione? Qualcosa è successo, qualcosa ti deve stare molestando.

Per esempio, lasciami vedere cosa sta molestando me… e come faccio io a cambiarlo? Io accudo alla mente, qui (tocca la Sua fronte) ossia, le metto un pochino di questo (prende la Bibbia e la avvicina alla fronte) e, in qualche posto deve stare, per di qui deve starci. Toccati qui, (tocca la Sua fronte, riferendosi alla Sua mente) guarda, qui sta la fonte. Qui. Da qui io tiro fuori salute, da qui. Da qui, sarò sano dalla testa ai piedi… guarda: non mi duole niente.  Hello!

Da qui io sarò una buona madre… tu sai quante ragazze conosco io che tremano perchè: -“Ahi, che mia madre era tanto perfetta, mia mamma ha fatto questo, mia mamma era una buona cuoca, mia mamma era una buona mamma, mia mamma ci ha educato… bene: che madre!! Io non potrò mai essere come lei…”- …perchè?

Guarda: se tu vuoi essere una buona madre, quando tu avrai un figlio o se ce l’hai già, dagli la conoscenza della parola per far sì che lui abbia materiale con il quale trasformare la sua mente. E quando tu diventerai grande, dirai: -“Essere madre? È facile: significa insegnare il vangelo e la parola ha preso mio figlio e lo ha trasformato!”-.

Perchè il problema è che ci sono molti consiglieri in giro: -“No, per essere una buona madre devi fare questo, e ti metti al canale tale e al canale tale e all’altro canale…”- e tutti hanno consigli differenti, perchè il mondo è pieno di varietà di opinioni conformi alle tradizioni, alle forme di governo, ai paesi, alla politica. Quindi tutto il mondo da lì tira fuori il suo dottorato e “…questo è il consigliere tale e il consigliere tal altro”. Tutti falliscono!

Poi, quando arrivano già ai loro quaranta e ai loro cinquanta anni, cominciano a dare “complaints”, cominciano a lamentarsi: -“…no, io non sono stato felice, io avrei dovuto fare questo e quello e non l’ho fatto e ormai è tardi…”-.

Io sono sicuro che se tu ti trasformi con la conoscenza del vangelo, non avrai mai una lamentela. E i tuoi figli, i tuoi famigliari, saranno persone costruttive, che staranno sempre bene e non mancherà loro niente, diranno sempre qualcosa di positivo.

Tu vuoi essere un buon padre? Impadronisciti del vangelo. Non insultare i tuoi figli e non gridare neanche con loro, pensando che per il fatto di gridare e picchiare pugni sul tavolo ti obbediscano. Usa il vangelo! Dì loro: -“Guarda benedetto, io sono tuo padre, e ti avverto: tu sei un angelo perfetto, accudi a quello che Cristo ha fatto per te e apprendi a comportarti come un vero uomo”-, senza mancargli di rispetto.

Apprendi questa parola, predicala! Funziona predicando il consiglio della parola di Dio.

Io… la mia realizzazione come persona è che io… nella mia casa, quando io vengo qui… io domando di che cosa parlerò con te, se sta la mia opinione in mezzo, perchè se c’è Josè Luis non sto facendo un buon lavoro. Io devo cercare, far sí che quello che dico qui stia in linea con quello che c’è scritto in questo libro, che è quello che non è stato fatto in duemila anni.

Perchè quando ti dicono: -“Andiamo alla chiesa”- la gente ti risponde: -“Dove andiamo????”- perchè pensano che la chiesa sia cattiva. Tu non vedi che per 2000 anni sono state sgridatine e sgridatine? E questo tiene la gente così: tremando.

Immaginati… io in un aeroporto con un libro così (la Bibbia): non mi si avvicina nessuno!!

Immaginati, io in un aereo di prima classe e quando vedono questo libro lì, dicono: -“Ragazzi…”- … guarda, viaggiano così: io lì e loro guardano fuori dal finestrino, perchè la gente ha già pregiudizio. Tu non vedi che questi religiosi testoni, cominciando da Roma, hanno danneggiato la reputazione di questo bel libro?

