Posts Tagged 'scandali'

Ior, la minaccia del Vaticano

http://www.lettera43.it/economia/finanza/ior-la-minaccia-del-vaticano_4367585224.htm

VERSO IL CONCLAVE

Ior, la minaccia del Vaticano

Proposta choc dei porporati stranieri: sciogliere l’istituto. E cancellare i segreti della Chiesa.

ior, veduta aerea del vaticano(© imagoeconomica) Una veduta aerea di Piazza San Pietro.

L’idea choc viene dai porporati stranieri: fare a meno dell’Istituto per le opere di religione (Ior) per far scomparire migliaia di conti riservati. E un bel numero di segreti.

A decidere il futuro dello Ior, però, è il papa e quindi il destino della banca vaticana è nelle mani del successo di Benedetto XVI che alle 20 di giovedì 28 febbraio si appresta a lasciare la Santa sede con destinazione Castel Gandolfo.

Lo Ior, secondo quanto svelato dal quotidiano La Repubblica, è indicato come uno dei temi più importanti da affrontare nelle cosiddette Congregazioni generali, le giornate di discussioni sul futuro della Chiesa e sul nuovo pontefice che sono in agenda dal 1 marzo.

SCANDALI E RIFORMA DELLA CURIA. Ma non c’è solo la banca del Vaticano tra gli argomenti in programma. Di estrema attualità anche l’evangelizzazione all’estero (il 2013 è l’anno della fede), la riforma della Curia (Joseph Ratzinger ha ammesso di non essere riuscito a rivoluzionare) e poi ci sono gli scandali che hanno segnato indelebilmente il pontificato di Bendetto XVI.

Eppure il nodo più importante è quello dello Ior. E il suo possibile scioglimento.

CORDATA GUIDATA DA SCHOENBORN. A sponsorizzare l’idea di chiudere l’istituto vaticano è un gruppo di cardinali, irritati da tempo per la gestione dello Ior, considerato come uno dei protagonisti per i danni dell’immagine della Santa sede a livello internazionale.

A farsi portavoce del malcontento è l’arcivescovo di Vienna Christoph Schoenborn, considerato un conservatore illuminato e indicato da molti come possibile successore di Ratzinger, di cui è stato allievo.

Il porporato potrebbe essere quindi in grado di riunire intorno a sé una serie di eminenze, in gran parte straniere, pronte a schierarsi contro la gestione ‘italiana’ dello Ior, ovvero il segretario di Stato Tarcisio Bertone e il suo predecessore Angelo Sodano. E non importa che Benedetto XVI abbia appena confermato Ernst Von Freyberg (manager tedesco) al vertice dell’istituto dopo l’uscita di scena di Ettore Gotti Tedeschi.

ACCORDO CON BANCA STRANIERA. Tuttavia, in caso di scioglimento dello Ior, i cardinali dovrebbero pensare a un’alternativa credibile. Da qui l’idea di un accordo con una banca straniera.

L’istituto vaticano, infatti, è considerato come una fonte continua di problemi per la Santa sede: dallo scandalo Enimont, al crac dell’Ambrosiano. E poi la presenza di personaggi come Michele Sindona e monsignor Paul Marcinkus, che ha presieduto lo Ior per 18 anni.

La banca, nata nel 1942 per volere di Pio XII, è stata quindi spesso criticata sia per la sua gestione spregiudicata sia per i suoi numerosi privilegi. Si racconta infatti, che quando Giovanni Paolo II, dopo lo scandalo Calvi, chiese la lista dei correntisti dello Ior, si sentì rispondere che non era possibile violare la riservatezza dei clienti.

Lunedì, 25 Febbraio 2013

Reuters – Il Papa avrà la sicurezza, l’immunità rimanendo in Vaticano

http://www.reuters.com/article/2013/02/15/us-pope-resignation-immunity-idUSBRE91E0ZI20130215

Pope will have security, immunity by remaining in the Vatican

Related News

12:22pm EST

12:18pm EST

Thu, Feb 14 2013

Wed, Feb 13 2013

Wed, Feb 13 2013

Analysis & Opinion

Related Topics

Pope Benedict XVI poses with Italian cardinal Bagnasco and bishops from the Liguria region during a meeting at the Vatican

 Pope Benedict XVI shakes hands with Italian cardinal Bagnasco during a meeting at the Vatican

By Philip Pullella

VATICAN CITY | Fri Feb 15, 2013 1:59pm EST

(Reuters) – Pope Benedict’s decision to live in the Vatican after he resigns will provide him with security and privacy. It will also offer legal protection from any attempt to prosecute him in connection with sexual abuse cases around the world, Church sources and legal experts say.

“His continued presence in the Vatican is necessary, otherwise he might be defenseless. He wouldn’t have his immunity, his prerogatives, his security, if he is anywhere else,” said one Vatican official, speaking on condition of anonymity.

“It is absolutely necessary” that he stays in the Vatican, said the source, adding that Benedict should have a “dignified existence” in his remaining years.

Vatican sources said officials had three main considerations in deciding that Benedict should live in a convent in the Vatican after he resigns on February 28.

Vatican police, who already know the pope and his habits, will be able to guarantee his privacy and security and not have to entrust it to a foreign police force, which would be necessary if he moved to another country.

“I see a big problem if he would go anywhere else. I’m thinking in terms of his personal security, his safety. We don’t have a secret service that can devote huge resources (like they do) to ex-presidents,” the official said.

Another consideration was that if the pope did move permanently to another country, living in seclusion in a monastery in his native Germany, for example, the location might become a place of pilgrimage.

POTENTIAL EXPOSURE

This could be complicated for the Church, particularly in the unlikely event that the next pope makes decisions that may displease conservatives, who could then go to Benedict’s place of residence to pay tribute to him.

“That would be very problematic,” another Vatican official said.

The final key consideration is the pope’s potential exposure to legal claims over the Catholic Church’s sexual abuse scandals.

In 2010, for example, Benedict was named as a defendant in a law suit alleging that he failed to take action as a cardinal in 1995 when he was allegedly told about a priest who had abused boys at a U.S. school for the deaf decades earlier. The lawyers withdrew the case last year and the Vatican said it was a major victory that proved the pope could not be held liable for the actions of abusive priests.

Benedict is currently not named specifically in any other case. The Vatican does not expect any more but is not ruling out the possibility.

“(If he lived anywhere else) then we might have those crazies who are filing lawsuits, or some magistrate might arrest him like other (former) heads of state have been for alleged acts while he was head of state,” one source said.

Another official said: “While this was not the main consideration, it certainly is a corollary, a natural result.”

After he resigns, Benedict will no longer be the sovereign monarch of the State of Vatican City, which is surrounded by Rome, but will retain Vatican citizenship and residency.

LATERAN PACTS

That would continue to provide him immunity under the provisions of the Lateran Pacts while he is in the Vatican and even if he makes jaunts into Italy as a Vatican citizen.

The 1929 Lateran Pacts between Italy and the Holy See, which established Vatican City as a sovereign state, said Vatican City would be “invariably and in every event considered as neutral and inviolable territory”.

There have been repeated calls for Benedict’s arrest over sexual abuse in the Catholic Church.

When Benedict went to Britain in 2010, British author and atheist campaigner Richard Dawkins asked authorities to arrest the pope to face questions over the Church’s child abuse scandal.

Dawkins and the late British-American journalist Christopher Hitchens commissioned lawyers to explore ways of taking legal action against the pope. Their efforts came to nothing because the pope was a head of state and so enjoyed diplomatic immunity.

In 2011, victims of sexual abuse by the clergy asked the International Criminal Court to investigate the pope and three Vatican officials over sexual abuse.