Una volta io stavo viaggiando e c’era un uomo a mio lato, ma io dovevo leggere la Bibbia in quell’occasione perchè stavo ricevendo il ricalco sull’aereo. E quindi, io stavo seduto e lui stava alla mia destra. Ed io ho cominciato a leggere la Bibbia e lui stava quasi tremando, cioè era ansioso di dirmi qualcosa. E viene e mi dice: -“Ascolta, tu ti godi quello che stai leggendo?”-

Ed io gli ho detto: -“Se io mi godo questo? Questo è la mia vita. Questa è, relativamente, la mia vita, questa è la mia professione”-.

E quindi, lo ha pensato mille volte, e quasi terminando il volo mi ha detto: -“Io sono pastore”-.

Aveva paura… si vergognano!

Ma è che loro stessi hanno paura di questo (mostra la Bibbia). Tu non vedi che il mondo ha danneggiato questo libro, pensano che questo sia un libro cattivo. Questo è il miglior libro che esista, immaginati: lì ti dice come fare a trasformare tutta la tua vita attraverso di una conoscenza.

-“Conoscendo e niente più? Ma è tanto facile, Apostolo? Solamente per conoscere e viene fuori la trasformazione?”-

Guarda: per conoscere, tu dominerai tutti gli aspetti della tua vita. Naturalmente, questo richiede un tempo e richiede un esercizio.

Andiamo a vederlo nella Seconda carta ai Corinzi 4:13.

 

“Ma avendo lo stesso spirito di fede, conforme…”

 

A quello che io mi immagino…

A quello che ha detto il professore…

A quello che mi dice il segno, il segno zodiacale…

Se ti lasci guidare da questo…

“…conforme a quello che c’è scritto:

Ho creduto pertanto ho parlato …”

 

Questa è la ricetta: tu cerchi quello che c’è scritto, lo metti nella tua mente, lo credi e lo dici.

E cosa dirai? Tu dirai quello che dice il vangelo che tu sei: che tu sei un angelo perfetto. Che tu sei un tesoro in un vaso d’ argilla.

Tu insegni questo ai bambini, così: -“Paparino, tu sei un tesoro, l’unica cosa è che hai un vasetto d’argilla che ti dà dolore di denti, che ti dà questo, che ti dà quello… ma tu sei un tesoro”-.

Tu insegni questo a un bimbo da quando è piccolo e vedrai. Questi sono la Super Razza. Questa è una Super Razza!

Quanti qui hanno cresciuto i loro figli con questa conoscenza?

Sì, guarda, ce ne sono già abbastanza… guarda quella bella famiglia che c’è lì: tutti sono cresciuti nel vangelo e quello che conoscono è il vangelo. Loro non sanno di paure, di diavoli, di cose che arrivano di notte… loro non stanno in niente di questo. Perchè tu devi andare conforme a quello che c’è scritto e quando sei conforme a quello che c’è scritto e lo dici… ma lo devi dire!

Guarda, tutto quello che io ho detto fino adesso, credendolo, mi ha funzionato. E a volte non me ne rendo conto perchè, a volte, lo dico, mi sdraio, dormo, passano mesi e non vedo niente. Io non vedo niente e non sento niente, di più, a volte peggiora, perchè viene provato! Quello che tu confessi viene provato e viene provato ben provato!! Però, al momento, quando meno io me ne rendo conto, questo semino comincia a funzionare.

Di più, io ho confessato sanazioni di cui mi sono dimenticato e dopo un pò di tempo io dico: -“Ascolta, a me non è più venuto quello…”-.

Quandi sono sani qui? Guarda, quante mani! Ascolta, tanto bello che è essere sani. Tanto buono che è fare una buona digestione. Quando tu mangi e ti senti bene, e ti alzi bene, ed hai buona energia per funzionare e lavorare. Questo è il meglio del mondo. Come ti senti tu oggi?