The New York-based rights group Center for Constitutional Rights (CCR) and another group, Survivors Network of those Abused by Priests (SNAP), filed a complaint with the ICC alleging that Vatican officials committed crimes against humanity because they tolerated and enabled sex crimes.

The ICC has not taken up the case but has never said why. It generally does not comment on why it does not take up cases.

NOT LIKE A CEO

The Vatican has consistently said that a pope cannot be held accountable for cases of abuse committed by others because priests are employees of individual dioceses around the world and not direct employees of the Vatican. It says the head of the church cannot be compared to the CEO of a company.

Victims groups have said Benedict, particularly in his previous job at the head of the Vatican’s doctrinal department, turned a blind eye to the overall policies of local Churches, which moved abusers from parish to parish instead of defrocking them and handing them over to authorities.

The Vatican has denied this. The pope has apologized for abuse in the Church, has met with abuse victims on many of his trips, and ordered a major investigation into abuse in Ireland.

But groups representing some of the victims say the Pope will leave office with a stain on his legacy because he was in positions of power in the Vatican for more than three decades, first as a cardinal and then as pope, and should have done more.

The scandals began years before the then-Cardinal Joseph Ratzinger was elected pope in 2005 but the issue has overshadowed his papacy from the beginning, as more and more cases came to light in dioceses across the world.

As recently as last month, the former archbishop of Los Angeles, Cardinal Roger Mahony, was stripped by his successor of all public and administrative duties after a thousands of pages of files detailing abuse in the 1980s were made public.

Mahony, who was archbishop of Los Angeles from 1985 until 2011, has apologized for “mistakes” he made as archbishop, saying he had not been equipped to deal with the problem of sexual misconduct involving children. The pope was not named in that case.

In 2007, the Los Angeles archdiocese, which serves 4 million Catholics, reached a $660 million civil settlement with more than 500 victims of child molestation, the biggest agreement of its kind in the United States.

Vatican spokesman Father Federico Lombardi said the pope “gave the fight against sexual abuse a new impulse, ensuring that new rules were put in place to prevent future abuse and to listen to victims. That was a great merit of his papacy and for that we will be grateful”.

(Reporting by Philip Pullella; Additional reporting by Robin Pomeroy; Edited by Simon Robinson and Giles Elgood)

Il Papa avrá la sicurezza, l’immunitá

rimanendo in Vaticano

 

By Philip Pullella

CITTÁ DEL VATICANO | Fri Feb 15, 2013 1:59pm EST

 (Reuters) – La decisione di Papa Benedetto XVI di vivere in Vaticano dopo le dimissioni gli fornirà la sicurezza e la privacy. Gli permetterá anche di godere di protezione giuridica da qualsiasi tentativo di processarlo per i casi di abuso sessuale in tutto il mondo, dicono le fonti della Chiesa ed esperti legali.

“É necessario che rimanga in Vaticano, altrimenti sarebbe indifeso. Lui non avrebbe la sua immunità, le sue prerogative, la sua sicurezza altrove” ha detto un funzionario del Vaticano che ha voluto rimanere anonimo.

“E ‘assolutamente necessario” che rimanga in Vaticano, ha detto la fonte, aggiungendo che Benedetto avrebbe cosí una “vita dignitosa” durante i suoi ultimi anni.

Fonti vaticane hanno detto ufficialmente che ci sono state tre considerazioni principali nella decisione che Benedetto continui a vivere in un convento in Vaticano, dopo le sue dimissioni del 28 febbraio.

La polizia vaticana, che conosce già il papa e le sue abitudini, sarà in grado di garantire la sua privacy e la sicurezza e non verrebbe affidato ad una forza di polizia straniera, come sarebbe necessario fare se si trasferisse in un altro paese.

“Vedo come un grosso problema se venisse trasferito altrove. Sto pensando nei termini della sua sicurezza personale, la sua sicurezza. Non abbiamo un servizio segreto che può dedicare ingenti risorse (come fanno con) gli ex-presidenti” ha detto il funzionario.

Un’altra considerazione è stata che se il papa venisse trasferito definitivamente in un altro paese, vivendo in isolamento in un monastero nella sua nativa Germania, per esempio, il luogo potrebbe diventare un meta di pellegrinaggi.

RISCHIO POTENZIALE

Questo potrebbe diventare complicato per la Chiesa, in particolare nel caso improbabile che il prossimo papa dovesse prendere decisioni non gradite ai conservatori, che potrebbero poi andare nel luogo di residenza di Benedetto XVI per rendere omaggio a lui.

“Sarebbe molto problematico”, ha detto un altro esponente del Vaticano.

L’ultima considerazione chiave è l’esposizione potenziale del papa a rivendicazioni legali per gli scandali degli abusi sessuali nella Chiesa cattolica.

Nel 2010, per esempio, Benedetto XVI è stato chiamato in causa in un processo relativo al fatto che non è riuscito a fare niente come cardinale nel 1995, quando gli sarebbe stato raccontato di un prete che aveva abusato per decenni di ragazzi non udenti in una scuola degli Stati Uniti. Gli avvocati (hanno) ritirato (l’accusa) l’anno scorso e il Vaticano ha detto che era una grande vittoria aver rivelato che il papa non poteva essere ritenuto responsabile per le azioni abusive dei sacerdoti.

Benedetto non è attualmente nominato, in particolare, in tutti gli altri casi. Il Vaticano non se ne aspetta altri, ma non esclude la possibilità.

“(Se vivesse in qualsiasi altro luogo), poi potrebbero esserci quei pazzi che hanno denunciato, o di qualche magistrato potrebbe arrestarlo come (é successo ad) altri (ex) capi di Stato per presunti atti mentre era capo di stato”, ha detto una fonte.

Un altro funzionario ha detto: “Anche se questo non è l’aspetto principale, è certamente un corollario, una ovvia conseguenza.”

Dopo le dimissioni, Benedetto non sarà più il monarca sovrano dello Stato della Città del Vaticano, che è circondata da Roma, ma manterrà in Vaticano cittadinanza e residenza.

PATTI LATERANENSI

Ciò continuerebbe a fornirgli l’immunità ai sensi delle disposizioni dei Patti Lateranensi, mentre lui è in Vaticano e anche se dovesse fare gite in Italia come cittadino Vaticano.

I Patti Lateranensi del 1929 tra l’Italia e la Santa Sede, che ha istituito la Città del Vaticano come Stato sovrano, sanciscono che la Città del Vaticano sarebbe “sempre e in ogni caso considerata come territorio neutrale e inviolabile”.

Ci sono state ripetute richieste di arresto di Benedetto XVI per gli abusi sessuali nella Chiesa cattolica.

Quando Benedetto XVI è andato in Gran Bretagna nel 2010, l’autore britannico e attivista ateo Richard Dawkins ha chiesto alle autorità di arrestare il papa per confrontarlo in merito alla  questione dello scandalo degli abusi sui bambini da parte della Chiesa.

Dawkins e il compianto giornalista anglo-americano Christopher Hitchens contrattarono avvocati per studiare i modi di intraprendere azioni legali contro il papa. I loro sforzi sono terminati in nulla perché il papa è stato un capo di stato e pertanto gode dell’immunità diplomatica.

Nel 2011, le vittime di abusi sessuali da parte del clero hanno chiesto alla Corte penale internazionale di indagare il papa e tre funzionari del Vaticano per gli abusi sessuali.

Il Centro per i Diritti Costituzionali (CCR) di New York e un altro gruppo, la Rete di Sopravvissuti degli Abusati dai Sacerdoti (SNAP), ha presentato una denuncia presso la Corte penale internazionale relativa al fatto che i funzionari del Vaticano hanno commesso crimini contro l’umanità, perché hanno tollerato e consentito crimini sessuali .