Risponde l’ Amata: -“Sano, prospero, completo…”-

Guarda, tu sai come mi sentivo io prima di venire a vederti? E quello che ho da darti… che vi tolgo da proibizioni, vi tolgo i sensi di colpa che se: -“… mi sono comportato male”-, che se -“… questo…”-, che se -“…io ho fatto quello…”-, che se -“…io ho gridato”-, che -“…già non posso”-, che -“…ho promesso…”-.

Ebbene sicuro: tu non puoi!  Chi ha detto che tu puoi? È una conoscenza che tu vai a mettere nel tuo interiore.  Ah, e devi dare il tempo per far sí che questa conoscenza manifesti il cambio.

Tu non puoi dire: -“Io sono un alcolizzato”-. Questa è una menzogna. Tu non sei nessun alcolizzato, tu sei un perfetto angelo.

Tu non puoi dire: -“Io sono un vizioso”-. No, tu sei un perfetto angelo, benedetto.

-“Io sono un malato di…” No. Come fai a dire che tu… e che soffri di…  questo non è scritto!

-“Io soffro…, io sono stato dichiarato ufficialmente dalla medicina invalido”-

-“E tu ci hai creduto?”-

-“Apostolo, ci ho creduto tanto che lo dico in ogni luogo che sono un invalido”-

-“Ebbene, ti si sta manifestando molto bene!”-

Che altro? Come ti castighi tu? Che altro tu hai confessato per te? Cosa ti ha detto il medico? Cosa ti hanno detto tuo nonno e  tua mamma? Che tu sarai sempre…

Che tu cosa? Che tu non memorizzi? Vero che tu vai ben male, memorizzando? Ah? Quanti vanno ben male nel memorizzare i versi qui? E non memorizzi niente. E tu non sai dire i libri a memoria? Tu non li sai?

Tu non sai dire: Matteo, Marco, Luca, Giovanni, Atti degli apostoli, Romani, Prima ai Corinzi, Seconda ai Corinzi, Galati, Efesini, Filippesi, Colossesi, Prima a Tessalonica, Seconda a Tessalonica, Prima a Timoteo, Seconda a Timoteo, Tito, Filemone, Ebrei… basta! Da lì non si può passare.

E i trentanove libri del vecchio testamento? Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio, Giosuè, Giudici, Rut, Prima delle Cronache, Seconda delle Cronache, Esdra, Giobbe, Ester, Proverbi, Salmi, Lamentazioni, Isaia, Ezechiele, Geremia, Daniele…

Guarda, quando il Signore mi ha portato a questi cammini, io leggevo… guarda come stava la mia mente: io leggevo un verso, io cercavo di leggere una storia di quelle, di Matteo, e la leggevo e quando andavo per il secondo verso, dovevo tornare al primo perchè già mi ero dimenticato quello che avevo letto. Io non potevo leggere cinque versi della Bibbia e ricordarmi quello che stavo leggendo, da tanto deteriorata che io avevo la mente. Non memorizzavo niente, ma niente! Era una cosa tremenda…ah, e quindi lo dicevo: -“Ragazzi, io ho una memoria pessima”- immaginati, al dirlo…

Qui ci sono molti che hanno detto questo: -“Guarda, io ogni volta che l’Apostolo dice qualcosa, guarda… io non lo posso memorizzare, non servo per questo”-.

Ragazzo, e l’angelo ascoltando. Guarda, l’angelo ti ascolta e dice: -“Non memorizza!”-.

Che altro hai detto?  Che tu sei pessima nella cucina? Ah? Tu hai detto che tu cucini male? Che tu non sai neanche fare il caffè? Che altro hai detto? Ah? Che tu sei una pessima casalinga? Tu hai detto questo? E lo dici e lo credi?

Che altro hai detto? Che “stai succhiando un cavo”? (modo di dire: sono fritto! -ndt) Che non hai denaro? Che tutto ti va male? Che non potrai più viaggiare al tuo paese? Che non ti daranno i documenti?

♪♪Devi fare molta attenzione,

al momento di parlare,

tu vivi secondo quello che dici  ♪♪

 

Sì, è importante! Guarda, io, in casa mia, a volte mi scappa qualcosa e dico: -“Eh, annullo”-. Tu non vedi che io ho copertura di angeli che mi stanno ascoltando costantemente? Immaginati, sentire me parlare negativo… e ancora mi scappano cosine così, ma dopo un attimo: -“Hello, annullo questo!”-.