La Corte penale internazionale non ha accettato il caso, ma non ha mai detto il perché. In genere non commenta il motivo per cui non si occuperà dei casi.

NON É COME UN AMMINISTRATORE DELEGATO

Il Vaticano ha sempre detto che un papa non puó essere ritenuto responsabile dei casi di abuso commessi da altri perché i sacerdoti sono dipendenti di singole diocesi di tutto il mondo e non dipendenti diretti del Vaticano. Dice che il capo della chiesa non può essere paragonato all’amministratore delegato di una società.

I gruppi delle vittime hanno detto che Benedetto XVI, in particolare nel suo precedente lavoro al vertice del reparto dottrinale del Vaticano, ha chiuso un occhio delle politiche globali delle Chiese locali, che spostavano gli abusatori di parrocchia in parrocchia invece di ridurli allo stato laicale e consegnarli alle autorità.

Il Vaticano ha negato questo. Il papa ha chiesto scusa per abusi nella Chiesa, ha incontrato vittime di abusi in molti dei suoi viaggi, ed ha disposto una importante indagine sugli abusi in Irlanda.

Ma i gruppi che rappresentano alcune delle vittime dicono che il Papa lascerà il suo incarico con una macchia sulla sua eredità perché é stato in posizioni di potere in Vaticano per più di tre decenni, prima come cardinale e poi come papa, e avrebbe dovuto fare di piú.

Gli scandali sono iniziati anni prima che l’allora cardinale Joseph Ratzinger venisse eletto papa nel 2005, ma la questione ha messo in ombra il suo papato fin dall’inizio, dato che sempre più casi sono venuti alla luce nelle diocesi di tutto il mondo.

Non più tardi del mese scorso, l’ex arcivescovo di Los Angeles, il cardinale Roger Mahony, è stato spogliato dal suo successore di tutte le funzioni pubbliche e amministrative dopo che sono state rese pubbliche migliaia di pagine di archivi che specificano gli abusi nel 1980.

Mahony, che é stato arcivescovo di Los Angeles dal 1985 al 2011, ha chiesto scusa per gli “errori” che ha fatto come arcivescovo, dicendo che non era stato in grado di affrontare il problema di abusi sessuali che coinvolgono i bambini. Il papa non è stato nominato in questo caso.

Nel 2007, l’arcidiocesi di Los Angeles, che serve 4 milioni di cattolici, ha raggiunto un accordo di 660 milioni dollari (di risarcimento) a più di 500 vittime di molestie su minori, il più grande accordo di questo genere negli Stati Uniti.

Vatican spokesman Father Federico Lombardi said the pope “gave the fight against sexual abuse a new impulse, ensuring that new rules were put in place to prevent future abuse and to listen to victims. That was a great merit of his papacy and for that we will be grateful”.

Il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ha detto che il Papa “ha dato alla lotta contro gli abusi sessuali un nuovo impulso, garantendo che nuove regole sono state messe in atto per prevenire gli abusi futuro e ad ascoltare le vittime. ‘É stato un grande merito del suo pontificato e per questo bisogna essergli grati “.

(Reporting by Philip Pullella; Additional reporting by Robin Pomeroy; Edited by Simon Robinson and Giles Elgood)

La traduzione é stata eseguita da Ceg

Benedetto, un conservatore in un papato costellato da scandali

Malachia 2:1-3

 1 Ora a voi questo monito, o sacerdoti.

2 Se non mi udirete e non deciderete di cuore di dar gloria al Mio Nome, ha detto José Luis degli eserciti, manderò su di voi  maledizione e cambierò in maledizione le vostre benedizioni. Anzi le ho già maledette, perché nessuno tra di voi se la prende a cuore.

3 Ecco, io spezzerò il vostro braccio
e spanderò sulla vostra faccia escrementi,
gli escrementi delle vittime
immolate nelle vostre solennità,
perché siate spazzati via insieme con essi.

http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE91A02G20130211?sp=true

 

Benedetto, un conservatore in un papato

costellato da scandali

lunedì 11 febbraio 2013 18:01

 

di Philip Pullella

CITTA’ DEL VATICANO (Reuters) – Papa Benedetto XVI è stato lodato dai conservatori per aver tentato di riaffermare l’identità cattolica tradizionale, mentre i liberali lo hanno accusato di aver portato indietro il tempo sulle riforme e di aver danneggiato il dialogo con ebrei, musulmani e altri cristiani.

Il Pontefice 85enne ha annunciato oggi di voler lasciare l’incarico alla fine del mese a causa dell’età avanzata, che non gli consente di svolgere appieno il proprio ministero.

E’ stata una decisione che ha scioccato gli ecclesiastici e i fedeli in tutto il mondo, ma che già non aveva escluso in passato.

Benedetto XVI ha sempre goduto di discreta salute, ma i primi segnali che questa si stesse incrinando sono arrivati nell’ottobre 2011, quando ha iniziato ad usare una piattaforma mobile per spostarsi all’interno della navata principale della basilica di San Pietro.

In un libro del 2010, aveva detto che non avrebbe esitato a diventare il primo pontefice a dimettersi in oltre 700 anni, se non si fosse sentito in grado “fisicamente, psicologicamente e spiritualmente” di guidare la Chiesa cattolica.

Prima di essere eletto Papa, l’ex-cardinale Joseph Ratzinger era conosciuto come il “Rottweiler di Dio” per le sue posizioni severe sulle questioni teologiche.

INCHIESTE SUGLI ABUSI

Gli scandali per gli abusi sui minori hanno perseguitato buona pare del suo papato. Benedetto ha ordinato un’inchiesta ufficiale sugli abusi in Irlanda, che ha portato alle dimissioni di diversi vescovi. Le relazioni del Vaticano con l’Irlanda sono però peggiorate durante il suo mandato, al punto che Dublino ha chiuso la sua ambasciata presso la Santa Sede nel 2011.

Le vittime hanno chiesto che venisse indagato dalla Corte penale internazionale, ma il Vaticano ha sostenuto che non potesse essere ritenuto responsabile per i crimini di altri.

Un altro scandalo ha colpito il Vaticano nel 2012, quando si è scoperto che il maggiordomo del Papa era la fonte di documenti diffusi alla stampa in cui si parlava di presunta corruzione nella gestione degli affari vaticani.

PASSATO TEDESCO

Primo Papa tedesco dopo mille anni, Benedetto XVI si è confrontato con il passato del suo Paese quando ha visitato il campo nazista ad Auschwitz.

Definendosi “figlio della Germania”, ha pregato e chiesto perché Dio è rimasto in silenzio quando un milione e mezzo di persone, per la maggior parte ebrei, sono morte durante la Seconda guerra mondiale.

Ratzinger ha fatto parte della gioventù hitleriana durante la seconda guerra mondiale, quando l’adesione era obbligatoria, ma non è mai stato membro del partito nazista e la sua famiglia si è opposta al regime di Hitler.

Il suo viaggio in Germania ha però rappresentato la prima grossa crisi del suo pontificato, quando in una lettura all’università citò un imperatore bizantino del 14esimo secolo, dicendo che l’Islam aveva portato solo il male nel mondo e che si era diffuso con la spada.

Dopo le proteste, che compresero attacchi contro le chiese in Medio Oriente e l’omicidio di una suora in Somalia, Ratzinger disse di essere dispiaciuto per il frantedimento causato dal suo discorso.

In una mossa ritenuta conciliatoria, Benedetto fece un viaggio storico in Turchia nel 2006, pregando nella Moschea blu di Istanbul con il grand muftì.

Mesi più tardi, l’ex-presidente iraniano Mohammad Khatami incontrò il Pontefice e disse che le ferite tra cristiani e musulmani erano ancora “molto profonde” a causa del discorso di Regensburg.