Alziamoci in piedi. Dì a quello che sta a tuo lato:

SONO SANO. STARÒ MEGLIO. STO BENE E STARÒ MEGLIO. REGNO IN VITA. STO RINGIOVANENDO, NON SO COSA MI SUCCEDE MA MI VEDO PIÙ GIOVANE. NON HO RUGHE, LE RUGHE SE NE STANNO ANDANDO. TUTTO VA MEGLIO.

Hello! Ha ha ha ha… devi confessare! Tu vedi per dove io mi metto. Il tempo è un rudimento.

Quanti hanno afferrato il dettaglio di quello che abbiamo detto questa notte?

Non è per il sacrificio, non è per quanto tu sia intelligente o per quanto tu sia astuto: è che tu ti vai a trasformare!!

Dì: IO MI STO TRASFORMANDO PER MEZZO DEL VANGELO DELLA CONOSCENZA DI DIO, DI QUANTO È SCRITTO CHE IO LO DICO, LO CREDO, LO CONFESSO. TUTTO QUELLO CHE VOGLIO MI VERRÀ DATO. IO VADO MEGLIO OGNI GIORNO. LE COSE MI VANNO MOLTO BENE, PERCHÈ IO PARLO BENE. IO VIVO MEDIANTE QUELLO CHE DICO, GLI ANGELI ASCOLTANO QUELLO CHE ESCE DALLA MIA BOCCA E ME LO DANNO!! 

Allerta tsunami rientrata nelle Hawaii: paura dopo un terremoto in Canada

.

ESTERI

28/10/2012 - LE SCOSSE AL LARGO DELLE COSTE NORDAMERICANE

.

http://www.lastampa.it/2012/10/28/esteri/sisma-al-largo-del-canada-allerta-tsunami-alle-hawaii-wwppPElRCPC34py9ZGtGoL/pagina.html

.

Allerta tsunami rientrata nelle Hawaii:
paura dopo un terremoto in Canada

Abitanti delle Hawaii osservano il livello del mare

.

+  Arriva Sandy, New York si blinda La diretta Twitter di Maurizio Molinari MAURIZIO MOLINARI

+  Allerta tsunami rientrata nelle Hawaii paura dopo un terremoto in Canada

+  Sandy su New York, la città si ferma “Pronti a evacuare 375mila persone”

Onde anomale hanno raggiunto
le isole senza causare danni
dopo il sisma di magnitudo 7,7.
La situazione è sotto controllo

.

La Columbia Britannica trema, con una scossa di terremoto di magnitudo 7.7, e causa un mini-tsunami alle Hawaii. Onde anomale fino a 75 centimetri si sono abbattute sulle isole americane ma senza provocare danni di rilievo, anche se si sono avuti momenti di panico.

L’allarme lanciato alle Hawaii, infatti, ha innescato la fuga dalle aree costiere, l’interruzione dei trasporti pubblici nei centri abitati e una corsa ai rifornimenti di benzina e generi alimentari: gli ospiti degli alberghi sulle coste sono stati immediatamente spostati ai piani alti per evitare incidenti e garantire la loro sicurezza. Il governatore dell’Aloha State Neil Abercrombie ha subito proclamato lo stato d’emergenza e mobilitato risorse per garantire che in caso di necessità fosse tutto pronto per un intervento.

L’agitazione è durata fino alla rimozione dell’allarme tsunami, circa tre ore dopo che la prima onda aveva raggiunto le coste hawaiane: «Siamo lieti di poter rientrare nelle nostre case senza problemi» eccessivi, ha detto Abercrombie tirando un sospiro di sollievo per aver scampato il peggio. Le prime onde anomale hanno raggiunto le Hawaii nella mattinata italiana: le prime alte 30 centimetri poi la loro altezza è aumentata raggiungendo i 75 centimetri. La più alta è stata registrata – in base alle rilevazioni del Pacific Tsunami Center – a Kahului, sull’isola di Maui.