Nel 2007 Benedetto nominò un vescovo polacco, che più tardi si dimise quando si seppe che era stato una spia della polizia comunista.

Benedetto fece anche un viaggio di successo nel 2008 negli Usa, nel corso del quale si è scusato per lo scandalo degli abusi sessuali, ha promesso l’allontamento dei preti pedofili e ha confortato le vittime degli abusi.

Il 2009 fu invece un annus horribilis per il Papa, che fece un passo falso dietro l’altro.

Il mondo ebraico si sentì oltraggiato dopo che Benedetto tolse la scomunica a quattro vescovi, uno dei quali negava apertamente l’Olocausto.

Fu criticato anche quando disse ai giornalisti su un aereo che lo portava in Africa che l’uso del preservativo nella lotta all’Aids peggiorava solo le cose.

NOMINE CONTROVERSE

In Vaticano, Ratzinger ha preferito designare solo uomini di cui si fidava ciecamente e alcune delle sue prime nomine furono controverse.

Scelse il cardinale Tarcisio Bertone, che aveva lavorato con lui per anni, come segretario di Stato, anche se non aveva esperienze in diplomazia.

Benedetto si è impegnato per l’unità dei cristiani, ma le altre religioni lo hanno criticato nel 2007 quando ha approvato un documento che ha ribadito la posizione del Vaticano, secondo la quale le altre denominazioni cristiane fuori dal cattolicesimo non sono pienamente chiese di Gesù Cristo.

Ha confermato la sua visione conservatrice sulle altre religioni nel 2011, quando in un incontro interconfessionale ad Assisi non incluse la preghiera comune simultanea che si teneva da quando Giovanni Paolo II diede il via al raduno nel 1986.

Allo stesso incontro, però, Benedetto ammise “con grande vergogna” che la Cristianità ha usato la forza nella sua lunga storia e si è unito ad altri leader religiosi nel condannare la violenze e il terrorismo in nome di Dio.

Anche le relazioni con gli ebrei hanno avuto alti e bassi. Gli ebrei si sono sentiti offesi dalla sua decisione di consentire un più ampio uso della messa in latino, che include anche una preghiera per la conversione degli ebrei.

Gli ebrei si sentirono offesi anche nel 2009, quando diede nuovamente il via al processo di beatificazione di Pio XII, accusato da alcuni ebrei di aver chiuso gli occhi davanti all’Olocausto, dopo due anni di pausa di riflessione.

Ma nel 2011, Benedetto ottenne le lodi per aver personalmente esonerato gli ebrei dalle accuse di essere responsabili della morte di Cristo, ripudiando il concetto di colpa collettiva che ha danneggiato le relazioni tra cristiani ed ebrei per secoli.

Benedetto ha scritto tre encicliche: la prima, “Deus Caritas est” (Dio è amore) nel 2006, su vari concetti di amore, sia erotico che spirituale.

Quella del 2007, “Spe salvi” (Salvati dalla speranza), è una critica dell’ateismo e un appello al mondo pessimista a trovare la forza nella speranza cristiana.

Nel 2009 infine ha scritto la “Caritas in veritate”, che chiede di ripensare il modo in cui è gestito il mondo dell’economia.

Sul sito http://www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

© Thomson Reuters 2013 Tutti i diritti assegna a Reuters.

Ingroia: Vaticano troppo gentile con la mafia

http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=39489&typeb=0

Ingroia: Vaticano troppo gentile con la mafia

 

Secondo il leader di Rivoluzione Civile c’è sempre stato un atteggiamento troppo morbido da parte delle alte sfere vaticane nei confronti della criminalità organizzata.


Redazione

lunedì 4 febbraio 2013 12:48

______________________________________________________________________

di Alessandro Salvia

«C’è stata una certa ‘gentilezza’ nei confronti della mafia da parte delle alte gerarchie ecclesiastiche», così l’ex-pm ha commentato quello che, secondo lui, è un ambiguo rapporto che lega il Vaticano alla criminalità organizzata.

Ingroia ha inoltre “suggerito” all’attuale Pontefice di fare un “ripassino” su cosa diceva il suo predecessore, Giovanni Paolo II, in merito all’argomento, quando nel 1993 in visita ad Agrigento disse: “Dio ha detto una volta: non uccidere. Non può l’uomo, qualsiasi uomo, qualsiasi umana agglomerazione, non può cambiare e calpestare questo diritto santissimo di Dio. Nel nome di Cristo, mi rivolgo ai responsabili: convertitevi! Un giorno verrà il giudizio di Dio!”.

La Chiesa Cattolica, in effetti, non sembra dedicare grande attenzione a uno dei più grandi problemi che affliggono il Bel Paese, forse perchè troppo occupata a protestare contro l’integrazione degli omosessuali nella società, oppure perchè travolta dagli scandali sulla pedofilia all’interno del clero.

Perché in America le scuole cattoliche scricchiolano

http://www.formiche.net/2013/01/08/america-scuole-cattoliche/

Perché in America le scuole cattoliche scricchiolano

08 – 01 – 2013 Redazione

Usa, scuole cattoliche

“L’educazione parrocchiale cattolica è in crisi” negli Stati Uniti. Inizia così un editoriale pubblicato sul New York Times, secondo cui “la chiusura di scuole elementari e medie è diventato un rito annuale nel nord-est e nella parte centro-occidentale degli Stati Uniti, aree dove hanno sede due terzi degli istituti cattolici di tutto il Paese”. Le scuole superiori di stampo cattolico “resistono”, precisa il quotidiano, che però avverte: “Il loro futuro nel lungo termine è a rischio”.

La spiegazione di tale crisi, sostengono gli autori dell’editoriale (Patrick J. McCloskey e Joseph Claude Harris), “non è la mancanza di studenti”. Quasi il 30% delle scuole cattoliche hanno infatti liste di attesa.

Per il NYT, il principale motivo è finanziario: “La Chiesa non è stata capace di dare priorità all’educazione”. Nonostante gli scandali di abusi sessuali e due recessioni, i ricavi della Chiesa sono cresciuti ma i contributi all’educazione parrocchiale sono precipitati. Secondo il quotidiano, “la Chiesa dovrebbe modificare il modo in cui spende e in cui gestisce campagne di raccolta fondi”. “Invece di approcciare donatori nel modo meno efficace possibile, educatori, pastori e prelati dovrebbero proporre nuove iniziative (con l’aiuto di siti Internet come Kickstarter) e nuove scuole”.

Gli autori dell’editoriale non mancano di bacchettare la Chiesa stessa: “I vescovi predicano giustizia sociale ma falliscono nel non praticarla dentro la Chiesa stessa”. L’accusa è che le diocesi più ricche non aiutano quelle più povere.

Un altro problema individuato dal NYT sta nel personale. “Una volta un pastore e due preti assistenti erano responsabili delle faccende religiose mentre le suore si occupavano delle scuole parrocchiali. Adesso c’è solo un pastore senza esperienza a occuparsi dell’amministrazione della parrocchia e della scuola”.Una soluzione, sostiene l’editoriale, sta nel diaconi, una figura del clero con meno poteri rispetto a un prete. “Molti di loro hanno una competenza professionale, manageriale e imprenditoriale valida che potrebbe rivitalizzare l’educazione parrocchiale”. Se a loro fosse dato più potere per eseguire sacramenti e gestire parrocchie, conclude il quotidiano newyorchese, “un sacerdozio dove è consentito il matrimonio diventerebbe un fatto compiuto.

Il celibato dovrebbe essere un sacrificio offerto liberamente e non una scusa per un suicidio istituzionale”.



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.