Inizialmente le Hawaii non sono state dichiarate in pericolo tsunami dopo la forte scossa di terremoto che ha fatto tremare la British Columbia. Solo diverso tempo dopo il Pacific Tsunami Center ha notato una cambiamento nelle onde e lanciato l’allarme per le Hawaii, il sud dell’Alaska e la costa occidentale del Canada.

Piccole onde anomale si sono registrate anche in Alaska, a Craig, ma il fenomeno è stato quasi impercettibile. Sulle coste del Canada, le più vicine all’epicentro del terremoto, sono state raggiunte da onde anomale, ma anche in questo si è trattato di un fenomeno limitato, anche perché sono per la maggior parte disabitate e quindi difficilmente avrebbero causato ingenti danni.

Rimborso danni terremoto in Emilia: 100 euro a testa

.

http://it.finance.yahoo.com/notizie/rimborso-danni-terremoto-emilia.html?nc

 .

Rimborso danni terremoto in Emilia: 100 euro a testa

.

Scritto da Duccio Fumero | Yahoo! Finanza 

.

Oltre al danno la beffa. E devono pure considerarsi fortunati. Sono gli abitanti delle zone colpite dal sisma del 20 maggio in Emilia Romagna, che dopo la paura e i danni devono fare i conti anche con l’elemosina di Stato che li aspetta.

Se potessi avere 100 euro al mese. E li avranno. L’ordinanza della Protezione civile che riguarda il terremoto in Emilia Romagna stabilisce un rimborso di 100 euro al mese per ogni sfollato, la cui abitazione sia distrutta o inagibile, fino a un massimo di 600 euro per famiglia. Una somma che sale a 200 euro per i nuclei familiari singoli, per anziani over 65, per invalidi e disabili. Insomma, non proprio un aiuto incisivo quello che lo Stato offre ai suoi cittadini colpiti da un dramma come quello del sisma. Ma agli sfollati dell’Emilia è ancora andata bene.

Tra 90 giorni niente risarcimenti. La riforma della Protezione Civile (decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012) prevede tra le varie novità l’impossibilità di chiedere risarcimenti allo Stato. Insomma, in caso di terremoti, come quello dell’Emilia, i cittadini non verranno risarciti dallo Stato, ma dovranno affidarsi a loro stessi o, meglio, a un’assicurazione privata che copra i danni subiti.

Una decisione che arricchirà le compagnie assicurative, visto che calcolando una media di 200 euro ad abitazione, per 30 milioni di casa, si parla di 6 miliardi di euro annui. Un decreto pubblicato pochi giorni prima del sisma sulla Gazzetta ufficiale, ma che diventerà operativo solo dopo 90 giorni. Quindi, salvo brutte sorprese, i cittadini colpiti dal terremoto in Emilia potranno ancora usufruire dei risarcimenti dello Stato.

Ah, parlavamo di costo medio di 200 euro, ma è ovvio che le polizze variano in base al rischio e, dunque, chi vive in zone altamente sismiche – e quindi ha più necessità di stipulare la polizza – si ritroverà obbligato a pagare anche oltre 2mila euro l’anno per mettersi al riparo dai possibili danni di un nuovo sisma.

E intanto si continua a pagare l’Irpinia. Un giro di vite importante quello deciso dal Governo Monti per fronteggiare le calamità naturali. Una politica ben diversa da quella del passato, come per esempio quella che ha affrontato il sisma del 1982 in Irpinia. Da allora, infatti, e fino al 2008 sono stati 32.000 i miliardi di euro stanziati per la ricostruzione in Campania e, ancora oggi, quel sisma pesa sul prezzo dei carburanti, con una delle famigerate accise di cui tanto si parla inserite proprio per coprire l’emergenza irpina. Insomma, mentre lo Stato, ma soprattutto gli italiani, pagano ancora per il terremoto del 1982, le vittime dell’emergenza in Emilia e delle future calamità naturali potranno fare solo affidamento su loro stessi.



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.